Consigli, un buon esposimetro minimalista ed affidabile?

Discussioni sugli accessori per il medio formato

Moderatore: isos1977

Avatar utente
schyter
guru
Messaggi: 535
Iscritto il: 11/12/2013, 21:36
Reputation:

Re: Consigli, un buon esposimetro minimalista ed affidabile?

Messaggioda schyter » 22/02/2014, 11:25

graic ha scritto:
schyter ha scritto:io sarò insistente ma proprio per la questione batterie continuo ad insistere sullo Sverdlovsk 4 ...



Si capisce perfettamente che non ne ha mai usato uno, siccome l'uso delle alcaline impone di fare la calibrazione, che in pratica è una staratura della scala della sensibilità della pellicola una cosa del genere si può fare con qualsiasi esposimetro.

fotoloco ha scritto:Forse perchè prima di decidermi a comperarne di quelli buoni ( o che io ritengo tali) ne avevo presi alcuni economici su ebay o da venditori privati in giro per l'Europa, che però alla prova del test (fatto dal mio fotoriparatore oltre che da me) non convertivano un bel cavolo di niente.


http://www.kanto-cs.co.jp/english/adapt ... ter_en.htm
Come vedi alla stessa Kanto Camera, ne vendono due modelli, uno che esegue l'adattamento soltanto meccanico, per apparecchi che funzionano bene a 1.5V e quello con il diodo che esegue l'adattamento elettrico e meccanico, questo ha il diodo e restituisce 1.35V, non è che sono uno buono e uno cattivo sono diversi, per inciso costano uguale.



io non ne ho mai usato uno, ma sono informato del fatto che l'adattatore fornito nel kit dello Sverdlovsk 4 per l'uso di 3 normalissime pile alcaline,
contiene il diodo scottky per l'abbattimento della tensione da 4,5V a 3,8V. :)

qui una discussione in merito...
http://www.flickr.com/groups/zaf/discus ... 448037882/

Probabilmente la batteria al mercurio è stata bandita prima che i sovietici smettessero di produrlo, e così sono intervenuti
già molto tempo fa con il diodo... Pensa te stì comunisti!! ;/)


Una volta nel gregge, è inutile che abbai: scodinzola. ;/)
Mentre la fotografia non può mentire, i bugiardi possono fotografare...
Solo i pesci morti seguono la corrente... ;/)
https://www.flickr.com/photos/schyter/

Advertisement
Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 4342
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Consigli, un buon esposimetro minimalista ed affidabile?

Messaggioda graic » 22/02/2014, 12:10

schyter ha scritto:
io non ne ho mai usato uno,


Io si, la calibrazione va sempre fatta senno da i numeri, d'altra parte la faccenda del diodo (anzi in questo caso dovrebbero essere almeno tre con la relativa complicazione) vale per le pile Silver Oxide, non con le alcaline che hanno una caduta nel periodo di vita del 20%. Comunque non nego che sia un meritevole tentativo della tecnologia sovietica di produrre uno strumento "professionale" di classe paragonabile al materiale tedesco e giapponese. Purtroppo come spesso capitava, si sono dimenticati che doveva essere utilizzato da esseri umani. Il miglior prodotto sovietico di questo tipo, a mio avviso resta il Leningrad 8, che veramente non aveva (troppo) da invidiare agli esposimetri al selenio tedeschi, sicuramente superiore a prodotti anche rinomati come l'Ikophot, il Bewi Automat, l'Agfa Lucimeter, e anche il Gossen Sixtomat, però qui posso anche dire una cavolata perchè non li so collocare tutti nello stesso periodo temporale.


Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Avatar utente
schyter
guru
Messaggi: 535
Iscritto il: 11/12/2013, 21:36
Reputation:

Re: Consigli, un buon esposimetro minimalista ed affidabile?

Messaggioda schyter » 22/02/2014, 12:50

perchè 3 diodi???
ma hai usato in passato lo Sverdlovsk 4?? un mio amico mi ha detto che lui la fa solo
quando cambia le pile... ma per scrupolo...

io intanto mi prendo questo per 13€ se ci riesco... '

http://www.ebay.it/itm/ESPOSIMETRO-SVER ... a7d&_uhb=1

è il modello successivo senza la necessità della taratura. sempre riflessa e incidente. ;/)

ps > qui sotto si vede il diodo sullo Sverdl. 4


http://www.ebay.it/itm/USSR-Sverdlovsk- ... ecc&_uhb=1


Una volta nel gregge, è inutile che abbai: scodinzola. ;/)
Mentre la fotografia non può mentire, i bugiardi possono fotografare...
Solo i pesci morti seguono la corrente... ;/)
https://www.flickr.com/photos/schyter/

Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 4342
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Consigli, un buon esposimetro minimalista ed affidabile?

Messaggioda graic » 22/02/2014, 13:18

Il 6 è molto peggiore non ha neanche più l'ambizione di essere professionale come il 4, anche lui usa le batterie russe 3РЦ53 che ovviamente non si trovano, chissa cosa ci ha ficcato dentro il venditore probabilmente 3LR44 che danno 4.5V (ad inizio scarica) al contrario dei 3.75 originali.
Circa il 4 col diodo, si vede chiaramente che è un'intervento aftermarket, probabilmente è un un normale diodo al silicio tipo 1N4148 che, giustamente abbassa i 4.5V ad 0.6-0.7 arrivano ad un valore prossimo all'originario (sempre a inizio scarica)
In ogni caso molto meglio il 4 del 6
Qui c'è una discussione sul confronto tra i due (in russo io mi sono aiutato con san google)
http://club.foto.ru/forum/11/287432


Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Advertisement
Avatar utente
schyter
guru
Messaggi: 535
Iscritto il: 11/12/2013, 21:36
Reputation:

Re: Consigli, un buon esposimetro minimalista ed affidabile?

Messaggioda schyter » 22/02/2014, 13:25

graic ha scritto:Il 6 è molto peggiore non ha neanche più l'ambizione di essere professionale come il 4, anche lui usa le batterie russe 3РЦ53 che ovviamente non si trovano, chissa cosa ci ha ficcato dentro il venditore probabilmente 3LR44 che danno 4.5V (ad inizio scarica) al contrario dei 3.75 originali.
Circa il 4 col diodo, si vede chiaramente che è un'intervento aftermarket, probabilmente è un un normale diodo al silicio tipo 1N4148 che, giustamente abbassa i 4.5V ad 0.6-0.7 arrivano ad un valore prossimo all'originario (sempre a inizio scarica)
In ogni caso molto meglio il 4 del 6


beh ma io sono minimalista.... :) e 13€ li spendo volentieri per il 6... ho pure trovato il manuale (in russo... ma la mia amante è di Mosca). :D
poi sicuro che mi prendo anche il 4.

il diodo non credo sia un 4148... avrebbe una Vf di almeno 1V ( o peggio 1,25V)
molto + probabilmente il classico scottky BAT.... che ha una Vf decisamente inferiore. :)


Una volta nel gregge, è inutile che abbai: scodinzola. ;/)
Mentre la fotografia non può mentire, i bugiardi possono fotografare...
Solo i pesci morti seguono la corrente... ;/)
https://www.flickr.com/photos/schyter/

Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5548
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Consigli, un buon esposimetro minimalista ed affidabile?

Messaggioda -Sandro- » 22/02/2014, 13:27

Sinceramente, questo sverdlosk è brutto come il peccato (ricorda le skoda), non lo vorrei nemmeno regalato.

Meglio allora uno zeiss ikon, sempre al selenio, piccolo, elegante con il suo astuccino in cuoio, e dotato di tappo diffusore per la lettura incidente.



Avatar utente
schyter
guru
Messaggi: 535
Iscritto il: 11/12/2013, 21:36
Reputation:

Re: Consigli, un buon esposimetro minimalista ed affidabile?

Messaggioda schyter » 22/02/2014, 13:32

-Sandro- ha scritto:Sinceramente, questo sverdlosk è brutto come il peccato (ricorda le skoda), non lo vorrei nemmeno regalato.

Meglio allora uno zeiss ikon, sempre al selenio, piccolo, elegante con il suo astuccino in cuoio, e dotato di tappo diffusore per la lettura incidente.


beh se te lo regalano nn buttarlo... me lo spedisci a spese mie... ;)
io invece non vorrei averne in regalo nemmeno uno al selenio! #:-s


Una volta nel gregge, è inutile che abbai: scodinzola. ;/)
Mentre la fotografia non può mentire, i bugiardi possono fotografare...
Solo i pesci morti seguono la corrente... ;/)
https://www.flickr.com/photos/schyter/

Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5548
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Consigli, un buon esposimetro minimalista ed affidabile?

Messaggioda -Sandro- » 22/02/2014, 13:44

schyter ha scritto:io invece non vorrei averne in regalo nemmeno uno al selenio! #:-s


Evidentemente non lo hai mai provato, altrimenti cambieresti idea.



Avatar utente
schyter
guru
Messaggi: 535
Iscritto il: 11/12/2013, 21:36
Reputation:

Re: Consigli, un buon esposimetro minimalista ed affidabile?

Messaggioda schyter » 22/02/2014, 13:49

va beh...
trovatemi a parità di prezzo un oggetto con queste caratteristiche... e io cambio idea!

http://naiti.ru/foto/sverdlovsk-4/man/

fate una traduzione con google specialmente per quanto riguarda l'alimentazione e le batterie
che accetta senza essere troppo schizzinoso. Per quanto riguarda l'aspetto " Skoda" stendo un velo
pietoso... IMHO :) :) :) tutto con simpatia ovviamente. ;/)

vi segnalo che l'alimentazione è a 3,75V (nominali) e funziona con + 0,25V e -0,75V
praticamente da 3V a 4V senza perdere in precisione (meno di 1/3 di stop)
ecco perchè nn serve tarare ogni volta... basta fare il test batteria con l'apposito
pulsante; se il risultato è ok la lettura sarà ok. :)


Una volta nel gregge, è inutile che abbai: scodinzola. ;/)
Mentre la fotografia non può mentire, i bugiardi possono fotografare...
Solo i pesci morti seguono la corrente... ;/)
https://www.flickr.com/photos/schyter/

Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 4342
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Consigli, un buon esposimetro minimalista ed affidabile?

Messaggioda graic » 22/02/2014, 15:41

schyter ha scritto:
il diodo non credo sia un 4148... avrebbe una Vf di almeno 1V ( o peggio 1,25V)


Su questo sono strasicuro gli schottky si usano per una sola pila. si tratta di assorbimenti minimi di qualche milliampere in quelle condizioni uno schokttky per 0.25 0.30 V e in diodo per piccoli segnali al silicio 0.6-0.7V, basta guardare la curva caratteristica di un 1N4148
Immagine
Il test della batteria non si fa con un pulsante. In pratica il test consiste nel ripetere l'operazione di taratura con a) pressione del pulsante b) rotazione della manopola per leggere quando si accende il led e verificare che la "staratura" della scala delle sensibilità (se sei sfortunato solo in GOST) vada ancora bene. Questa operazione va ripetuta anche per la semplice lettura perchè non avendo i classici tre led a semaforo ma uno solo e avendo una notevole isteresi occorre prima farlo spegnere e poi vedere quando si riaccende, capisco che se uno è abituato a fare cose con molta calma quando fotografa può anche perdere tutto questo tempo compresa l'inquadratura del campo di osservazione su un mirino di pochi mm, ma siamo anni luce distanti dalla Germania. Tra l'altro pesa, con l'adattatore e le batterie come un'altra fotocamera.


Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.



  • Advertisement

Torna a “Medio formato”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti