Baritizzarsi

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
manalog
esperto
Messaggi: 246
Iscritto il: 21/02/2013, 20:33
Reputation:
Località: Roma

Baritizzarsi

Messaggioda manalog » 24/09/2013, 18:33

Ciao a tutti,
mi piacerebbe acquistare presto il mio primo pacco di carta baritata, e pensavo di prendere un pacco da 25 fogli di ADOX MCC 110 20x25.
Tuttavia ho alcune domande:
1) Il formato 20x25 non è solidale al 24x36, quindi dovrei tagliare una buona parte di stampa, lo stesso vale se comprassi le Foma 24x30... Non esistono carte 20x30?

2) è possibile stampare su baritata senza marginatore? Già mi creano problemi alcuni fogli di politenata (si arricciano), quindi ho paura che sia impossibile tenere piana una baritata... ci sono soluzioni alternative a un costoso marginatore?

3) Per quanto riguarda i prodotti chimici, come rilevatore ho a disposizione soltanto Ilford Multigrade, mentre a brevissimo dovrò ricomprare il fissaggio (o in alternativa prepararmelo)... cosa conviene prendere/fare che vada bene per pellicole, RC e FB? Vorrei evitare per ora il doppio fissaggio, ma vorrei comunque un prodotto che faccia durare le mie stampe nel tempo e magari non puzzi troppo... Esiste in commercio qualcosa di simile al Kodak F-6? Oppure per la protezione sarebbe meglio un equivalente del Kodak F-24?

4) Una volta finito il fissaggio, pensavo di lasciare ammollo la stampa in una bacinella d'acqua in attesa di stampare altre 2-3 stampe grandi, poi tratto le 3 stampe nell'Ilford Washing Aid (non so per quanto tempo, spero ci sia scritto sul bugiardino) insieme o separate? A questo punto procedo con il cambio d'acqua ogni 5 minuti per un'ora? Anche in questo caso, tutte le stampe insieme o singolarmente? Poi devo ancora sciacquare o posso essere sicuro dell'efficacia del lavaggio?

5) A questo punto è arrivata l'ora di asciugare le stampe. Avevo letto su Internet che un ottimo metodo consisteva nell'appoggiare la stampa a faccia in su su un cartone del supermercato in modo di prevenire l'arricciamento, tuttavia questo metodo non è menzionato in nessun manuale... è sicuro? Altrimenti come asciugare le stampe?

Grazie :)



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Baritizzarsi

Messaggioda Silverprint » 24/09/2013, 18:41

Ciao Matteo!!

"Baritizzarsi" è un ottima idea e la MCC è una gran bella carta. :D

Hai fatto mille domande e per risponderti serve un trattatello, ma....

... mi aspettano a cena e quindi potrò cominciare a rispondere solo a tarda notte!

A dopo, sperando che nel frattempo ci siano dei volenterosi. :D


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
iz7nct
guru
Messaggi: 511
Iscritto il: 11/04/2011, 16:10
Reputation:
Località: Nardò-LE

Re: Baritizzarsi

Messaggioda iz7nct » 24/09/2013, 19:15

manalog ha scritto:2) è possibile stampare su baritata senza marginatore? Già mi creano problemi alcuni fogli di politenata (si arricciano), quindi ho paura che sia impossibile tenere piana una baritata... ci sono soluzioni alternative a un costoso marginatore?


Qui ti posso aiutare io visto che devi prendere anche la carta: http://www.ars-imago.com/marginatoreise20x25cm8x10-p-10104.html

manalog ha scritto:1) Il formato 20x25 non è solidale al 24x36, quindi dovrei tagliare una buona parte di stampa, lo stesso vale se comprassi le Foma 24x30... Non esistono carte 20x30?


Se non ti va bene il link di prima ti sugerisco di trovare dei righelli in plastica, come sto facendo io ma per stampare il 30x40, da utilizare hai bordi lunghi e coprire quei cm in ecceso chghe poi rifilerai, dei bordi bianchi credo siano utili per maneggiare le stampe prima di riporle in "archivio" :D

manalog ha scritto:3) Per quanto riguarda i prodotti chimici, come rilevatore ho a disposizione soltanto Ilford Multigrade, mentre a brevissimo dovrò ricomprare il fissaggio (o in alternativa prepararmelo)... cosa conviene prendere/fare che vada bene per pellicole, RC e FB? Vorrei evitare per ora il doppio fissaggio, ma vorrei comunque un prodotto che faccia durare le mie stampe nel tempo e magari non puzzi troppo... Esiste in commercio qualcosa di simile al Kodak F-6? Oppure per la protezione sarebbe meglio un equivalente del Kodak F-24?


per il fissagio non so dirti, ma per il rivelatore uso anchio L'ilford ma ho preso il Neutol NE per iniziare con le baritate.

manalog ha scritto:5) A questo punto è arrivata l'ora di asciugare le stampe. Avevo letto su Internet che un ottimo metodo consisteva nell'appoggiare la stampa a faccia in su su un cartone del supermercato in modo di prevenire l'arricciamento, tuttavia questo metodo non è menzionato in nessun manuale... è sicuro? Altrimenti come asciugare le stampe?


ZANZARIERA! telai in legno con rete per zanzariere in nylon, :D messe a faccia in giù credo :D


;) Per il resto, aspettiamo inisieme :D ;)

Ciao Tony



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Baritizzarsi

Messaggioda Silverprint » 25/09/2013, 1:12

Cominciando dalla fine...

Di solito si fa come ha detto Tony.
La zanzariera, è la cosa più pratica e semplice e che presenta meno rischi. Il cartone comune invece è una PESSIMA idea perché mettendoci sopra la carta umida questa assorbirà tutte le terribili impurità e sostanze chimiche che contiene il cartone e si deteriorerá poi in tempi brevi.
Si può invece fare con carta assorbente speciale e apposita (esisterà ancora?), o con i fogli spessi di carta per conservazione museale, ma con questi metodi è imperativo che le stampe siano trattate archival ed molto più laborioso e costoso.

Il marginatore è assai utile e pratico, ma non necessario. Puoi fermare la carta sul piano con dei pesetti, con del nastro da carrozziere (è quello giallo che non appiccica tantissimo), con una passepartout, etc... come ti pare insomma.

Non mi metterei a far subito un trattamento "archival" (è laborioso e richiede precisione) considerando che stampe normalmente fissate e ben lavate durano comunque anni ed anni.
Le stampe che facevo da teenager (trent'anni fa) lavorando in condizioni simili alle tue sono ancora tutte buone. :)
Perché durino tanto è sufficiente non sfruttare troppo il fissaggio, non farcele stare dentro troppo a lungo e poi lavare abbondantemente.
Lavarle subito sarebbe meglio... è l'unico punto critico che hai. Se non è proprio possibile fai in modo che tolte dal fissaggio vengano messe in abbondante acqua, più è meglio è, perché quando ci saranno un po' di stampe dentro quell'acqua diventerà un fissaggio diluito ed è meglio che sia MOLTO diluito.
Quando hai fatto puoi anche lavarle tutte assieme, purché non si sovrappongano.

Il formato che ti permetta di stampare il 35 senza sprechi non esiste. Ma comunque sul 18x24 si spreca un po' di meno che non sul 20x25. Una soluzione possibile è tagliare in due parti 20x30 un 30x40, o anche in due parti 12x18 un 18x24.

Per ora basta... a presto! :)


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Baritizzarsi

Messaggioda Silverprint » 25/09/2013, 9:47

Buondì!

Tutti i rivelatori per carta faranno il loro lavoro e la MCC risponde molto bene e in maniera prevedibile alle variazioni di trattamento. Le differenze tra un prodotto e l'altro sono, alla fin, fine, abbastanza sfumate. Il Multigrade è un buon prodotto, durevole e stabile, di solito produce un tono neutro-caldo. Un altro "classico" è l'Agfa Neutol, o Adox Adotol (sono uguali) che esiste nelle versioni NE (neutro) e WA (neutro-caldo), da provare.

I comuni fissaggi rapidi sono quelli più usati e vanno bene sia per le carte che per le pellicole. Sono acidi e un po' puzzano, ma non puzzano tutti allo stesso modo, per esempio l'Agfa Agefix (o Fix-Ag) puzza un po' meno ed è anche un ottimo prodotto.
Di solito è più pratico usare i fissaggi rapidi (a base di ammonio tiosolfato), perché il tempo di trattamento può essere più breve e quindi facilitare la successiva fase di lavaggio.

Il Kodak F-6 è un fissaggio inodore e induritore, l'induritore però richiede che il lavaggio sia molto più lungo (almeno il doppio) e non è necessario lavorando a temperatura ambiente visto che la gelatina rimane abbastanza dura. Sarebbe meglio la formula F-24 che non ha l'induritore, ma non è una formula molto stabile (può produrre precipitati, a quel che si legge in giro) e viene sconsigliato l'uso a temperature superiori ai 20°C, che invece sono comuni.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
DanieleLucarelli
guru
Messaggi: 1135
Iscritto il: 12/08/2010, 16:56
Reputation:
Località: Livorno
Contatta:

Re: Baritizzarsi

Messaggioda DanieleLucarelli » 25/09/2013, 12:52

La carta la fanno di formati non corrispondenti ai negativi per avere i ritagli per i provini a scalare :D

Puoi costruirti un marginatore fisso con pochi euro ha alcuni svantaggi rispetto al marginatore tradizionale ma anche alcuni vantaggi: http://www.farefoto.net/wp/?p=6



Avatar utente
manalog
esperto
Messaggi: 246
Iscritto il: 21/02/2013, 20:33
Reputation:
Località: Roma

Re: Baritizzarsi

Messaggioda manalog » 25/09/2013, 18:29

Grazie a tutti per le risposte :)
Per quanto riguarda il marginatore, non ho ben capito se, una volta acquistato uno tipo quello del link, lo possa utilizzare anche per formati più piccoli. Se è così potrei pure comprarlo, altrimenti mi arrangerò con il nastro adesivo.
Se il problema principale è la bacinella di lavaggio allora risolverei qualcosa se dessi prima una bella sciacquata alla stampa prima di metterla nella bacinella d'acqua in attesa della fine delle stampe?

Per il fissaggio, sono indeciso se riprendere il Rapid Fixer oppure passare all'Age-fix. Preferirei scegliere un fissaggio che si lavi più facilmente e che magari abbia i tempi ben indicati sul bugiardino... Al momento le politenate le tengo circa un minuto nel Rapid Fixer, quanto dovrei tenerci le baritate? E nell'Age-fix? Il problema dell'odore a me non crea nessun problema, anzi, quando lo sento mi piace perchè mi ricorda la camera oscura :) Purtroppo mia madre accusa "fortissimi mal di testa" quando sviluppo o stampo, lei sostiene che sia "l'aceto" (l'arresto a base di acido acetico) mentre io penso che a darle fastidio sia il fissaggio...

L'unica cosa che non ho ben capito è la zanzariera: che tipo di zanzariera mi servirebbe? Come dovrei appoggiarci le stampe?



Avatar utente
iz7nct
guru
Messaggi: 511
Iscritto il: 11/04/2011, 16:10
Reputation:
Località: Nardò-LE

Re: Baritizzarsi

Messaggioda iz7nct » 25/09/2013, 19:11

Si col marginatore fai formati anche più piccoli... Da ars-imago abbiamo anche lo sconto come utenti di analogica.it e potrebbero anche inviartelo gratis quel marginatore per via della partenership, per la zanzariera semplice rete in nylon perché c'è anche quella in ferro ma non va bene, le stampe se ho capito bene vanno a faccia in giù.



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Baritizzarsi

Messaggioda Silverprint » 25/09/2013, 21:49

Ciao! :)

I fissaggi rapidi sono tutti molto simili, anche per tempi e diluizioni.
Un buon sistema può essere di usare la diluizione 1+6 per 90". Se si usa più concentrato (1+4) sarebbe meglio 60". Più diluito (1+9) per 3' può essere poco efficiente e va sostituito più spesso.

Per le zanzariere... si fa un telaietto in legno e ci si tende sopra la zanzariera con lo sparapunti.
Ci sono anche già intelaiate, si trovano (intelaiate e non) nei negozi tipo Bricocenter, etc.
Le baritate si mettono a asciugare a faccia in giù, quelle politenate a faccia in su.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
manalog
esperto
Messaggi: 246
Iscritto il: 21/02/2013, 20:33
Reputation:
Località: Roma

Re: Baritizzarsi

Messaggioda manalog » 27/09/2013, 20:34

Grazie a tutti per le risposte :)
Allora per la carta prenderò la Adox, fissaggio rapido da diluire 1+6, marginatore e poi mi intelaio 4 zanzariere 24x30 o 30x40.





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite