Chimici vecchi

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
andromeda
appassionato
Messaggi: 21
Iscritto il: 11/09/2011, 17:11
Reputation:

Chimici vecchi

Messaggioda andromeda » 29/08/2012, 17:50

Allora, dispongo dei seguenti chimici per lo sviluppo/fissaggio/stampa, ma sono fermi nelle bottiglie da un anno, e non sono sicuro di poterli ancora utilizzare. Che faccio, li butto o sono ancora buoni?

1) Bottiglia nera a soffietto con fissagio puro Ilford (ora non ricordo il tipo, che fosse Ilford ne sono sicuro, che è puro c'è scritto, meno male che ho messo un po' di etichette :P );
2) Bottiglia nera a soffietto con lo stesso fissaggio ma in soluzione 1:4 (probabilmente utilizzato una volta e poi reimbottigliato);
3) Bottiglia nera a soffietto di soluzione di ID-11 (questo devo sicuramente buttarlo, credo, essendo stato usato un paio di volte e ogni volta ripescato);
4) Bottiglia di ilford multigrade, non diluito, non già utilizzato, solo aperta una volta per prenderne quanto serviva a stampare e poi richiusa.

Queste bottiglie sono state tenute in un armadio, lontano da luce e fonti di calore, e come ho appunto specificato in bottiglie a soffietto nere, quindi con non troppa aria dentro. Cosa ne pensate? Aspetto di sentire la vostra opinione a riguardo, se si potesse recuperare qualcosa sarei ben felice di farlo.

Grazie per l'attenzione!



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11604
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Chimici vecchi

Messaggioda Silverprint » 29/08/2012, 17:57

Ciao!

Quelli puri dovrebbero andare ancora bene.
In ogni caso basta provarli! ;)

Alla peggio rischi di buttare un pezzettino di carta (nel rivelatore), ed una codina di pellicola nel fissaggio.

In generale, in caso di dubbi l'unica cosa che non proverei, a meno di disporre di un rullo test eventualmente sacrificabile, è il rivelatore pellicola.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
fabrizio979
fotografo
Messaggi: 95
Iscritto il: 13/12/2010, 15:12
Reputation:
Località: Catania

Re: Chimici vecchi

Messaggioda fabrizio979 » 30/08/2012, 15:53

Silverprint ha scritto:Ciao!

Quelli puri dovrebbero andare ancora bene.
In ogni caso basta provarli! ;)

Alla peggio rischi di buttare un pezzettino di carta (nel rivelatore), ed una codina di pellicola nel fissaggio.

In generale, in caso di dubbi l'unica cosa che non proverei, a meno di disporre di un rullo test eventualmente sacrificabile, è il rivelatore pellicola.


Io dispongo di tre bottiglie (quelle di plastica bianco opaco del latte fresco) di id-11 pronto (stock) in frigorifero, tenute fino a giugno in lavanderia, in armaidetto, al buio. Ho sviluppato a Luglio (avevano gia 7 mesi) con buoni risultati, ma prima del prossimo sviluppo passeranno uno o due mesi. come dovrei comportarmi? Io sono convinto che se tenuti bene posson durare anche 12 mesi..



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11604
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Chimici vecchi

Messaggioda Silverprint » 30/08/2012, 18:57

Dici che in casa Ilford sono troppo prudenti?
Loro dicono che la soluzione stock di ID-11 si conserva 6 mesi se in bottiglie piene e ben chiuse; 1 solo mese in bottiglie non piene.

Il frigorifero non è per niente una buona idea per conservare i chimici. Buio e fresco va bene, freddo no.

Tra frigo e tempo ben oltre il consigliato io lo butteri. Non escludo che possa ancora funzionare, ma come minimo va prima testato.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
stormy
guru
Messaggi: 617
Iscritto il: 31/01/2010, 11:52
Reputation:

Re: Chimici vecchi

Messaggioda stormy » 30/08/2012, 21:46

Casualmente oggi ho deciso di riprendere a sviluppare dopo diverso tempo, e avevo una bottiglia quasi piena di ilford rapid fixer, essendo aperta da quasi un anno e dall'odore che faceva, ho preferito buttare.
Il bello è che avevo una bottiglia nuova di agfa fixer da un anno ancora nell'armadio ed ho scoperto che è andata dai negativi che sono usciti tutti lattiginosi quasi bianchi....
Avevo inoltre una rimanenza di ilford multigrade che aveva assunto un colore rossastro, buttato anche quello.
Ora mi ritrovo con due rulli sviluppati (il rodinal era buono e pure lo stop) in attesa di rifissarli appena mi arriva il fixer nuovo.
Quello che mi fa pensare è, come mai è andata a male una bottiglia sigillata di agfa fixer?
Io ero convinto che si potessero mantenere se sigillate...


Non c'è strada che porti alla pace che non sia la pace, l'intelligenza e la Verità. (M. K. Gandhi)
Per me nessun colore avrà mai tinte piu forti del bianco e nero (Alex Del Piero)
flickr
Immagine

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9261
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Chimici vecchi

Messaggioda chromemax » 30/08/2012, 22:32

I fissaggi, aoprattutto quelli rapidi, sono più delicati di quanto si pensi; in genere sono soluzioni molto concentrate e piuttosto acide (e i thiosulfati non vanno molto d'accordo con gli acidi). Dalla mia esperienza il caldo è il maggior nemico e l'estate scorsa ho dovuto buttare più di mezza tanica (5lt) di Hypam. Se le confezioni sono state per un po' di tempo dal negoziante e magari tenute anche al caldo è possibile che dopo un anno a casa tua siano da buttare. In genere però la soluzione diventa lattiginosa con un odore di zolfo pià accentuato del solito.



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11604
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Chimici vecchi

Messaggioda Silverprint » 31/08/2012, 0:00

stormy ha scritto:Quello che mi fa pensare è, come mai è andata a male una bottiglia sigillata di agfa fixer?


Beh... prima o poi muoiono.
Comunque tra vari fissaggi l'Agfa è nella mia esperienza quello che regge meglio al passar del tempo. Ho in passato avuto "problemi" con Ilford ed Ornano, con Agfa ancora no... comunque prima di arrivar da te, come ha detto Chromemax, chissá quante ne a viste.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
fabrizio979
fotografo
Messaggi: 95
Iscritto il: 13/12/2010, 15:12
Reputation:
Località: Catania

Re: Chimici vecchi

Messaggioda fabrizio979 » 31/08/2012, 7:27

Silverprint ha scritto:Dici che in casa Ilford sono troppo prudenti?
Loro dicono che la soluzione stock di ID-11 si conserva 6 mesi se in bottiglie piene e ben chiuse; 1 solo mese in bottiglie non piene.

Il frigorifero non è per niente una buona idea per conservare i chimici. Buio e fresco va bene, freddo no.

Tra frigo e tempo ben oltre il consigliato io lo butteri. Non escludo che possa ancora funzionare, ma come minimo va prima testato.



Purtroppo la mia situazione non e' delle migliori. In lavanderia, in estate, si raggiungono temperature molto alte, quindi tra i due mali ho pensato di scegliere il minore.

Nel bugiardino ilford scrivono che il prodotto ancora in polvere sigillato andrebbe conservato alle temperature di 4-20 gradi centigradi, mentre per la soluzione pronta scrivono solo il periodo di conservazione, al piu' 6 mesi. Magari quel range di temperatura e' valido anche per la soluzione pronta? Me lo chiedo perche' la temperatura in frigo dovrebbe essere circa 4 gradi.



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11604
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Chimici vecchi

Messaggioda Silverprint » 31/08/2012, 8:43

Le basse temperature e gli sbalzi, possono produrre separazioni e cristallizazioni, insomma rovinare i chimici. Temperatura ambiente va bene, fresco meglio, caldo e freddo non vanno bene.

È una scocciatura, lo so. Che ti devo dire, se non vuoi buttarlo devi corerre il rischio di rovinare un rullo, o almeno uno spezzone... Vedi te cosa ti conviene.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
fabrizio979
fotografo
Messaggi: 95
Iscritto il: 13/12/2010, 15:12
Reputation:
Località: Catania

Re: Chimici vecchi

Messaggioda fabrizio979 » 31/08/2012, 9:06

Silverprint ha scritto:Le basse temperature e gli sbalzi, possono produrre separazioni e cristallizazioni, insomma rovinare i chimici. Temperatura ambiente va bene, fresco meglio, caldo e freddo non vanno bene.



Capito..


Silverprint ha scritto:È una scocciatura, lo so. Che ti devo dire, se non vuoi buttarlo devi corerre il rischio di rovinare un rullo, o almeno uno spezzone... Vedi te cosa ti conviene.


Vedro' di fare un test con uno spezzone. Forse conviene tenere la bottiglie dentro l'armadietto a bagno maria in una bacinella, e cambiare l'acqua ogni giorno o quasi. Potrebbe essere una soluzione (?)





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti