Carta a contrasto fisso e variabile

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
amonxxx
fotografo
Messaggi: 81
Iscritto il: 27/03/2016, 16:22
Reputation:

Carta a contrasto fisso e variabile

Messaggioda amonxxx » 27/04/2018, 11:01

Ciao a tutti, da quando stampo ho utilizzato solo carta a contrasto variabile. Per le mie esigenze va più che bene...e più in la proverò qualcuna a gradaizone fissa.
Ma mi chiedevo: al giorno d'oggi conviene ancora prendere carte a contrasto fisso? La qualità di quelle multigrade è diventata tale da confrontarsi ad armi pari con quelle a contrasto fisso oppure no?
Sia a livello amatoriale che anche professionale.
Thanks
Gianni



Advertisement
Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8417
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Carta a contrasto fisso e variabile

Messaggioda chromemax » 27/04/2018, 12:13

amonxxx ha scritto:Ciao a tutti, da quando stampo ho utilizzato solo carta a contrasto variabile. Per le mie esigenze va più che bene...e più in la proverò qualcuna a gradaizone fissa.
Ma mi chiedevo: al giorno d'oggi conviene ancora prendere carte a contrasto fisso? La qualità di quelle multigrade è diventata tale da confrontarsi ad armi pari con quelle a contrasto fisso oppure no?
Sia a livello amatoriale che anche professionale.
Thanks
Gianni

Premettendo che a mio parere le differenze tra il mondo amatoriale e quello professionale non sono di tipo squisitamente qualitativo, anzi può essere che sia proprio l'amatore a permettersi un livello qualitativo più alto non avendo restrizioni "professionali" (budget e tempo in primis), rispondendo alla tua domanda mi sento di dire che le moderne carte a contrasto variabile hanno una qualità paragonabile a a volte anche superiore rispetto alle carte a gradazione fissa.



Avatar utente
amonxxx
fotografo
Messaggi: 81
Iscritto il: 27/03/2016, 16:22
Reputation:

Re: Carta a contrasto fisso e variabile

Messaggioda amonxxx » 28/04/2018, 8:31

chromemax ha scritto:
amonxxx ha scritto:Ciao a tutti, da quando stampo ho utilizzato solo carta a contrasto variabile. Per le mie esigenze va più che bene...e più in la proverò qualcuna a gradaizone fissa.
Ma mi chiedevo: al giorno d'oggi conviene ancora prendere carte a contrasto fisso? La qualità di quelle multigrade è diventata tale da confrontarsi ad armi pari con quelle a contrasto fisso oppure no?
Sia a livello amatoriale che anche professionale.
Thanks
Gianni

Premettendo che a mio parere le differenze tra il mondo amatoriale e quello professionale non sono di tipo squisitamente qualitativo, anzi può essere che sia proprio l'amatore a permettersi un livello qualitativo più alto non avendo restrizioni "professionali" (budget e tempo in primis), rispondendo alla tua domanda mi sento di dire che le moderne carte a contrasto variabile hanno una qualità paragonabile a a volte anche superiore rispetto alle carte a gradazione fissa.

Thanks :)



Avatar utente
seiunozero
fotografo
Messaggi: 93
Iscritto il: 06/03/2016, 18:11
Reputation:
Località: Firenze

Re: Carta a contrasto fisso e variabile

Messaggioda seiunozero » 29/04/2018, 17:36

Scusate l'ignoranza ma la carta a contrasto fisso può essere che sìa solo la baritata?


Conta più una cosa fatta che dieci da fare.

Advertisement
Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 2087
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: Carta a contrasto fisso e variabile

Messaggioda ammazzafotoni » 29/04/2018, 21:50

seiunozero ha scritto:Scusate l'ignoranza ma la carta a contrasto fisso può essere che sìa solo la baritata?
Ciao

Ne esistevano naturalmente sia di RC che FB, mi sa che ora, a meno di non rovistare tra i fondi di magazzino di qualcuno che fu assai fornito (roba del tipo "carta a chilo"), si trovi "facilmente" solo perlopiù qualcosa FB come la Ilford Galerie (per dire, so un negozio fisico che la tiene esposta).



Avatar utente
seiunozero
fotografo
Messaggi: 93
Iscritto il: 06/03/2016, 18:11
Reputation:
Località: Firenze

Re: Carta a contrasto fisso e variabile

Messaggioda seiunozero » 30/04/2018, 22:38

ammazzafotoni ha scritto:
seiunozero ha scritto:Scusate l'ignoranza ma la carta a contrasto fisso può essere che sìa solo la baritata?
Ciao

Ne esistevano naturalmente sia di RC che FB, mi sa che ora, a meno di non rovistare tra i fondi di magazzino di qualcuno che fu assai fornito (roba del tipo "carta a chilo"), si trovi "facilmente" solo perlopiù qualcosa FB come la Ilford Galerie (per dire, so un negozio fisico che la tiene esposta).

Ah ecco, grazie.


Conta più una cosa fatta che dieci da fare.

Avatar utente
ric1854
esperto
Messaggi: 121
Iscritto il: 27/09/2010, 12:48
Reputation:

Re: Carta a contrasto fisso e variabile

Messaggioda ric1854 » 03/05/2018, 20:38

Anni fa usavo la Galerie della Ilford, che si trova ancora in commercio ( cara !). Non mi sento di fare un paragone con le attuali, ottime, baritate a contrasto variabile. Mi ricordo, tuttavia, che i risultati raggiungibili con la galerie erano veramente eccellenti, bianchi purissimi, neri profondi, estesissima gamma di grigi. Una carta eccezionale.





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti