Durata chimici

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11274
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Durata chimici

Messaggioda Silverprint » 08/11/2011, 18:05

chromemax ha scritto:Esistono e sono i cosidetti "Universal"; nei vari ricettari se ne trovano abbastanza, oltre al PQ Universal della Ilford ancora in produzione.

In effetti...

La differenza sostanziale è nel livello di energia, quindi teoricamente si potrebbe usare un rivelatore pellicola molto concentrato per la carta ed un rivelatore carta molto (molto) diluito per le pellicole. Tuttavia nel secondo caso specialmente ritengo che ci siano veramente molti potenziali problemi in primis la precisione dei dosaggi nei rivelatori carta che fin dalla fabbrica è assai meno accurata (sarebbe inutile, visto lo scopo). In seconda battuta per i problemi relativi alle alte diluizioni con effetti non esattamente prevedibili sull'ottimale bilanciamento tra agenti rivelatori, antivelo, acceleranti e ritardanti.

Per quanto riguarda invece il PQ universal Ilford sconsiglia espressamente l'uso per le normali pellicole.

Tradotto velocemente dal fact sheet: "Il PQ UNIVERSAL può essere usato per sviluppare in bacinella pellicole per arti grafiche Ilford e di altri prodittori. Può essere usato per sviluppare in bacinella anche normali pellicole piane se si ha bisogno di un rivelatore molto rapido ed ad alto contrasto purché non siano previsti forti ingrandimenti.... Il PQ UNIVERSAL è sconsigliato per lo sviluppo di normali pellicole in rullo


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8401
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Durata chimici

Messaggioda chromemax » 08/11/2011, 18:40

Per quanto riguarda invece il PQ universal Ilford sconsiglia espressamente l'uso per le normali pellicole.

Si, avevo letto anch'io il fact sheet del PQ Universal e penso che tiri fuori della grana a pallettoni.
Data la quantità di formule di sviluppi "universali" che si trovano nei ricettari degli anni '30-50 presumo dovesse essere una soluzione abbastanza in voga, ma forse anche il palato era meno abituato alla qualità e i formati appena più grandi del 135 venivano stampati solo a contatto.

la precisione dei dosaggi nei rivelatori carta che fin dalla fabbrica è assai meno accurata

Non saprei... non ho accesso a documenti sulle procedure e sugli standard qualitativi dei fabbricanti dei prodotti chimici (che nel caso di Kodak, ad esempio, è una ditta esterna) ;)

In seconda battuta per i problemi relativi alle alte diluizioni con effetti non esattamente prevedibili sull'ottimale bilanciamento tra agenti rivelatori, antivelo, acceleranti e ritardanti.

Beh, basta provare no? Se i risultati sono buoni (come nel caso dell'Ilfospeed che ho provato) il bilanciamento c'è :)

Comunque un po' se ne parla:

http://www.apug.org/forums/forum37/13744-ansco-130-film-developing-2.html

Rimane il fatto che se sono stati fatti sviluppi diversi per pellicole e per carte un motivo ci sarà, anche se personalmente preferisco non precludermi a priori delle possibilità :) :)



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11274
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Durata chimici

Messaggioda Silverprint » 08/11/2011, 18:54

chromemax ha scritto:...Si, avevo letto anch'io il fact sheet del PQ Universal e penso che tiri fuori della grana pallettoni.
Data la quantità di formule di sviluppi "universali" che si trovano nei ricettari degli anni '30-50 presumo dovesse essere una soluzione abbastanza in voga, ma forse anche il palato era meno abituato alla qualità e i formati appena più grandi del 135 venivano stampati solo a contatto.
... Rimane il fatto che se sono stati fatti sviluppi diversi per pellicole e per carte un motivo ci sarà, anche se personalmente preferisco non precludermi a posteriori delle possibilità :) :)


Si, si. Infatti, leggendo la scheda del PQ meditavo sul fare un lavoro "brutto sporco e cattivo" col 4x5... :))


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
guarrellam
guru
Messaggi: 1128
Iscritto il: 11/02/2010, 21:46
Reputation:

Re: Durata chimici

Messaggioda guarrellam » 08/11/2011, 18:55

Silverprint ha scritto:
adridimo ha scritto:Si... ma è abbastanza un falso problema, bisogna scegliere i fornitori. Solo sulla carta bisogna fare attenzione, costa e la fregatura sarebbe veramente spiacevole.


Sorvolo sul fatto,di aver buttato 50 fogli di carta,30x40.............


Non mi interessano i paesaggi di bellezza disinfettata, tipo Ansel Adams.

Don McCullin



Ho una reflex digitale da 4000 euro,
che può scattare fino 128.000 ISO,
e mi piace aggiungere la grana
in post,come per la pellicola.........

Advertisement
Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8401
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Durata chimici

Messaggioda chromemax » 08/11/2011, 19:02

Sorvolo sul fatto,di aver buttato 50 fogli di carta,30x40.............

Ti è andato un capitale... sistemi per recuperare la carta un po' velata ce ne sono comunque





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti