Effetti dello scanner della pellicola

Discussioni sugli scanner per l'acquisizione digitale dei rullini fotografici

Moderatore: isos1977

Avatar utente
Maxian
esperto
Messaggi: 154
Iscritto il: 18/09/2015, 16:05
Reputation:

Effetti dello scanner della pellicola

Messaggioda Maxian » 09/12/2015, 9:27

Come accennato da Sandro in un precedente post, mi chiedevo cosa succede alla pellicola nella scannerizzazione della stessa. :-s :-s :-s



Advertisement
Avatar utente
_Alex_
esperto
Messaggi: 148
Iscritto il: 24/11/2015, 20:08
Reputation:
Località: Genova

Re: Effetti dello scanner della pellicola

Messaggioda _Alex_ » 09/12/2015, 10:07

Nulla di pericoloso, possiamo stare tranquilli ;)

In sostanza la pellicola viene illuminata da una luce controllata quanto più possibile bianca (oggi si usano i led, quindi non c'è nemmeno un riscaldamento della pellicola), la luce attraversa la pellicola e poi un obiettivo progettato ad hoc, all'uscita del quale c'è il sensore, dove viene raccolta e trasformata in un segnale elettrico che viene campionato, digitalizzato ed immagazzinato nel file di destinazione.

Se nel software di scansione sono attivate delle elaborazioni, esse vengono effettuate prima del salvataggio del file; in alcuni casi le elaborazioni prevedono anche interventi hardware, come la multiscansione, ovvero la ripetizione della scansione di una parte già scandita per N volte, impostabili dall'utente, per poter effettuare una media dei valori riscontrati con lo scopo di ridurre il rumore di scansione.
Se N è molto grande la scansione diventa proporzionalmente più lunga; solitamente N va ad 1 a 16, col mio SuperCooloscan 4000 ottengo già file molto validi con 4 scansioni mantenendo tempi di elaborazione ragionevolmente brevi.

La scansione ha senso se poi si procede ad una accurata lavorazione del file (è sempre un passaggio tra due mondi), quindi denoise, correzione delle distorsioni geometriche dell'obiettivo e delle eventuali aberrazioni cromatiche, bilanciamento del colore, deblur (NON maschera di contrasto) ecc....



Avatar utente
Maxian
esperto
Messaggi: 154
Iscritto il: 18/09/2015, 16:05
Reputation:

Re: Effetti dello scanner della pellicola

Messaggioda Maxian » 09/12/2015, 13:20

a bene....ma intendevo danni alla pellicola piu che altro.



Avatar utente
_Alex_
esperto
Messaggi: 148
Iscritto il: 24/11/2015, 20:08
Reputation:
Località: Genova

Re: Effetti dello scanner della pellicola

Messaggioda _Alex_ » 09/12/2015, 13:50

Non ne fai, tranquillo, si scalda molto di più nell'ingranditore che in uno scanner a led (ovvero tutti da una decina e più anni a questa parte) e se già nell'ingranditore non si corrono rischi particolari a maggior ragione non ne corri in uno scanner dedicato.

Potresti avere qualche problema di sporco o graffi in un flatbed se non lo mantieni pulito, oppure anelli di Newton ma sono tutti problemi che non affliggono gli scanner dedicati

Piuttosto bisogna considerare la resa della scansione: sui flatbed, a causa del vetro scadente, hai una risoluzione effettiva molto al di sotto del dichiarato, mentre sui dedicati hai una resa superdettagliata ed impietosa che mette in risalto ogni più piccolo difetto della pellicola, quindi grana, graffi, pelucchi ecc....

Il problema è particolarmente evidente con le pellicole bn perché i sali di argento restano sul supporto rendendo impossibile il passaggio di scansione ad infrarossi che, col colore, invece, si può fare, quindi si può applicare l'elaborazione ICE per la rimozione automatica dei graffi (è il motivo per il quale, tra le altre, vorrei provare la Xp2 Ilford, essendo cromogenica posso usare l'Ice e risparmiarmi tanto lavoro di postproduzione).

Tutto quello che ho detto vale per scanner casalinghi (Epson, Nikon, Minolta, Canon, Reflecta ecc....), quelli a tamburo li conosco solo per nome (Imacon, ad esempio) e su quelli non mi pronuncio, ma parliamo di fasce di prezzo non esattamente alla portata di tutti.



Advertisement


  • Advertisement

Torna a “Scanner”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti