esaurimento dei chimici

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
redone
esperto
Messaggi: 214
Iscritto il: 01/07/2014, 21:47
Reputation:

Re: esaurimento dei chimici

Messaggio da redone »

da fotoamotore le ho trovate, ma sono scadute (le control strip),non credo le comprero', credo che andro' a naso, la sperimentazione continua..........
grazie a voi tutti!!!



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9506
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: esaurimento dei chimici

Messaggio da chromemax »

Lasciamo da parte il puntiglio. La prova della goccia è una di quei tanti retaggi abbastanza cialtroneschi che venivano profusi dalle riviste del settore trent'anni fa e ancora impestano l'etere tramandate a pappagallo, non è assolutamente affidabile per testare la bontà di rivelatore anzianotto o, peggio ancora, per calcolare un tempo di sviluppo.

Il sistema sicuramente migliore e più affidabile è quello di usare le control strip ma basta stamparla a contatto e confrontarla con la stampa a contatto di una control strip trattata in uno sviluppo fresco per vedere se ci sono differenze, anche senza l'uso di densitometri o pH-metri.
In alternativa alla C.S. basta uno scatto di riferimento fatto col flash e copnfrontare le stampe.
Se poi valga la pena o no imbarcarsi in questi test è una scelta personale.

Avatar utente
LikeAPolaroid
guru
Messaggi: 303
Iscritto il: 30/01/2010, 14:44
Reputation:

Re: esaurimento dei chimici

Messaggio da LikeAPolaroid »

chromemax ha scritto:La prova della goccia è una di quei tanti retaggi abbastanza cialtroneschi che venivano profusi dalle riviste del settore trent'anni fa e ancora impestano l'etere tramandate a pappagallo, non è assolutamente affidabile per testare la bontà di rivelatore anzianotto o, peggio ancora, per calcolare un tempo di sviluppo.
Concordo. Come ho detto, la prova verifica solamente se il rivelatore è ancora attivo. Che non è la stessa cosa di "in piena vita e con garanzia di sviluppo come fosse nuovo" :)

Avatar utente
Beryl
appassionato
Messaggi: 16
Iscritto il: 18/08/2014, 21:21
Reputation:

Re: esaurimento dei chimici

Messaggio da Beryl »

Non só se puó esserti utile ma in stampa faccio così...

Parlo dei chimici diluiti e della sola stampa.

Personalmente uso politenata 24x30 quasi sempre ad eccezione dei provini.
Uso acqua di rubinetto dell'acquedotto quindi non distillata.

Sviluppo 1:10 per 10/12 stampe + provini vari . Quando lo sento oleoso inizia a darmi sviluppi più lenti e mosci.
Generalmente lo butto alla fine di ogni sessione di stampa.

Stop con indicatore lo cambio quando passa dal suo colore paglierino al bluastro 20/40 stampe. Mi dura per più sessioni di stampa anche quattro.

Fissaggio al massimo della concentrazione consentita per carta con passaggio rapido in bacinella per 20/25 stampe. Massimo due sessioni a distanza di un paio di settimane.
Ammetto che sul fissaggio incrocio le dita.

Rispondi