Durst Urnov... questo sconosciuto

Discussioni su ingranditori e tecniche di stampa

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
Atman76
esperto
Messaggi: 127
Iscritto il: 07/01/2016, 12:09
Reputation:

Durst Urnov... questo sconosciuto

Messaggioda Atman76 » 04/05/2018, 8:57

Ciao a tutti,

Ecco un ritrovamento in una bancarella di paese. Un durst Urnov pagato una paio di cappucci e brioches.
Nella scatola c'era anche un telaietto nero...

Sul forum ed in rete non ho trovato praticamente nulla, ho capito solo che serviva per replicare i negativi ma non vi è traccia di tutorial o post dove venga spiegato il suo utilizzo.
Qualcuno ce l'ha e lo usa o meglio dimenticarlo in un cassetto? :)

Grazie
Allegati
P_20180504_084033.jpg



Advertisement
Avatar utente
Annalisa
fotografo
Messaggi: 36
Iscritto il: 01/10/2017, 19:37
Reputation:
Località: Torino

Re: Durst Urnov... questo sconosciuto

Messaggioda Annalisa » 06/05/2018, 19:11

Seguo anche io con interesse! Nessuno risponde?



Avatar utente
Atman76
esperto
Messaggi: 127
Iscritto il: 07/01/2016, 12:09
Reputation:

Re: Durst Urnov... questo sconosciuto

Messaggioda Atman76 » 06/05/2018, 23:28

Annalisa, mi sa tanto che l'oggetto non è utilizzato da nessuno....io il mio l'ho già chiuso in un cassetto :)



Avatar utente
Annalisa
fotografo
Messaggi: 36
Iscritto il: 01/10/2017, 19:37
Reputation:
Località: Torino

Re: Durst Urnov... questo sconosciuto

Messaggioda Annalisa » 06/05/2018, 23:43

Peccato, mi sarebbe piaciuto sapere come funzionava!



Advertisement
Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9269
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Durst Urnov... questo sconosciuto

Messaggioda chromemax » 07/05/2018, 1:25

Non conosco l'utilizzo di questo accessorio ma ogni ingranditore è potenzialmente anche un efficace sistema di riproduzione fotografica di soggetti bidimensionali: illuminando un soggetto sul piano di proiezione l'obbiettivo dell'ingranditore ne formerà un'immagine sul portanegativi per cui mettendo nel portanegativi una pellicola vergine e variando l'esposizione accendendo o spegnendo le lampade che illuminano il piano è possibile ottenerne la riproduzione fotografica su pellicola. Personalmente ho usato a questo scopo il Durst M300 che poteva essere convertito girando la scatola condensatori ma per altri modelli di ingranditore, più sofisticati, veniva venduto un apposito kit che comprendeva i bracci portalamapde da fisare al piano, il portanegativi e, appunto, un sistema di inquadratura che penso sia proprio l'Urnov.
Del resto l'accessorio di riproduzione del M670 mi ricorda molto quello della foto pubblicata qui:
manuale_durst_670.jpg



Avatar utente
Annalisa
fotografo
Messaggi: 36
Iscritto il: 01/10/2017, 19:37
Reputation:
Località: Torino

Re: Durst Urnov... questo sconosciuto

Messaggioda Annalisa » 07/05/2018, 7:27

Grazie Chromemax! La nostra scimmia, in questo caso, di conoscenza è stata soddisfatta! E non abbiamo neanche speso un euro!



Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 2246
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: Durst Urnov... questo sconosciuto

Messaggioda ammazzafotoni » 07/05/2018, 9:35

Interessante!



Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 4484
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Durst Urnov... questo sconosciuto

Messaggioda graic » 07/05/2018, 9:50

E però è vero che il modo più efficiente per utilizzare un ingranditore, (solo alcuni, ovviamente, tra cui l'M300 citato da cromemax) per fare riproduzioni è smontarne la testa e sostituire al suo posto una reflex attrezzata per il macro. Io l'ho fatta tanto tempo fa col M300 (o 301, non ricordo) e la Zenit col soffietto (però se si ha una macchina col pozzetto oppure col mirino angolare è più facile)


Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.



  • Advertisement

Torna a “Ingranditori”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite