FB prints drying - Quale sistema?

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
DavideBottero
appassionato
Messaggi: 9
Iscritto il: 10/03/2018, 19:54
Reputation:

FB prints drying - Quale sistema?

Messaggioda DavideBottero » 14/03/2018, 16:48

Buonasera a tutti,
sto progressivamente riallestendo la mia camera oscura dopo anni di inattività, e ho deciso di passare dalla carta RC a quella FB.
A tal riguardo, sono alla ricerca di un sistema efficace per l'asciugatura delle stampe (che ho inteso essere un processo molto più lungo e critico rispetto alla rapida asciugatura delle carte RC).

Su internet purtroppo non ho trovato ad ora informazioni sistematiche, qualcuno ha esperienze e indicazioni da condividere sul tema?
Grazie in anticipo per il supporto

Davide Bottero



Advertisement
Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 7908
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: FB prints drying - Quale sistema?

Messaggioda chromemax » 14/03/2018, 18:04

Il sistema più comodo è quello di farsi dei telai in legno sui quali tirare una zanzariera in plastica quindi le stampe prese dal lavaggio si raclettano per togliere l'eccesso d'acqua e si lasciano asciugare a faccia in giù sui telai in questo modo le stampe si asciugano rimanendo abbastanza piatte. Se poi l'incurvatura ci pare eccessiva la stampa può essere lasciata una giornata sotto un peso. Bisogna prestare attenzione che le stampe siano ben lavate per evitare contaminazioni da contatto con tutto ciò che vi entra in contatto



Avatar utente
DavideBottero
appassionato
Messaggi: 9
Iscritto il: 10/03/2018, 19:54
Reputation:

Re: FB prints drying - Quale sistema?

Messaggioda DavideBottero » 14/03/2018, 20:30

Ciao,
Grazie per le info!
Quanto impiega mediamente una foto FB (diciamo 30x40) ad asciugare con questo sistema?
Davide



Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 1806
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: FB prints drying - Quale sistema?

Messaggioda ammazzafotoni » 14/03/2018, 20:38

DavideBottero ha scritto:Ciao,
Grazie per le info!
Quanto impiega mediamente una foto FB (diciamo 30x40) ad asciugare con questo sistema?
Davide
Eh beh, dipende dalle condizioni "atmosferiche" ambientali...
Le ultime foto che ho stampato (ieri sera) dopo un sei ore di riposo sul telaio (previa raclettatura) in una stanza a temperatura abitabile al mattino erano asciuttissime (magari già fa un po')



Avatar utente
DavideBottero
appassionato
Messaggi: 9
Iscritto il: 10/03/2018, 19:54
Reputation:

Re: FB prints drying - Quale sistema?

Messaggioda DavideBottero » 14/03/2018, 20:47

Ok grazie
Un ultimo dubbio: vale invece la pena investire su una essiccatrice? (che peraltro ho visto non si trova facilmente e - se nuova - sempre a prezzi esorbitanti)?



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 7908
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: FB prints drying - Quale sistema?

Messaggioda chromemax » 14/03/2018, 21:26

Le essicatrici ce ne sono di due tipi, quelle per carte politenate che di fatto soffiano aria calda sulle stampe poggiate su una rastrelliera, che non vanno bene per le baritate perché si asciugano presto ma si arricciano chiudendosi su se stesse diventando di fatto ingestibili nella manipolazione, e quelle genericamente definite come "smaltatrici", che tengono la stampa pressata su una superficie metallica riscaldata con dei teli di stoffa. le smaltatrici possono essere usate in due modi: come asciugatrici mettendo la stampa a faccia in su, oppure la stampa viene posta a faccia in giù su una apposita lastra di acciaio cromato pulitissima e lucidissima quindi rullata per togliere l'acqua in eccesso e permettere un contatto perfetto tra la gelatina e la lastra cromata. Il sandwich lastra+stampa viene quindi inserito nella smaltatrice chiudendo i teli per l'asciugatura. Una volta asciutta la stampa smaltata presenterà una superficie vetrificata dura e lucidissima, ma ogni piccola imperfezione nel contatto con la lastra si presenterà come un difetto della superficie che può essere sgradevole alla vista.
Queste le modalità ma le controindicazioni sono:
Basta una singola stampa non ben lavata e i teli diventano contaminati contaminando ogni stampa successiva; oltre alla scarsa durata nel tempo di una stampa contaminata, a causa dell'alta temperatura della smaltatrice anche una leggera contaminazione da iposolfito può causare macchie gialle.
Le stampe asciugate a faccia in su hanno sempre i bordi ondulati e spesso le fibre dei teli rimangono appiccicate alla superficie della stampa.
Nel caso della smaltatura con le carte moderne non viene più bene e rimangono sempre delle pichiettaure opache; inoltre la superficie diventa talmente lucida che i riflessi sono un vero incubo.
L'asciugatura lenta all'aria è il sistema tutto sommato migliore e più sicuro, l'uso di una smaltatrice con la stampa rivolta in alto è veloce ma ha degli inconvenienti e un alto grado di possibile contaminazione.



Avatar utente
DavideBottero
appassionato
Messaggi: 9
Iscritto il: 10/03/2018, 19:54
Reputation:

Re: FB prints drying - Quale sistema?

Messaggioda DavideBottero » 14/03/2018, 21:44

Grazie per la risposta esaustiva, davvero chiarissima!
A questo punto mi attiverò per dotarmi di un telaio di legno con zanzariera
Grazie ancora a tutti per l’aiuto
Ciao
Davide



Avatar utente
franz
esperto
Messaggi: 286
Iscritto il: 22/07/2013, 9:01
Reputation:

Re: FB prints drying - Quale sistema?

Messaggioda franz » 15/03/2018, 8:50

DavideBottero ha scritto:Grazie per la risposta esaustiva, davvero chiarissima!
A questo punto mi attiverò per dotarmi di un telaio di legno con zanzariera
Grazie ancora a tutti per l’aiuto
Ciao
Davide



Ti ho mandato un Messaggio Privato

Francesco





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite