Consigli Fomapan 100

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
lamanorbu
appassionato
Messaggi: 21
Iscritto il: 31/10/2017, 15:41
Reputation:
Località: Brescia

Consigli Fomapan 100

Messaggioda lamanorbu » 31/10/2017, 16:15

Buongiorno,
ho da poco cominciato a sviluppare il bianco e nero in casa dopo varie esperienze negative (eheh, scusate il gioco di parole) con un laboratorio a cui mandavo gli sviluppi. Inoltre il risparmio economico è notevole, e soprattutto mi diverto molto di più! :)
Ho deciso di cominciare con la pellicola più economica offerta da Fotomatica, negozio presso il quale ho acquistato tutto il materiale, e la scelta è ricaduta sulla Fomapan 100, anche perché come sviluppo ho scelto il sempiterno Rodinal (anzi: Fomadon R09, altrimenti i puristi si offendono) e una pellcola 100 ASA mi sembrava la scelta migliore. Il mio primo sviluppo mi ha dato risultati scadenti: pellicola esposta a 100 ASA in giornata a basso contrasto (cielo coperto, niente ombre), sviluppo come da bugiardino (9 min 1+50), risultato negativi poco densi (quasi trasparenti) nelle ombre, troppo densi nelle alte luci (il cielo è una specie di macchia opaca sui negativi...); in effetti con 9 min di Rodinal ho fatto più un bollito che uno sviluppo...
Per la mia seconda uscita ho deciso di essere più accorto e ho esposto la pellicola, come qualcuno suggeriva anche qui sul forum, sia a 100 che a 50 ASA per ogni scatto, inoltre ho ridotto lo sviluppo a 7 min e 30: i negativi sono molto più densi (complice la giornata di sole), tuttavia - a differenza di quanto consigliato da molti - i negativi a 50 ASA sono decisamente sovraesposti (e non ho guadagnato sulla nel dettaglio delle ombre, anzi ho perso nelle alte luci). Al ché va fatto un breve disclaimer: ho esposto seguendo la famigerata regola del "sunny 16" (e qua sento già Silverprint che si avvicina per borrirmi :)) ) perché ho usato la mia Fed 3 sprovvista di esposimetro (ne ho uno vecchio con le celle al selenio ma sinceramente lo trovo assai poco affidabile).
In sostanza, ciò che vorrei approfondire (e che farò non appena potrò dedicare un'altra giornata a scattare fotografie) è se sia meglio che io esponga a 50 ASA e riduca ancora il tempo di sviluppo, o se è meglio che mi accontenti dei risultati discretamente buoni avuti a 100 ASA. Mi appello dunque a chi ha più esperienza di me con questa pellicola e ringrazio chi ha dedicato del tempo alla lettura di questo mio primo post.



Advertisement
Avatar utente
adrian
guru
Messaggi: 513
Iscritto il: 12/06/2015, 15:16
Reputation:

Re: Consigli Fomapan 100

Messaggioda adrian » 31/10/2017, 17:34

se esponi con la regola del 16 non puoi pretendere di avere le ombre esposte bene ;) ;)
proseguirei la strada dell'esporla a 50 (meglio) e ridurre il tempo di sviluppo. Personalmente la espongo a 60 ma la sviluppo in hc110 o id11 quindi col rodinal non ti posso aiutare.



Avatar utente
lamanorbu
appassionato
Messaggi: 21
Iscritto il: 31/10/2017, 15:41
Reputation:
Località: Brescia

Re: Consigli Fomapan 100

Messaggioda lamanorbu » 31/10/2017, 19:16

Beh, non posso darti torto; diciamo che ho usato la regola del 16 perché non potevo fare niente di meglio.
Dato che mi piace affrontare questo tipo di problemi in modo abbastanza scientifico, mi permetto di postare qualche immagine (ho provato a cercare nelle regole del forum se ci fosse una dimensione massima per le immagini ma non ho trovato nulla, spero di non essere linciato dagli amministratori). Ho scattato un paio di foto per puro scopo di approfondimento delle proprietà della pellicola, nessuna velleità artistica (penso che guardando gli scatti a nessuno passi per la testa :)) ); come già spiegato nel primo post ho fatto bracketing fra 50 e 100 ASA.
Per prima cosa posto una foto dei negativi fatta con il telefono: effettivamente si vede come il negativo a 50 ASA (in alto) sia ben più denso sui toni medi, ma nelle ombre ci sono assai poche differenze, mentre le alte luci sono (parere di un inesperto quale sono) forse troppo dense sul negativo sovraesposto.
Immagine

Ed ora la ciliegina sulla torta per far arrabbiare i puristi della camera oscura, le scansioni. Ho cercato di agire il meno possibile sui livelli: la prima foto è la 100 ASA e la seconda la 50 ASA (esposizione rispettivamente 1/125 f/11 e 1/125 f/8). Ribadito che valutare i negativi dalle scansioni è blasfemia, a parere mio l'immagine sovraesposta risulta più piatta e c'è una sorta di alone attorno alle zone chiare.

Immagine
Immagine

Naturalmente ribadisco di essere un totale inesperto e dunque mi appello a voi per confermare o, nel caso più probabile, smentire le mie considerazioni.

EDIT: mi scuso per il difetto nelle immagini caricate, quella strana distorsione sul bordo sinistro non è presente nei file originali... (e per no so quale motivo appare molta più grana).



Avatar utente
Scordisk
fotografo
Messaggi: 81
Iscritto il: 04/01/2017, 18:07
Reputation:

Re: Consigli Fomapan 100

Messaggioda Scordisk » 31/10/2017, 20:36

Io uso in continuazione, le FOMA da 200 ISO e le espongo nominalmente come 125, sviluppo in Rodinal Oneshot 1:50, con 10 minuti. Questi 2/3 di stop ho dato alla pellicola, ma anche al Rodinal, perché considero che si possano "cumulare" ed anche devono, le compensazioni per la pellicola, il rivelatore anche. Diciamo che la potenza di Rodinal sia sempre compensata con questi 2/3 dello stop in meno. Inoltre regolarmente sono attento come e dove misuro la luce e regolarmente espongo per le ombre, detto più semplicemente.

Non solo, per gli sviluppi delle stesse FOMA 200 in un rivelatore tipo ID-11, le espongo nominalmente sui 125 ISO.

Sicuramente potrai trovare paragoni per FOMA 100, e sono convinto che potresti trattarla come 64 ISO sempre e in qualsiasi rivelatore standard, esposizione sulle ombre obbligatoria come regola non per FOMA, ma universalmente.

Trovo il primo fotogramma ben esposto, ricco e succoso che ti permetterà di annerire le ombre in modo naturale e con sicurezza, senza perderli, e di esprimere i toni delle alte luci con loro gradazioni. Il secondo fotogramma è salvabile nella camera oscura ma con compromessi.



Avatar utente
marco66
esperto
Messaggi: 204
Iscritto il: 25/05/2013, 13:13
Reputation:

Re: Consigli Fomapan 100

Messaggioda marco66 » 31/10/2017, 20:50

Se vuoi avere dettaglio nelle ombre devi prendere la misurazione nelle ombre.
In questo caso dovevi prenderla nella zona dove il negativo e' bianco . (contorno della porta).



Avatar utente
negativo
fotografo
Messaggi: 40
Iscritto il: 10/03/2017, 1:35
Reputation:

Re: Consigli Fomapan 100

Messaggioda negativo » 01/11/2017, 14:22

In passato avevo utilizzato la Fomapan 200 nel formato 120 e ricordo che qualche problema lo aveva nel senso che l'emulsione era molto delicata e poi a volte presentava strane macchie tanto è che erano stati ritirato dei lotti abbondanti. Per questi motivi l'avevo abbandonata nonostante la resa globale della pellicola non mi dispiaceva. Casualmente ho letto che con la nuova produzione l'emulsione è migliorata sotto questo aspetto. Si può andare tranquilli con l'acquisto?



Avatar utente
lamanorbu
appassionato
Messaggi: 21
Iscritto il: 31/10/2017, 15:41
Reputation:
Località: Brescia

Re: Consigli Fomapan 100

Messaggioda lamanorbu » 01/11/2017, 19:16

Io ho provato solo la 100 in formato 35 mm, dunque non ti so aiutare molto; in ogni caso so che effettivamente qualche anno fa hanno rinnovato l'emulsione per le 200 e le 400 (c'è chi sositiene, pochi in verità, che queste ultime siano a grana tabulare tipo le TMAX), mentre la 100 ha ancora l'emulsione delicata, anche se hanno cambiato il supporto (quello nuovo è bluastro, il vecchio era trasparente). Ho sentito dire che il rinnovo della gamma Foma è stato dovuto all'acquisizione della fallita azienda ungherese Forte, con conseguente adozione di nuovi macchinari per la produzione delle pellicole.



Avatar utente
lamanorbu
appassionato
Messaggi: 21
Iscritto il: 31/10/2017, 15:41
Reputation:
Località: Brescia

Re: Consigli Fomapan 100

Messaggioda lamanorbu » 05/11/2017, 15:36

Buongiorno,
nei giorni scorsi ho avuto modo di fare una nuova uscita fotografica per testare questa pellicola. Come da voi consigliato l'ho esposta a 50 ASA esponendo per le ombre (questa volta mi sono preso la Yashica FRI con l'esposimetro, quindi niente regola del 16), e l'ho sviluppata sempre in Rodinal 1+50 a 20°C per 8 minuti (un po' di più della scorsa volta per avere più dettaglio in ombra) ma con agitazione drasticamente ridotta (per non bruciare le alte luci e sfruttare l'effetto compensatore). Che dite, ho peggiorato le cose o mi sono mosso nella direzione giusta?
Posto i negativi di due scatti esemplificativi, una scena con sole laterale e una scena aperta col sole alle spalle (e infatti si vede un pezzo della mia ombra... :D ):
Immagine
Mi rivolgo a voi in quanto questa è una delle mie prime esperienze di sviluppo, sentitevi liberi di essere puntigliosi nelle critiche.



Avatar utente
marco66
esperto
Messaggi: 204
Iscritto il: 25/05/2013, 13:13
Reputation:

Re: Consigli Fomapan 100

Messaggioda marco66 » 06/11/2017, 14:28

Secondo me forse nel fotogramma della casa diroccata c'e' ancora un po' di sottoesposizione ,ma come al solito bisognerebbe vedere come si stampa .



Avatar utente
Scordisk
fotografo
Messaggi: 81
Iscritto il: 04/01/2017, 18:07
Reputation:

Re: Consigli Fomapan 100

Messaggioda Scordisk » 06/11/2017, 18:14

Ne avrei dato 9 minuti, come da manuale, e avrei agitato il tank normalmente senza riduzioni. Come 64 ASA nominali, non 50. Una cosa importante per Rodinal: bagnare bene la pellicola prima di sviluppo, anzi, tenerla e leggermente agitare il tank, per almeno 1,5 minuto in acqua con temperatura sempre identica al successivo rivelatore. Questa tecnica è utile per permettere che il Rodinal parta prima con lo sviluppo vero. Inoltre, certe altre pellicole con poliestere verniciato, necessitano il buon risciacquo della vernice e uno così almeno si crea una routine.





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti