Costruire la Propria Catena

Discussioni su tecniche fotografiche, esposizione, sistema zonale, post produzione digitale ed altro

Moderatore: etrusco

Avatar utente
tarkus
esperto
Messaggi: 264
Iscritto il: 05/02/2014, 13:17
Reputation:
Località: Napoli

Costruire la Propria Catena

Messaggioda tarkus » 15/10/2016, 13:06

Premessa :
Dopo essermi rotto la testa leggendo tantissimi post sul sistema zonale e aver cercato gli interventi preziosissimi di Andrea sono arrivato a capire l'importanza del sistema zonale e di come esporre bene una fotografia.

Per capire tutte le informazioni ricevute ci ho messo giorni e sto ancora ragionando molto su come procedere bene,
mi sono fatto dei quaderni di appunti con i post di Andrea che ringrazio moltissimo per le lezioni gratuite di fotografia impartite sul forum e per la sua infinità pazienza, inoltre ho capito il perché di molto rancori verso alcuni utenti...inoltre ringrazio tutti gli altri per aver contribuito alla grande mole di informazioni presente su questo gran forum.

detto questo,vorrei costruire le mie catene
1
trix 35mm
hc110 dil E
adox MCC 110
Mcc 110 developer.
2
trix 120
hcc 110 dil E
adox Mcc110
Mcc110 DEV.
3
Panf
ars imago FD
Galerie 2
Beers

Vorrei iniziare a fare i test procedendo nel seguente modo

mi trovo la sensibilità effettiva con il test della sottoesposizione del negativo illustrato sul blog da Andrea
dopodiché per ogni catena una volta trovata la S.E della pellicola mi costruisco il Regolo Zonale
ora le domande sono due

1 da che tempo bisogna partire per sviluppare i film usati per trovare la sensibilità effettiva?
2 una volta trovata la sensibilità effettiva il tempo usato per trovare la suddetta sarà il mio tempo di sViluppo N?
e ci aggiungo la terza che è quella per la quale ho più dubbi
3 come si trovano i tempi N+1 N+2 ecc..?

ho capito che bisogna fare sempre dei test aumentando lo sviluppo e ristampando il regolo zonale con lo sviluppo aumentato in modo da capire come varia il contrasto del negativo sulla carta e quindi rendersi conto di quando usare l N+1 ma di quanto aumento il tempo di sviluppo per trovare eventualmente il mio personale N+1 rispetto alla mia Catena ?

ringrazio anticipatamente chiunque voglia rispondere e mi scuso se ho aperto un altro post ma mi sembrava opportuno non inquinare lezioni di fotografia con il mio quesito che può essere banale


P.s una volta trovata tutta la catena esatta
procederei così: Trovo l'ombra>la misuro>sottoespongo di 2 o 3 stop per portarla nella zona che preferisco>mi rendo conto del contrasto della scena misurando le alte luci> se c'è una differenza tale da portarmele in zone alte non desiderate applico lo sviluppo N-1 o N-2 per portarle in zona VIII
procedo bene ?



Advertisement
Avatar utente
impressionando
superstar
Messaggi: 4061
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: Costruire la Propria Catena

Messaggioda impressionando » 15/10/2016, 13:58

Il tempo di sviluppo per la sensibilità effettiva ha un'importanza relativa... Le parti più sensibili al tempo di trattamento sono le luci..... il piede esce più o meno uguale anche con un +/- 30%
Per accorciare le fasi (se le vuoi accorciare) potresti usare il tempo indicato per la sensibilità nominale se sviluppi la catena su un ingranditore a luce diffusa (aggiustando poi in base alle luci) e partendo da un -20% con ingranditore a luce condensata.
Occhio che le Adox MCC sono piuttosto sensibili ai lotti.... mi sono capitati pacchi molto morbidi che ho dovuto usare su catena affilata su pacchi diversi..... circa 1 punto di gradazione. Un vero peccato perchè la carta è tra le più belle sulla piazza.

Non comprendo la scelta della PanF abbinata alla Galerie e ai Beers. Penso sia delirante effettuare i test con i beers a meno che tu non prenda un 4 fisso e che usi solo quello. Lo scopo dei Beers è paradossalmente quello di rompere la catena, di adattarla al bisogno o, per i più navigati dare un colpo al cerchio e uno alla botte magari cercando pure il colorino che esce solo dal Beers1 o il nero aperto e freddo del Beers7. Magari stai pensando di rendere "Multigrade" la Galerie ma (per me) è una forzatura che di darà solo del filo da torcere anche in virtù del maledetto piede della PanF.

Andrea comunque sarà ben più preciso e competente al riguardo :D



Avatar utente
tarkus
esperto
Messaggi: 264
Iscritto il: 05/02/2014, 13:17
Reputation:
Località: Napoli

Re: Costruire la Propria Catena

Messaggioda tarkus » 15/10/2016, 16:38

impressionando ha scritto:Il tempo di sviluppo per la sensibilità effettiva ha un'importanza relativa... Le parti più sensibili al tempo di trattamento sono le luci..... il piede esce più o meno uguale anche con un +/- 30%


quindi seguendo il tuo consiglio quando andrò a fare i test per trovare la S.E userò il tempo scritto sul bugiardino della tri-x in HC-110a dil E (che mi sembra non c'è tra l'altro :(( )

Per accorciare le fasi (se le vuoi accorciare) potresti usare il tempo indicato per la sensibilità nominale se sviluppi la catena su un ingranditore a luce diffusa (aggiustando poi in base alle luci) e partendo da un -20% con ingranditore a luce condensata.


Stampo su un 670 VC a diffusa quindi il mio tempo di Sviluppo N sarà proprio quello che dice il bugiardino per la sensibilità nominale ?


Non comprendo la scelta della PanF abbinata alla Galerie e ai Beers. Penso sia delirante effettuare i test con i beers a meno che tu non prenda un 4 fisso e che usi solo quello. Lo scopo dei Beers è paradossalmente quello di rompere la catena, di adattarla al bisogno o, per i più navigati dare un colpo al cerchio e uno alla botte magari cercando pure il colorino che esce solo dal Beers1 o il nero aperto e freddo del Beers7. Magari stai pensando di rendere "Multigrade" la Galerie ma (per me) è una forzatura che di darà solo del filo da torcere anche in virtù del maledetto piede della PanF.


Si avevo pensato di testare sul Beers 4 e poi adottare le variazioni al bisogno credi sia inutile?
che sviluppo consigli sulla Galerie?
La catena della PanF sulla Galerie,da quanto ho capito ti garba poco,come mai ?

Spiacevole la questione della MCC perché anche a me piace molto speriamo che migliorino la costanza tra i batch di produzione,a me è capitato uno velato
L'hai trovata reattiva?

Paolo grazie del tuo tempo e dei consigli



Avatar utente
impressionando
superstar
Messaggi: 4061
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: Costruire la Propria Catena

Messaggioda impressionando » 15/10/2016, 19:26

Stampo su un 670 VC a diffusa quindi il mio tempo di Sviluppo N sarà proprio quello che dice il bugiardino per la sensibilità nominale ?
Il tempo giusto per lo sviluppo N te lo suggeriranno le luci quando avrai trovato la sensibilità effettiva. Parimenti le luci ti daranno il tempo per gli N + e -.
La PanF ha un piede lunghissimo e questo è da tenere presente nell'uso. Anche il trovare la sensibilità effettiva sulla PanF è piuttosto ostico (dato il piede e la mancanza di strumenti di misura). La Galerie m'è sempre piaciuta molto.... soprattutto la vecchia... la nuova un po' meno. Pensa che preparavo i negativi per stampare sulla 1 (la mia preferita). Una passata in selenio le dona ciò che manca per far rimanere a bocca aperta e toglierle il vizio di prendere colori strani con alcuni rivelatori.



Avatar utente
Slowhand78
esperto
Messaggi: 182
Iscritto il: 14/06/2013, 22:14
Reputation:
Località: Prato

Re: Costruire la Propria Catena

Messaggioda Slowhand78 » 15/10/2016, 23:07

Per costruire la mia catena, io ho iniziato esponendo un primo rullo come viene spiegato nel blog, poi ho sviluppato con HC110 per 5'00". Prima di stampare ho fatto i test per la carta/rivelatore, in modo da trovarne il fattore medio.
Una volta chiusa la catena sono passato a stampare la prima serie di negativi in modo da valutare che N fosse. Da li mi sono regolato aumentando o diminuendo di un 20% il tempo di sviluppo. Sviluppato un secondo rullo ho controllato ancora una volta sia la SE che la quantità di sviluppo, poi ho fatto altri rulli fino a trovare i vari N- N+.
Io i test li ho fatti tutti con testa a condensatori e filtro 2 inserito, come mi fu suggerito da Andrea al momento dei test.
Spero di esserti stato utile.


Daniele

Avatar utente
tarkus
esperto
Messaggi: 264
Iscritto il: 05/02/2014, 13:17
Reputation:
Località: Napoli

Re: Costruire la Propria Catena

Messaggioda tarkus » 16/10/2016, 2:04

Slowhand78 ha scritto:Una volta chiusa la catena sono passato a stampare la prima serie di negativi in modo da valutare che N fosse


su questo punto fondamentale mi perdo... :(

che intendi quando dici di valutare "che N fosse" ?
valutare in che senso in base a cosa?



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 10831
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Costruire la Propria Catena

Messaggioda Silverprint » 16/10/2016, 8:27

Buongiorno.

"Valutare che N fosse" sarebbe scoprire dove capiti la zona VIII in stampa rispetto a dove era in ripresa.
È sempre una dizione poco chiara, inizialmente.

Mi sembra, anche in base a quel che hai scritto prima, che ti sfugga un punto fondamentale della questione: i tempi di sviluppo del negativo vanno verificati in fase di stampa. Vale a dire che non esiste un tempo per "N", finché stampando non si scopre che le zone di ripresa corrispondono alle zone di stampa con quel certo tempo di sviluppo. Nel caso non corrispondano sarai in una condizione di N+ o N-. Per questo motivo si sviluppano molti rulli test identici in ripresa variando solo i tempi di sviluppo. Questi rulli vanno poi stampati per verificare visivamente cosa viene fuori.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
tarkus
esperto
Messaggi: 264
Iscritto il: 05/02/2014, 13:17
Reputation:
Località: Napoli

Re: Costruire la Propria Catena

Messaggioda tarkus » 16/10/2016, 10:38

Buongiorno
Dopo averci dormito su e dopo il prezioso e chiaro intervento di Andrea mi sembra tutto abbastanza chiaro
devo solo iniziare i test e valutare il tutto, appena finisco questa sessione intensiva di sviluppo C41 (mannaggia a chi dice che il colore e più difficile del bianco e nero :| !!)

Vi chiedo gentilmente,se possibile un ultimo consiglio per la catena con la PanF e Galerie
la userei principalmente con una camera 6x7 per paesaggi marini e paesaggi in generale.
mi serve una pellicola che sia principalmente lenta con una bella estensione tonale e per la carta ho scelto la Galerie che mi sembra la più indicata per ottenere una buna estensione tonale inoltre mi piace molto come rende i toni dopo la virata al selenio voi che ne pensate?
inoltre ho scelto i beers per ottenere una regolazione di fino all'occorrenza oppure mi consigliate il semplice e onesto Dektol ?

Vi ringrazio tutti per questi necessari chiarimenti e vi auguro una buona domenica :ymparty:



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 10831
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Costruire la Propria Catena

Messaggioda Silverprint » 16/10/2016, 21:44

Prima due consigli di carattere generale:
- Viste le difficoltà a cui inevitabilmente andrai incontro ed il tempo notevole che occorre per i test e la loro verifica tenderei a ridurre i materiali da provare.
- Nella scelta dei materiali conviene sempre partire dalla fine, ovvero dalla stampa e fare il percorso a ritroso. Le scelte ne risultano più chiare ed orientate.

Per quel che chiedi e dove lo vuoi stampare lascerei perdere la Pan-F. È una pellicola molto difficile e nervosa e volerla stampare su una carta bella, ma comunque meno versatile di una multigrade, mi sembra andare a cercar rogna.
Hai preso in considerazione la Fuji Acros? L'estensione è molto più ampia, è molto più facilmente gestibile, l'acutanza è più elevata, la definizione anche e la grana è più fine e difficilmente va in difetto di reciprocità (tanto per dirne qualcuna... :) ).


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
tarkus
esperto
Messaggi: 264
Iscritto il: 05/02/2014, 13:17
Reputation:
Località: Napoli

Re: Costruire la Propria Catena

Messaggioda tarkus » 16/10/2016, 22:24

ancora grazie degli ottimi consigli
:-? effettivamente con la Panf mi complico la vita e con la galerie ancor di più
la across 100 è t-grain?
diciamo che è l'unica di bassa sensibilità disponibile oltre la Panf...




Torna a “Tecniche fotografiche”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti