Esperienze con Scheimpflug

Discussioni sugli accessori per il grande formato

Moderatore: isos1977

Avatar utente
etrusco
moderatore
Messaggi: 4635
Iscritto il: 08/12/2009, 12:16
Reputation:
Località: Viterbo
Contatta:

Re: Esperienze con Scheimpflug

Messaggioda etrusco » 25/08/2012, 0:02

Concordo ... sarebbe MOLTO bello!!!!!


ImmaginePssss, Hei! ... Ti sei ricordato di registrare la tua camera oscura su darkroom locator?

Alessandro "etrusco" De Marchi - @trovarigenerati - @trovareflex - @trovaregalodonna

Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11624
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Esperienze con Scheimpflug

Messaggioda Silverprint » 25/08/2012, 0:32

Alla fine come la rigiri, la rigiri, un certo piano di fuoco da un certo punto d'osservazione e per una certa resa prospettica si fa in un solo modo, ovvero con le standarde nella stessa identica posizione relativa.

Io come formazione ho l'architettura e la foto d'architettura, quindi "per me" piegare il banco e non avere la standarda posteriore verticale è (al 99%) abominevole! =)) Però piega di qua, riadrizza di la alla fine (come detto sopra) i piani devono finire al solito posto, come ci si arrivi conta poco (purché ci si riesca in tempi ragionevoli!). ;)


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
paolob74
guru
Messaggi: 820
Iscritto il: 30/05/2010, 10:48
Reputation:

Re: Esperienze con Scheimpflug

Messaggioda paolob74 » 25/08/2012, 21:05

Ciao ragazzi...

Tornato dal mare... :(( :(( :((

Ho visto finalmente i video fatti da Chromemax... Complimenti davvero, finalmente una cosa che si capisce! :ymapplause: :ymapplause:

Ieri sono stato in spedizione al monumentale di Genova, posto davvero stimolante...

Ho fatto qualche "ritratto" a una scultura e devo dire che il Sig Scheimpflug aveva proprio ragione, funziona!

Una statua era in diagonale, sono riuscito a mettere a fuoco col piano inclinato, non lo credevo possibile.

Alla fine come la rigiri, la rigiri, un certo piano di fuoco da un certo punto d'osservazione e per una certa resa prospettica si fa in un solo modo, ovvero con le standarde nella stessa identica posizione relativa.

Io come formazione ho l'architettura e la foto d'architettura, quindi "per me" piegare il banco e non avere la standarda posteriore verticale è (al 99%) abominevole! Però piega di qua, riadrizza di la alla fine (come detto sopra) i piani devono finire al solito posto, come ci si arrivi conta poco (purché ci si riesca in tempi ragionevoli!).


Capisco quello che intendi Andrea, il mio problema da neofita è conoscere le possibilità del banco e dove poterle applicare. Anche a fini creativi.

Faccio un esempio:

Al monumentale ho scattato col banco una foto simile a questa:

Immagine

L'originale non è cosi angolare ma è per farvi capire.

Con un obiettivo da 150 sono riuscito ad avere a fuoco dalla mano frontale al gomito ed entrambe le ali.

Adesso allego un altra foto:

Immagine

E' possibile avere a fuoco tutta l'immagine?

Dal terreno al balcone?

Si lo so...

Che rompi... P....



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11624
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Esperienze con Scheimpflug

Messaggioda Silverprint » 25/08/2012, 23:08

paolob74 ha scritto:E' possibile avere a fuoco tutta l'immagine?
Dal terreno al balcone?


NO! Se vuoi a fuoco anche i piano 1°.
Il compromesso sarebbe lo stesso della foto della montagna, solo che essendo le distanze minori, corri il rischio che la profondità di campo non basti.

SÌ. Se vuoi a fuoco SOLO il pavimento davanti ed il 4°piano; la PDC sarà probabilmente insufficiente per avere nitido tutto il palazzo.

SÌ! Se rinunci al fuoco (o te lo rischi) sulla destra e sulla sinistra... basculando intorno all'asse verticale. ;)


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
Avatar utente
gibielleci
fotografo
Messaggi: 43
Iscritto il: 08/06/2012, 15:25
Reputation:
Località: ROMA

Re: Esperienze con Scheimpflug

Messaggioda gibielleci » 10/09/2012, 16:20

Scusate ma, nella seconda foto postata da Paolo, come è possibile mettere a fuoco balcone e marciapiede, non "rientrando" entrambi assieme in nessun piano spaziale comune?
Che io abbia capito, "comunque" devono incontrarsi il piano della pellicola, il piano dell'ottica ed il piano del soggetto. Quest'ultimo mi pare di difficile individuazione, nel caso di specie

Bisognerebbe riuscire a mettere a fuoco tutto il prospetto della casa (come piano di MaF) e poi, con la sola PdC arrivare al marciapiede!!!! :-?
Non la vedo semplicissima!!!

Forse si dovrebbe riuscire - scegliendo come piano del soggetto un piano inclinato verticalmente (dal marciapiede al balcone) e contemporaneamente traslato rispetto alla visuale, ad avere, al massimo, una porzione di uno ed una porzione dell'altro a fuoco. O sbaglio?



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11624
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Esperienze con Scheimpflug

Messaggioda Silverprint » 10/09/2012, 16:42

gibielleci ha scritto:Forse si dovrebbe riuscire - scegliendo come piano del soggetto un piano inclinato verticalmente (dal marciapiede al balcone) e contemporaneamente traslato rispetto alla visuale, ad avere, al massimo, una porzione di uno ed una porzione dell'altro a fuoco. O sbaglio?

Un po' confuso nell'uso dei termini, ma il risultato mi pare corretto... ;)


Queste le parti da rivedere:

- Il piano sarebbe inclinato, quindi non "vertical(mente)" e passante per il marciapiede ed il balcone...
- "Traslato rispetto alla visuale" non si capisce...


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9346
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Esperienze con Scheimpflug

Messaggioda chromemax » 10/09/2012, 18:00

Molto a cacchio, e in vista laterale che magari si capisce meglio, dovrebbe essere una cosa così (forse ho esagerato con la pdc, ma dipende dall'ottica e dalle distanze di ripresa)

scheimpflug-01.png



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11624
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Esperienze con Scheimpflug

Messaggioda Silverprint » 10/09/2012, 18:04

Ecco... Grazie!
Precisissimo come sempre.

Io faccio solo scarabocchi orrendi a mano libera... :((


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
gibielleci
fotografo
Messaggi: 43
Iscritto il: 08/06/2012, 15:25
Reputation:
Località: ROMA

Re: Esperienze con Scheimpflug

Messaggioda gibielleci » 10/09/2012, 18:16

Si, Hai ragione. :ymblushing:
Chiedo scusa ma, oltre al fatto di trovarmi a voler intervenire "tra una telefonata (noiosa) di lavoro e l'altra", anche la complessità terminologica del tema non mi ha aiutato ad esprimermi al meglio
...
Intendevo dire che, (come ho visto poi ben espresso graficamente in altra discussione similare) per essere entrambi a fuoco, sia il balcone che il marciapiede dovrebbero appartenere almeno ad un medesimo piano "di ripresa" nello spazio.
E questo mi pare geometricamente complicato e peggiorato dal fatto che, tale ipotetico piano non si troverebbe in asse con l'inquadratura scelta.

Quindi (sempre che io abbia capito bene il funzionamento di Scheimpflug, essendomi accostato a questo genere di fotografia da molto poco), si dovrebbe effettuare un basculaggio verticale posizionando il piano della lente in una posizione intermedia tra il piano della pellicola e quello del prospetto della casa. E poi aggiungere un basculaggio orizzontale per cercare di "mediare" anche il piano del marciapiede.

Continuo a vederla alquanto complessa, sempre che non sbagli manovra!

:-?



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11624
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Esperienze con Scheimpflug

Messaggioda Silverprint » 10/09/2012, 18:22

@
Avatar utente
gibielleci
.

Mi sa che era meglio prima: questa volta davvero non ci arrivo! :D

Comunque ora c'é il disegno di Chromemax che spiega quel che intendevo.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp



  • Advertisement

Torna a “Grande formato”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti