Delta3200

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
DanieleLucarelli
guru
Messaggi: 1092
Iscritto il: 12/08/2010, 16:56
Reputation:
Località: Livorno
Contatta:

Re: Delta3200

Messaggioda DanieleLucarelli » 03/02/2015, 13:01

joeanty ha scritto:Non sono d'accordo: come ci si dedica a "studiare" il comportamento delle pellicole esposte correttamente con un certo rivelatore, chi vieta di "studiare" il comportamento delle pellicole sottoesposte e sovrasviluppate in un dato rivelatore?

Alla fine, potrebbe essere addirittura visto come un'estremizzazione del sistema zonale...


Provo a spiegarmi peggio (la migliore spiegazione è, come sempre, sul tread: Lezioni di fotografia" di Silverprint).

Tirare una pellicola può essere fatto solo se si utilizza l'indice di esposizione IE che si basa sul rendere grigio medio quello che si è esposto per il grigio medio.
Il grigio medio è abbastanza sensibile allo sviluppo e quindi è possibile ottenerlo anche con forti sottoesposizioni e conseguenti sovrasviluppi.
Ma questo sistema che si basa su un singola misura della luce non ci da informazione sul contrasto della scena e quindi non sappiamo quante ombre andremmo a perdere e quante luci andremmo a saturare, per questo dicevo che il risultato sarà casuale (in realtà non è casuale ma legato al contrasto della scena).

Se utilizzo la Sensibilità Effettiva SE non può esistere il tiraggio proprio perché la sensibilità effettiva si misura sulla zona I abbastanza insensibile allo sviluppo. Esiste però la gestione dello sviluppo per decidere come disporre i toni alti della scena. Nessuno però vieta di misurare un tono abbastanza chiaro e decidere di metterlo in zona II, questo con la misura del contrasto e la sensibilità effettiva sarà gestibile e controllabile.

Se riuscite a capire poi rispiegatemelo perché mi sono perso.



Advertisement
Avatar utente
DanieleLucarelli
guru
Messaggi: 1092
Iscritto il: 12/08/2010, 16:56
Reputation:
Località: Livorno
Contatta:

Re: Delta3200

Messaggioda DanieleLucarelli » 03/02/2015, 13:27

bafman ha scritto:Daniele,
il tuo riassunto non fa una piega e sarebbe bello che il mantra del "mi piacciono i forti contrasti" fosse riconosciuto per una bischerata quando è smaccatamente moda o fatalismo camuffato, perchè talvolta può esserci un`idea specifica che gli dà piena legittimità

...però taci su un elemento cardine che è quello di non potersi consentire, in tante occasioni, di far arrivare tanta luce sulla pellicola e "non potersi consentire" un flash non equivale per definizione a "non volerlo usare", si possono avere ragioni più articolate e lo stesso dicasi per il treppiede.

I motivi per certe costrizioni possono essere vari; si può tagliare corto e dire "piuttosto non scatto" o "piuttosto uso il digitale" e spesso queste due opzioni sono la miglior cosa ma non per questo escludo lo stato di necessità, che giustifica i compromessi purchè se ne sia consci che tali sono.


Ma alla fine, per ottenere quella foto, sia utilizzando il SZ che il Tiraggio la coppia tempo/diaframma sarebbe stata la stessa e il tempo di sviluppo lo stesso, solo che nel primo caso avresti saputo esattamente come sarebbe venuta fuori, nel secondo no.



Avatar utente
joeanty
guru
Messaggi: 423
Iscritto il: 20/01/2013, 0:38
Reputation:
Località: Roma

Re: Delta3200

Messaggioda joeanty » 04/02/2015, 9:23

Pacher ha scritto:Solo che tirando una pellicola inevitabilmente le ombre si chiudono e in stampa poi risultano come dei macchioni neri.

[...]

Purtroppo con certi soggetti non è il massimo, ma per altri potrebbe andare benissimo. Come al solito dipende da cosa si vuol ottenere.


Appunto, dipende da cosa vuoi ottenere, ma non solo nel senso di resa dei toni.
La resa dei toni è solo una delle possibilità espressive che entrano in gioco in uno scatto, tra le altre abbiamo i tempi e la profondità di campo (e altro ancora).
A volte occorre scendere a compromessi per via della situazione contingente, oppure rinunciare allo scatto, cosa che in molte altre discussioni è giustamente stata criticata.

Semmai la casualità sta nel fatto che, in certe situazioni, è impossibile effettuare misure corrette e coerenti della luce (e del contrasto della scena) che permettano di mettere in pratica il SZ come si conviene: anche se esistesse una pellicola con SE di 3200 ISO che non rendesse necessario sottoesporre la scena per "catturare" il movimento, in questo caso i risultati sarebbero comunque casuali.

DanieleLucarelli ha scritto:Ma alla fine, per ottenere quella foto, sia utilizzando il SZ che il Tiraggio la coppia tempo/diaframma sarebbe stata la stessa e il tempo di sviluppo lo stesso, solo che nel primo caso avresti saputo esattamente come sarebbe venuta fuori, nel secondo no.


Tirare di due stop la pellicola equivale a mettere il grigio medio in zona 3, con la consapevolezza di perdere i dettagli di quello che era due stop più giù del grigio medio e impastare nel nero tutto ciò che era ulteriormente sotto (come esposizione): non vi ritrovate con un trattamento N+2?

Fermo restando che PRIMA di sperimentare le capacità espressive della sovra/sotto esposizione di una pellicola bisognerebbe diventare padroni nel suo utilizzo nelle condizioni di applicazione del SZ, secondo me chi conosce il comportamento della HP5+ tirata a 1600 o della Delta tirata a 3200 ha sicuramente più frecce al suo arco di chi invece si limita a scattarle rispettivamente a 160 ISO e 1250 ISO.

Nell'esigenza contingente/espressiva di avere un certo tempo impostato sulla fotocamera, chi scatta dovrebbe avere in primis la consapevolezza di esasperare il contrasto di una scena contrastata di suo, di perdere le basse luci e bruciare le alte ed in seconda battuta la capacità di valutare in modo meno casuale, seppur probabilmente sempre empirico, questo effetto.

Misurare la SE di una pellicola in un certo rivelatore e determinare il tempo di sviluppo ottimale stabilendo la densità che deve avere sul negativo un'area esposta in una certa zona, per chi pratica la fotografia in certi tipi di situazioni di illuminazione, non è l'unico passo necessario: deve anche valutare la risposta del mezzo alle sollecitazioni "standard" a cui è sottoposto durante il suo lavoro, un po' come si fa quando si deve trovare la curva che descrive il difetto di reciprocità di una pellicola nella propria catena di lavoro.


La creatività è la capacità di immaginare soluzioni non convenzionali rispetto a situazioni che siamo in grado di riconoscere senza difficoltà: l'attenzione viene catturata quando si disattendono le aspettative fondate sulla consuetudine esperenziale.



  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti