Come riallineare l'ingranditore?

Discussioni su ingranditori e tecniche di stampa

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
Luigi65
esperto
Messaggi: 128
Iscritto il: 05/11/2010, 20:29
Reputation:
Località: Roma

Come riallineare l'ingranditore?

Messaggioda Luigi65 » 20/01/2011, 9:29

Ciao a tutti gli amici di Analogica!

Ho bisogno di qualche consiglio per risolvere un problemino. Nell'ultima sessione di CO ho notato che le mie stampe da negativo 6x6 non erano perfettamente a fuoco su tutta la superficie della carta. In sostanza erano a fuoco solo nel punto dove avevo usato il focometro ma fuori fuoco in altri punti.

Utilizzo un ingranditore kaiser vcp 6000 con testa a colori ed il focometro della paterson. Premetto che avevo smontato la testa per un controllo dall'elettricista (lampadina rivelatasi bruciata e da lui sostituita) e forse l'elettricista ha smanettato un po' con i settaggi...non so.

Ora mi chiedo come allineare in modo perfettamente parallelo il piano del negativo con il piano della carta? Mi viene in mente di utilizzare una livella e provare a settare la manopola sul retro (è l'unica manopola) controllando il fuoco col focometro utilizzando un negativo 6x6...c'è qualche negativo che in particolare posso usare? Oppure qualche altra cosa da mettere al posto del negativo?

Altri suggerimenti?

Grazie in anticipo
Luigi



Advertisement
Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8417
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Come riallineare l'ingranditore?

Messaggioda chromemax » 20/01/2011, 15:51

Il difetto che descrivi può essere causato dal "popping" del negativo o dall'ingranditore fuori allineamento.
Quando il negativo si scalda ad opera della luce, la parte centrale tende ad "abbombarsi", alzandosi rispetto al piano su cui è stato regolato il fuoco. In questi casi il centro dell'immagine risulta sfuocato e i bordi a fuoco o viceversa.
Nel caso l'ingranditore fosse fuori allineamento di solito è sfuocata solo un lato o un angolo dell'immagine proiettata. Se il disallineamento è molto forte si dovrebbe vedere almeno una fascia nitida, da bordo a bordo del fotogramma, nell'area proiettata.
L'ingranditore è allineato quando i tre piani di riferimento per l'immagine sono paralleli: il piano del negativo, il piano dell'obbiettivo e il piano di proiezione.
Non tutti gli ingranditori hanno le regolazioni per allineare tutti e tre i piani. Negli ingranditori di fascia più amatoriale è possibile solo ruotare l'intera testa, dando per scontata il parallelismo del portanegativi e dell'obbiettivo. In modelli più completi c'è la possibilità di ruotare sia la testa che la "standarta" portaobbiettivo, cosa che permette anche la correzione delle linee cadenti applicando la regola di Scheimpflug per avere l'immagine a fuoco. Ho visto anche alcune flangie portaottiche della Durst con tre grani per l'allineamento dell'obbiettivo. Per allineare la base di solito si spessora il marginatore, a meno che anche questa non disponga di un meccanismo idoneo.
Per allineare l'ingranditore esistono vari metodi, più o meno accurati.
Come prima cosa si può usare una livella e controllare i tre piani, facendo attenzione che la livella appoggi effettivamente sulla superficie da controllare e non su parti smussate o troppo piccole da permettere il buon posizionamento della livella stessa. Per controllare il piano basta poggiarci sopra la livella e controllare sia in larghezza che in profondità. Infilare la livella nel portanegativi è più difficile, allora si può inserire nel portanegativi una piastrina di metallo che sporga fuori e su questa poggiare la livella. Per controllare l'obbbiettivo basta tenere premuta la livella sull'anello frontale dell'ottica.
Si può usare anche un un righello e misurare i lati dell'immagine proiettata, che devono essere della stessa misura, ma questo sistema non mi convince per la sua imprecisione intrenseca.
Si può usare un buon focometro, il cui specchio sia sufficientemente ampio da permettere l'osservazione dell'immagine proiettata fino ai bordi, e controllare un negativo test che può benissimo essere un pezzo di coda con dei segni molto marcati, tipo incisioni con un taglierino.
Il sistema migliore è acquistare un dispositivo laser, tipo Zig-Allign o "The Parallel", sono precisissimi ma molto costosi.
Sul libro "Way Beyond Monochrome 2a edizione" è spiegato come auto-costruirsi un dispositivo al laser per l'allineamento.
Il controllo andrebbe fatto su tre posizioni; testa bassa, testa mezza altezza e testa alta sulla colonna.
L'allineamento dovrebbe essere fatto periodicamente, a seconda di quanto si usa l'ingranditore e del tipo di ingranditore --alcuni modelli vanno fuori molto più facilmente di altri--; sicuramente quando si sposta l'ingranditore o si smonta per qualsiasi motivo. Una controllata non fa male anche nel caso si cambi formato, poi con l'esperienza si conoscerà meglio la propria macchina e la sua "propensione" a disallinearsi.
Non conosco il tuo ingranditore, quindi non posso aiutarti su quali viti sbloccare per allinearlo; sul manuale dovrebbe esserci scritto, se non hai il manuale prova a chiedere qui se qualcuno lo ha e può fotocpiartelo oppure cerca se è scaricabile da qualche sito.



Avatar utente
Luigi65
esperto
Messaggi: 128
Iscritto il: 05/11/2010, 20:29
Reputation:
Località: Roma

Re: Come riallineare l'ingranditore?

Messaggioda Luigi65 » 21/01/2011, 0:33

Accidenti non pensavo che fosse cosi' frequente il problema dell'allineamento, devo studiare le istruzioni dell'ingranditore e vedere se ha qualche settaggio da fare e se riesco a riallinearlo. Grazie molte Chromemax!!!



Avatar utente
porcospino99
guru
Messaggi: 303
Iscritto il: 28/10/2010, 12:06
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Come riallineare l'ingranditore?

Messaggioda porcospino99 » 02/03/2011, 11:33

un bel aiuto per il controllo puoi averlo con un negativo con cui hai fotografato un oggetto con tante linee, un muro ad esempio, foto fatta però pensando all'uso quindi con il cavalletto e la macchina perpendicolare al piano fotografato.

esistono poi dei "negativi" di prova con disegni appositi, io ne ho preso uno da tuttofoto per circa 6 euro, è comodo ed eterno.



Advertisement
Avatar utente
Luigi65
esperto
Messaggi: 128
Iscritto il: 05/11/2010, 20:29
Reputation:
Località: Roma

Re: Come riallineare l'ingranditore?

Messaggioda Luigi65 » 04/03/2011, 9:22

Grazie per il consiglio, provero' anch'io a comprarne uno. Il vero problema pero' rimane il modo in cui posso regolare la planarità tra cassetto porta negativo e piano della carta. Mi spiego. Il mio ingranditore ha solo una vite a bordo testa sulla parte posteriore (verso l'asta) proprio sul cassetto, che mi sembra che agisce solo sull'inclinazione del cassetto portanegativi nella direzione avanti/retro e non alto basso trasversale.
Luigi



Avatar utente
Gabriele.Pe
appassionato
Messaggi: 11
Iscritto il: 01/08/2012, 22:16
Reputation:

Re: Come riallineare l'ingranditore?

Messaggioda Gabriele.Pe » 23/09/2012, 21:20

Ciao a tutti!

"Riesumo" il thread non tanto per un problema effettivamente notato, ma perché mi chiedevo se dopo averlo smontato, trasportato e rimontato il mio ingranditore potesse essere rimasto allineato (il buon senso direbbe "no" :P ).

Perciò, mi chiedo... In una situazione di "emergenza", dove non si dispone di strumenti appositi... Non potrebbe essere sufficiente controllare i lati estremi ed il centro del negativo proiettato, verificando che, messa a fuoco una parte, si "veda la grana" anche in tutte le altre?

Grazie in anticipo per le vostre opinioni e risposte! ;)

Gabriele





  • Advertisement

Torna a “Ingranditori”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite