Pagina 1 di 1

Con il filtro ND

Inviato: 19/10/2019, 9:15
da Ezio66
Ero un po scettico a provare questo tipo di soluzione, ma avendo negativi piuttosto trasparenti dovuti a scatti con poco contrasto, ho il problema dei tempi troppo corti, caspita!! il bianco me lo trovo dopo 3-6 secondi al massimo...nonostante le mia super lampada nuova da 75Watt e nonostante il diaframma del mio componon a 22..cazzarola..che fare?..ho scelto allora di sperimentare un filtro in vetro 15x15 della Nisi 8x ND. Mi ha dato la possibilita' di recuperare 3 stop e ora i tempi mi si sono triplicati e finalmente riesco a fare dei provini a scalare piu' dettagliati e completi oltre ad avere tempi maggiori per poter lavorare sulla stampa.Il filtro lo inserisco nel cassetto porta filtri del mio ingranditore e che dire dalle prove sono soddisfatto..ora chiedo ai guru del forum, è una sciocchezza cio' che ho fatto? vi sono controindicazioni?

Re: Con il filtro ND

Inviato: 19/10/2019, 9:45
da Dart
A quanto ne so molti usano i filtri ND per aumentare i tempi di esposizione con lampade potenti. La mia testa colore, ad esempio, lo ha di fabbrica con la possibilità di inserirlo o toglierlo. So che alcuni utilizzano i Kodak Wratten in gelatina, non so se altri tipi abbiano controindicazioni


Emanuele

Re: Con il filtro ND

Inviato: 19/10/2019, 11:21
da -Sandro-
Per il bianco e nero non vi sono controindicazioni, qualsiasi filtro ND messo prima del negativo va benissimo. Per il colore invece può essere un problema, tanti filtri nd sono neutri solo per via del loro nome, ma in realtà introducono dominanti di colore.

Re: Con il filtro ND

Inviato: 19/10/2019, 12:08
da mezzostop
-Sandro- ha scritto:Per il bianco e nero non vi sono controindicazioni, qualsiasi filtro ND messo prima del negativo va benissimo.................................
... e se invece viene messo dopo ?

io nella mia testa colore M605 non ho il cassetto e, volendolo usare, potrei solo avvitarlo all'obiettivo.

Re: Con il filtro ND

Inviato: 19/10/2019, 12:20
da kiodo
Puoi appoggiarlo sul portanegativi, come faccio io sul Magnifax. Da qualche parte ho già postato la foto

Inviato dal mio SM-G973F utilizzando Tapatalk

Re: Con il filtro ND

Inviato: 19/10/2019, 12:22
da kiodo
Qui:
https://r.tapatalk.com/shareLink/topic? ... source=app

Inviato dal mio SM-G973F utilizzando Tapatalk

Re: Con il filtro ND

Inviato: 19/10/2019, 12:37
da -Sandro-
mezzostop ha scritto:
... e se invece viene messo dopo ?

io nella mia testa colore M605 non ho il cassetto e, volendolo usare, potrei solo avvitarlo all'obiettivo.
Entra nel cammino ottico della proiezione del negativo, ogni eventuale schifezza o difformità te la troverai in stampa.

Re: Con il filtro ND

Inviato: 19/10/2019, 13:11
da Ezio66
Ringrazio tutti per le preziose impressioni..e il fatto che altri utilizzino il filtro ND per abbassare la luce comunque mi rallegra ... oggi pomeriggio testero' in modo piu approfondito il nuovo sistema..resta il fatto che finalmente riesco ad avere finalmente tempi decenti con negativi piuttosto omogenei..anche perchè le lastre le espongo con sistema zonale e tendo quindi ad avere negativi aperti nelle ombre. Non capisco comunque perchè nonostante la lampada da led da 12 watt avessi ancora un sacco di luce..

Re: Con il filtro ND

Inviato: 19/10/2019, 18:14
da mezzostop
-Sandro- ha scritto:Entra nel cammino ottico della proiezione del negativo, ogni eventuale schifezza o difformità te la troverai in stampa.
grazie ... ne starò alla larga ;)
kiodo ha scritto:Puoi appoggiarlo sul portanegativi, come faccio io sul Magnifax. Da qualche parte ho già postato la foto
secondo te io dovrei mettere questi ...
s-l1600.jpg
sopra questo ?!?!
s-l300.jpg
s-l300.jpg (8.38 KiB) Visto 1059 volte
acquistarli non è un problema ma ... sicuro che ci stiano ?
da quel che ricordo c'è giusto lo spazio per allentare la presa e muovere la pellicola.

Sulla testa colore del M605 c'è un selettore che inserisce o toglie quello che viene chiamato "filtro Maschera",
1.JPG
non ho ben capito a cosa serve,
inserisce in linea un filtro fisso, equivalente a +30 giallo e +30 magenta,
quindi non è un vero e proprio ND ......

Re: Con il filtro ND

Inviato: 20/10/2019, 2:10
da kiodo
mezzostop ha scritto: ... sicuro che ci stiano ?
se non ci stanno, li tagli!

Re: Con il filtro ND

Inviato: 20/10/2019, 11:49
da Dart
mezzostop ha scritto:
-Sandro- ha scritto:Entra nel cammino ottico della proiezione del negativo, ogni eventuale schifezza o difformità te la troverai in stampa.
grazie ... ne starò alla larga ;)
kiodo ha scritto:Puoi appoggiarlo sul portanegativi, come faccio io sul Magnifax. Da qualche parte ho già postato la foto
secondo te io dovrei mettere questi ...
s-l1600.jpg
sopra questo ?!?!
s-l300.jpg
acquistarli non è un problema ma ... sicuro che ci stiano ?
da quel che ricordo c'è giusto lo spazio per allentare la presa e muovere la pellicola.

Sulla testa colore del M605 c'è un selettore che inserisce o toglie quello che viene chiamato "filtro Maschera",
1.JPG
non ho ben capito a cosa serve,
inserisce in linea un filtro fisso, equivalente a +30 giallo e +30 magenta,
quindi non è un vero e proprio ND ......
Credo che questo serva per aggiungere ulteriore contrasto


Emanuele

Re: Con il filtro ND

Inviato: 20/10/2019, 15:26
da chromemax
Il filtro fisso presente su alcuni ingranditori serve per stampare i vecchi negativi colore che erano senza maschera, non funziona come filtro ND da usarsi con le carte BN a contrasto variabile per le quali invece è più comodo usare una filtratura di base di tutti e tre i filtri YMC e a questi aggiungere poi la filtratura M o Y per il grado di contrasto necesario

Re: Con il filtro ND

Inviato: 20/10/2019, 19:18
da mezzostop
kiodo ha scritto:se non ci stanno, li tagli!

la mia perplessità è per lo spessore,
saresti così gentile da dirmi quanto sono spessi ?

Re: Con il filtro ND

Inviato: 20/10/2019, 19:22
da mezzostop
chromemax ha scritto:Il filtro fisso presente su alcuni ingranditori serve per stampare i vecchi negativi colore che erano senza maschera, non funziona come filtro ND da usarsi con le carte BN a contrasto variabile per le quali invece è più comodo usare una filtratura di base di tutti e tre i filtri YMC e a questi aggiungere poi la filtratura M o Y per il grado di contrasto necesario
grazie !

sei sempre puntuale e chiarissimo :-bd

Re: Con il filtro ND

Inviato: 20/10/2019, 22:27
da kiodo
mezzostop ha scritto:
kiodo ha scritto:se non ci stanno, li tagli!

la mia perplessità è per lo spessore,
saresti così gentile da dirmi quanto sono spessi ?
A memoria, direi sui 2,5 o 3mm

Inviato dal mio SM-G973F utilizzando Tapatalk

Re: Con il filtro ND

Inviato: 20/10/2019, 23:12
da mezzostop
kiodo ha scritto:
mezzostop ha scritto:
kiodo ha scritto:se non ci stanno, li tagli!

la mia perplessità è per lo spessore,
saresti così gentile da dirmi quanto sono spessi ?
A memoria, direi sui 2,5 o 3mm

Inviato dal mio SM-G973F utilizzando Tapatalk
grazie ... controllerò con qualcosa di quello spessore :-?

Re: Con il filtro ND

Inviato: 21/10/2019, 8:51
da Dart
mezzostop ha scritto:
kiodo ha scritto:
mezzostop ha scritto:

la mia perplessità è per lo spessore,
saresti così gentile da dirmi quanto sono spessi ?
A memoria, direi sui 2,5 o 3mm

Inviato dal mio SM-G973F utilizzando Tapatalk
grazie ... controllerò con qualcosa di quello spessore :-?
Altrimenti guarda se riesci a trovare i Kodak Wratten che sono in gelatina molto sottile, tipo i Multigrade Ilford. Quelli li puoi tagliare bene come vuoi


Emanuele

Re: Con il filtro ND

Inviato: 21/10/2019, 8:59
da gergio
-Sandro- ha scritto:
mezzostop ha scritto:
... e se invece viene messo dopo ?

io nella mia testa colore M605 non ho il cassetto e, volendolo usare, potrei solo avvitarlo all'obiettivo.
Entra nel cammino ottico della proiezione del negativo, ogni eventuale schifezza o difformità te la troverai in stampa.
Difformità ed eventuali schifezze a parte che si ottengono inserendo il filtro dopo l'obiettivo, mi sono chiesto se è equivalente, a livello di esposizione, inserire il filtro (ND o filtri di contrasto) prima o dopo l'obiettivo, in qualsiasi parte del cammino ottico (prima del condensatore, nel condensatore, prima o dopo l'obiettivo) e dopo una serie di ragionamenti ho dedotto che sia indifferente la posizione del filtro lungo il cammino ottico: qualcuno puo' darmi conferma di questa affermazione?
Grazie

Re: Con il filtro ND

Inviato: 21/10/2019, 10:11
da tykos
Dart ha scritto:
mezzostop ha scritto:
kiodo ha scritto:A memoria, direi sui 2,5 o 3mm

Inviato dal mio SM-G973F utilizzando Tapatalk
grazie ... controllerò con qualcosa di quello spessore :-?
Altrimenti guarda se riesci a trovare i Kodak Wratten che sono in gelatina molto sottile, tipo i Multigrade Ilford. Quelli li puoi tagliare bene come vuoi


Emanuele
Ecco: e mettere una gelatina (ma anche le lastre cokin, se la dimensione assomiglia) sovrapposta al filtro contrasto nel cassettino?

Re: Con il filtro ND

Inviato: 21/10/2019, 10:56
da kiodo
tykos ha scritto:
Ecco: e mettere una gelatina (ma anche le lastre cokin, se la dimensione assomiglia) sovrapposta al filtro contrasto nel cassettino?

Se il tuo ingranditore ha il cassetto filtri, naturalmente puoi fare come dici. Si parlava di teste a colori, o a contrasto variabile, che il cassetto non ce l'hanno

Re: Con il filtro ND

Inviato: 21/10/2019, 13:14
da mezzostop
ho fatto un po di prove:

nella testa colore M605 inserire un filtro tipo cokin
appoggiato sopra il portanegativo
è meccanicamente possibile ma,
a mio modesto parere,
praticamente non consigliabile.

il problema sta nel fatto che togliendo e rimettendo
il portanegativi nella testa si perde il fuoco.

dopo aver verificato che dimensionalmente parlando
il filtro ci può stare,
ho effettuato l'operazione necessaria per inserirlo ben 10 volte,
mai una volta il fuoco è rimasto regolato a dovere.

tutto questo comporta il dover rimettere a fuoco
con una luminosità di 1, 2 o 3 stop inferiore
a seconda del filtro utilizzato.

Re: Con il filtro ND

Inviato: 21/10/2019, 13:40
da mezzostop
credo che,
con una testa come la mia,
sia più vantaggioso spendere un po di energia e tempo
a fare un po di prove per definire bene
l'influenza dei filtri a bordo macchina.

se qualcuno conosce un metodo per effettuare questi test
sarei felice di provare.

Re: Con il filtro ND

Inviato: 21/10/2019, 13:57
da tykos
kiodo ha scritto:
tykos ha scritto:
Ecco: e mettere una gelatina (ma anche le lastre cokin, se la dimensione assomiglia) sovrapposta al filtro contrasto nel cassettino?

Se il tuo ingranditore ha il cassetto filtri, naturalmente puoi fare come dici. Si parlava di teste a colori, o a contrasto variabile, che il cassetto non ce l'hanno
Mi ero perso il "testa a colori"

Re: Con il filtro ND

Inviato: 21/10/2019, 14:11
da Ezio66
mezzostop ha scritto:ho fatto un po di prove:

nella testa colore M605 inserire un filtro tipo cokin
appoggiato sopra il portanegativo
è meccanicamente possibile ma,
a mio modesto parere,
praticamente non consigliabile.

il problema sta nel fatto che togliendo e rimettendo
il portanegativi nella testa si perde il fuoco.

dopo aver verificato che dimensionalmente parlando
il filtro ci può stare,
ho effettuato l'operazione necessaria per inserirlo ben 10 volte,
mai una volta il fuoco è rimasto regolato a dovere.

tutto questo comporta il dover rimettere a fuoco
con una luminosità di 1, 2 o 3 stop inferiore
a seconda del filtro utilizzato.
Perdonami, ma non capisco perchè inserirlo e estrarlo in continuazione durante una stampa..è logico che meno si tocca meglio è ..ad ogni modo il mio mi abbassa di 3 stop la luce e direi che ne sono soddisfatto..mi permette di lavorare in tranquillita' a diaframmi tra il 4 e 5,6 con negativi piuttosto "trasparenti"..per l'informazione aggiungo che, anche io inserisco il mio Nisi in vetro, tra pressa pellicola e maschera porta negativo..e non lo tocco piu.

Re: Con il filtro ND

Inviato: 21/10/2019, 17:05
da impressionando
@mezzostop
Se metti un qualsivoglia filtro dietro a piano di fuoco interposto tra luce e negativo non sposta il piano di fuoco. Ci deve essere qualcosa che non funziona nella frizione della messa a fuoco o in quella della colonna.

@Ezio66
In ogni caso poi qualsiasi filtro non conviene metterlo a ridosso nel negativo perchè tutto ciò che porterà con se verrà nella stampa. Conviene sempre stare lontani dal piano di fuoco..... e il cassetto portafiltri è il posto giusto.

Re: Con il filtro ND

Inviato: 21/10/2019, 18:34
da Ezio66
impressionando ha scritto:@mezzostop
Se metti un qualsivoglia filtro dietro a piano di fuoco interposto tra luce e negativo non sposta il piano di fuoco. Ci deve essere qualcosa che non funziona nella frizione della messa a fuoco o in quella della colonna.

@Ezio66
In ogni caso poi qualsiasi filtro non conviene metterlo a ridosso nel negativo perchè tutto ciò che porterà con se verrà nella stampa. Conviene sempre stare lontani dal piano di fuoco..... e il cassetto portafiltri è il posto giusto.
Convengo sicuramente che il cassetto sia la scelta migliore, ma nel mio caso sta troppo preciso e ho paura di rovinarlo essendo in vetro.. devo forzare un pochino per inserirlo e di nuovo per estrarlo... vedro' se modificare un pochino il portafiltro a cassetto del mio ingranditore.

Re: Con il filtro ND

Inviato: 21/10/2019, 18:55
da mezzostop
impressionando ha scritto:@mezzostop
Se metti un qualsivoglia filtro dietro a piano di fuoco interposto tra luce e negativo non sposta il piano di fuoco. Ci deve essere qualcosa che non funziona nella frizione della messa a fuoco o in quella della colonna.
scusami mi sono espresso male,
non è una questione ottica ma meccanica,
non rimane a fuoco perché toccando la testa ai perde il punto preciso

Re: Con il filtro ND

Inviato: 21/10/2019, 19:01
da mezzostop
Ezio66 ha scritto:Perdonami, ma non capisco perchè inserirlo e estrarlo in continuazione durante una stampa..è logico che meno si tocca meglio è ..ad ogni modo il mio mi abbassa di 3 stop la luce e direi che ne sono soddisfatto..mi permette di lavorare in tranquillita' a diaframmi tra il 4 e 5,6 con negativi piuttosto "trasparenti"..per l'informazione aggiungo che, anche io inserisco il mio Nisi in vetro, tra pressa pellicola e maschera porta negativo..e non lo tocco piu.
qualcuno, qui, su queste pagine,
mi ha insegnato che non bisogna MAI mettere a fuoco in presenza di filtri,
pena errori grossolani di maf.

e io ho la tendenza a seguire i consigli di chi ne sa molto più di me
... a parte che mettere a fuoco a f2.8 è una libidine

Re: Con il filtro ND

Inviato: 21/10/2019, 20:52
da impressionando
@mezzostop
Mi piacerebbe leggere ciò da cui hai estrapolato quanto sopra... Son sicuro che hai inteso male.
Direi che no bisogna mai mettere a fuoco con il filtro rosso inserito..... Per il resto occorre mettere a fuoco con il diaframma tutto aperto con inseriti tutti gli ammennicoli che andranno sulla stampa.
Se l'ingranditore perde il fuoco cambiando il filtro significa che c'è qualcosa che non va..... forse usi 2 mascherine senza vetro..... forse arriva calore sul negativo..... forse c'è il meccanismo di messa a fuoco da pulire o la colonna con la molla fiacca. Insomma non è per nulla normale che ad ogni azione (senza toccare il negativo) occorra rimettere a fuoco.

Re: Con il filtro ND

Inviato: 21/10/2019, 21:07
da mezzostop
impressionando ha scritto:@mezzostop
Mi piacerebbe leggere ciò da cui hai estrapolato quanto sopra... Son sicuro che hai inteso male.
Direi che no bisogna mai mettere a fuoco con il filtro rosso inserito..... Per il resto occorre mettere a fuoco con il diaframma tutto aperto con inseriti tutti gli ammennicoli che andranno sulla stampa.
Se l'ingranditore perde il fuoco cambiando il filtro significa che c'è qualcosa che non va..... forse usi 2 mascherine senza vetro..... forse arriva calore sul negativo..... forse c'è il meccanismo di messa a fuoco da pulire o la colonna con la molla fiacca. Insomma non è per nulla normale che ad ogni azione (senza toccare il negativo) occorra rimettere a fuoco.
grazie ... allora è chiaro che ho capito male !

Re: Con il filtro ND

Inviato: 22/10/2019, 0:17
da chromemax
E' sconsigliabile mettere a fuoco con i filtri colorati, soprattutto quelli densi è più lontani dal centro dello spettro visibile , perché anche l'occhio umano è affetto da aberrazione cromatica che, al focometro, può causare uno spostamento del fuoco rispetto al punto ottimale; la cosa è riportata da Ctein sul suo libro "Post Exposure" liberamente scaricabile qui

Re: Con il filtro ND

Inviato: 22/10/2019, 6:18
da kiodo
impressionando ha scritto: In ogni caso poi qualsiasi filtro non conviene metterlo a ridosso nel negativo perchè tutto ciò che porterà con se verrà nella stampa. Conviene sempre stare lontani dal piano di fuoco..... e il cassetto portafiltri è il posto giusto.
Ti assicuro che eventuali granellini di polvere sul filtro non sono visibili nella stampa, almeno non col mio ingranditore (testa a luce diffusa, ovviamente). Coonsidera che il filtro non è a contatto col negativo, ma ad almeno tre o quattro millimetri più in alto, a causa dello spessore e della sagomatura del metallo che costituisce il portanegativi, e dello spessore del vetro superiore. Tre o quattro mm sono un'enormità, quando si tratta di messa a fuoco. Mai avuto questo problema, comunque.
Ovvio che il cassetto portafiltri è il posto più indicato per mettere un filtro, ma le teste a luce diffusa che conosco io il cassetto non ce l'hanno.
Vedi qui:
tempi-di-esposizione-al-limite-t20037-20.html#p194798

Re: Con il filtro ND

Inviato: 22/10/2019, 8:49
da impressionando
Da quello che ho letto ho inteso che il filtro nd lo mettesse nel portanegativi a contatto con il negativo.
Se lo metti sopra (se pulito) a distanza di qualche mm va bene soprattutto se si usano diaframmi aperti; se si usano diaframmi molto chiusi sualla carta escono cose che si ritenevano impossibili.

Re: Con il filtro ND

Inviato: 22/10/2019, 12:13
da Ezio66
impressionando ha scritto:Da quello che ho letto ho inteso che il filtro nd lo mettesse nel portanegativi a contatto con il negativo.
Se lo metti sopra (se pulito) a distanza di qualche mm va bene soprattutto se si usano diaframmi aperti; se si usano diaframmi molto chiusi sualla carta escono cose che si ritenevano impossibili.

Ma nooo.. assolutamente no..il filtro lo metto sopra al pressa pellicola assolutamente non a contatto con il film...e tra l'altro la testa, alzandola, essendo un 4x5 gli si adagia comodamente..ma appena posso preferiro' la soluzione porta filtro a cassetto..come ho fatto fino ad ora ma essendo leggermente stretto mi incastra il filtro in vetro e devo faticare a rimuoverlo con il rischio di romperlo.. infatti come Kiodo non ho per il momento riscontrato problemi nel mettere a fuoco il negativo con il fitro montato sopra " e non a contatto " con il film... in poche parole il filtro sara' ad una distanza di circa 3-4cm dal film

Re: Con il filtro ND

Inviato: 22/10/2019, 12:53
da chromemax
A conferma di quanto dice @impressionando basta fare una semplice prova, porta via giusto il tempo di un provino: una stampa del formato più usato ma senza negativo, usando la massima gradazione di contrasto della carta, il diaframma più chiuso dell'ottica da ingrandimento e regolando l'esposizione in modo da avere un grigio chiaro (Zona VI)

Re: Con il filtro ND

Inviato: 22/10/2019, 12:58
da Ezio66
chromemax ha scritto:A conferma di quanto dice @impressionando basta fare una semplice prova, porta via giusto il tempo di un provino: una stampa del formato più usato ma senza negativo, usando la massima gradazione di contrasto della carta, il diaframma più chiuso dell'ottica da ingrandimento e regolando l'esposizione in modo da avere un grigio chiaro (Zona VI)
...ecco questa è una cosa furba,,la provero' sabato mattina..in effetti si tratta di pochi secondi..

Re: Con il filtro ND

Inviato: 22/10/2019, 18:50
da mezzostop
scusate ma ... in questo post ho letto cose che non ho capito e ...
DEVO rimediare ne va del mio sonno notturno ;)

n.1 ) il filtro deve stare almeno a X mm dal negativo !
- qual'è il valore di X ?

n.2 ) anche mettendo il filtro a questa X distanza dal negativo bisogna comunque usare diaframmi aperti !
- perchè ?

n.3 ) se si usano diaframmi molto chiusi sulla carta escono cose che si ritenevano impossibili !
- tipo Harry Potter ? =))
- se si usano diaframmi molto chiusi senza filtro si rischiano ugualmente incontri strani ?

ovviamente scherzi a parte,
chiedo tutto questo perchè sto usando regolarmente i diaframmi più chiusi per poter avere tempi decenti
e non ho mai notato nulla di "strano" ma ... è anche vero che la mia esperienza è appena trimestrale :ymblushing:

il porta-negativo del Durst M605 Color non è fatto come il Meograde di Kiodo,
s-l300.jpg
s-l300.jpg (8.38 KiB) Visto 622 volte
se io appoggio il filtro sopra la struttura metallica,
la sua distanza dal negativo dubito superi il millimetro,
e purtroppo non ho altro posto da metterlo se non sotto, avvitato all'obiettivo ! :wall:

forse potrei spessorare il bordo del filtro per raggiungere i 2 millimetri ma ...
sarebbe un rischio perchè potrebbe strisciare sopra e graffiarsi ...

anche comprando i Cokin ... che dovrebbero essere più sottili ... è rischioso :-?
comunque è l'unica strada e devo provare !!!

Re: Con il filtro ND

Inviato: 22/10/2019, 19:38
da chromemax
mezzostop ha scritto:n.1 ) il filtro deve stare almeno a X mm dal negativo !
- qual'è il valore di X ?

n.2 ) anche mettendo il filtro a questa X distanza dal negativo bisogna comunque usare diaframmi aperti !
- perchè ?
Più chiudi il diaframma più aumenta la pdc e più ciò che si trova (polvere, sporco, graffi) sotto e sopra il piano del negativo va a fuoco.
mezzostop ha scritto:n.3 ) se si usano diaframmi molto chiusi sulla carta escono cose che si ritenevano impossibili !
- tipo Harry Potter ? =))
- se si usano diaframmi molto chiusi senza filtro si rischiano ugualmente incontri strani ?
Forse si. Se vuoi toglierti la curiosità fai il test che ho descritto sopra.
mezzostop ha scritto:se io appoggio il filtro sopra la struttura metallica,
la sua distanza dal negativo dubito superi il millimetro,
e purtroppo non ho altro posto da metterlo se non sotto, avvitato all'obiettivo !
Procurati un foglio di gelatina ND per proiettori (tipo questa) e posizionalo sotto il diffusore, però stai molto attento a non graffiare, rovinare o sporcare il diffusore.

Re: Con il filtro ND

Inviato: 22/10/2019, 20:01
da Silverprint
Una cosa semplice, non mi ricordo se già detta, se hai la testa colore e stampi 35mm puoi ridurre la luminosità impostando il diffusore su 6x6.

Re: Con il filtro ND

Inviato: 23/10/2019, 13:03
da mezzostop
Silverprint ha scritto:Una cosa semplice, non mi ricordo se già detta, se hai la testa colore e stampi 35mm puoi ridurre la luminosità impostando il diffusore su 6x6.
grazie !
questa è un'altra news per me importante :-bd

Re: Con il filtro ND

Inviato: 23/10/2019, 13:19
da kiodo
Vero. Sul Magnifax non ho mai montato le scatole più piccole: ho la 6x9 fissa, da fine anni '80!

Un altra possibilità di limitazione è l'impiego di un obiettivo come il Nikkor EL 75 f/4, che chiude il diaframma fino a f/45

Inviato dal mio SM-G973F utilizzando Tapatalk

Re: Con il filtro ND

Inviato: 23/10/2019, 13:34
da mezzostop
chromemax ha scritto: Procurati un foglio di gelatina ND per proiettori (tipo questa) e posizionalo sotto il diffusore, però stai molto attento a non graffiare, rovinare o sporcare il diffusore.
dovrei smontare la testa estrarre i 2 diffusori ed applicare il filtro sotto di essi ? :-?
la vedo male (disse l'orbo) ... e sarebbe un'operazione senza ritorno.

se lo applicassi sotto la scatola in cui ruotano i diffusori sarebbe la coda migliore !

stasera smonto la testa e misuro gli spazi e le possibilità.

Re: Con il filtro ND

Inviato: 23/10/2019, 15:52
da chromemax
mezzostop ha scritto:
chromemax ha scritto: Procurati un foglio di gelatina ND per proiettori (tipo questa) e posizionalo sotto il diffusore, però stai molto attento a non graffiare, rovinare o sporcare il diffusore.
dovrei smontare la testa estrarre i 2 diffusori ed applicare il filtro sotto di essi ? :-?
la vedo male (disse l'orbo) ... e sarebbe un'operazione senza ritorno.

se lo applicassi sotto la scatola in cui ruotano i diffusori sarebbe la coda migliore !

stasera smonto la testa e misuro gli spazi e le possibilità.
Io intendevo questo:
path826.jpg

Re: Con il filtro ND

Inviato: 23/10/2019, 19:11
da mezzostop
chromemax ha scritto:Io intendevo questo:
.............
... esatto !!!

sono tornato adesso dalla CO dove ho smontato la testa e ragionato su da farsi,
se io avvito all'ultimo elemento "bianco latte" un filtro Cokin utilizzando le sue stesse 4 viti,
111.JPG
ovviamente il filtro sarà opportunamente sagomato e forato ... dovrei risolvere il problema.

Scelgo il Cokin perchè, dalle foto, sembra essere più sottile
dei 2,5/3 mm indicatomi da Kiodo.

Il dubbio che ho adesso è questo :

- considerato che lavoro con 135 e 120 nei formati 24x36 e 6x6,
che le stampe le espongo per circa 10" a f16 col 135
e per circa 10/15" a f11 col 120,

- e considerando che una volta fissato il filtro sarà quantomeno brigoso toglierlo,

che filtro monto ? ... ND4 o ND8 ?

Re: Con il filtro ND

Inviato: 23/10/2019, 21:09
da impressionando
Non ho letto tutto e non vorrei dire cose già dette ma.....
.....mettere una lampada meno potente?

Re: Con il filtro ND

Inviato: 23/10/2019, 22:34
da mezzostop
impressionando ha scritto:Non ho letto tutto e non vorrei dire cose già dette ma.....
.....mettere una lampada meno potente?
già fatto,
c'era una 100w
ho messo una 75w
più bassa non esiste più ...

ho guadagnato ...
prima ero al limite anche negli ingrandimenti verso il 24x30 e 30x40 mentre adesso riesco a lavorarci bene,
ma appena scendo al 12x18 sono ancora al limite.

Re: Con il filtro ND

Inviato: 23/10/2019, 22:39
da mezzostop
... comunque tornando al punto lasciato ...

sono propenso a montare un ND8,

mi permetterebbe di aprire due diaframmi e lavorare a f5.6 con un tempo di circa 20" ...
che tutto sommato è una situazione di lusso rispetto ad adesso.

Re: Con il filtro ND

Inviato: 26/10/2019, 8:00
da gergio
mezzostop ha scritto: già fatto,
c'era una 100w
ho messo una 75w
più bassa non esiste più ...
Che tipo di lampada è? Non è che si può intervenire elettricamente?

Re: Con il filtro ND

Inviato: 26/10/2019, 13:26
da mezzostop
gergio ha scritto:
mezzostop ha scritto: già fatto,
c'era una 100w
ho messo una 75w
più bassa non esiste più ...
Che tipo di lampada è? Non è che si può intervenire elettricamente?

è una lampada alogena,
con riflettore parabolico specchiato e non dicroico,
originariamente da 100 Watt,
ora da 75 Watt con uguali caratteristiche di spettro luminoso,

di solito abbassando la tensione per depotenziare una lampada di questo tipo
la sua temperatura di colore vira bruscamente verso i toni caldi,

per "intervenire elettricamente" intendevi questo ?

Re: Con il filtro ND

Inviato: 27/10/2019, 9:01
da gergio
mezzostop ha scritto:
per "intervenire elettricamente" intendevi questo ?
Purtroppo si...
Mi dispiace che non mi viene in mente altro...

Re: Con il filtro ND

Inviato: 27/10/2019, 10:14
da mezzostop
gergio ha scritto:Purtroppo si...
Mi dispiace che non mi viene in mente altro...
non ti preoccupare,
su queste pagine scrivono veri e propri guru della stampa ;)
hanno già suggerito mille possibilità per abbassare la luce,
il gioco consiste nel trovare quella più adatta all'hardware e al momento :-?

io per adesso ho acquistato i filtri suggeriti da Kiodo ;)
perchè risultano essere spessi solo 1,8mm ...

poi un foglio ND da proiettore come suggerito da chromemax costa pochissimi euro
e secondo me vale la pena fare prove anche con quello ...

Re: Con il filtro ND

Inviato: 27/10/2019, 10:44
da graic
mezzostop ha scritto:
è una lampada alogena,
con riflettore parabolico specchiato e non dicroico,
originariamente da 100 Watt,
ora da 75 Watt con uguali caratteristiche di spettro luminoso,

di solito abbassando la tensione per depotenziare una lampada di questo tipo
la sua temperatura di colore vira bruscamente verso i toni caldi,

per "intervenire elettricamente" intendevi questo ?
Allora la questione dell'abbassamento della temperatura di colore è ovviamente vera, però essendo un ingranditore con testa a colori è sempre possibile compensare questa variazione con una variazione della filtratura, ovviamente da sperimentare ed applicare una volta per tutte, per esempio con il 35mm uso una certa tensione e di conseguenza una certa compensazione, con il MF ne uso un'altra etc in modo da avere prestazioni ripetibile. Comunque la variazione di TC non è elevatissima, basta riflettere che la Durst fornisce trasformatori per teste colore che erogano 11V invece di 12.
Un altro modo per variare la luminosità (media) della lampada è quella di utilizzare un PWM a bassa frequenza, in pratica la tensione applicata è quella 'giusta' ma ai periodi di 'luce' si alternano periodi di 'buio' piuttosto brevi (ma non troppo) in modo da allungare il tempo di esposizione 'apparente' anche in questo caso si ha una certa variazione di TC per effetto dell'inerzia termica della lampada ma molto più limitata.
P.S. In questi discorsi occorre ricordare che l'energia elettrica che ci viene fornita dal gestore può variare da 207 e 253V e, ameno di un trasformatore stabilizzato la tensione della lampada varia di conseguenza.

Re: Con il filtro ND

Inviato: 27/10/2019, 13:33
da mezzostop
graic ha scritto:Allora la questione dell'abbassamento della temperatura di colore è ovviamente vera, però essendo un ingranditore con testa a colori è sempre possibile compensare questa variazione con una variazione della filtratura, ovviamente da sperimentare ed applicare una volta per tutte, per esempio con il 35mm uso una certa tensione e di conseguenza una certa compensazione, con il MF ne uso un'altra etc in modo da avere prestazioni ripetibile. Comunque la variazione di TC non è elevatissima, basta riflettere che la Durst fornisce trasformatori per teste colore che erogano 11V invece di 12.
Un altro modo per variare la luminosità (media) della lampada è quella di utilizzare un PWM a bassa frequenza, in pratica la tensione applicata è quella 'giusta' ma ai periodi di 'luce' si alternano periodi di 'buio' piuttosto brevi (ma non troppo) in modo da allungare il tempo di esposizione 'apparente' anche in questo caso si ha una certa variazione di TC per effetto dell'inerzia termica della lampada ma molto più limitata.
P.S. In questi discorsi occorre ricordare che l'energia elettrica che ci viene fornita dal gestore può variare da 207 e 253V e, ameno di un trasformatore stabilizzato la tensione della lampada varia di conseguenza.
tutto vero !
ho riflettuto anch'io su queste possibilità,
la materia non mi è nuova e volendo ... potrei anche realizzare qualcosa per lo scopo,
ma ...
ho cominciato l'avventura in CO da pochissimo e
prima di aggiungere altre variabili ad una materia che gia conosco poco,
provo tutte le strade per inserire quel filtro ;)