Stand development con R09

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
andreagemelli
appassionato
Messaggi: 6
Iscritto il: 29/12/2016, 22:11
Reputation:

Stand development con R09

Messaggioda andreagemelli » 12/02/2017, 13:21

Ho sentito parlare del metodo "stand development", ma non ho capito bene cosa comporta e come si adopera. utilizzo come rivelatore L' R09 oneshot, come lo diluisco? Da quel che ho capito dovrei lasciare ferma la tank per un'ora, o sbaglio? :-?
Va bene una pellicola Tri-X 400 con questo metodo?



Advertisement
Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 3921
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Stand development con R09

Messaggioda -Sandro- » 12/02/2017, 13:30



Ubi maior minor cessat.

http://canonfdworld.blogspot.it/

Avatar utente
Scordisk
appassionato
Messaggi: 11
Iscritto il: 04/01/2017, 18:07
Reputation:

Re: Stand development con R09

Messaggioda Scordisk » 17/02/2017, 17:39

andreagemelli ha scritto:Ho sentito parlare del metodo "stand development", ma non ho capito bene cosa comporta e come si adopera. utilizzo come rivelatore L' R09 oneshot, come lo diluisco? Da quel che ho capito dovrei lasciare ferma la tank per un'ora, o sbaglio? :-?
Va bene una pellicola Tri-X 400 con questo metodo?


La diluizione 1:100 a patto che non ci sia mai meno di 3,5 o di 5 ml (varie scuole) di Rodinal concentrato nella soluzione finale. Secondo me, 5 ml.

Tempi: le solite ricette parlano di 1 ora, secondo me 45 minuti sono più che sufficienti. A 20 gradi.

Procedura: nei primi 2 minuti agitazione continua, ovvero 1 ribaltamento tank ogni 5 sec, per il mini tank. In seguito, 2-3 singole inversione fino alla conclusione dello sviluppo.

Vantaggi: Toni molto estesi, gamma mai troppo alta, si ottiene quasi un effetto molto compensatorio, grana fine per Rodinal che non è un rivelatore di grana fine. E' possibile sviluppare assieme le pellicole di sensibilità differenti.

Spiegazione: con questa minima quantità del rivelatore e alta diluizione, i processi chimici di annerimento sui punti ben esposti, cessano presto, perché la soluzione sta ferma nelle prossimità dei punti ben esposti e si esaurisce. Lo sviluppo nei mezzi-toni e nelle ombre continua per quello che è possibile, aiutato da poche inversioni.




Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite