E il diaframma non si chiudette

Discussioni sugli accessori per il formato 35mm

Moderatore: isos1977

Avatar utente
edoardo72
esperto
Messaggi: 119
Iscritto il: 28/10/2011, 11:21
Reputation:

Re: E il diaframma non si chiudette

Messaggioda edoardo72 » 13/12/2011, 14:15

Sig. Moderatore, nessuna vis polemica tra Marcello ed il sottoscritto. Solo una seria e tecnica puntualizzazione sulla impostazione del diaframma su uno zoom ad apertura massima variabile. :) :)

edo



Advertisement
Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8415
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: E il diaframma non si chiudette

Messaggioda chromemax » 13/12/2011, 14:25

OK, quinid possiamo dire che questo thread finisce qui, dato che tranne il mio intervento, fuori topic, la discussione non ha riscontrato interesse e dibatito nel forum.



Avatar utente
etrusco
moderatore
Messaggi: 4626
Iscritto il: 08/12/2009, 12:16
Reputation:
Località: Viterbo
Contatta:

Re: E il diaframma non si chiudette

Messaggioda etrusco » 13/12/2011, 14:29

Quoto Diego, anche io mi sono "perso" in questa discussione ...

Ricordo a tutti che in un forum (almeno in questo) non vince il singolo, non siamo qua per far vedere quanto siamo bravi e superiori agli altri... Siamo qua per condividere le nostre esperienze ed il nostro sapere, chi più e chi meno, chi più orientato ad apprendere e chi più orientato a divulgare ed insegnare.

Lo spirito deve essere sempre questo, piacere nel dare-avere ... non nell'autoaffermazione, che non porta da nessuna parte.

Per cui stop alle polemiche e come sempre parliamo di quello di cui ci piace discutere, la fotografia analogica.


ImmaginePssss, Hei! ... Ti sei ricordato di registrare la tua camera oscura su darkroom locator?

Alessandro "etrusco" De Marchi - @trovarigenerati - @trovareflex - @trovaregalodonna

Avatar utente
edoardo72
esperto
Messaggi: 119
Iscritto il: 28/10/2011, 11:21
Reputation:

Re: E il diaframma non si chiudette

Messaggioda edoardo72 » 13/12/2011, 18:41

con tutto il rispetto per il vostro ruolo di moderatore, ma se voi vi siete persi è un problema vostro; Marcello ed io ci stiamo confrontando su questione tecnica che forse potrebbe interessare altri utenti e che forse non hanno voglia di intervenire, ma non per questo devono considerarsi persi nella discussione.

Infine, nessuno qui vuole vincere, ma solo disquisire in tutta serenità. :) :) :)

edo



Advertisement
Avatar utente
edoardo72
esperto
Messaggi: 119
Iscritto il: 28/10/2011, 11:21
Reputation:

Re: E il diaframma non si chiudette

Messaggioda edoardo72 » 14/12/2011, 7:25

Caro vngncl61, in teoria tutto è possibile, ma praticamente nulla viene modificato; prova a verificare, le lamelle del diaframma no si chiudono all'aumentare della focale.

Comunque, forse hanno tragione i moderatori: è una discussione inutile che non porta vantaggi.

Chiedo scusa.

edo



Avatar utente
Willy985
guru
Messaggi: 520
Iscritto il: 24/11/2011, 23:25
Reputation:
Località: Napoli

Re: E il diaframma non si chiudette

Messaggioda Willy985 » 14/12/2011, 11:39

Onestamente le polemiche non mi interessano però la discussione la trovo molto interessante, anche perchè pure io sapevo che a variare fosse solo l'apertura massima e non la minima... almeno nel digitale sono abbastanza sicuro che sia così, nell'analogico, non possedendo ottiche zoom, non ho modo di verificare :)
Spero che la discussione si continui a sviluppare con toni pacati così da arrivare ad una "soluzione" visto che la cosa mi ha molto incuriosito ;)

PS: http://www.fotografia.it/Images/Articolo/2311_it.pdf su questo link ci sono le specifiche tecniche di un Sigma (obiettivo preso a caso) e viene citata l'apertura minima alla focale massima ed a quella minima, questo sembrerebbe avvalorare la tesi di ryo (ovviamente esulano dal discorso i costosissimi zoom a diaframma fisso)


I Immagine my Nikon
flickr

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8415
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: E il diaframma non si chiudette

Messaggioda chromemax » 14/12/2011, 15:31

Mettiamo fine a questa discussione che si è avvitata su se stessa e a cui è stata già data una risposta definitiva dal post di Silverprint nel thread parallelo http://www.analogica.it/viewtopic.php?f=18&t=1281#p9577. Le cose negli zoom funzionano come ha detto Silverprint, il resto è spazio e banda sprecata.

Inoltre trovo che questa discussione forse può essere utile a livello teorico ma serve a poco dal punto di vista pratico, dato che gli zoom moderni hanno schemi ottici così complessi e composti da così tante superficie di rifrazione che sarebbe più utile sapere il valore t e non tanto l'f per poterli usare in maniera affidabile con un esposimetro esterno (imho)

Comunque.

Ricapitolando, nel tentativo di dare qualche informazione utile a chi è stato o sarà così perseverante da leggere tutti i messaggi di questo noiso thread:
il valore f è dato da un rapporto matematico, lunghezza focale diviso il diametro del "buco"(1) attraverso cui passa la luce attraverso l'obbiettivo. Negli zoom la lunghezza focale varia e di conseguenza varia anche il valore f.
In fotografia le cose sono state rese confuse dai produttori, soprattutto per abbattatere i costi di produzione. Nella fotografia analogica questi sono i casi:
  • zoom ad apertura fissa, sono quelli in cui i produttori riportano un'unica luminosità massima per tutta l'escursione di zoom; in questi zoom un dispositivo meccanico chiude un po' le lamelle del diaframma alle focali più corte. Alla focale più corta la luminosità massima potenziale potrebbe essere maggiore ma questa viene "sacrificata" a favore dell'uniformità del valore f.
  • zoom la cui luminosità massima è maggiore alle focali più corte sono quelli in cui la luminosità massima potenziale alle focali inferiori descritta sopra viene invece resa utilizzabile. Gli zoom che riportano la dicitura f3,5-4,5 hanno un valore f variabile solo quando il diaframma è tutto aperto, quando il diaframma viene chiuso esso viene compensato meccanicamente come negli zoom del punto sopra.
  • zoom con valore f variabile sono ottiche che per contenere il più possibile i costi non hanno la compensazione sul diaframma per mantenere costante il valore f. In genere queste ottiche sono quelle più economiche e destinate al mercato più consumer, dove il fotografo si affida completamente al sistema TTL della reflex.

Con l'avvento della fotografia digitale le cose si sono ancora più ingarbugliate complice anche il massiccio intervento dell'elettronica nella gestione dell'esposizione e dell'obbiettivo; l'obbiettivo dialoga con la cpu della macchina integrandosi di fatto in un unico sistema fino al limite in cui specifici deficit ottici di specifici obbiettivi in specifici situazioni d'uso possono essere "corretti" tramite "starature" intenzionali o un intervento via software --cosa che tra l'altro nelle telecamere video professionali avviene già da una ventina d'anni, quindi niente di nuovo sotto il sole ;)

Ogni caso particolare rispetto a modelli che ogniuno di noi può avere visto, provato, sentito raccontare, testato dall'amico del cugino dello zio ecc, rientrano in uno dei casi sopra. Punto!
Quindi spero che adesso si sia messa definitivamente la parola fine a questa diatriba. Grazie!!


Addendum
L'obbiettivo 15-30 a cui fa riferimento Willy985 ha due aperture minime 22-32 non perché ha un valore di f variabile ma per motivi di qualità ottica alla focale minima ai diaframmi chiusi (diffrazione)

Gli zoom a f costante non è che siano poi così costosissimi, almeno i modelli nati in "periodo analogico".

A titolo di curiosità, giusto per dare una maggior prospettiva all'argomento, gli zoom sono nati come ottiche cinematografiche e variare manualmente al volo il diaframma durante una ripresa era (ed è) semplicemente impossibile, quindi storicamente queste ottiche sono state dotate di un sistema meccanico che al diminuire della lunghezza focale chiude un po' le lamelle del diaframma per mantenere costante il valore f. Poi in fotografia per risparimiare le cose si sono confuse.

(1) Per favore non cominciamo a disquisire sul "buco", almeno su questo thread (tanto negli schemi ottici complessi non è così facilmente definibile in maniera univoca e tutto sommato è abbastanza inutile discuterne se non per sfoggio di "saccenza" fotografica)



Avatar utente
Willy985
guru
Messaggi: 520
Iscritto il: 24/11/2011, 23:25
Reputation:
Località: Napoli

Re: E il diaframma non si chiudette

Messaggioda Willy985 » 14/12/2011, 15:46

Intervento che più chiaro non si può! Grazie mille!!! :) Ora che sto leggendo il libro di Giulio Forti vado subito al capitolo che tratta le ottiche! :D


I Immagine my Nikon
flickr



  • Advertisement

Torna a “35mm”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti