ARS-IMAGO MB - MONOBATH FILM DEVELOPER

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

vngncl61 II°
superstar
Messaggi: 2028
Iscritto il: 26/12/2015, 14:32
Reputation:

Re: ARS-IMAGO MB - MONOBATH FILM DEVELOPER

Messaggioda vngncl61 II° » 05/01/2018, 16:06

Vorresti insinuare che non lottavo a fianco dei proletari? X(
Comunque indossavo jeans, gilet in pelle, camicie a quadri, polacchine, rigorosamente marrone chiaro, niente Cagiva, Benelli 2C 125, del '72, erano più le volte che io spingevo lui, che quelle che lui portava me, e qualche volte me la facevano vedere, solo che all'epoca non vedevi niente, cerette e lamette era roba ignota :D


Nicola


Meglio farlo, e poi pentirsi, che rimpiangere di non averlo fatto.

Advertisement
Avatar utente
Ivan
guru
Messaggi: 328
Iscritto il: 08/09/2016, 23:48
Reputation:
Località: Merano (BZ)

Re: ARS-IMAGO MB - MONOBATH FILM DEVELOPER

Messaggioda Ivan » 05/01/2018, 17:21

Che bei tempi...... Benelli 350, polacchine, Jeans e camicia .....uscire era una conquista vederla più una pia illusione che una speranza


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk



Avatar utente
herma
esperto
Messaggi: 203
Iscritto il: 16/10/2016, 22:11
Reputation:

Re: ARS-IMAGO MB - MONOBATH FILM DEVELOPER

Messaggioda herma » 05/01/2018, 17:28

chromemax ha scritto:Queste sono le variazioni percentuali dei tempi di sviluppo suggeriti per il D-76 stock a 20°C per una serie di pellicola, rispetto ad un tempo "standard" di 8 minuti. La variazione massima è un +-25%.
Se si prende una tankona e si sviluppano tutte 'ste pellicole per lo stesso tempo di 8', a occhio e croce con 3 gradazioni di contrasto stampi tutto in maniera decente. Certo è che però ti prendi quello che viene, proprio come col monobagno :)


Cioè se ho pellicole esposte correttamente e un monobagno ben progettato otterrò per le varie pellicole negativi di contrasto diverso ma comunque sempre stampabile/recuperabile con l'ingranditore. Right?
Comunque mi sembra di capire che il monobagno risulta essere una soluzione di compromesso in situazioni particolari



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 7573
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: ARS-IMAGO MB - MONOBATH FILM DEVELOPER

Messaggioda chromemax » 05/01/2018, 17:51

herma ha scritto:Cioè se ho pellicole esposte correttamente e un monobagno ben progettato otterrò per le varie pellicole negativi di contrasto diverso ma comunque sempre stampabile/recuperabile con l'ingranditore. Right?
Comunque mi sembra di capire che il monobagno risulta essere una soluzione di compromesso in situazioni particolari

La tabella che ho postato è relativa al D-76, non ad un monobagno.

Sto dicendo che con sviluppi "normali" le variazioni di trattamento tra pellicola e pellicola, per pellicole "normali", non sono in genere grandissime. Per cui anche col monobagno, anche se non ci sono possibilità di intervento, qualcosa esce sempre fuori, a prescindere dalla pellicola usata, ed in genere quel qualcosa è recuperabile in stampa.

Ripeto che il monobagno, al di là di situazioni particolari o tri-x sviluppate nell'elemetto sotto il fuoco degli AK47, charlie morti e odore di napalm la mattina, può avere un suo perché se considerato alla stregua di qualsiasi altro sviluppo che ha proprie peculiarità (esattamente come i vari rodinal, hc-110, neofin, d-76, FX-1 ecc, ecc.)



Avatar utente
herma
esperto
Messaggi: 203
Iscritto il: 16/10/2016, 22:11
Reputation:

Re: ARS-IMAGO MB - MONOBATH FILM DEVELOPER

Messaggioda herma » 05/01/2018, 17:59

chromemax ha scritto:
herma ha scritto:Cioè se ho pellicole esposte correttamente e un monobagno ben progettato otterrò per le varie pellicole negativi di contrasto diverso ma comunque sempre stampabile/recuperabile con l'ingranditore. Right?
Comunque mi sembra di capire che il monobagno risulta essere una soluzione di compromesso in situazioni particolari

La tabella che ho postato è relativa al D-76, non ad un monobagno.

Sto dicendo che con sviluppi "normali" le variazioni di trattamento tra pellicola e pellicola, per pellicole "normali", non sono in genere grandissime. Per cui anche col monobagno, anche se non ci sono possibilità di intervento, qualcosa esce sempre fuori, a prescindere dalla pellicola usata, ed in genere quel qualcosa è recuperabile in stampa.

Ripeto che il monobagno, al di là di situazioni particolari o tri-x sviluppate nell'elemetto sotto il fuoco degli AK47, charlie morti e odore di napalm la mattina, può avere un suo perché se considerato alla stregua di qualsiasi altro sviluppo che ha proprie peculiarità (esattamente come i vari rodinal, hc-110, neofin, d-76, FX-1 ecc, ecc.)


Perfetto, grazie del chiarimento





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti