Concentrazione dello sviluppo

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Rispondi

Avatar utente
Stefano B
esperto
Messaggi: 139
Iscritto il: 07/02/2012, 14:50
Reputation:

Concentrazione dello sviluppo

Messaggio da Stefano B »

Ciao volevo chiedervi aumentando la concentrazione dello sviluppo quali differenze si ottengono sulla pellicola?
Esempi, che differenza c'è tra una diluzione di 1+25 o una di 1+50?
So solo che una concentrazione maggiore aumenta la grana..

Grazie



Avatar utente
franny71
superstar
Messaggi: 2635
Iscritto il: 21/11/2011, 12:53
Reputation:
Località: Anzio (RM)

Re: Concentrazione dello sviluppo

Messaggio da franny71 »

se non sbaglio, dovresti avere un'effetto di compensazione a diluizioni maggiori.
la grana mi pare che non influisca molto in base alle diluizioni, mentre un' agitazione maggiore ti aumenta il contrasto.
solo che ogni rivelatore ha le sue peculiarità, quindi i risultati variano.
Franco
il mio Flickr

Я родилась даже не узнал

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11912
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Concentrazione dello sviluppo

Messaggio da Silverprint »

Ciao e benvenuto!

Giusto, in generale. Una concentrazione maggiore del rivelatore, se il tempo viene compensato (ridotto) in misura tale da non produrre variazioni di contrasto, produce un aumento della visibilità della grana. Con rivelatori ad alto contenuto di sodio solfito, che in elevate quantità è un solvente dell'argento, però il fenomeno non si verifica.
Va tenuto però presente che una grana più evidente è più netta e la nettezza della grana è un pregio, specialmente su ingrandimenti un po' spinti.

Un effetto compensatore si può verificare con diluizioni molto spinte in quanto la concentrazione di agenti rivelatori può essere insufficiente a produrre un elevato aumento di densità delle parti più esposte. Il fenomeno non si verifica spesso poiché la maggior parte dei rivelatori ha un quantitativo di agenti attivi sovrabbondante tenuti a bada da agenti ritardanti. Si può verificare con rivelatori dalla formula semplice e non sovraccarica come Rodinal e Neofin. Col Rodinal 1+50, ad esempio, l'effetto compensatore appare, ma è piuttosto contenuto.

In altri thread se ne è già parlato, qui un esempio: http://www.analogica.it/damandona-per-s ... 62-10.html
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Avatar utente
franny71
superstar
Messaggi: 2635
Iscritto il: 21/11/2011, 12:53
Reputation:
Località: Anzio (RM)

Re: Concentrazione dello sviluppo

Messaggio da franny71 »

bè, andrea, almeno non mi hai bocciato! :D
diciamo che il tuo potrebbe essere un 6-- :)
Franco
il mio Flickr

Я родилась даже не узнал

Avatar utente
Stefano B
esperto
Messaggi: 139
Iscritto il: 07/02/2012, 14:50
Reputation:

Re: Concentrazione dello sviluppo

Messaggio da Stefano B »

Silverprint ha scritto:Ciao e benvenuto!

Giusto, in generale. Una concentrazione maggiore del rivelatore, se il tempo viene compensato (ridotto) in misura tale da non produrre variazioni di contrasto, produce un aumento della visibilità della grana. Con rivelatori ad alto contenuto di sodio solfito, che in elevate quantità è un solvente dell'argento, però il fenomeno non si verifica.
Va tenuto però presente che una grana più evidente è più netta e la nettezza della grana è un pregio, specialmente su ingrandimenti un po' spinti.

Un effetto compensatore si può verificare con diluizioni molto spinte in quanto la concentrazione di agenti rivelatori può essere insufficiente a produrre un elevato aumento di densità delle parti più esposte. Il fenomeno non si verifica spesso poiché la maggior parte dei rivelatori ha un quantitativo di agenti attivi sovrabbondante tenuti a bada da agenti ritardanti. Si può verificare con rivelatori dalla formula semplice e non sovraccarica come Rodinal e Neofin. Col Rodinal 1+50, ad esempio, l'effetto compensatore appare, ma è piuttosto contenuto.

In altri thread se ne è già parlato, qui un esempio: http://www.analogica.it/damandona-per-s ... 62-10.html
Grazie della risposta. Vorrei sapere se c'è un libro o qualche sito dove parla approfonditamente su questo argomento della concentrazione, diluzione,temperatura e i suoi vari effetti che riporta sul negativo.
Lo chiedo perchè fra un pò dovrei incominciare a sviluppare, e mi hanno consigliato come rivelatore il Ronidal, ma come faccio a sviluppare se non sò che differenza c'è tra 1+25 e 1+50? e quali effetti portano?

Grazie

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11912
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Concentrazione dello sviluppo

Messaggio da Silverprint »

Un ottimo testo è "Alta scuola del bianco e nero", G. Bolognesi, editrice Progresso.
È un vecchio testo (ancora reperibile) la cui parte teorica è veramente eccellente.

Comunque il Rodinal 1+25 fa una grana un po' più evidente che 1+50. È un ottimo rivelatore specialmente con le pellicole di sensibilità media e bassa. Un poco più critico con le 400 iso, con le quali 1+50 di solito è più facile.
Non è un rivelatore "universale", nel senso che ha carattere.
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi