Densità ZONA 8

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Densità ZONA 8

Messaggioda paolob74 » 16/09/2011, 21:03

Ciao a tutti,

COme sempre stò facendo test sulle pellicole, ho un dubbio che riguarda il mio ingranditore a condensatori:

Il caro Ansel consigliava una desità 1,20 / 1,30 (zona 8) per gli ingranditori a diffusione e una desità 1,10 / 1,20 (zona 8) per gli ingranditori a condensatori.

Ho appena letto un libro che però consiglia 0,90 per questa zona, effettivamente passo parecchio tempo a "bruciare" quindi mi è venuto il dubbio.

Qualche utente ha esperienza con questo ingranditore?

Grazie 1000



Advertisement
Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8152
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Densità ZONA 8

Messaggioda chromemax » 17/09/2011, 0:36

Secondo me dovresti cominciare a calibrare per il Sistema Zonale partendo dalla carta; definito l'ES (Exposure Scale ) della carta puoi risalire alla DR (Density Range) che deve avere il negativo. A questo punto posizioni la DR nella curva caratteristica della pellicola e ricavi la densità della zona che ti interessa.
Spero che tu ci capisca qualcosa,è una risposta un po' criptica, ma quest'ora della notte non riesco a fare meglio.
Doamni mi schiarisco le idee :)



Avatar utente
zioAlex
superstar
Messaggi: 2037
Iscritto il: 14/07/2011, 15:26
Reputation:
Località: Albano Laziale (rm)

Re: Densità ZONA 8

Messaggioda zioAlex » 17/09/2011, 9:41

...giustamente la sera si inizia perdere la connessione! (-| :))
ma che tipo d'ingranditore hai?
In parole molto molto semplici, per un ingranditore a luce diffusa necessitano negativi con una densità "+alta", cioè + marcati, di contro quelli a condensatore necessitano negativi con una densità "+bassa", cioè + delicati; di solito c'é una differenza del 20% circa di sviluppo in più o in meno.... Comunque se bruci parecchio, significa che la densità é alta, ovviamente si dovrebbe vedere il negativo e regolarsi con il tempo base che dai per l'esposizione...
I numeri delle densità che hai trovato differenti tra quelle consigliate da Adams e quelle del libro,é che oggi si sono pellicole e carte diverse rispetto a quelle di Adams, offrono una gamma tonale + estesa.. Tutto questo comunque é stato spiegato anche da Andrea sul forum della sensitometria... :-h


Nikon F4 Nikon F80
Nikkor-Q Auto f.135/2.8 Sigma 28/70 2.8
I.F.F. Eurogon con testa colori sottrattiva
**************
nokia C7

Avatar utente
ometto
fotografo
Messaggi: 81
Iscritto il: 12/02/2011, 17:21
Reputation:
Località: Padova

Re: Densità ZONA 8

Messaggioda ometto » 17/09/2011, 13:08

Le tue considerazioni sono sterili senza informazioni riguardanti la carta. Mi spiego : la D 1,20 per la zona VIII e' consigliata con ingranditori a condensatori e con carta fissa di gradazione normale cioe' la 2, oppure con carta a gradazione e filtro n 2 trattata in un sviluppo normale. Non e' neccessario che la carta sia per forza la n 2, puo' anche differire di +/- 1 gradazione anche perche' lo stesso contrasto tra carte diverse quasi mai coincide. Poi, per essere sicuro al 100% di quello che dici dovresti avere conferma dal tuo personale "regolo zonale". Per definizione la zona VIII (+3 stop) da il grigio chiarissimo con deboli dettagli non distingiubili in stampa (senza bruciature) anche sul tuo regolo zonale. Quest'ultimo indispensabile per chi adotta il SZ.
Personalmente io mi ritrovo perfettamente con una D 1,20/1,25 per la zona VIII con ingraditore a condensatori ,carta ILford multigrade sia FB che RC, filtro n 2 ilford e sviluppo a fondo (3 min ) in kodak DEKTOL 1+3 a 20/22 °c.
Ciao Ometto



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8152
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Densità ZONA 8

Messaggioda chromemax » 17/09/2011, 13:47

Cos'è il "regolo zonale"?



Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Re: Densità ZONA 8

Messaggioda paolob74 » 17/09/2011, 13:47

Scusate ma non ho messo informazioni sulla carta:

prevalentemente utilizzo

ORIENTAL multigrade

ADOX multigrade

Sviluppo Bromophen

Credo comunque che il consiglio migliore sia quello di testare la carta prima che la pellicola.

Avete da consigliarmi qualche metodo in questo senso?



Avatar utente
ometto
fotografo
Messaggi: 81
Iscritto il: 12/02/2011, 17:21
Reputation:
Località: Padova

Re: Densità ZONA 8

Messaggioda ometto » 17/09/2011, 20:24

chromemax ha scritto:Cos'è il "regolo zonale"?

In breve e' una serie di 11 stampe ( e' sufficiente un 10 x 15) che corrispondono ai valori dei grigi di tutte le zone dalle 0 a X.
Devono essere fatte partendo da un negativo con impresse tutte le zone una x fotogramma precedentemente ricavate da un test (fotografando il classico cartoncino grigio ad esempio con esposizioni differenti fino ad ottenere le 11 zone). Il tempo di stampa sotto l'ingranditore deve essere lo stesso x tutti le 11 stampine e deve essere quello minimo che in zona O mi da il nero massimo ottenibile con quella carta. Se tutte le 11 stampine hanno le caratteristiche richieste dalle zone del sistema zonale si possono attaccare a fisarmonica con del nastro adesivo e il nostro regolo e' pronto.
Questo in poche righe ma su qualsiasi libro o sito che tratti il SZ trovi tutte le informazioni su questo test pratico che e' essenziale per chi adotta il sistema zonale.
Ciao, ometto



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8152
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Densità ZONA 8

Messaggioda chromemax » 17/09/2011, 23:47

Ah, ho capito. Ma permittimi di dissentire sulla affermazione che questo è essenziale per chi adotta il "Sistema Zonale".
La taratura del minimo tempo per il massimo nero è solo uno dei diversi sistemi adottabili per tarare il Sistema Zonale, descritto anche nell'ottimo articolo di silverprint (Andrea Calabresi) sul blog di analogica e qui sul forum.
Se si ha a disposizione un densitometro si può tarare il sistema usando questo apparecchio; questo non significa che il minimo tempo per il massimo annerimento non funzioni e/o non debba essere fatto, anzi il "regolo zonale" può essere molto utile per avere un confronto visivo con gli effettivi valori delle zone. A riguardo anzi può essere utile usare al posto dell'abusato e troppo uniforme cartoncino grigio un qualche soggetto con trama come un muro o un asciugamano di spugna, che renderanno in maniera più chiara l'effetto sulle texture delle varie esposizioni. Spesso si tende a dimenticare che una texture è una variazione di toni di grigio e che quindi, ad esempio, una texture posta in Zona III in realtà si presenterà sul negativo come una variazione di toni dalla Zona I alla Zona IV e che nella media sarà di un valore grigio Zona III. Avere un regolo con le texture al posto dei valori di grigio imho permette di vedere in modo molto più diretto quale sarà la resa finale approssimativa della zona previsualizzata.



Avatar utente
ometto
fotografo
Messaggi: 81
Iscritto il: 12/02/2011, 17:21
Reputation:
Località: Padova

Re: Densità ZONA 8

Messaggioda ometto » 18/09/2011, 1:03

Secondo me Adams non sarebbe d'accordo con te'. Il regolo zonale e' solo espressione piu'"materica" di tutta la sensinometria del propio "metodo",(come lo chiamava Adams) semplicemente perche' sono solo gli occhi che verificano la propia stampa finale. Anch'io quando raramente provo qualche nuova pellicola o sviluppo faccio dei test e ricavo la D con densitometro e mi disegno le curve, ma poi questi dati sono sempre sterili senza una stampa .Ti cito un mio personale esempio: la tmax 100 Kodak con una densita 1,2 in zona VIII mi da in stampa un grigio chiarissimo con pochissimi dettegli senza contrasto. Con la stessa identica D nella stessa zona l'ilford Fp4, pur dandoti lo stesso grigio chiarissimo mantiene un dettaglio sicuramente "pelato" ma senza dubbio superiore per quantita' e contrasto rispetto alla Tmax. Insisto su questo perche' e' solo la successiva stampa che verifica tutto questo. A riguardo abbiamo l'esempio scritto da paolob74 pocanzi, il quale con una D di 1,2 in zona VIII ( e quindi teoricamente ottimale) ottiene nella pratica delle alte luce tappate che necessinato di bruciatura.

Ciao, ometto
Ultima modifica di ometto il 18/09/2011, 1:15, modificato 1 volta in totale.



Avatar utente
ometto
fotografo
Messaggi: 81
Iscritto il: 12/02/2011, 17:21
Reputation:
Località: Padova

Re: Densità ZONA 8

Messaggioda ometto » 18/09/2011, 1:14

paolob74 ha scritto:Scusate ma non ho messo informazioni sulla carta:

prevalentemente utilizzo

ORIENTAL multigrade

ADOX multigrade

Sviluppo Bromophen

Credo comunque che il consiglio migliore sia quello di testare la carta prima che la pellicola.

Avete da consigliarmi qualche metodo in questo senso?


Visto che usi la carta a contrasto variabile io proverei a diminuire di 1/2 o anche di 1 gradazione e lascerei cosi il negativo con i suoi ottimali valori di Densita'. Anche perche' come dice Adams e' meglio ottenere un negativo con buon contrasto e stamparlo su carta a gradazione normale o appena morbida che non il contrario, a suo avviso e anche di molti altri, le carte dure si "mangiano" un po di grigi...
Ciao, ometto





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti