Dove e comeconservate i negativi

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
imagewind
fotografo
Messaggi: 60
Iscritto il: 12/10/2012, 11:57
Reputation:

Re: Dove e comeconservate i negativi

Messaggioda imagewind » 07/02/2016, 19:15

per anni ho usato i pergamini (hama, Kaiser ecc) poi i fogli in polipropilene (printfile o clearfile). A parte la possibilità di fare i provini senza dover inserire le strisce nel provinatore e poi rimettere a posto (peraltro non faccio più i provini a contatto ma una scansione) quelli in polipropilene si dice siano migliori avendo superato i test per essere idonei alla massima sicurezza della conservazione nel tempo. Comunque ho negativi in pergmanino dal 1988 in poi e sono tuttora integri e perfetti, mi sa che anche io tornerò al pergamino.



Advertisement
Avatar utente
Androll
appassionato
Messaggi: 6
Iscritto il: 03/02/2016, 12:25
Reputation:

Re: Dove e comeconservate i negativi

Messaggioda Androll » 11/02/2016, 22:06

Assolutamente i pergamini.
Ma qualcuno ha mai provato quelli in vendita su ars-imago?
Sono apparentemente senza marca, ma vista la professionalità del negozio immagino siano buoni.
Sarebbe comodo ordinarli insieme alle pellicole (10€ 100 fogli)



Avatar utente
Matteo Virili
guru
Messaggi: 440
Iscritto il: 08/05/2014, 16:04
Reputation:

Re: Dove e comeconservate i negativi

Messaggioda Matteo Virili » 11/02/2016, 22:22

Androll ha scritto:Assolutamente i pergamini.
Ma qualcuno ha mai provato quelli in vendita su ars-imago?


Io uso quelli. Per quel poco che ne capisco mi sembrano ben fatti.
L'unica cosa che devi sapere è che, per il 35mm, le 7 tasche sono fatte per accettare comodamente solo strisce da 5 fotogrammi, mentre le strisce da 6 ci vanno un po' strette (rimane scoperto un millimetro da un lato e dall'altro).
Io faccio 6 strisce da 5 e l'ultima da 6. Quando è un rullo fatto con la Yashica T4 invece di strisce da 6 ne ho 3, perché si riescono sempre a fare 38 foto con quel mostro di compatta :D



Avatar utente
Androll
appassionato
Messaggi: 6
Iscritto il: 03/02/2016, 12:25
Reputation:

Re: Dove e comeconservate i negativi

Messaggioda Androll » 11/02/2016, 22:54

Grande allora sono da provare.
Ovviamente da abbinare ad un bel raccoglitore ad anelli :D .
Se non costasse un capitale l' ilford Archivia Prestige Portfolio Negative Box sarebbe spettacolare



Avatar utente
imagewind
fotografo
Messaggi: 60
Iscritto il: 12/10/2012, 11:57
Reputation:

Re: Dove e comeconservate i negativi

Messaggioda imagewind » 12/02/2016, 17:23

interessante articolo sulla conservazione
http://www.nadir.it/tecnica/CONSERVAZIONE_MATFOT.htm#02
io ho negativi in pergmanino da 35 anni e sono perfetti, ultimamente uso quelli in polipropilene, che superano il test pat............mah..mi domando ma quanto li voglio conservare questi amati negativi...saluti



Avatar utente
HGW27
fotografo
Messaggi: 33
Iscritto il: 30/11/2015, 17:26
Reputation:
Località: Sabaudia
Contatta:

Re: Dove e comeconservate i negativi

Messaggioda HGW27 » 12/02/2016, 18:38

Non vorrei passasse come pubblicità ma i pergamini acquistati da Ars-Imago sono ottimi e, invece, per quanto riguarda la trasparenza i provini a contatto sono, secondo me, la migliore soluzione.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk



Avatar utente
SydraFloyd
fotografo
Messaggi: 45
Iscritto il: 21/06/2015, 11:49
Reputation:

Re: Dove e comeconservate i negativi

Messaggioda SydraFloyd » 07/01/2018, 18:47

Ciao!

Stavo dando un'occhiata ai portanegativi Print File. Sto valutando l'acquisto dal loro sito ufficiale ma mi sono bloccato un attimo.
Qualche settimana fa avevo acquistato dei portanegativi trasparenti della Svar da un sito italiano affidabile, 25 fogli al prezzo di 14 euro. Ora su Print File noto che 100 fogli, sempre trasparenti, costano circa 30 dollari, 25 euro, per giunta senza spese di spedizione verso l'Italia (spediscono dagli States). Sul forum ho avuto modo di leggere che i Print File sono tra i più consigliati, qualora si opti per i portanegativi trasparenti.

Mi domando: come è possibile avere una tale differenza di prezzo, per giunta senza spese di spedizione verso l'Italia, quando un sito italiano fa pagare lo stesso prodotto - di qualità simile al Print File, se non di poco inferiore - almeno il doppio?

C'è qualcosa che mi sfugge... :-?


SydraFloyd

«Ho fatto delle foto. Ho fotografato invece di parlare. Ho fotografato per non dimenticare. Per non smettere di guardare.»
― Daniel Pennac

Avatar utente
Mandelbrot
guru
Messaggi: 308
Iscritto il: 28/07/2015, 23:24
Reputation:

Re: Dove e comeconservate i negativi

Messaggioda Mandelbrot » 07/01/2018, 20:12

Quanto valgono le tasse e i costi di spedizione?



Avatar utente
SydraFloyd
fotografo
Messaggi: 45
Iscritto il: 21/06/2015, 11:49
Reputation:

Re: Dove e comeconservate i negativi

Messaggioda SydraFloyd » 07/01/2018, 21:28

Mandelbrot ha scritto:Quanto valgono le tasse e i costi di spedizione?


Costo di spedizione dall'America, nessuno.
Per quanto riguarda le tasse, il prezzo è all-inclusive, eccezion fatta per eventuali spese doganali dovute all'importazione in Europa (che però raramente vengono applicate).


SydraFloyd

«Ho fatto delle foto. Ho fotografato invece di parlare. Ho fotografato per non dimenticare. Per non smettere di guardare.»
― Daniel Pennac

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11208
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Dove e comeconservate i negativi

Messaggioda Silverprint » 08/01/2018, 0:15

I Print File sono meglio degli Svar.
Sono certificati per conservazione e la linea di prodotti è completissima.

Li uso dai primi anni '90... mai un problema.

È possibile che l'ordine venga girato direttamente all'importatore italiano (Shades International di Milano).


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp



  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti