Durst M605

Discussioni su ingranditori e tecniche di stampa

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 2253
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: Durst M605

Messaggioda ammazzafotoni » 12/09/2016, 19:10

Ad averceli tutti i pezzi...
I vetri spianano meglio ma prendono più polvere, la configurazione "ideale" suggerita da alcuni qui è vetro sopra, mascherina (superiore) sotto.



Advertisement
Avatar utente
alessiostm
esperto
Messaggi: 264
Iscritto il: 21/03/2013, 12:41
Reputation:
Località: Padova

Re: Durst M605

Messaggioda alessiostm » 13/09/2016, 9:05

Dimensioni mascherine SIVOPAR per portanegativi SIRIONEG

esterno: 75x64 Sp.1,4

foro:
SIVOMA35 - 37x25
SIXMA35 - 35x23

SIVOMA66 - 59x59
SIXMA66 - 56.5x56.5

Accoppiate:
SIVOMA sopra
SIXMA sotto

VETRO sopra (con acidatura o antinewton a contatto con il negativo)
SIVOMA sotto (minor ritaglio)

note: lo spessore di 1,4 mm è quello originale. Non ci sono problemi a realizzare le mascherine con spessore 1,5 mm



Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 4562
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Durst M605

Messaggioda graic » 13/09/2016, 10:07

ammazzafotoni ha scritto:Uhlalà, serve tutta questa precisione per un vetro attaccato al negativo?
A me un vetraio me lo fece in quattro e quattr'otto per una sciocchezza, era solo leggerissimamente più spesso dell'altro già presente.
Parliamo ovviamente di quello inferiore non anti-Newton.


Guardate cosa ho trovato in un vecchio thread

Marzo1988 ha scritto:
Nella stanza dei segreti ho trovato un vetrino della Durst, si chiama SIXGLA e sulla confezione porta scritto : I nostri cristalli pressori sono accuratamente selezionati e garantiti pian paralleli ...bla bla...
O:-)


Poi qua si fanno tante "picche d'angelo" per lampade rosse che costano centinaia di euro e del vetrino che 'contiene' il negativo quando lo stampiamo ...... chi se ne frega?


Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 4562
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Durst M605

Messaggioda graic » 13/09/2016, 10:12

In ogni caso il materiale di partenza, vetro ottico e sufficientemente preciso si dovrebbe trovare facilmente nel mercato dei vetri protettivi per telefoni....tablet......schermi di fotocamere digitali, questi ultimi dovrebbero essere i migliori ma bisogna vedere se si trovano di dimensioni sufficienti per poi farli rifilare al vetraio. Volendo/potendo spendere di più si può chiedere al solito Adriano Lolli che non dovrebbe avere difficoltà a procurarsi il materiale.


Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Advertisement
Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 2253
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: Durst M605

Messaggioda ammazzafotoni » 13/09/2016, 11:05

Sicuramente è meglio un vetro di qualità, che oltre, al parallelismo delle facce, avrà altre caratteristiche desiderabili (resistenza a graffi e facile pulizia, ad esempio); ci mancherebbe tra l'altro che la Durst scrivesse "vi rifiliamo un normale vetro e ve lo facciamo pagare n-mila lire".

La mia domanda tecnica è: posto che bolle, graffi e distorsioni ovviamente sono inaccettabili (e si vedono comunque a occhio), quanto realmente influisce una non perfetta planarità all'interno delle tolleranze di lavorazione (ovvero non un vetro che sia un parallelepipedo scaleno alto 1.5 da un alto e 1.7 dall'altro)?

Riguardo ai vetri per cellulari, oltre al fatto che sono in genere molto sottili, perché dovrebbero essere "migliori"?



Avatar utente
Matteo Bianchi
fotografo
Messaggi: 71
Iscritto il: 18/01/2016, 9:08
Reputation:

Re: Durst M605

Messaggioda Matteo Bianchi » 14/09/2016, 12:28

Eccomi di nuovo quà!vetrini fatto in attesa di essere provati e mascherine in attesa di essere fatte...ma ovviamente ho un'altra domanda pronta!:)
L'ingranditore che ho comprato è sprovvisto del filtro per il b/n da utilizzare per l'inquadratura, quello posto sotto l'obbiettivo per intenderci...in che modo si può ovviare?
Grazie



Avatar utente
alessiostm
esperto
Messaggi: 264
Iscritto il: 21/03/2013, 12:41
Reputation:
Località: Padova

Re: Durst M605

Messaggioda alessiostm » 14/09/2016, 17:41

si può ovviare facendo a meno di utilizzarlo. Può essere comodo... ma c'è sempre il rischio di velare la carta, meglio evitare. Se non hai un marginatore puoi creare dei riferimenti sul piano dell'ingranditore con del nastro isolante nero, ben visibile anche in luce di sicurezza rossa o ambra.



Avatar utente
Matteo Bianchi
fotografo
Messaggi: 71
Iscritto il: 18/01/2016, 9:08
Reputation:

Re: Durst M605

Messaggioda Matteo Bianchi » 22/09/2016, 13:23

Domandone...anche le mascherine per negativi 120 e 125 hanno lo smusso a 45 gradi sul lato da 75 mm?grazie



Avatar utente
alessiostm
esperto
Messaggi: 264
Iscritto il: 21/03/2013, 12:41
Reputation:
Località: Padova

Re: Durst M605

Messaggioda alessiostm » 22/09/2016, 15:17

i bordi esterni non cambiano, devono sempre incastrarsi nella stessa sede a coda di rondine.



Avatar utente
Matteo Bianchi
fotografo
Messaggi: 71
Iscritto il: 18/01/2016, 9:08
Reputation:

Re: Durst M605

Messaggioda Matteo Bianchi » 22/09/2016, 15:38

ho avuto l'idea di fare il modello in 3d e stamparlo in 3D...credi sia una buona idea?il modello ce l'ho già pronto sulle misure che cortesemente mi hai girato in precedenza.





  • Advertisement

Torna a “Ingranditori”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite