domande di un giovane neofita

Discussioni sugli accessori per il formato 35mm

Moderatore: isos1977

Avatar utente
VonRajoria
fotografo
Messaggi: 59
Iscritto il: 29/01/2013, 15:53
Reputation:

domande di un giovane neofita

Messaggioda VonRajoria » 04/04/2013, 23:00

Buonasera a tutti,

Ritorno con una paio di domande:

1) Ho cominciato di recente a scattare in manuale, e visto che mi baso sulla cara vecchia regola del 16, mi sono chiesto "che tempi/aperture devo usare quando scatto di notte?"

2) Recentemente ho acquistato un flash, ma ho qualche dubbio riguardo alla sincronizzazione di esso con i tempi di scatto: finora l' ho usato scattando ad 1/60 come predefinito nella OM-10 [il flash invece è un Quick Auto 310]. Cosa succede se scatto col flash a tempi differenti da quello preimpostato?

3) compensazione: qualcuno riesce a spiagarmi come funziona questa tecnica? So che il risultato finale lo si ottiene sviluppando la pellicola più a lungo, ma quindi se compenso solo qualche fotogramma, come faccio?

Spero di essere stato chiaro in queste domande anche se ho qualche dubbio :D

Vi ringrazio in anticipo!


Weapons o' choice:

-Contax 159MM con Yashica ML 24mm f/2.8, Zeiss Planar 50mm f/1.4, Zeiss Vario Sonnar 80-200mm, Sigma APO 400MM f/5.6

Advertisement
Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9123
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: domande di un giovane neofita

Messaggioda chromemax » 04/04/2013, 23:41

1) Ho cominciato di recente a scattare in manuale, e visto che mi baso sulla cara vecchia regola del 16, mi sono chiesto "che tempi/aperture devo usare quando scatto di notte?"

Per il giorno ti consiglio di prendere un esposimetro, sicuramente è più preciso dell'occhio e impari anche ad usare una cosa in più, oltre a capire meglio come funzional'esposizione. Per la notte, un esposimetro sensibile può ancora essere utile, se usato bene (non bisogna farlo influenzare dalle luci artificiali) e scatti a forcella variando di parecchio l'esposizione tra uno scatto e l'altro, tenendo in conto anche il difetto di non reciprocità della pellicola usata. Se cerchi nel forum (con l'opzione di ricerca) se ne è parlato molte volte.
2) Recentemente ho acquistato un flash, ma ho qualche dubbio riguardo alla sincronizzazione di esso con i tempi di scatto: finora l' ho usato scattando ad 1/60 come predefinito nella OM-10 [il flash invece è un Quick Auto 310]. Cosa succede se scatto col flash a tempi differenti da quello preimpostato?

Se il tempo è un po' più lungo non succede nulla (tipo 1/30), se è un bel po' più lungo allora alla luce emessa dal flash si aggiunge anche la luce ambiente che va quindi calcolata nell'esposizione e si possono ottenere delle immagini interessanti con soggetti in movimento, in cui l'immagine del soggetto è fissata dal lampo ma è visibile anche la strisciata del movimento provocato dalla luce ambiente. Tempi di scatto più brevi non possono essere usati con le macchine con otturatore a tendina (come la tua) pena una vistosa striscia scura.

3) compensazione: qualcuno riesce a spiagarmi come funziona questa tecnica? So che il risultato finale lo si ottiene sviluppando la pellicola più a lungo, ma quindi se compenso solo qualche fotogramma, come faccio?

Se ti riferisci all'uso di uno sviluppo compensatore in fase di trattamento, esso agisce su tutti i fotogrammi del rullino. Uno sviluppo compensatore evita che, sul negativo, le parti più luminose della scena si anneriscano troppo (stiamo parlando del negativo, quindi le parti chiare sono scure) e questo aiuta in fase di stampa a recuperare i dettagli in caso di forti contrasti. Lo scotto da pagare è che in genere gli sviluppi compensatori tendono anche a comprimere i toni chiari impastandoli un po'. Un sistema sporco e rapido per rendere "compensatore" uno sviluppo è quello di diluirlo, ma esistono anche formule specifiche. Non è vero che il risultato si ottiene sviluppando di più, anzi in questo caso avviene il contrario, il contrasto del negativo aumenta troppo (parti scure veramente troppo nere).

Per latri dubbi o chiarimenti, siamo qui :)



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: domande di un giovane neofita

Messaggioda Silverprint » 04/04/2013, 23:49

Ciao VonR!

NOTA: Azz... :( mi sono quasi sovrapposto a Chromemax, ma va repetita juvant e poi lui è più bravo a capire le cose misteriose e più veloce a scrivere!

VonRajoria ha scritto:"che tempi/aperture devo usare quando scatto di notte?"

Eh... saperlo! :-o
In città se ben illuminata dai lampioni puoi provare tempi intorno ad 8" f:8 con una 400 iso... non che sia la ricetta universale, anzi, ma si ricorda facilmente! :))
Per il resto bisogna mettersi li a far le prove con ampli bracketing e prima o poi si riesce ad azzeccarci abbastanza e quindi a fare... meno bracketing. :D

VonRajoria ha scritto:Cosa succede se scatto col flash a tempi differenti da quello preimpostato?
Se usi un tempi più lento del tempo syncro X nulla di male, con tempi lunghi si avrà una doppia immagine, quella esposta dalla luce ambiente e quella fermata dal flash, più netta in primo piano.
Coi tempi più brevi invece non viene esposto tutto il fotogramma e quindi ci sarà solo una "fetta" di foto tanto più piccola quanto più sarà veloce il tempo di scatto. Non bisogna farlo.

VonRajoria ha scritto:compensazione: qualcuno riesce a spiegarmi come funziona questa tecnica? So che il risultato finale lo si ottiene sviluppando la pellicola più a lungo, ma quindi se compenso solo qualche fotogramma, come faccio?


Mi sa che questa domanda è mal formulata, non la capisco :( Non so cosa sia la "tecnica della compensazione".
Sviluppando di più si ha più contrasto e più grana. E naturalmente con pellicole in rullo si fa su tutto il rullo. Non so cosa significhi compensare solo qualche fotogramma...


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
joeanty
guru
Messaggi: 423
Iscritto il: 20/01/2013, 0:38
Reputation:
Località: Roma

Re: domande di un giovane neofita

Messaggioda joeanty » 05/04/2013, 0:15

Mi sono sovrapposto agli altri...

1) I tempi di notte vanno stimati con l'esperienza, comunque possono andare tra i pochi secondi e le decine di minuti, a seconda delle condizioni di illuminazione.

Quando l'esposizione supera il secondo, devi tenere conto del difetto di reciprocità della pellicola, ovverosia devi prolungare il tempo determinato dall'esposimetro per ottenere l'esposizione desiderata (o aprire il diaframma).

Il prolungamento dell'esposizione sarà tanto maggiore quanto più lunga è l'esposizione calcolata. Inoltre, il principio di reciprocità non vale più, cioè variando di uno stop il diaframma, non basta compensare variando il tempo di uno stop in senso opposto.

Ogni pellicola presenta un suo difetto di reciprocità (tranne la Fuji Neopan Across 100 che, fino a 20 o 30s non ha bisogno di compensazione).

Per questa foto (su Kodak T-Max 100):
Immagine
ho dovuto esporre 15 minuti a f/11, quando il tempo stimato con l'esposimetro era di circa 3 minuti

Per questa foto (su Ilford HP5+):
Immagine
ho esposto per 4 minuti a f/11 a fronte di 40 secondi stimati con l'esposimetro.

Infine, per questa (su Fuji Neopan Across 100):
Immagine
ho esposto per 4 secondi a fronte di 4 secondi stimati

2) Il tempo di Syncro Flash della OM10 è di 1/60s: se scatti con un tempo più rapido (praticamente indipendentemente dal flash che usi), solo una parte del fotogramma risulterà esposto correttamente mentre l'altra parte rimarrà scura.
Questo succede perchè, quando scatti, l'otturatore si apre (parte la prima tendina) e poi si chiude (parte la seconda tendina). Il lampo del flash avviene quando la prima tendina è arrivata a fine corsa e la seconda deve ancora partire, con la pellicola completamente esposta alla luce.
Se il tempo di esposizione è troppo rapido, la seconda tendina parte prima che la prima sia arrivata a fine corsa ed il lampo (che dura meno di 1/1000 di secondo) sarà "catturato" solo dalla porzione di pellicola esposta in quel momento (l'otturatore della OM10, se non erro, è a scorrimento orizzontale, quindi verrebbe esposta una striscia verticale di pellicola).
Esistono alcuni flash ed alcuni corpi che possono scattare in combinazione anche con tempi più rapidi del syncro (es: Nikon D300 e SB800), ma sono casi particolari e non credo esistano situazioni analoghe per le nostre care vecchie manual focus analogiche)

3) A parte Foma che, millanta la possibilità di sovraesporre di uno stop o sottoesporre di uno stop senza variare i tempi di sviluppo le sue fomapan 100, 200 e 400 o la Kodak, che dichiara che le Tri-X, le T-Max 100 e le T-Max 400 possono essere sottoesposte di uno stop senza variare i tempi di sviluppo, la compensazione andrebbe usata per tutto il rullo.
Esistono però situazioni (es: scatti sulla neve, scatti su sfondo scuro, scatti controluce) che necessitano di poter "ingannare" l'esposimetro: se scatti sulla neve o sulla spiaggia, devi sovraesporre di 1 stop (o più) per compensare la lettura dell'esposimetro che vorrebbe farti esporre qualsiasi cosa come se fosse grigio medio (compresa la neve). Analogamente se scatti controluce, devi sovraesporre di due o più stop.
Se scatti invece contro uno sfondo scuro, devi sottoesporre di uno stop perchè l'esposimetro vorrebbe fartelo "schiarire".

Spero di essere riuscito a spiegarmi, anche se in modo non proprio rigoroso ed ortodosso :-)


La creatività è la capacità di immaginare soluzioni non convenzionali rispetto a situazioni che siamo in grado di riconoscere senza difficoltà: l'attenzione viene catturata quando si disattendono le aspettative fondate sulla consuetudine esperenziale.

Advertisement
Avatar utente
VonRajoria
fotografo
Messaggi: 59
Iscritto il: 29/01/2013, 15:53
Reputation:

Re: domande di un giovane neofita

Messaggioda VonRajoria » 05/04/2013, 15:37

Vi ringrazio tutti, specie Joeanty per le chiare delucidazioni riguardo alle esposizioni notturne...

Comunque ero tentato di comprarmi un esposimetro, solo che poi c'ho rinunciato dato che leggendo qua e la sul web, tutti dicono che i vecchi esposimetri servono a poco e funzionano male, e che è meglio scattare il più possibile per allenare l' occhio...
Ma ora che mi dite che in realtà non è così, che esposimetro mi consigliereste?


Weapons o' choice:

-Contax 159MM con Yashica ML 24mm f/2.8, Zeiss Planar 50mm f/1.4, Zeiss Vario Sonnar 80-200mm, Sigma APO 400MM f/5.6

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: domande di un giovane neofita

Messaggioda Silverprint » 05/04/2013, 16:12

VonRajoria ha scritto:... che esposimetro mi consigliereste?


Ah boh? Mica è semplice. Comunque l'esposimetro è indispensabile... hai voglia ad allenar l'occhio!!!

Io preferisco la misurazione spot in luce riflessa che se ben utilizzata è molto più precisa, però usare bene l'esposimetro spot anche molto più "difficile" e gli esposimetri spot sono più costosi.
Lavorare in luce incidente è più immediato e meno preciso, ma è più economico. C'è anche una discreta scelta di apparecchi recenti abbastanza abbordabili.

Tanto per fare un esempio (ci sono molte alternative): http://www.sekonic.com/products/l-308s/overview.aspx


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
isos1977
superstar
Messaggi: 1784
Iscritto il: 13/09/2011, 22:23
Reputation:
Località: Milano

Re: domande di un giovane neofita

Messaggioda isos1977 » 05/04/2013, 16:23

VonRajoria ha scritto:leggendo qua e la sul web, tutti dicono che i vecchi esposimetri servono a poco e funzionano male, e che è meglio scattare il più possibile per allenare l' occhio...
Ma ora che mi dite che in realtà non è così, che esposimetro mi consigliereste?


beh.. ci sono dei vecchi esposimetri che rimangono ancora ottimi. Ad esempio il gossen profisix (o lunapro)...

Per la scelta. dipende anche da cosa vuoi fotografare (notte/giorno, se vuoi usare il flash, ecc...). se vuoi fotografare di notte, il profisix arriva a EV -8 (= buio).

Comunque se vuoi rimanere sul "moderno". trovo i sekonic ottimi, dal 208 in su (in base a cosa ci devi fare)

:-h


"Se il fotografo non vede, la macchina fotografica non lo farà per lui" - Kenro Izu

Avatar utente
joeanty
guru
Messaggi: 423
Iscritto il: 20/01/2013, 0:38
Reputation:
Località: Roma

Re: domande di un giovane neofita

Messaggioda joeanty » 05/04/2013, 20:13

Io ho un Sekonik L-308S Flashmate, che va abbastanza bene anche di notte (anche se per la foto con esposizione di 15 minuti è andato fuori scala), può essere usato sia per luce incidente che riflessa (nel qual caso ha un angolo di lettura di 40°), permette di misurare l'esposizione flash anche senza l'uso della presa syncro e non costa tanto. Infine, ha un accessorio (il lumidisk) incluso nella confezione che trovo utile per la stampa con l'ingranditore: permette di misurare l'uniformità della luce sul piano di proiezione, agevolando la centratura della lampada.
Questo è l'esposimetro con cui ho cominciato ad usare la Mamiya e che ti consiglierei, ma ammetto di non aver mai provato i Gossen che mi dicono essere molto buoni e, alcuni modelli, particolarmente adatti alla fotografia notturna.

Ho anche un Minolta Spotmeter F, che come tutti gli esposimetri spot non è particolarmente sensibile, quindi è più adatto ad un uso diurno, ma è uno strumento più "particolare" e diventa necessario solo se vuoi cominciare ad applicare seriamente il sistema zonale.
Con la sua cupoletta, diventa anche lui un esposimetro a luce incidente e anche lui è in grado di determinare l'esposizione per il flash, ma in questa modalità è più un ripiego che altro.


La creatività è la capacità di immaginare soluzioni non convenzionali rispetto a situazioni che siamo in grado di riconoscere senza difficoltà: l'attenzione viene catturata quando si disattendono le aspettative fondate sulla consuetudine esperenziale.

Avatar utente
VonRajoria
fotografo
Messaggi: 59
Iscritto il: 29/01/2013, 15:53
Reputation:

Re: domande di un giovane neofita

Messaggioda VonRajoria » 05/04/2013, 21:36

Beh io principalmente fotografo di giorno, però ogni tanto mi capita di fotografare di notte,specie quando viaggio...
Quindi cerco un esposimetro piuttosto versatile, ma soprattutto economico! Facendo una ricerca rapida su eBay, ho scoperto che il Gossen Profisix e il sekonic l-308 costano un po' troppo per le mie tasche, in compenso ho trovato i Gossen Lunasix 3 che sono piuttosto economici e per quanto ho capito, sembrano ottimi. L'unica pecca è che utilizzano anche loro, come la mia cara OM-1, le vecchie odiose pile da 1.35v, quindi dovrei comprare un adattatore come farò a breve per la macchina...


Weapons o' choice:

-Contax 159MM con Yashica ML 24mm f/2.8, Zeiss Planar 50mm f/1.4, Zeiss Vario Sonnar 80-200mm, Sigma APO 400MM f/5.6

Avatar utente
isos1977
superstar
Messaggi: 1784
Iscritto il: 13/09/2011, 22:23
Reputation:
Località: Milano

Re: domande di un giovane neofita

Messaggioda isos1977 » 05/04/2013, 22:31

il lunasix può essere un buon compromesso. Se ne trovano anche "modificati" per utilizzare pile in commercio.

:-h


"Se il fotografo non vede, la macchina fotografica non lo farà per lui" - Kenro Izu



  • Advertisement

Torna a “35mm”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti