Agfa Atomal

Forum dedicato alla catalogazione di documenti e risorse reperibili on-line sui rivelatori per pellicola

Moderatore: etrusco

Avatar utente
franny71
superstar
Messaggi: 2635
Iscritto il: 21/11/2011, 12:53
Reputation:
Località: Anzio (RM)

Agfa Atomal

Messaggioda franny71 » 12/04/2012, 10:17

ho cercato in lungo e in largo documenti su questo rivelatore, purtroppo non ho trovato nulla.
ho trovato però un documento della adox riguardante il loro atomal49, che credo sia identico.
ecco qui:

A 49 en.pdf
(131.83 KiB) Scaricato 134 volte


Franco
il mio Flickr

Я родилась даже не узнал

Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11277
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Agfa Atomal

Messaggioda Silverprint » 12/04/2012, 11:22

franny71 ha scritto:Ho cercato in lungo e in largo documenti su questo rivelatore, purtroppo non ho trovato nulla.
Ho trovato però un documento della Adox riguardante il loro Atomal49, che credo sia identico.


Non è per niente identico!
Nella scheda di sicurezza non ci sono accenni ad Atomal e Pirocatechina, ma ad idrochinone ed un altra cosa che non ha nulla a che vedere. E poi basterebbe il paragone col Microdol-X, che è al solvente e si mangia almeno uno stop mentre Atomal ed Atomal FF garantivano pieno sfruttamento della sensibilità, la possibilità non contemplata in origine di diluire maggiormente o i tempi che sono un po' diversi.
Per l'Atomal FF Agfa era molto laconica, tempo di sviluppo a 20°C tra i 6 e gli 8 minuti per tutte le pellicole. Era fatto apposta per essere ultra compensatore e cercare di avere tempi simili con tutte, essendo pensato per i laboratori.
I dati non li trovi on-line perché probabilmente non ci sono mai stati, è un prodotto uscito di produzione nei primi anni '90. Le mie brochure del '96 già riportano solo l'Atomal FF che è uscito di produzione più tardi.

Come già detto per i tempi si può vedere e paragonare i vecchi dati di "alta scuola del bianco e nero", credo che qualche pellicola non sia cambiata.

Che rulli ci devi sviluppare?


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
franny71
superstar
Messaggi: 2635
Iscritto il: 21/11/2011, 12:53
Reputation:
Località: Anzio (RM)

Re: Agfa Atomal

Messaggioda franny71 » 12/04/2012, 11:28

a disposizione ho agfa apx100, efke 50 e fomapan 400...
direi queste ultime...
dicevo credo perchè ci sono notizie discordanti in rete riguardo la sua composizione...
addirittura ho trovato notizie che dicono che l'a49 sia il vecchio atomal FF


Franco
il mio Flickr

Я родилась даже не узнал

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11277
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Agfa Atomal

Messaggioda Silverprint » 12/04/2012, 11:42

Capisco...
Però basta controllare. Se vai sul sito di photoimpex c'è la scheda di sicurezza. Nella scheda sono citati solo idrochinone e un altro sale organico complesso, ma non Atomal e Pirocatechina che dovrebbero essere citati per legge se presenti. Ergo possono scrivere quel che vogliono su apug o vattelappesca, ma se è una cavolata tale rimane! =)) =))
Quando l'ho scritto qualche post fa m'ero, ovviamente, già preso la briga di controllare... Per chi m'hai preso? :))

I tempi di sviluppo non dovrebbero comunque essere particolarmente critici, per lavori generici, data la caratteristica specifica di questo rivelatore di produrre moderati variazioni di contrasto al variare del tempo di sviluppo.

Su "Alta scuola del BN" per l'Apx-100 (sarà uguale?) un tempo di 8' dovrebbe produrre un gamma di ca. 0,55 cioè di contrasto medio. A 13 minuti il contrasto è salito di poco (0.7 ca). Riportano una sensibilità di 160 asa a 13'. Per le altre pellicole non saprei, ma come detto il tempo dovrebbe essere molto meno critico dell'usuale.
Se potessi scattare qualche fotogramma test e provare, anche le varie pellicole insieme, sarebbe meglio.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
franny71
superstar
Messaggi: 2635
Iscritto il: 21/11/2011, 12:53
Reputation:
Località: Anzio (RM)

Re: Agfa Atomal

Messaggioda franny71 » 12/04/2012, 11:52

credo che mi farò fuori questo sviluppo e poi ciccia!
troppo poche informazioni per me...
l'ho trovato a 3€ in un negozio qui da me, insieme a una fuji pro 400h 120.
il bugiardino è in deutsch, non si capisce na mazza, a parte le diluizioni...
ma va bene anche per pellicole lente?


Franco
il mio Flickr

Я родилась даже не узнал

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11277
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Agfa Atomal

Messaggioda Silverprint » 12/04/2012, 12:00

È uno sviluppo "universale" e da laboratorio d'una volta quando c'era un calderone con le bolle d'azoto per agitare e si facevano cento rulli alla volta messi "per lungo", cioè appesi e non arrotolati alle spirali. La prassi era metterci tutto quello che era BN.

I laboratori "fine art" che fanno scegliere almeno il chimico, se non discutere dei tempi sono pochissimissimi... e relativamente recenti.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
franny71
superstar
Messaggi: 2635
Iscritto il: 21/11/2011, 12:53
Reputation:
Località: Anzio (RM)

Re: Agfa Atomal

Messaggioda franny71 » 12/04/2012, 12:06

vabbè, ora vedrò di utilizzarlo...
che tempi pensi possano essere una buona base per esposizioni corrette e un IC medio, diciamo su 0,55- 0,6?
non preoccuparti troppo, visto che i primi rulli saranno di test...
posso provare con i 6-8 minuti di cui sopra?


Franco
il mio Flickr

Я родилась даже не узнал

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11277
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Agfa Atomal

Messaggioda Silverprint » 12/04/2012, 12:25

Si, quelli sono i tempi che dovresti provare.
Come detto il tempo in questo caso è meno critico del solito...

Certo certi livelli di compensazione ammazzano le alte luci, ma molto dipende anche dall'andamento della curva caratteristica dei vari rulli sulla spalla. L'ideale sarebbe usarlo su immagini in cui i toni chiari occupano piccole porzioni e non richiedano vividezza del dettaglio o brillantezza particolare ed evitare di immergerci pellicole dalla spalla "precoce" come la Kodak tri-x. Potrebbe andare (in teoria) su pellicole di media sensibilità capaci di raggiungere repentinamente (curva un po' impennata o "non curva") d-max molto elevate, sperando che, come dicono da queste parti, "poggio e buca fa pari"... :)) (Nel detto il congiuntivo manca :)) )


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
franny71
superstar
Messaggi: 2635
Iscritto il: 21/11/2011, 12:53
Reputation:
Località: Anzio (RM)

Re: Agfa Atomal

Messaggioda franny71 » 12/04/2012, 12:35

bene, ti farò sapere allora...
quasi quasi metto insieme una efke 50 e una fomapan 400 e vedo che succede...
sono rulli da 12 pose che ho bobinato da me per degli scatti di test, quindi vediamo come va.
Per ora grazie Andrea... ;)


Franco
il mio Flickr

Я родилась даже не узнал

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8411
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Agfa Atomal

Messaggioda chromemax » 12/04/2012, 14:34

Ergo possono scrivere quel che vogliono su apug o vattelappesca, ma se è una cavolata tale rimane! =)) =))

Propio ieri leggevo dell'Atomal e mi sembra che si ripeta un po' la storia del Rodinal. Atomal è sia il nome di un agente sviluppante che di uno sviluppo. Dello sviluppo ho letto che ce ne sono almeno due ricette: non ricordo bene, e se interessa posso controllare, ma mi sembra che una sia con Atomal (agente sviluppante) e catecolo, mentre l'altra non la ricordo. Probabilmente la confusione nasce dal fatto che subito dopo la guerra le ricette dell'Agfa sono state pubblicate (forse perché i brevetti tedeschi sono stati dichiarati decaduti? Bho) e usate anche da altri produttori (esempio Orwo). Poi Agfa ha usato gli stessi nomi ma variando le composizioni quindi è possibile trovare sui vecchi ricettari formulazioni che riportano lo stesso nome ma che poco hanno a che vedere con le formulazioni degli uno sviluppi recenti.
Da quanto ho capito Atomal FF dovrebbe essere a base di una qualche phenildiamine, Atomal originale dovrebbe essere a base di atomal-catecolo-idrochinone mentre A49 dovrebbe essere anch'esso a base di phenildiammine in superadditività con idrochinone, ma c'è una gran confusione di nomi, di chimici non più prodotti, di formulazioni e quanto sopra è probabile che sia inesatto.





  • Advertisement

Torna a “Rivelatori Pellicola”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti