Esposizione lunga

Discussioni su ingranditori e tecniche di stampa

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
seiunozero
esperto
Messaggi: 103
Iscritto il: 06/03/2016, 18:11
Reputation:
Località: Firenze

Esposizione lunga

Messaggioda seiunozero » 07/06/2018, 19:26

Ciao a tutti.
Premetto che sono alle prime stampe (in bianco e nero) che faccio da me.
Mi trovo dei tempi di esposizione piuttosto lunghi a f/8, intorno a i 40/50 secondi, mentre invece il tempo giusto (come dice il buon Calabresi)sarebbe intorno a i 30 secondi per gestione migliore.
La mia domanda è: capita solo a me questa cosa? È accettabile 40 secondi e soprattutto che cosa mi cambia avere un tempo del genere nella stampa finale? Grazie.

Lingranditore è un Meopta Opemus 6 con obiettivo 50 per 35mm.


Conta più una cosa fatta che dieci da fare.

Advertisement
Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 2235
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: Esposizione lunga

Messaggioda ammazzafotoni » 07/06/2018, 19:50

Beh, dipende dalla densità del negativo, dalla carta, dall'energia del rilevatore...

Alcune carte sono poco reattive di per sé, a f11 sulle bergger ci vogliono in media un minutino con la NB e anche più con la CB...



Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 2235
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: Esposizione lunga

Messaggioda ammazzafotoni » 07/06/2018, 20:07

Doppio...



Avatar utente
kiodo
guru
Messaggi: 674
Iscritto il: 21/09/2016, 17:07
Reputation:
Località: Bologna

Re: Esposizione lunga

Messaggioda kiodo » 07/06/2018, 20:08

Guarda che da 30 a 40 secondi la differenza è minima, un terzo di stop. Direi che sostanzialmente ci sei. Poi non hai scritto che ingrandimento stai facendo, e quello ha una grande influenza sul tempo di esposizione

Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk



Advertisement
Avatar utente
seiunozero
esperto
Messaggi: 103
Iscritto il: 06/03/2016, 18:11
Reputation:
Località: Firenze

Re: Esposizione lunga

Messaggioda seiunozero » 07/06/2018, 20:57

ammazzafotoni ha scritto:Beh, dipende dalla densità del negativo, dalla carta, dall'energia del rilevatore...

Alcune carte sono poco reattive di per sé, a f11 sulle bergger ci vogliono in media un minutino con la NB e anche più con la CB...

Rivelatore appena fatto praticamente, freschissimo. Il rivelatore (per la stampa) ilford multigrade e carta politenata rc ilford IV.
Ma la domanda è:che cosa mi consiste avere tempi medio/lunghi in fase di stampa? Sbaglio qualcosa io?


Conta più una cosa fatta che dieci da fare.

Avatar utente
seiunozero
esperto
Messaggi: 103
Iscritto il: 06/03/2016, 18:11
Reputation:
Località: Firenze

Re: Esposizione lunga

Messaggioda seiunozero » 07/06/2018, 21:08

kiodo ha scritto:Guarda che da 30 a 40 secondi la differenza è minima, un terzo di stop. Direi che sostanzialmente ci sei. Poi non hai scritto che ingrandimento stai facendo, e quello ha una grande influenza sul tempo di esposizione

Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk

L'ingrandimento (l'ho scritto) uso il 50mm per stampare il 35mm.
Ah, scusa ho capito l'ingrandimento della stampa. Il formato della stampa e 24x30.
Quello che vorrei capire è che se è vero che l'obiettivo funziona come sulla fotocamera allora se chiudo il diaframma a f/11 oppure f/8 e meglio ma a discapito del tempo di esposizione che si allunga parecchio. E cosa comporta avere una esposizione lunga sulla stampa finale.
È con le domande mi fermo qui, perché se poi aggiungo un filtro di contrasto raggiungo il minuto tranquillamente.
Comunque sia grazie.


Conta più una cosa fatta che dieci da fare.

Avatar utente
seiunozero
esperto
Messaggi: 103
Iscritto il: 06/03/2016, 18:11
Reputation:
Località: Firenze

Re: Esposizione lunga

Messaggioda seiunozero » 07/06/2018, 21:09

È comunque grazie ammazzafotoni e a Kiodo.


Conta più una cosa fatta che dieci da fare.

Avatar utente
kiodo
guru
Messaggi: 674
Iscritto il: 21/09/2016, 17:07
Reputation:
Località: Bologna

Re: Esposizione lunga

Messaggioda kiodo » 07/06/2018, 21:55

Se passi da f8 a f11, il tempo necessario per ottenere la stessa quantità di luce sulla carta raddoppia: ad ogni "stop" intero del diaframma corrisponde un raddoppio (o un dimezzamento) della quantità di luce.
In linea di massima, tutti gli obiettivi sono "un po'" meno nitidi ai diaframmi più aperti e a quelli più chiusi, mentre danno il meglio chiudendoli di un paio di stop rispetto alla massima apertura, ma in genere la qualità è molto buona (se hai un obiettivo decente) sull'arco di 3 o 4 stop, e i lievi cali di qualità non sono quasi mai visibili: spesso il limite "di qualità" lo si raggiunge sulla grana, e non è poi così necessario incaponirsi sui migliori diaframmi della lente di stampa. Detto questo: tutte le grandezze sono collegate tra loro, e sta a te trovare il compromesso migliore per il tuo sistema, e per "quella" stampa. Se devi fare dieci copie di una stampa che non richiede particolari interventi di mascheratura, puoi privilegiare tempi di esposizione veloci, che otterrai con diaframmi aperti. Se invece devi stampare un'immagine che richiede molti interventi di precisione, allora conviene stare su tempi più comodi da gestire: 40", anche un minuto...
Non metterti paranoie, e fai tutte le prove.



Avatar utente
seiunozero
esperto
Messaggi: 103
Iscritto il: 06/03/2016, 18:11
Reputation:
Località: Firenze

Re: Esposizione lunga

Messaggioda seiunozero » 07/06/2018, 23:26

kiodo ha scritto:Se passi da f8 a f11, il tempo necessario per ottenere la stessa quantità di luce sulla carta raddoppia: ad ogni "stop" intero del diaframma corrisponde un raddoppio (o un dimezzamento) della quantità di luce.
In linea di massima, tutti gli obiettivi sono "un po'" meno nitidi ai diaframmi più aperti e a quelli più chiusi, mentre danno il meglio chiudendoli di un paio di stop rispetto alla massima apertura, ma in genere la qualità è molto buona (se hai un obiettivo decente) sull'arco di 3 o 4 stop, e i lievi cali di qualità non sono quasi mai visibili: spesso il limite "di qualità" lo si raggiunge sulla grana, e non è poi così necessario incaponirsi sui migliori diaframmi della lente di stampa. Detto questo: tutte le grandezze sono collegate tra loro, e sta a te trovare il compromesso migliore per il tuo sistema, e per "quella" stampa. Se devi fare dieci copie di una stampa che non richiede particolari interventi di mascheratura, puoi privilegiare tempi di esposizione veloci, che otterrai con diaframmi aperti. Se invece devi stampare un'immagine che richiede molti interventi di precisione, allora conviene stare su tempi più comodi da gestire: 40", anche un minuto...
Non metterti paranoie, e fai tutte le prove.

Ho capito. Grazie mille. ;)


Conta più una cosa fatta che dieci da fare.



  • Advertisement

Torna a “Ingranditori”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti