E' tempo di stampare (o quasi)

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 7573
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: E' tempo di stampare (o quasi)

Messaggioda chromemax » 09/12/2017, 22:46

Lascia perdere le bottiglie a soffietto, sono inutili, nel senso che l'aria alla fine entra lo stesso, difficili da pulire e costose. Le bottiglie migliori per gli sviluppi diluiti sono quelle in PET o PETE, quelle dell'acqua minerale per intenderci, che costano niente e si buttano nel riciclo invece di lavarle.
Lo sviluppo per carta si conserva abbastanza bene in genere, poi dipende; in bacinella la parte esposta all'aria è molto ampia e questo accelera i processi di ossidazione. Un buon sistema per valutare il grado di esaurimento e compensarne gli effetti e lo sviluppo fattoriale, se ne è parlato a lungo sul forum e con una veloce ricerca troverai un sacco di informazioni.



Advertisement
Avatar utente
lamanorbu
fotografo
Messaggi: 41
Iscritto il: 31/10/2017, 15:41
Reputation:
Località: Brescia

Re: E' tempo di stampare (o quasi)

Messaggioda lamanorbu » 10/12/2017, 11:40

OK, grazie delle informazioni.



Avatar utente
lamanorbu
fotografo
Messaggi: 41
Iscritto il: 31/10/2017, 15:41
Reputation:
Località: Brescia

Re: E' tempo di stampare (o quasi)

Messaggioda lamanorbu » 05/01/2018, 16:38

Mi permetto di riesumare questo topic, ho nuove questioni da porvi. Cercando fra gli sviluppi per carta ho deciso di cambiare idea e di abbandonare il Fomatol LQN, principalmente perché, come mi avete fatto notare, l'idrochinone non ama le temperature più basse di 20°C. Inoltre stanno cominciando a ingolosirmi gli sviluppi "ecologici", che presumo possano essere smaltiti nello scarico del lavandino: la raccolta di rifiuti fotografici nel mio comune avviene una sola volta al mese (meglio di nulla) e accumulare troppi rifiuti non mi risulta troppo comodo né per l'ingombro né per il sospetto che desterei negli addetti alla raccolta, che comincerebbero a sospettare che i rifiuti siano di provenienza commerciale e non privata con conseguenti grane. Mi attira l'Ars Imago PE (che è pure uno fra i più economici), tuttavia ho bisogno di delucidazioni sulla sua conservazione. La pagina del negozio recita: "Il prodotto concentrato si conserva per almeno un anno nella confezione originale. Si consiglia di utilizzare la soluzione di lavoro entro 3 mesi dall'apertura". Scritta così a me parrebbe di capire che lo sviluppo concentrato dura un anno anche se la bottiglia è stata aperta, mentre la soluzione diluita dura 3 mesi; i tempi mi sembrano lunghetti... Forse intendevano: "Il prodotto concentrato si conserva per almeno un anno nella confezione originale CHIUSA. Si consiglia di utilizzare IL CONCENTRATO entro 3 mesi dall'apertura"?



Avatar utente
lamanorbu
fotografo
Messaggi: 41
Iscritto il: 31/10/2017, 15:41
Reputation:
Località: Brescia

Re: E' tempo di stampare (o quasi)

Messaggioda lamanorbu » 08/01/2018, 18:29

Confesso che io stesso trovo poco educato scrivere un post solo per riportare il topic in primo piano, spero mi perdonerete. Forse, complice la mia eccessiva prolissità nel post precedente, sono risultato poco chiaro: mi interesserebbe avere qualche informazione sullo sviluppo per carta Ars Imago PE o in generale sugli sviluppi a base di acido ascorbico in termini di conservabilità e prestazioni, sono certo che con la vostra esperienza mi saprete aiutare.



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 7573
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: E' tempo di stampare (o quasi)

Messaggioda chromemax » 08/01/2018, 19:24

Non li uso, mi spiace



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 10913
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: E' tempo di stampare (o quasi)

Messaggioda Silverprint » 08/01/2018, 20:25

Trovavo molto buoni l'Agfa Neutol Plus e Neutol Plus LOR, ormai dismessi.
L'anno scorso hanno cambiato qualcosa nell'Agfa Photo Print Plus, che era il successore del Neutol Plus e non sono riuscito piú ad ottenere una D-max elevata, né quella versatilità nel decidere il tono che erano il "plus" dei vecchi Agfa.
Quelli Bellini o Ars-Imago (dovrebbero essere lo stesso prodotto) vanno meglio abbastanza concentrati (1+4), come l'Agfa e anche loro, in quelle condizioni, vanno abbastanza bene, durevoli e stabili, ma la D-Max rimane leggermente sotto-tono.
Questi giorni ho provato l'Adox Neutol Eco e mi pare molto simile al vecchio Neutol Plus Agfa. Devo approfondire al di fuori dei corsi, ma una chance gliela do di sicuro.

Comunque funzionano, magari non sono sempre la scelta migliore, ma è sicuramente possibile farci ottime stampe.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
lamanorbu
fotografo
Messaggi: 41
Iscritto il: 31/10/2017, 15:41
Reputation:
Località: Brescia

Re: E' tempo di stampare (o quasi)

Messaggioda lamanorbu » 09/01/2018, 21:13

Grazie dei consigli! :)





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti