Delta3200

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
osvi
fotografo
Messaggi: 52
Iscritto il: 09/04/2010, 18:07
Reputation:

Re: Delta3200

Messaggioda osvi » 27/01/2015, 7:34

DanieleLucarelli ha scritto:C'è da considerare anche il fatto che in scansione la HP5 (come tante altre pellicole) guadagna almeno 2 stop sulla sensibilità effettiva, sotto l'ingranditore, per me, andrebbero perse anche giacca e manico della chitarra.


Non sono d'accordo, il negativo (che ho appena ricontrollato) mostra esattamente gli stessi particolari, perfettamente stampabili anche in camera oscura, anzi, forse meglio. ;)



Advertisement
Avatar utente
DanieleLucarelli
guru
Messaggi: 1092
Iscritto il: 12/08/2010, 16:56
Reputation:
Località: Livorno
Contatta:

Re: Delta3200

Messaggioda DanieleLucarelli » 27/01/2015, 8:24

Deduco quindi che non hai esposto per sensibilità effettiva di 3200.

La HP5 è l'unica pellicola che ho testato in modo abbastanza approfondito e la sensibilità effettiva oscilla intorno ai 200 iso con tutti i rivelatori da me utilizzati.

L'unico modo per ottenere più sensibilità (non saprei esattamente quanto visto che in tutti i miei test mi fermo sempre alla S.E. di 400 iso) è proprio l'utilizzo di uno scanner.



Avatar utente
osvi
fotografo
Messaggi: 52
Iscritto il: 09/04/2010, 18:07
Reputation:

Re: Delta3200

Messaggioda osvi » 27/01/2015, 12:04

DanieleLucarelli ha scritto:Deduco quindi che non hai esposto per sensibilità effettiva di 3200.

La HP5 è l'unica pellicola che ho testato in modo abbastanza approfondito e la sensibilità effettiva oscilla intorno ai 200 iso con tutti i rivelatori da me utilizzati.

L'unico modo per ottenere più sensibilità (non saprei esattamente quanto visto che in tutti i miei test mi fermo sempre alla S.E. di 400 iso) è proprio l'utilizzo di uno scanner.



Boh, l'unica cosa che so per certa è proprio che ho esposto a 3200 ISO e sovrasviluppato di conseguenza. Di più non so ma il negativo è praticamente uguale e non c'è nemmeno postproduzione.



Avatar utente
bafman
superstar
Messaggi: 1909
Iscritto il: 04/06/2012, 22:25
Reputation:
Località: MO
Contatta:

Re: Delta3200

Messaggioda bafman » 27/01/2015, 12:40

occorre intendersi su quell' "esporre a 3200"

Daniele non mette in dubbio che tu abbia impostato a 3200 ma bisognerebbe capire poi dove e come si effettua la lettura, tanto più in una situazione estrema come questa



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8062
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Delta3200

Messaggioda chromemax » 27/01/2015, 14:31

La sensibilità effettiva, i test, i grafichetti che a me sono tanto cari, il sistema zonale, ecc, ecc. sono strumenti che hanno senso solo se utilizzati per arrivare al risultato che si ha in mente. Allo stesso modo, e con la stessa importanza, è anche il tiraggio estremo.
Certo, con il contrasto che c'era nella scena si poteva esporre la HP-5 a 80 iso, sviluppare N-3 ed ottenere un negativo pieno di dettagli, ma magari instampabile lo stesso perché mosso, e poi in stampa mascherare a nero tutto tranne il viso e la chitrarra perché l'immagine che si voleva era così, oppure... si prende l'HP-5 si espone a 3200, si fa l'esposizione sul viso e si sviluppa in microphen per 18 minuti.
L'immagine è efficace così com'è; certo, una scala tonale completa sul negativo avrebbe permesso di avere ampia libertà di manovra espressiva in stampa, che è semper la scelta migliore, ma se il push-processing senza senso non è il massimo, non lo è neanche il sistema zonale a tutti i costi, sono strumenti e sono al servizio del fotografo.



Avatar utente
lo_Spocchioso
guru
Messaggi: 931
Iscritto il: 14/01/2015, 16:00
Reputation:
Località: Torino

Re: Delta3200

Messaggioda lo_Spocchioso » 27/01/2015, 14:57

chromemax ha scritto:L'immagine è efficace così com'è; certo, una scala tonale completa sul negativo avrebbe permesso di avere ampia libertà di manovra espressiva in stampa, che è semper la scelta migliore, ma se il push-processing senza senso non è il massimo, non lo è neanche il sistema zonale a tutti i costi, sono strumenti e sono al servizio del fotografo.


Santo subito!


Andrea - le mie foto analogiche sul digitalissimo Flickr

A fare a gara a fare i puri, troverai sempre uno più puro... che ti epura.

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8062
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Delta3200

Messaggioda chromemax » 27/01/2015, 16:43

lo_Spocchioso ha scritto:
chromemax ha scritto:L'immagine è efficace così com'è; certo, una scala tonale completa sul negativo avrebbe permesso di avere ampia libertà di manovra espressiva in stampa, che è semper la scelta migliore, ma se il push-processing senza senso non è il massimo, non lo è neanche il sistema zonale a tutti i costi, sono strumenti e sono al servizio del fotografo.


Santo subito!

Grazie ma preciso subito che tirare la pellicola a muzzo giusto perchè "mi piacciono i neri profondi e i contrasti forti" senza saper gestire bene il sistema zonale è solo indice di presunzione e ignoranza (anche il contrario ma in genere chi sa praticare il SZ è già passato per il tiraggio, il rodinal 1+25 e tri-x, ecc, ecc :ymdevil: )



Avatar utente
osvi
fotografo
Messaggi: 52
Iscritto il: 09/04/2010, 18:07
Reputation:

Re: Delta3200

Messaggioda osvi » 27/01/2015, 18:13

E quindi, in estrema sintesi?
Preciso subito che sono d'accordo, i mezzi vanno usati a seconda delle esigenze e delle situazioni. Onestamente se faccio paesaggio (faccio solo esclusivamente paesaggio) scatto utilizzando il S.Z. e cercando al più ampia scala tonale possibile. I condizioni più simili alla foto in questione in genere me ne frego della scala tonale perchè amo in genere i chiaroscuri forti che si generano, basta avere in mente COSA voler mettere in evidenza. Certo, potrei portarmi il mio esposimetro spot di 1°, fare un po' di misure e impostare di conseguenza ma mi manca poi l'immediatezza dello scatto e non posso, ad ogni variazione di luminosità, ripetere tutto, per cui misuro il viso, le ombre e le alte luci e vedo che compromesso adottare perchè poi devo fare i conti con tempi e diaframmi ottimali a certo risultato. Insomma, non è mai così semplice in condizioni estreme, a qualcosa si deve rinunciare.

osvi



Avatar utente
Pacher
superstar
Messaggi: 2983
Iscritto il: 22/01/2013, 22:12
Reputation:
Località: purosangue Trentino

Re: Delta3200

Messaggioda Pacher » 27/01/2015, 18:44

osvi ha scritto:
DanieleLucarelli ha scritto:C'è da considerare anche il fatto che in scansione la HP5 (come tante altre pellicole) guadagna almeno 2 stop sulla sensibilità effettiva, sotto l'ingranditore, per me, andrebbero perse anche giacca e manico della chitarra.


Non sono d'accordo, il negativo (che ho appena ricontrollato) mostra esattamente gli stessi particolari, perfettamente stampabili anche in camera oscura, anzi, forse meglio. ;)

Non sempre i dettagli presenti nelle ombre sul negativo risultano stampabili con buoni risultati in CO. Pero' spesso si scansionano bene.

osvi ha scritto:E quindi, in estrema sintesi?
Preciso subito che sono d'accordo, i mezzi vanno usati a seconda delle esigenze e delle situazioni. Onestamente se faccio paesaggio (faccio solo esclusivamente paesaggio) scatto utilizzando il S.Z. e cercando al più ampia scala tonale possibile. I condizioni più simili alla foto in questione in genere me ne frego della scala tonale perchè amo in genere i chiaroscuri forti che si generano, basta avere in mente COSA voler mettere in evidenza. Certo, potrei portarmi il mio esposimetro spot di 1°, fare un po' di misure e impostare di conseguenza ma mi manca poi l'immediatezza dello scatto e non posso, ad ogni variazione di luminosità, ripetere tutto, per cui misuro il viso, le ombre e le alte luci e vedo che compromesso adottare perchè poi devo fare i conti con tempi e diaframmi ottimali a certo risultato. Insomma, non è mai così semplice in condizioni estreme, a qualcosa si deve rinunciare.
osvi


In sintesi estrema si usa quello di cui si ha bisogno. Ma tirare un negativo senza cognizione di causa è la stessa cosa che usare il sistema zonale senza avere fatto i test. Poi si sa…qualcosa esce sempre.
Perché non provi a stamparlo quel fotogramma e farci vedere la scansione della stampa? :)



Avatar utente
osvi
fotografo
Messaggi: 52
Iscritto il: 09/04/2010, 18:07
Reputation:

Re: Delta3200

Messaggioda osvi » 27/01/2015, 19:22

Pacher ha scritto:...Ma tirare un negativo senza cognizione di causa è la stessa cosa che usare il sistema zonale senza avere fatto i test...


Si, però non capisco se pensi che io abbia tirato il negativo senza cognizione di causa.... in questo caso ti posso dire che non è così. Certo, la HP5+ a 3200 iso era poco più che una curiosità: volevo cercare altre soluzioni poichè in genere uso la Fuji Neopan 1600 a 3200 iso sviluppata in X-Tol stock ma già allora c'era il sentore che Fuji avrebbe poi fatto (come ha fatto) la colossale stronzata di non produrre più quel gioiello di pellicola.
Volevo mettermi ai ripari e siccome la Delta 3200 non mi piace..... meno male che poi ho fatto una certa scorta di neopan. :)

La scansione della stampa dici? Mah, ho molti dubbi in proposito ma si potrebbe anche fare... ci penso su.





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti