Delta 3200

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
Luigi65
esperto
Messaggi: 128
Iscritto il: 05/11/2010, 20:29
Reputation:
Località: Roma

Delta 3200

Messaggioda Luigi65 » 21/03/2011, 13:28

Ho esposto una Delta 3200 settando la camera a 1600 (di piu' non lo consentiva) e senza sottoesporre di uno stop. In pratica mi sono fidato della lettura dell'esposimetro a 1600. Pensavo di poter recuperare l'esposizione in sviluppo: ho fatto una cacchiata? (Uso il Tetenal ultrafin).

Stessa cosa per HP5+ 400, l'ho esposta a 200 senza sottoesporre di uno stop, posso recuperare in fase di sviluppo?

Grazie
Luigi
Ultima modifica di Luigi65 il 24/03/2011, 9:08, modificato 1 volta in totale.



Advertisement
Avatar utente
etrusco
moderatore
Messaggi: 4626
Iscritto il: 08/12/2009, 12:16
Reputation:
Località: Viterbo
Contatta:

Re: Delta 3200

Messaggioda etrusco » 21/03/2011, 16:48

Certo....hai effettuato un pull ossia hai esposto ad una sensibilità minore della nominale.

In questo modo hai fatto arrivare uno stop in più di luce sulla tua cara pellicola; in questi casi è sufficiente seguire le tabelle dello sviluppo per il settaggio impostato, che nei casi del pull prevede dei tempi di sviluppo minori proprio perchè hai "catturato" più luce del necessario.

Il problema è che su dev chart per l'ultrafin non riporta i dati per 1600 ISO...ma solo per 3200 (o almeno spero di non aver visto male).

Stesso discorso per la HP5+...ci sono i valori solo per i 400 iso....

Non conosco l'ultrafin, magari qualcuno saprà darti più info...altrimenti puoi prendere un rivelatore diverso proprio per non rischiare nulla.


ImmaginePssss, Hei! ... Ti sei ricordato di registrare la tua camera oscura su darkroom locator?

Alessandro "etrusco" De Marchi - @trovarigenerati - @trovareflex - @trovaregalodonna

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8411
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Delta 3200

Messaggioda chromemax » 22/03/2011, 7:51

Sviluppa normalmente, otterrai dei negativi perfettamente stampabili e con delle ombre ben dettagliate. Oramai dimezzare la sensibilità nominale è diventata la mia sensibilità standard e i tempi di sviluppo sono rimasti gli stessi.



Avatar utente
Luigi65
esperto
Messaggi: 128
Iscritto il: 05/11/2010, 20:29
Reputation:
Località: Roma

Re: Delta 3200

Messaggioda Luigi65 » 22/03/2011, 12:38

Grazie mille ragazzi!!!!!
Luigi



Advertisement
Avatar utente
Luigi65
esperto
Messaggi: 128
Iscritto il: 05/11/2010, 20:29
Reputation:
Località: Roma

Re: Delta 3200

Messaggioda Luigi65 » 23/03/2011, 23:29

Ho appena finito di sviluppare con l'Ultrafin i primi 2 rullini Ilford HP5+ esposti a 200 ISO invece che a 400. Per il primo ho seguito il tuo consiglio di seguire i tempi per il 400 ISO. E' venuto chiaro, purtroppo. Credo si possa recuperare in CO ma è sicuramente stato un erorre.

Per il secondo, visto che non c'erano indicazioni, ho aumentato di 2 minuti (a naso) lo sviluppo ed ho aumentato anche un po' l'agitazione ed è venuto decisamente meglio.

Non consiglierei quindi di mantenere gli stessi tempi riportati nel pergamino se si espone ad una sensibilità inferiore, a meno che non si sia recuperato il gap sottoesponendo di uno stop.

Luigi



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8411
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Delta 3200

Messaggioda chromemax » 24/03/2011, 11:58

Luigi c'è qualcosa che non va: se sovraespooni e sviluppi normalmente il negativo dovrebbe uscire semmai troppo scuro. Se è venuto troppo chiaro c'è stato un sottosviluppo, cosa confermata anche dal trattamento del secondo rullino, anch'esso sovraesposto, che è venuto meglio aumentando lo sviluppo.
I tempi riportati dai fabbricanti sono indicativi e vanno adattati alla propria attrezzatura e modus operandi dello sviluppo e della stampa.



Avatar utente
Luigi65
esperto
Messaggi: 128
Iscritto il: 05/11/2010, 20:29
Reputation:
Località: Roma

Re: Delta 3200

Messaggioda Luigi65 » 24/03/2011, 14:32

Le foto sono state fatte con la mia Rolleiflex biottica 6x6. L'esposimetro ad ago sul laterale, sebbene non preciso come quelle di una reflex con misurazione spot o integrata, fino adesso aveva funzionato bene. Avevo provato tempo fa a confrontare la lettura della Rollei con la FM2 new e piu' o meno, a parità di scena, ci stavamo (stessa doppietta diaframma tempi).

Il settaggio della camera è stato messo a 200 ISO mentre la pellicola era a 400 ISO per l'HP5+. Ho sovraesposto solo quando il soggetto aveva dietro troppo cielo e poteva essere scuro (solita accortezza che si usa in questi casi). Per il resto mi sono fidato della lettura esposimentrica che utilizzando il settaggio a 200 ISO ritengo abbia fatto entrare piu' luce del normale. In effetti le negative dovevano essere piu' scure di quello che sono (primo rollo chiarissimo secondo quasi buono) e quindi mi viene da pensare che l'esposimetro abbia funzionato male. Siccome devo sviluppare altri 3 rotoli (un delta 3200 esposto a 1600, un Tmax 400 ed un Tmax 100 esposti alla loro sensibilità) secondo voi che faccio? Allungo un po' i tempi di sviluppo?

Luigi





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti