Competenza? Prego, moderiamo i termini!

Discussioni sugli accessori per il medio formato

Moderatore: isos1977

Avatar utente
Antimonium
appassionato
Messaggi: 4
Iscritto il: 11/01/2017, 2:33
Reputation:

Competenza? Prego, moderiamo i termini!

Messaggioda Antimonium » 30/01/2017, 3:49

Vorrei raccontarvi una piccola disavventura che mi è capitata verso la fine dell’anno scorso.

Sono i primi di ottobre e per il mio compleanno voglio coronare un sogno di gioventù: passare al medio formato e regalarmi la Regina: la Hasselblad. Vedo che in giro c’è parecchio smercio e l’usato è spesso anche in buone condizioni.

Dopo aver dialogato con venditori che offrono le cose più diverse (obiettivi di una generazione diversa da quella del corpo macchina, oppure macchine revisionate ma visibilmente “massacrate”, quelle dei cosiddetti “matrimonialisti”), la scelta cade su un’asta di Roma per una 500 C/M nera che sembra in perfette condizioni. Il proprietario conferma che è nuova. E come fa una Hasselblad comprata oltre 20 anni fa ad essere nuova?

Decido per l’acquisto e tratto il prezzo. Per fortuna, siamo a Roma tutti e due posso vedere la macchina. È vero: è NUOVA DI ZECCA, ha perfino la garanzia FOWA ancora da spedire (ovviamente non più valida). Il proprietario è un avvocato che anni fa, quando guadagnava parecchio, si faceva bei regali, comprando soprattutto macchine fotografiche costose che poi non usava. Adesso vuole vendere tutto. Mi confida che ha anche una collezione di Leica di cui si sta liberando. Ma a me interessa la Hasselblad.

Vado subito a farla revisionare perché non si sa mai. È troppo bello per essere vero, magari c’è una magagna. Scelgo un’assistenza blasonata che da sempre fa Hasselblad e oggi anche Nikon, dalle parti di via Cesare Baronio. Mentre attendo il mio turno, noto il titolare della ditta che sta alzando i toni verso una signora che ha portato una piccola Nikon digitale. Senza ancora aver visto che cos’ha la macchina dà la colpa a lei di quello che è successo. Penso fra me e me che dev’essere stressato dai dilettanti e chissà quante ne avrà viste di quel genere. Però, insomma, non si tratta così un cliente.

Finalmente viene il mio turno. La macchina viene presa dal laboratorio per la revisione. La segretaria mi chiede retoricamente se ho fretta, perché “Ci vorrà diverso tempo”. “Non c’è problema”, faccio io. E torno a casa fiducioso.

Passa una settimana, passano due settimane, quasi un mese e oltre, e decido di chiamare per sapere a che punto stanno. Mi rispondono che la macchina è pronta. Corro a prenderla. Me la ridanno incellofanata e mi dicono che è tutto a posto, hanno dovuto cambiare le guarnizioni e lubrificare il corpo macchina. Alla fine mi presentano il conto: 342,36 Euri. Penso che sia un po’ caruccio, ma mi dico: “Per la mia piccola questo ed altro!” E torno a casa felice.

Sono così sicuro che tutto è a posto che la ripongo nella sua scatola originale in attesa di trovare la borsa giusta che devo ancora comprare (nell’altra c’è la mia Nikon FM2 con gli obiettivi). Passano una ventina di giorni, forse un mese, preso come sono da altre cose. Poi un giorno apro la scatola, tiro fuori la macchina e monto il 40mm. Smonto l’80 carico l’otturatore, verifico che la rotellina dell’obiettivo sia girata. Monto il 40mm. e faccio qualche scatto a vuoto. Va che è una meraviglia, il FLOC che fa è musica per le mie orecchie. Rismonto e rimetto l’80mm. Faccio per scattare e improvvisamente… la macchina va in blocco! PANICO. @-) Non gira più il meccanismo di caricamento e il pulsante di scatto si è inchiodato. Oddio!

Torno dall’assistenza che me l’aveva revisionata. Racconto cosa è accaduto e l’espertone mi chiede se veramente è andata così oppure io ci ho messo le mani in qualche modo, perché in un caso l’operazione è semplice nell’altro caso l’intervento è più complesso e delicato. Io confermo che è andata come ho detto. Si ficca in laboratorio e non esce più, il tempo sembra non finire mai. Esce finalmente brandendo la mia Hasselblad e mi aggredisce dicendo “Questa macchina è stata TOCCATA!” Io rispondo “No guardi gli ultimi che ci hanno messo le mani siete stati…“ Non mi dà il tempo di finire che replica alzando ancora la voce “No, no, no! Questa macchina lei l’ha toccata! Vede qui dentro?” Apre la tendina per farmi vedere una vite. “Questa vite è stata spostata!”

“Ma figuriamoci se io mi metto ad allentare o a stringere viti all’interno quando non so nemmeno come funziona una Hasselblad!” faccio io “Magari l’ha toccata quello che me l’ha venduta!” (cosa molto improbabile). Con questo argomento si calma un po’. Dice “Vabbè, vabbè, comunque adesso la macchina è a posto” e con fare spavaldo aggancia il magazzino al corpo sbattendo con un CLAC le due metà della macchina per chiuderla, senza spingere il pulsante di sicura verso destra come raccomandano tutti i professionisti per non usurare i dentini della chiusura. Vabbè, mi dico, per una volta non succederà niente. Chiedo “Quanto le devo?” e lui “Nulla, però la prossima volta stia più attento”. Ma attento a che?

Tornato a casa, provo la macchina e… MALEDIZIONE! :wall: Non si carica e il pulsante di scatto è ancora bloccato. Sfilo il volet, e niente. Stacco il magazzino e provo a caricarla. Si carica. Il pulsante di scatto è libero e l’otturatore fa il suo mansueto FLOC, come prima. Allora il problema è nel magazzino! E l’espertone invece di esaminare TUTTA la macchina era sicuro che il problema fosse nel corpo! E stava quasi dando la colpa a me per una vite che era stata mossa (SE era stata mossa)!

Basta. Porto la mia povera Hasselblad al laboratorio di cui mi servo abitualmente, i Fratelli Rossi in via Rasponi, e mentre parcheggio vicino al negozio mi chiedo per quale arcano motivo io abbia voluto provare quel personaggio. Dovevo essermi convinto che i fratelli Rossi fossero specializzati solo in Olympus, Canon, Nikon, Leica e digitali, e non particolarmente in Hasselblad. Sbagliavo.

Il tecnico, in camice bianco come un dottore, prende la macchina e scompare nel laboratorio. Dopo un minuto riemerge dicendo: “È tutto a posto”. “Come sarebbe a dire tutto a posto?” E lui: “Vede, il magazzino della Hasselblad, che ci sia dentro la pellicola o che non ci sia, dopo 12 scatti si blocca, è una sciocchezza”. Per dimostrarmelo carica la macchina e scatta diverse volte finché, appunto, la mia Hasselblad si rifiuta categoricamente di fare altri scatti. Mi dice sorridendo “Basta azzerare a mano il magazzino oppure inserire una nuova pellicola”.

Casco dalle nuvole. L’espertone della rinomata assistenza, senza sapere che cosa potesse avere la mia macchina aveva dato per scontato che il problema fosse nel corpo e aveva lasciato il magazzino sul bancone. Non solo, ma ha inscenato anche un “lavoro complesso” facendomi aspettare oltre 15 minuti per fare non si sa cosa, quando bastava caricare una volta l’otturatore e scattare, per scoprire che il corpo macchina non aveva niente! Ha letteralmente “recitato” un intervento da 15 minuti senza fare nulla!

Perché mai ho descritto il tecnico dei Fratelli Rossi come un medico, quando lo sanno tutti che portano abitualmente il camice bianco? Perché c'è ancora un dettaglio che voglio raccontare, a proposito di competenza. Mentre aspettavo che l’espertone mi riportasse la macchina, dalla porta del laboratorio ho notato che dentro, in mezzo ai tavoli dove si riparano ormai prevalentemente macchine digitali, era sdraiato per terra un grosso cagnone spelacchiato. Lo sanno tutti che la corrente statica prodotta dal sensore, può trasformare una macchina digitale in un vero e proprio aspirapolvere, e per questo un laboratorio d’assistenza dev’essere l’ambiente più asettico possibile. Se avessi una digitale, dovrebbero passare sul mio cadavere perché io la porti lì! [-x

Dopo questa disavventura, Fratelli Rossi per tutta la vita! A parte la loro grandissima competenza e cortesia, per delle riparazioni complesse chiedono un terzo di quanto ho speso con l’espertone. Ma, ahimè, oggi la competenza nel nostro Paese sta diventando merce sempre più rara. Se poi viene attribuita a certi personaggi diventa quasi un insulto.

Spero che quanto ho raccontato serva ad altri a non ripetere gli errori che ho fatto io.

Con affetto

Vostro Anti
Ultima modifica di Antimonium il 30/01/2017, 11:57, modificato 1 volta in totale.



Advertisement
Avatar utente
Takumark
fotografo
Messaggi: 31
Iscritto il: 27/08/2015, 8:23
Reputation:

Re: Competenza? Prego, moderiamo i termini!

Messaggioda Takumark » 30/01/2017, 8:34

Se parliamo dello stesso nome non mi colpisce affatto. Non ho una Hassy, e per quanto riguarda Nikon vado dall'assistenza che si trova a Trionfale (dove mi sono trovato sempre bene). Unica volta, un regalo per mia sorella, una compatta, presa anche Nital, contrario ma si sa è un regalo, meglio spendere (inutilmente) qualche soldo in più .... visto che é un regalo. Poche settimane dopo, scatti zero o giù di li, monitor con vistoso annerimento al bordo, era sotto il periodo estivo, centro trionfale chiuso .... vado li anche io, beh dopo mezzora a sentirmi dire che l'avevo rotto io e bla bla bla (le digitale vanno tenute bene, questo non si fa, quello non si fa) me la prendono comunque ....... dopo circa due mesi me la ridanno, con un preventivo più alto del prezzo della macchina, perché "l'ho rotto io" che a parte non é vero, ma questo lo so solo io, mi chiedo se sia segno di serietà fare un preventivo che è superiore al prezzo della macchina di listino (che loro sanno). Per me pessima esperienza, quindi non mi stupisce affatto quanto riportato qui sopra, che poi ci tengo a dirlo, magari sono "singoli" episodi, per il resto saranno anche i migliori del mondo, ma per me, mi tengo una macchina buona per pezzi di ricambio pagata e mai utilizzata ...... l'avessi portata altrove chi lo sa. Tutta la mia comprensione. NB Anche io vado sempre e solo da MPR Rossi .....



vngncl61 II°
superstar
Messaggi: 2044
Iscritto il: 26/12/2015, 14:32
Reputation:

Re: Competenza? Prego, moderiamo i termini!

Messaggioda vngncl61 II° » 30/01/2017, 9:36

Raramente ho portato fotocamere in assistenza, me la cavo da solo, ma quando è successo, non ho mai atteso, mesi, settimane, giorni, ore e neppure minuti per provarle, l'ho fatto subito , prima ancora di pagare.
Un' altra cosa che faccio sempre è informarmi, in anticipo, su tutto quello che può fare, che non può fare, e come va adoperato, un oggetto del desiderio, sia nuovo che usato, lo provo, avendo le cognizioni per farlo, e solo dopo l aver visto i risultati, decido se abbia bisogno d'assistenza o meno.


Nicola


Meglio farlo, e poi pentirsi, che rimpiangere di non averlo fatto.

Avatar utente
Montag
fotografo
Messaggi: 76
Iscritto il: 28/11/2016, 9:31
Reputation:

Re: Competenza? Prego, moderiamo i termini!

Messaggioda Montag » 30/01/2017, 10:12

La ricerca di un buon riparatore è un processo lungo e dispendioso, purtroppo non sono di Roma e non posso avvalermi di queste informazioni. Non pensate che un'apposita conversazione/sezione qui sul forum potrebbe aiutare a stilare una lista di posti provati e fidati?



Advertisement
Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5645
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Competenza? Prego, moderiamo i termini!

Messaggioda -Sandro- » 30/01/2017, 10:25

Puoi giudicare la cortesia ed il garbo, ma valutare la competenza richiede competenza e non la si può desumere da sporadiche esperienze. Senza contare che i "malgiudicati" potrebbero offendersi e rivalersi sull'amministratore del forum, il confine tra opinione e calunnia è molto sottile.

Nel caso di specie quella macchina non aveva nulla, e probabilmente non le hanno fatto nulla viste le condizioni. I corpi hasselblad non hanno guarnizioni (che sono sui magazzini), quindi il prezzo richiesto per l'ipotetica applicazione di qualche milligrammo di grasso quà e là (e 15 minuti di lavoro, non di più) sembrerebbe esorbitante, però poi se ci metti sopra spese e prebende scopri che con un prezzo onesto ci rimetti...certo la scenetta della vite se la poteva risparmiare, fa parte di quelle storielle che ognuno di noi potrebbe raccontare a josa. Per farla breve: per me la lista dei buoni e cattivi non ha nessun valore, tant'è vero che uno dei più nominati, blasonati, e qui osannati riparatori per due volte mi ritornò la 500CM con i volet posteriori che rimanevano semiaperti. Al secondo fallimento è scoccato il "vaffan..." e da quel momento mi sono attrezzato, documentato ed allenato per farmi tutto da solo. E ci sono pure riuscito.



Avatar utente
Elmar Lang
superstar
Messaggi: 2831
Iscritto il: 28/08/2012, 16:11
Reputation:
Località: Trentino A-A

Re: Competenza? Prego, moderiamo i termini!

Messaggioda Elmar Lang » 30/01/2017, 12:08

Comunque, a parte ogni considerazione, mi torna a mente una delle famose inchieste di Fotografare, ove portarono una Yashica FX3 nuova di negozio (alla quale asportarono una molla ben visibile una volta tolto il fondello), affidandola ad alcuni riparatori in giro per la penisola.

La maggioranza dei tecnici -pur con differenti costi fatturati- si dimostrò corretta, ma rammento ancora la risposta d'un riparatore toscano che osservò "l'era tutta sganasciata, certo l'è stata maltrattata parecchio!".

Circa i Fratelli Rossi, non dimentichiamo che il loro laboratorio ha un'antica tradizione e che nel loro DNA c'è anche la creazione della Gamma, che a suo tempo fu una delle più belle ed innovative fotocamere 35mm. a telemetro...

E.L.


"Evitate il tono troppo aspro e duro, usato dalla maggior parte di coloro che debbono nascondere la loro scarsa capacità".
(Erwin Rommel)

Avatar utente
Antimonium
appassionato
Messaggi: 4
Iscritto il: 11/01/2017, 2:33
Reputation:

Re: Competenza? Prego, moderiamo i termini!

Messaggioda Antimonium » 30/01/2017, 12:27

vngncl61 II° ha scritto:Raramente ho portato fotocamere in assistenza, me la cavo da solo, ma quando è successo, non ho mai atteso, mesi, settimane, giorni, ore e neppure minuti per provarle, l'ho fatto subito , prima ancora di pagare.
Un' altra cosa che faccio sempre è informarmi, in anticipo, su tutto quello che può fare, che non può fare, e come va adoperato, un oggetto del desiderio, sia nuovo che usato, lo provo, avendo le cognizioni per farlo, e solo dopo l aver visto i risultati, decido se abbia bisogno d'assistenza o meno.


Ovvio. Ho tralasciato di dire che appena comprata la mia Hassy ho subito verificato le cose fondamentali. Sfilando il volet le guarnizioni decomposte lasciavano una sgommata nera sulla lamina metallica che usciva a fatica, e lì anche un principiante come me può capire che è necessario portarla all'assistenza (non sono ancora capace di cambiare le guarnizioni da solo come molti fanno, e non sono nemmeno sicuro di volerlo imparare a fare). Inoltre era già bloccata sicuramente per gli stessi motivi che ho descritto, visto che staccando il magazzino scattava perfettamente (quindi nemmeno il proprietario precedentre sapeva della faccenda dei 12 scatti e l'aveva lasciata così). :D

Ammesso che con 340 Euro l'assistenza abbia fatto il suo lavoro, quello che io contesto con forza è il secondo intervento "recitato", con tanto di ramanzina ("La prossima volta stia più attento", quando chi non è stato attento era proprio lui), e poi la maleducazione di questo personaggio, qui confermata da un altro frequentatore del forum. E ancora, i cagnoni spelacchiati in mezzo ad un laboratorio che dovrebbe essere ASETTICO (e vale per tutte le macchine non solo quelle digitali, anche quelle antiche: io compro e vendo spesso macchine vintage e all'estero ti fanno il contropelo su queste cose: la prima garanzia che ti danno quando vendono un obiettivo e/o una macchina è "The seller doesn't own animals and doesn't smoke", non so se mi spiego...). :-B

Infine, per tranquillizzare l'Amministratore che giustamente si preoccupa che qualcuno possa risentirsi, sono già abbastanza risentito io e per fortuna che su Internet c'è l'usanza molto sana di recensire in positivo o in negativo merci e servizi, condividendo esperienze. Poi ognuno è libero di continuare a scegliere ciò che preferisce. Ma nei paesi anglosassoni sono un tantino più brutali di noi e all'occorrenza invitano direttamente a boicottare sia merci sia servizi. :-q

Anti



Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 4484
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Competenza? Prego, moderiamo i termini!

Messaggioda graic » 30/01/2017, 13:00

Comunque sia 340 euro per sostituire una guarnizione e un'ingrassatina a me fa incavolare comunque.
Fate la solita lagna che in italia ci sono tante tasse (per chi le paga, di questo non sappiamo) che ti resta in mano la metà?
Beh mi fanno incavolare anche 170 puliti.


Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 4484
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Competenza? Prego, moderiamo i termini!

Messaggioda graic » 30/01/2017, 13:02

Poi è vero che era una Hasselblad (e non una Hassy che fa tanto cane).
Ma il mio meccanico, che è molto bravo e competente, fa pagare lo stesso prezzo per cambiare le pasticche ad una Fiat o a una Rolls Royce


Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Avatar utente
Antimonium
appassionato
Messaggi: 4
Iscritto il: 11/01/2017, 2:33
Reputation:

Re: Competenza? Prego, moderiamo i termini!

Messaggioda Antimonium » 30/01/2017, 13:07

graic ha scritto:Poi è vero che era una Hasselblad (e non una Hassy che fa tanto cane).



Ho iniziato a chiamarla Hassy verso lo scadere di ben trenta giorni d'attesa, dicendo fra me e me "Ritorna a casa, Hassy!" :ympray:


Anti





  • Advertisement

Torna a “Medio formato”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti