Dubbi per sviluppo multiplo

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
argentico
appassionato
Messaggi: 4
Iscritto il: 30/08/2012, 9:53
Reputation:

Dubbi per sviluppo multiplo

Messaggioda argentico » 30/08/2012, 10:40

Dovrei sviluppare 12 rullini in formato 120 Ilford Fp4 e Hp5 ed ho a disposizione il seguente materiale:
ID-11 che lo utilizzerei stock per le Hp5 (esposte a 400 ISO) e Microphen stock per la Fp4 (esposta a 200 ISO). In aggiunta avrei anche del Rodinal (R09) che userei per le Fp4 esposte ai loro Iso nominali.
Fino ad oggi ho sempre usato una tank AP nella quale ho sviluppato un rullo alla volta. Stavolta, per risparmiare un po' di tempo, ho acquistato una Patterson System 4 in modo da poter trattare un paio di rullini contemporaneamente. Il dubbio è il seguente: utilizzando il prodotto stock (1 litro) per rivelare due film nella stessa tank, secondo voi devo applicare una compensazione del 10% in più del tempo di sviluppo?
Leggendo la documentazione Ilford dell'ID-11, una compensazione del 10% incrementale deve essere applicata ogni qual volta lo stesso stock è usato per rivelare più film in successione (fino ad un massimo di 10 ) ma francamente non ho capito se devo applicarla ugualmente se tratto più film contemporaneamente nello stesso processo.
Grazie!



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Dubbi per sviluppo multiplo

Messaggioda Silverprint » 30/08/2012, 10:49

Ciao!

argentico ha scritto:...non ho capito se devo applicarla ugualmente se tratto più film contemporaneamente nello stesso processo.

No. Non devi applicarla subito (il chimico è fresco e la quantità che userai è doppia).

Applicherai la correzione la volta successiva in base al numero di rulli fatti. Se fai due rulli insieme e poi rimetti la soluzione usata nella rimanente nuova e poi riusi il tutto, la correzione da applicare al turno di sviluppo successivo sarà quella per due rulli (10%+10%).


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
argentico
appassionato
Messaggi: 4
Iscritto il: 30/08/2012, 9:53
Reputation:

Re: Dubbi per sviluppo multiplo

Messaggioda argentico » 30/08/2012, 10:53

Andrea grazie per la tua tempestiva risposta ;) Mi metto all'opera così vi farò vedere quello che esce fuori...



Avatar utente
fabrizio979
fotografo
Messaggi: 95
Iscritto il: 13/12/2010, 15:12
Reputation:
Località: Catania

Re: Dubbi per sviluppo multiplo

Messaggioda fabrizio979 » 30/08/2012, 11:34

Silverprint ha scritto:Ciao!

argentico ha scritto:...non ho capito se devo applicarla ugualmente se tratto più film contemporaneamente nello stesso processo.

No. Non devi applicarla subito (il chimico è fresco e la quantità che userai è doppia).

Applicherai la correzione la volta successiva in base al numero di rulli fatti. Se fai due rulli insieme e poi rimetti la soluzione usata nella rimanente nuova e poi riusi il tutto, la correzione da applicare al turno di sviluppo successivo sarà quella per due rulli (10%+10%).


Ciao Andrea,

premetto che non ho mai riusato il rivelatore perche' sviluppo pochi rullini (infatti ho due bottiglie di id-11 pronto da 8 mesi in in frigo e non so se usarlo o buttarlo..).

1. Perche' la correzione da applicare dovrebbe essere 10%+10% anziche semplicemente 10% ?

2.perche' il rivelatore gia usato va mischiato insieme a quello nuovo? Non si potrebbe infatti riusare da solo? Nel primo caso, quale dovrebbe essere la quantità di rivelatore nuovo da mischiare a quello gia' usato (1:1, 2:1, etc) ?



Advertisement
Avatar utente
pinomar
fotografo
Messaggi: 40
Iscritto il: 11/10/2010, 20:58
Reputation:

Re: Dubbi per sviluppo multiplo

Messaggioda pinomar » 30/08/2012, 12:12

A mio parere è sconsigliabile usare lo sviluppo mono bagno per trattamenti successivi in quanto tende ad inquinarsi di residui di sviluppo con le immaginabili conseguenze di sporcizia per gli sviluppi successivi.
Diverso è il caso degli sviluppi a due bagni, uno dei quali (il secondo) è sempre a perdere.
Con ID-11 e Microphen preferirei usare la soluzione 1+1 con risultati costanti e sicuri, mentre per un maggior effetto compensatore si può arrivare anche ad 1+3.
Quanto al Rodinal ho sempre avuto ottimi risultati con la soluzione 1+25 in soluzione usa e getta, ma si può arrivare anche ad 1+100.
Trattandosi di numerosi rulli, io non rischierei il trattamento con soluzioni stock già usate più di una volta e comunque userei uno fissaggio sempre fresco.
Da oltre un anno sto usando il fissaggio TF2 (in mezzo litro di acqua, sciogliere, in sequenza, prima 250 grammi di sodio iposolfito, 15 grammi di sodio solfito anidro e 6 grammi di carbonato di sodio monoidrato solway -in sostituzione del sodio metaborato- reperbile al supermercato, aggiungendo acqua fino a fare un litro) che preparo poco prima dello sviluppo e lo riutilizzo nel giro di qualche giorno, comunque non oltre una settimana.
Pinomar



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Dubbi per sviluppo multiplo

Messaggioda Silverprint » 30/08/2012, 14:40

pinomar ha scritto:A mio parere è sconsigliabile usare lo sviluppo mono bagno per trattamenti successivi in quanto tende ad inquinarsi di residui di sviluppo con le immaginabili conseguenze di sporcizia per gli sviluppi successivi.


Non è sempre vero. In alcuni rivelatori, pensati fin dall'origine per la rigenerazione, come il d-76 ed equivalenti, l'x-tol, l'HC-110, etc. è proprio con il consistente rideposito dell'argento disciolto che si ha dopo un certo utilizzo che si massimizzano le prestazioni (almeno per come le avevano originariamente pensate).
Rimane il fatto che per sviluppi casalinghi di pochi rulli la strada è raramente percorribile (tranne forse al ritorno dalle ferie) ed i rivelatori a perdere garantiscono sicuramente uniformità di prestazioni.

fabrizio979 ha scritto:1. Perche' la correzione da applicare dovrebbe essere 10%+10% anziche semplicemente 10% ?

Perché in un litro di soluzione si possono trattare massimo 10 rulli aumentando del 10% il tempo per ogni rullo trattato. Trovi le istruzioni sul bugiardino Ilford.

fabrizio979 ha scritto:2. Perche' il rivelatore gia usato va mischiato insieme a quello nuovo? Non si potrebbe infatti riusare da solo?
Si potrebbe riusare da solo, per circa tre rulli (10 in un litro, 3 in ca. 300 ml) con rischi ancora maggiori di non uniformità dato che i rulli non sono uguali e la maggior quantità di sviluppo "ammortizza" le differenze (infatti se si hanno tanti rulli sarebbe meglio usare più chimico stock fin dall'inizio). L'aumento di tempo dovrebbe essere circa il 33% per ogni rullo. In pratica si avrebbero solo svantaggi.

fabrizio979 ha scritto:Nel primo caso, quale dovrebbe essere la quantità di rivelatore nuovo da mischiare a quello gia' usato (1:1, 2:1, etc) ?
Variando la proporzione tra usato e nuovo varia il tempo necessario a compensarne l'esaurimento parziale. Si potrebbe tentare qualche proporzione, ma a me pare proprio fatica persa, alla fine come la si rigira, la si rigira sempre 10 rulli per litro si fanno (con la soluzione stock).


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
fabrizio979
fotografo
Messaggi: 95
Iscritto il: 13/12/2010, 15:12
Reputation:
Località: Catania

Re: Dubbi per sviluppo multiplo

Messaggioda fabrizio979 » 30/08/2012, 15:24

Silverprint ha scritto:
Trovi le istruzioni sul bugiardino Ilford.



Ciao Andrea,

grazie per le delucidazioni. Ad ogni modo sono stato superficiale, facevo bene a leggere prima, dato che uso id-11 e le istruzioni sono alla portata di tutti (pagine 7-8). A tal proposito ho notato che per il perceptol si riporta una tabella in cui sviluppare piu di 4 rulli con lo stesso litro risulta non raccomandato, mentre con id-11 si arriva al decimo (+90%).



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Dubbi per sviluppo multiplo

Messaggioda Silverprint » 30/08/2012, 15:32

Nessun problema Fabrizio!

Le istruzioni stanno antipatiche a tutti! :))

Il Perceptol è uno sviluppo un po' particolare, è un finegranulante "al solvente". È una formulazione molto meno energica dell'ID-11 o del Microphen quindi adatto ad un numero inferiore di rulli.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp



  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti