Come faccio a farla uguale?

Hai una idea, un progetto o semplicemente vorresti realizzare una foto particolare? Dicci cosa vorresti fare e la community verrà in tuo soccorso, dall'idea fino alla stampa finale.

Moderatore: etrusco

Avatar utente
kiodo
guru
Messaggi: 472
Iscritto il: 21/09/2016, 17:07
Reputation:
Località: Bologna

Re: Come faccio a farla uguale?

Messaggioda kiodo » 22/05/2018, 6:09

Lollipop ha scritto:: ciò che sta in mezzo si scopre solo alla fine. Anche perchè utlizzado i due filtri estremi le rispettive bande tonali saranno compresse, col risultato, immaginando un istogramma, di una risposta tonale sellata. In effetti gli esempi visti su internet sono più o meno così.


Se fosse come dici, lo stesso comportamento si dovrebbe avere utilizzando le scatole di illuminazione a filtri dicroici per contrasto variabile, dove a ripartire la luce in contrasto massimo e minimo ci pensano esattamente un filtro 0 ed un 5, il cui dosaggio relativo è ottenuto geometricamente, anziché in termini di tempo. Eppure tali sistemi funzionano benissimo. Se comunque si dovesse percepire l'insellamento di cui parli, nessuno vieta di operare con filtri meno estremi, per esempio l' 1 e il 4.
Comunque ragionare in teoria, senza aver provato in pratica, non serve tanto a chiarirsi le idee: se ti va, prova, poi facci sapere!


Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk



Advertisement
Avatar utente
Lollipop
guru
Messaggi: 765
Iscritto il: 31/10/2017, 22:33
Reputation:

Re: Come faccio a farla uguale?

Messaggioda Lollipop » 22/05/2018, 7:27

[quote="kiodo]
Comunque ragionare in teoria, senza aver provato in pratica, non serve tanto a chiarirsi le idee: se ti va, prova, poi facci sapere!
[/quote]
Più che giusto. Un giorno proverò senz’altro. D’altronde lo provano tutti e, come scrivevo, non sono mica il figlio della serva :)


Lorenzo.

Avatar utente
Lollipop
guru
Messaggi: 765
Iscritto il: 31/10/2017, 22:33
Reputation:

Re: Come faccio a farla uguale?

Messaggioda Lollipop » 23/05/2018, 6:52

Update.

Ho provato a velare la carta, come da tutorial di @
Avatar utente
Silverprint
(grazie :) ), ed ad aumentare il contasto portandolo a 4. Purtroppo dal 3 1/2 a 4 c'è quello "scalino" di maggior esposizione che mi ha costretto a nuove provinature dai tempi biblici e allo spreco di tanti fogli. Purtroppo il negativo è veramento molto denso, sia sovraesposto che sovrasviluppato ma tengo veramente a questa foto che fa parte, peraltro, di un trittico.
Io non so se un negativo così possa essere mai considerato in una didattica di stampa ma di sicuro sto imparando cose nuove.
Questi sono gli ultimi parametri di esposizione:
- Velo
- esposizione 215" @f8
- filtro 4
- 40" di bruciatura del quarto superiore

Secondo me dovrei spingermi ancora un poco su col contrasto, aumentare l'esposizione generale e aggiungere una bruciatura, facendo una maschera da una stampa di prova e privandola delle due mezzelune, del cerchio centrale.

Cosa ne pensate?

Di seguito la stampa con le ultime impostazioni e sempre il suo target digitale.

PS ho provato lo split grade ma non sono riuscito, con le due esposizioni selettive, a isolare la banda alta o bassa di volta in volta. Sicuramente è colpa mia o del negativo oppure di tutte e due. Lo riprenderò in futuro con qualcosa di più semplice.
Allegati
Il-buco-nel-buco-low.jpg
37789692736_a990fafcb3_c.jpg


Lorenzo.

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11277
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Come faccio a farla uguale?

Messaggioda Silverprint » 23/05/2018, 8:49

Ti sei avvicinato.
Prova a usare il rivelatore diluito 1+6 o 1+4 prolungando il tempo di sviluppo.
Se la stampa non è grande puoi anche usare diaframmi più aperti.

Il D-100 è un po' moscetto alla diluizione suggerita, invece la MG-IV viene meglio con rivelatori molto energici.
Un deciso sovra-sviluppo può darti un po' più di micro-contrasto sui toni scuri e un po' meno sui chiari.
Comunque l'MG-IV tende ad avere meno contrasto sui toni scuri (spalla lunga) e più sui chiari (piede corto), il contrario di quello che cerchi su questa immagine.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 2086
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: Come faccio a farla uguale?

Messaggioda ammazzafotoni » 23/05/2018, 9:09

Beh, la domanda ora nasce spontanea: quale altra carta consigli, che abbia un comportamento complementare alla Ilford per ottenere risultati in linea con quanto preposto in questo caso?



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11277
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Come faccio a farla uguale?

Messaggioda Silverprint » 23/05/2018, 9:18

La carta che si avvicina di più è la Foma Variant III - Rollei Vintage 111.
Però è baritata, per cui la devi maneggiare con un po' di cura, lavare a lungo.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
Lollipop
guru
Messaggi: 765
Iscritto il: 31/10/2017, 22:33
Reputation:

Re: Come faccio a farla uguale?

Messaggioda Lollipop » 23/05/2018, 9:33

Silverprint ha scritto:Ti sei avvicinato.
Prova a usare il rivelatore diluito 1+6 o 1+4 prolungando il tempo di sviluppo.
...
Il D-100 è un po' moscetto alla diluizione suggerita, invece la MG-IV viene meglio con rivelatori molto energici.
Un deciso sovra-sviluppo può darti un po' più di micro-contrasto sui toni scuri e un po' meno sui chiari.

Ottimo! questo lo posso attuare senza cambiare i parametri di esposizione. Con la diliuzione 1+9 ho usato un fattoriale x12. Porto a x20 con le diliuzioni minori?
Se la stampa non è grande puoi anche usare diaframmi più aperti.

No non è grande, sto ancora lavorando col 13x18 per risparmiare carta in questa fase di apprendistato. Però mi fa un po' paura aprire il diaframma: da una parte, visto che non ho ancora il marginatore, ma uso le due bacchette magnetiche del duogon per fare la battuta, la carta non è bella piana. Poi ho timore di non ritrovarmi più coi tempi, semplicemente dimezzandoli passando da f8 a f5.6, per via del difetto di reciprocità.
Sono fisime?


THX!


Lorenzo.

Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 2086
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: Come faccio a farla uguale?

Messaggioda ammazzafotoni » 23/05/2018, 9:52

Silverprint ha scritto:La carta che si avvicina di più è la Foma Variant III - Rollei Vintage 111.
Però è baritata, per cui la devi maneggiare con un po' di cura, lavare a lungo.
Grazie e... Beh, ne ho proprio appunto un pacco di Rollei nuovo nuovo da testare!



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11277
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Come faccio a farla uguale?

Messaggioda Silverprint » 23/05/2018, 10:32

La carta non dovrebbe mancare di reciprocità fino a circa 300"... sono fisime.
Poi lavorando a f:4 staresti su 1/4 del tempo usato finora, che è molto più comodo.

Sviluppando più a fondo dovrai esporre un po' meno. Insomma devi rifare il provino, altro buon motivo per aprire il diaframma.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
Lollipop
guru
Messaggi: 765
Iscritto il: 31/10/2017, 22:33
Reputation:

Re: Come faccio a farla uguale?

Messaggioda Lollipop » 23/05/2018, 11:29

Silverprint ha scritto:... sono fisime.

Ok, ne prendo contezza :D


Lorenzo.



  • Advertisement

Torna a “Voi come fareste? Dall'idea alla stampa!”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti