Diapositive Agfa

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia a colori

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
Ottooooo
fotografo
Messaggi: 45
Iscritto il: 14/02/2012, 18:21
Reputation:

Re: Diapositive Agfa

Messaggioda Ottooooo » 04/03/2012, 20:24

luca 1970 ha scritto:Se sono delle Maco, marchiate rollei per me equivale a dire rimarchiate, che poi i risultati siano buoni è una bella notizia... solo una cosa non capisco 200 ISO con giornate soleggiate... a me parevano gia troppi i 50... per i 200 li concepiso solo per la notturna a mano libera. :D

Ciao Lu.


Bhè se sei per esempio in città coi 200 in questo periodo già alle 3-4 del pomeriggio smetti di scattare a meno di sole modello deserto del sahara! E poi bisognerebbe provarla prima la pellicola... se la grana resta fine e i colori ok non vedo quale sia il problema dei 200 iso. L'unico problema semmai potrebbe essere la base trasparente usata dalla maco che sembra essere molto delicata nei riguardi della luce, ma una volta che lo si sa amen, ed il prezzo è ottimo. Beato te se hai la mano ferma di notte per i 200 iso, a me balla sempre tutto. :(( Se le provi posta le tue impressioni!



Advertisement
Avatar utente
luca 1970
guru
Messaggi: 474
Iscritto il: 31/12/2011, 17:09
Reputation:
Località: Chieri (TO)

Re: Diapositive Agfa

Messaggioda luca 1970 » 05/03/2012, 7:46

Rettifico per non essere frainteso (avevo messo le faccine ma non sono bastate), probabilmente la proverò, trovandola, e se lavora bene come piace a me non ci sono problemi ... anzi.
Devo però precisare che a me piace la resa delle dia 50-100asa per contrasto e saturazione (insomma le pellicole un po' nervose), dal 200 in poi le trovo un po' più "morbide", inoltre il guadagno di un solo stop rispetto alle 100 non me le fanno apprezzare molto, tanto vale usare direttamente il 400 o l'800 iso.
A mao libera con un 28 o un 35mm non è difficilissimo scattare foto nitide con una reflex con il 15 o l'8° di secondo e con un 2,8 è una condizione che incontri abbastanza facilmente, se superi poi c'è il cavalletto o l'appoggio di fortuna ;)

Ciao Lu.


"La mia non è arte. Faccio il fotografo. Quello che è impresso nel negativo è quello che c'è in realtà" H. Newton

Avatar utente
Ottooooo
fotografo
Messaggi: 45
Iscritto il: 14/02/2012, 18:21
Reputation:

Re: Diapositive Agfa

Messaggioda Ottooooo » 05/03/2012, 10:26

Andando preferibilmente nella categoria "paesaggi" e utilizzando lenti zoom che non indicano neanche a spanne la profondità di campo risultante purtroppo devo dire che un 2,8 forse non l'ho nemmeno mai usato ;) Comunque restando sul tema ci sono ancora pellicole dia a 400/800 iso per i 35mm? Credo che di reperibile in giro a questa sensibilità sia rimasta solo la provia...



Avatar utente
luca 1970
guru
Messaggi: 474
Iscritto il: 31/12/2011, 17:09
Reputation:
Località: Chieri (TO)

Re: Diapositive Agfa

Messaggioda luca 1970 » 05/03/2012, 12:12

Credo anch'io non ci sia molto in giro, a suo tempo avevo tirato una Velvia 50 fino a 800 iso i risultati non erano malvagi... ma i costi del trattamento mi avevanoi indotto a non provarci più; oggi invece che non si trova più molto magari usare una 200 tirata a 800 potrebbe non essere una pessima idea (soprattutto se la 200 non è male e per giunta economica).

Se vai di paesaggi... direi che è d'obbligo avere nella borsa almeno un 28 e un 20... io sono affetto da una grave forma di sindrome da acquisto compulsivo legato ad oggetti in cui è misciato ferro e vetro (possibilmete pochissima plastica).... ma non voglio fare il demone tentatore.

Ciao Lu.


"La mia non è arte. Faccio il fotografo. Quello che è impresso nel negativo è quello che c'è in realtà" H. Newton

Advertisement
Avatar utente
Ottooooo
fotografo
Messaggi: 45
Iscritto il: 14/02/2012, 18:21
Reputation:

Re: Diapositive Agfa

Messaggioda Ottooooo » 05/03/2012, 13:49

luca 1970 ha scritto:Se vai di paesaggi... direi che è d'obbligo avere nella borsa almeno un 28 e un 20... io sono affetto da una grave forma di sindrome da acquisto compulsivo legato ad oggetti in cui è misciato ferro e vetro (possibilmete pochissima plastica).... ma non voglio fare il demone tentatore.
Ciao Lu.


Ho una Ricoh 35mm col "famoso" 28-105 Vivitar serie 1, per quello che scatto io va più che bene ed odio portarmi dietro molta roba... anzi starei pure cercando una borsa da infilare da qualche parte sulla bici da corsa ma già solo corpo+zoom occupano troppo spazio mi sa. Ultimamente ero tentato dal provare a prendere una compatta a telemetro, ma sembrano avere tutte lenti tra i 40 e i 55mm per cui anche li niente nuovi acquisti mi sa...



Avatar utente
luca 1970
guru
Messaggi: 474
Iscritto il: 31/12/2011, 17:09
Reputation:
Località: Chieri (TO)

Re: Diapositive Agfa

Messaggioda luca 1970 » 06/03/2012, 7:38

Anch'io ho avuto una Ricoh, la KR10M per essere precisi, sono macchine affidabili e ben costruite, lo stesso dicasi per il vivitar 28-105 che purtroppo non ho mai avuto ma ne ho sempre sentito parlare bene.

Hai provato a sistemare macchiana ed obiettivo separati in una di quelle borse triangolari sotto sella? dovrebbe starci senza problemi anche se non ricordo la dimensione dello zoom.

Ciao Lu.


"La mia non è arte. Faccio il fotografo. Quello che è impresso nel negativo è quello che c'è in realtà" H. Newton

Avatar utente
Ottooooo
fotografo
Messaggi: 45
Iscritto il: 14/02/2012, 18:21
Reputation:

Re: Diapositive Agfa

Messaggioda Ottooooo » 06/03/2012, 9:45

luca 1970 ha scritto:Anch'io ho avuto una Ricoh, la KR10M per essere precisi, sono macchine affidabili e ben costruite, lo stesso dicasi per il vivitar 28-105 che purtroppo non ho mai avuto ma ne ho sempre sentito parlare bene.
Hai provato a sistemare macchiana ed obiettivo separati in una di quelle borse triangolari sotto sella? dovrebbe starci senza problemi anche se non ricordo la dimensione dello zoom.
Ciao Lu.


Hahahaha guarda il caso... è la macchina che ho io :ymparty:
Purtroppo le borse sottosella più che triangoli sono normalmente piccoli parallepipedi e ci starebbe giusto una compatta digitale o solo lo zoom(a forza), la KR è pure abbastanza voluminosa come corpo, ho un corpo pentax recente più compatto ma non mi fido a montarci lenti con messa a fuoco manuale in quanto tocca regolarsi solamente col matte screen.



Avatar utente
luca 1970
guru
Messaggi: 474
Iscritto il: 31/12/2011, 17:09
Reputation:
Località: Chieri (TO)

Re: Diapositive Agfa

Messaggioda luca 1970 » 06/03/2012, 14:18

Hai ragine mi sono spiegato male, i sottosella sono piccolini, intendevo quelle borse che si assicurano al telaio ed hanno una forma tringolare perchè agganciano al traverso superiore (quello orizzontale) e al traverso verticale su cui si inserisce lo stelo della sella, quello dovrebbe esere sufficientemente grande e mi sembra di averlo visto sia da decathlon che negli ormai onnipresenti shop gestiti dai cinesi.

Ha quanti bei ricordi la Ricoh, l'ho venduta per prendermi la LX, ma con lei ho compiuto i primi passi nel mondo della fotografia consapevole (nel senso che mi ero iscritto ad un gruppo fotografico e frequentavo il corso ... inizio anni '90).

Ciao Lu.


"La mia non è arte. Faccio il fotografo. Quello che è impresso nel negativo è quello che c'è in realtà" H. Newton

Avatar utente
Matteo100
fotografo
Messaggi: 41
Iscritto il: 12/02/2012, 14:35
Reputation:

Re: Diapositive Agfa

Messaggioda Matteo100 » 06/03/2012, 16:39

A proposito della diapositiva Agfa ho trovato un commento a questo link, se vi può interessare. http://www.ciao.it/Agfa_Agfachr_ct_Prec ... ne_1305874



Avatar utente
Emanuele
esperto
Messaggi: 148
Iscritto il: 10/02/2011, 16:19
Reputation:
Località: Siracusa

Re: Diapositive Agfa

Messaggioda Emanuele » 13/03/2012, 15:34

luca 1970 ha scritto:trovarle credo proprio che in giro non si trovino più... la RSX50 è stata per anni la mia preferita, l'unico neo a mio parere era il nero che a voler essere gentili era caldo (un eufemismo per dire che era un marrone molto scuro, ma non nero). Penso di sostituirlo con fuji sempre che continui la produzione.

Ciao Lu.


Condivido l'esperienza di Luca, La RSX dava colori molto belli ma l'ho abbandonata perché spesso i neri viravano sul cinabro (in maniera assolutamente random: nello stesso rullino, alcuni fotogrammi presentavano il problema, altri no) :-?
Ho usato tutte le marche, praticamente, ed ormai da diversi anni sono approdato a Fuji.

Volevo, però, aggiungere alla discussione un criterio di valutazione meno "immediato", rispetto alla resa dei colori, contrasto, grana, etc.
Da anni sto digitalizzando il mio archivio fotografico, sia le pellicole che continuo a scattare che quelle del passato, con uno scanner Nikon Coolscan LS-50. Questo mi ha permesso di valutare la loro qualità anche attraverso la durata nel tempo dei colori. Invariabilmente, le diapositive che meglio hanno resistito nel tempo, con slittamenti di colori minimi (utilizzo dia dal 1985) sono le Kodak Ektachrome e le tutte le Fuji in genere, anche le economiche Sensia. Risultati cattivi o addirittura pessimi :(( (ahimé, visibili solo a distanza di anni) per le Kodak Elìte, Ilfochrome 200, Perutz, Scotch, Agfachrome 50, etc. Questo fatto mi ha spinto ad adottare definitivamente le Fuji, che abbinano all'ottima resa qualitativa anche una grande stabilità nel tempo dei colori.

Su questo argomento ho già scritto l'anno scorso sul forum, allegando esempi:
carnevale-di-venezia-t488.html#p4275


"C'è differenza tra una bella ed una buona fotografia. La prima risponde all'estetica, la seconda risponde alla realtà, al racconto veritiero di una storia, scolpita nella lingua della vita e non solo nella forma".
Gianni Berengo Gardin



  • Advertisement

Torna a “Colore - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite