dubbi tempi sviluppo con D76 (per Tri-x e Tmax3200)

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
NikMik
superstar
Messaggi: 1875
Iscritto il: 08/11/2012, 21:10
Reputation:
Località: Firenze

dubbi tempi sviluppo con D76 (per Tri-x e Tmax3200)

Messaggioda NikMik » 19/11/2012, 10:21

Sono alle primissime armi per lo sviluppo domestico di BN, dunque pietà per le eventuali bischerate che possa dire. Ho sviluppato quattro o cinque rulli con Ornano Gradual ST20, ma ora vorrei provare con il Kodak D76.
1) Dubbio su sviluppo Tri-x 400: dopo un po' di studio su documentazione Kodak, credo (CREDO) di aver capito che: per sviluppare (come vorrei fare) insieme 2 rulli 35mm di Tri-x 400 in una sola tank (ne ho una da 600ml della Patterson): bisogna usare 473ml di sviluppo D76 (parlo di diluizione 1+1) e il tempo di sviluppo standard (9' 45'') va aumentato del 10 % , ovvero: 10' 42'' secondi circa. Questo perché il tempo indicato come standard di 9' 45'' si riferisce a: 1 rullo in 473ml oppure a due rulli insieme, ma in 946ml (quantità che nella mia tank non entra), e non vorrei rinunciare a sviluppare due rulli alla volta. Fin qui siamo a posto, lo dice la Kodak di aumentare il tempo del 10% nel caso si usino 473ml di soluzione diluita e non 943ml . E mi atterrei anche alle agitazioni Kodak come descritte da loro.
Ma ora scopro che se si deve stampare a luce condensata il tempo di sviluppo va diminuito! Non riesco a capire però bene di quanto: c'è chi dice -20% e c'è chi dice -10 %, e non è una piccola differenza. La Kodak cosa dice? E voi? Ora io non so ancora bene in quale ingranditore andrò poi a stampare (se non mi scoraggio prima !). Ma cosa consigliate di fare nel frattempo, non sapendo in anticipo su quale tipo di ingranditore si vada a stampare?
2) Dubbio su Tmax3200. Se usassi (come vorrei) il Tmax esponendolo a 1600 ASA, i tempi di sviluppo (non diluito 1+1, la Kodak dice di usare solo diluizione stock per il 3200) indicati dalla confezione D76 restano gli stessi? E i risultati del Tmax 3200 usato a 1600 sono migliori di un Tri-x 400 esposto tirato a 1600? Per foto di concerti o spettacoli teatrali o musica in interni di bar o locali.
Grazie mille !
N.



Advertisement
Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9121
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: dubbi tempi sviluppo con D76 (per Tri-x e Tmax3200)

Messaggioda chromemax » 20/11/2012, 19:35

Usando uno sviluppo diluito la concentrazione di sviluppanti nella soluzione può essere troppo bassa per riuscire a sviluppare completamente due rullini da 36 pose se il volume totale è troppo poco, si rischia che lo sviluppo si esaurisca e rallenti il rateo di annerimento prima del tempo. Inoltre il livello di annerimento dei fotogrammi non è uniforme; un intero rullino con foto di panorami sulla neve è molto più "nero" di un rullino con scatti notturni, quindi il primo esaurisce molto di più lo sviluppo ripsetto al secondo. Per questi motivi è sempre meglio abbondare con la quantità di soluzione di sviluppo in modo da avere agenti sviluppanti in quantità disponibili, soprattutto se si usano sviluppi "delicati" o molto diluiti. Il consiglio di Kodak di aumentare del 10% indica che il D-76 1+1 è un po' al limite e che si vogliono sviluppare 2 rullini alla volta con questo sviluppo sarebbe meglio usare tank capienti e tanta soluzione se si vogliono ottenere risultati costanti con ogni tipo di immagini. L'aumento del tempo è un palliativo che aiuta ma non risolve. Sicuramente verranno buoni risultati ma, per i motivi sopra, se si cerca una buona costanza è meglio usare una tank da 3 spirali e usare 1 litro di soluzione.

Aggiustare il contrasto del negativo, cioé variare il tempo di sviluppo, in base all'ingranditore è corretto ma non c'è una regola precisa, dipende dal tipo dell'ingranditore, dalla marca, dal tipo di lampada, ecc. insomma bisogna farsi delle prove e regolare di fino questo parametro; come regola generale di camera oscura, tutte le indicazioni date dai fabbricanti sono da considerarsi punti di partenza per successivi aggiustamenti in base alle proprie attrezzature e modus operandi. Seguendo le indicazioni delle istruzioni in media si ottengono risultati discreti, per cercare di avre risultati buoni o più bisogna trovarsi i propri tempi. Sempre come linea generale un negativo un po' più morbido si stampa meglio, quindi il mio consiglio è quello di stare un po' inidetro rispetto ai tempi forniti da Kodak; io la Tri-X la espongo a 250 iso e la sviluppo per 7-8 minuti a 20°C con agitazione continua il primo minuto e 4 capovolgimenti ogni 60", i negativi sono abbastanza morbidi ma si stampano bene con un durst a condensatori, se ti può servire come indicazione molto di massima.

I tempi di sviluppo della T-Max 3200 in D-76 sono riportati nel datasheet sia per 1600 che 3200, bisogna però ricordarsi che la sensibilità effettiva di questa pellicola è di circa 800 ISO, quindi stiamo tirando la pellicola con tutti i problemi che comporta (alto contrasto, difficoltà di stampa, ombre chiuse, grana...) e il D-76 non è proprio un rivelatore adatto ai tiraggi. Se non si cerca un particolare effetto imho è meglio la T-max 3200 che la Tri-X a 1600, ma dipende molto dai gusti, la Tri-X tirata (ma non col D-76) ha un aspetto tutto suo.



Avatar utente
NikMik
superstar
Messaggi: 1875
Iscritto il: 08/11/2012, 21:10
Reputation:
Località: Firenze

Re: dubbi tempi sviluppo con D76 (per Tri-x e Tmax3200)

Messaggioda NikMik » 20/11/2012, 21:57

grazie mille ! Chiarissimo. Ho capito (e mi sembra incredibile) quasi tutto.
Vorrei chiedere soltanto: Con cosa è mglio tirarla, la Tri-x?



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9121
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: dubbi tempi sviluppo con D76 (per Tri-x e Tmax3200)

Messaggioda chromemax » 21/11/2012, 0:05

Io per i "tiraggi" ho sempre usato il microphen della Ilford, ma sono molti anni che non pratico più questa tecnica, quindi i non sono la persona migliore a cui chiedere consigli :)



Advertisement
Avatar utente
NikMik
superstar
Messaggi: 1875
Iscritto il: 08/11/2012, 21:10
Reputation:
Località: Firenze

Re: dubbi tempi sviluppo con D76 (per Tri-x e Tmax3200)

Messaggioda NikMik » 22/11/2012, 15:59

Scopro che la Kodak (c'è scritto sul sito ufficiale in italiano) sta smettendo di produrre la Tmax3200; e consiglia di usare la TMax400 per i tiraggi. È inutile e frustrante imparare a sviluppare la 3200 se ora smettono di farla, non comincio neanche.
Proverò allora in qualche modo a tirare la TMax400 a 1600 e poi vi saprò dire. Ma come rivelatore, se il D76 non è adatto ai tiraggi, proverò quello proprio della Tmax, già che ci sono (sarebbe quello dedicato alla pellicola), seguendo i tempi di Digitaltruth. Userei il D76 per la Tri-x e l'HP5 usate a 400 asa, e quando c'è bisogno di tirare a 1600 userei la Tmax400 col rivelatore Tmax.
È un'idea sbagliata? C'è qualcuno che l'ha fatto?
Secondo voi è comunque meglio usare un altro rivelatore per il tiraggio (come il citato Microphen)?
A me piace scattare con poca luce senza flash, non vorrei rinunciare a usare la pellicola a 1600 asa (anche se hanno smesso di fare la Neopan 1600 e ora smetteranno la Kodak 3200... che in realtà è 800, ma buttali via)



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: dubbi tempi sviluppo con D76 (per Tri-x e Tmax3200)

Messaggioda Silverprint » 22/11/2012, 16:03

Prova!

A me i tiraggi non piacciono, comunque devi verificare di persona.

Unico consiglio serio, lascia perdere digitaltruth, KODAK fa ottime pubblicazioni molto serie e dettagliate. Trovi tutte le istruzioni relative al tiraggio sul data-sheet del T-max developer.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9121
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: dubbi tempi sviluppo con D76 (per Tri-x e Tmax3200)

Messaggioda chromemax » 22/11/2012, 16:17

C'è sempre la Ilford Delta 3200, anch'essa con sensibilità effettiva intorno ai 1000.
A me il T-max non è mai piaciuto e forse neanche alla Kodak, dato che adesso consigliano l'X-tol per le loro pellicole.
I tempi di digitalthruth lasciali perdere, usa quelli dati dalla Kodak, se devi stampare con l'ingranditore meglio sovraesporre e sottosviluppare un po' rispetto ai dati forniti dal fabbricante.



Avatar utente
franny71
superstar
Messaggi: 2635
Iscritto il: 21/11/2011, 12:53
Reputation:
Località: Anzio (RM)

Re: dubbi tempi sviluppo con D76 (per Tri-x e Tmax3200)

Messaggioda franny71 » 22/11/2012, 21:47

chromemax ha scritto: se devi stampare con l'ingranditore meglio sovraesporre e sottosviluppare un po' rispetto ai dati forniti dal fabbricante.
^:)^ :-bd


Franco
il mio Flickr

Я родилась даже не узнал

Avatar utente
NikMik
superstar
Messaggi: 1875
Iscritto il: 08/11/2012, 21:10
Reputation:
Località: Firenze

Re: dubbi tempi sviluppo con D76 (per Tri-x e Tmax3200)

Messaggioda NikMik » 26/11/2012, 11:51

Grazie mille a tutti per i consigli.
Mi atterrò ai tempi delle istruzioni Kodak e sovraesporrò un po' e sottosvilupperò un po'... per i tiraggi eviterò il Tmax e proverò lo X-tol. Quanto al fatto di sconsigliare i tiraggi del tutto, vorrei poter contare sulla Kodak 3200, ma ci abbandonerà presto... Proverò però la Delta 3200, non ci avevo pensato.
Approfittando della vostra gentilezza, libero le domande che mi sorgono, per così dire, spontanee:
1) Per una Tri-x o una HP5 quanto dovrei sovraesporre (un terzo di stop? Uno stop?) e quanto sottosviluppare (10% in meno del tempo, 20%, oppure agitare in modo diverso) ? Lo so che non siamo nel campo delle scienze esatte, ma una piccola indicazione media orientativa mi gioverebbe...
2) Per i tiraggi (o per usare la Delta 3200, che in effetti è un tiraggio pure quello, se è 1000 ASA reali) mi devo comportare nello stesso modo, intendo il quanto sovraesporre e il quanto sottosviluppare ?
3) Per sviluppare la Delta 3200 potrei usare il D76 come rivelatore ? (già che ce l'ho, lo trovo facilmente, e lo uso abitualmente per la Tri-x e l'HP5...).
Come vedete una domanda... "tira" (appunto) l'altra...



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11535
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: dubbi tempi sviluppo con D76 (per Tri-x e Tmax3200)

Messaggioda Silverprint » 26/11/2012, 12:08

Ciao!

A quanto iso sia opportuno esporre una pellicola dipende molto da come si usa l'esposimetro.
Se si espone per le ombre bisogna usare la Sensibilità Effettiva (S.E.) e non l'I.E. (indice di esposizione) riportato sulle confezioni. La S.E. vale circa e mediamente il 50% dell'I.E. suggerito con eccezioni...

Come dato di partenza - da aggiustarsi a seconda del contrasto della scena, della catena di stampa e dei gusti personali - per le 400 iso si può partire da una sensibilità di 200 con una riduzione del 50% del tempo di sviluppo suggerito.
L'agitazione nel complesso ha una influenza marginale (grossomodo equivalente ad una variazione del 20% circa del tempo passando da intermittente a continua), le variazioni del tempo di sviluppo, potendo variare più liberamente, producono effetti più decisi.

Un tiraggio non è più un tiraggio se si sovraespone... ;) Io la Delta 3200 (come del resto la Tmz) la esporrei alla sua sensibilità, cioé circa 800/1000 iso. Nel caso può andare anche il D-76, se invece la si tira, ovvero sotto-espone e sovra-sviluppa (con aumento di contrasto, della grana, perdita di dettaglio nelle aree scure e diminuzione della latitudine di posa) sarebbe meglio usare un rivelatore specifico ad alta energia, ma compensatore, come il Microphen.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp



  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti