Ferrania P-30 (new) -Test-

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
Lollipop
superstar
Messaggi: 1992
Iscritto il: 31/10/2017, 22:33
Reputation:

Re: Ferrania P-30 (new) -Test-

Messaggio da Lollipop »

NNNN_AAAA ha scritto:
Elmar Lang ha scritto:Eh, vabbè dai, ma come possiamo costruire il futuro, se non conosciamo il passato?
E aggiungo: pensate che le altre aziende fabbrichino pellicole su macchinari costruiti l'anno scorso? Quando dico che sarebbe meglio conoscere un minimo i procedimenti non ho tutti i torti.
Ma che c’entra (e ora andiamo bellamente in OT)? Se oggi si impiegano ancora macchine di tot decadi fa è perché il volume e il valore del mercato non consentono nuovi investimenti.
Una qualsiasi macchina oggi può essere costruita con qualità superiore rispetto al passato.


Lorenzo.

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9700
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Ferrania P-30 (new) -Test-

Messaggio da chromemax »

Ma perché invece di fare dietrologia non comprate un paio di rullini e provate 'sta pellicola e ci dite che ne pensate? :)

Avatar utente
Lollipop
superstar
Messaggi: 1992
Iscritto il: 31/10/2017, 22:33
Reputation:

Re: Ferrania P-30 (new) -Test-

Messaggio da Lollipop »

chromemax ha scritto:Ma perché invece di fare dietrologia non comprate un paio di rullini e provate 'sta pellicola e ci dite che ne pensate? :)
Perché questa pellicola non fa per me. :)
Lorenzo.

anonimo_0001

Re: Ferrania P-30 (new) -Test-

Messaggio da anonimo_0001 »

chromemax ha scritto:Ma perché invece di fare dietrologia non comprate un paio di rullini e provate 'sta pellicola e ci dite che ne pensate? :)
A me è piaciuta ma non è la mia pellicola. Ma mi ripropongo di utilizzare anche quella nuova. ;)

anonimo_0001

Re: Ferrania P-30 (new) -Test-

Messaggio da anonimo_0001 »

Lollipop ha scritto:
NNNN_AAAA ha scritto:
Elmar Lang ha scritto:Eh, vabbè dai, ma come possiamo costruire il futuro, se non conosciamo il passato?
E aggiungo: pensate che le altre aziende fabbrichino pellicole su macchinari costruiti l'anno scorso? Quando dico che sarebbe meglio conoscere un minimo i procedimenti non ho tutti i torti.
Ma che c’entra (e ora andiamo bellamente in OT)? Se oggi si impiegano ancora macchine di tot decadi fa è perché il volume e il valore del mercato non consentono nuovi investimenti.
Una qualsiasi macchina oggi può essere costruita con qualità superiore rispetto al passato.
Ho dei seri dubbi, non sulla qualità sia chiaro (anche se possiamo avere torto entrambi). Sono macchinari molto complessi e ingombranti e ben rodati (cosa molto importante).

anonimo_0001

Re: Ferrania P-30 (new) -Test-

Messaggio da anonimo_0001 »

Lollipop ha scritto:
NNNN_AAAA ha scritto:
Elmar Lang ha scritto:Eh, vabbè dai, ma come possiamo costruire il futuro, se non conosciamo il passato?
E aggiungo: pensate che le altre aziende fabbrichino pellicole su macchinari costruiti l'anno scorso? Quando dico che sarebbe meglio conoscere un minimo i procedimenti non ho tutti i torti.
Ma che c’entra (e ora andiamo bellamente in OT)? Se oggi si impiegano ancora macchine di tot decadi fa è perché il volume e il valore del mercato non consentono nuovi investimenti.
Una qualsiasi macchina oggi può essere costruita con qualità superiore rispetto al passato.
https://www.youtube.com/watch?v=lfgFEdDDzcc&t=2s

Avatar utente
panfilo
appassionato
Messaggi: 21
Iscritto il: 07/08/2019, 17:11
Reputation:

Re: Ferrania P-30 (new) -Test-

Messaggio da panfilo »

Buonasera a Tutti e a Chromemax grazie per il test.
Premesso che ho ben conservati nel frigo 2 rullini P30 alpha, 2 rullini P30 (nuova) e 2 rullini Imago320, tutti in attesa di capire come devo regolare l'esposimetro nella giornata giusta e lo sviluppo di conseguenza, mi viene una domanda che fino ad ora non mi sembra essere stata posta ovvero:
La FERRANIA P30 è stata pellicola cinematografica "autarchica" per eccellenza e poi comunque "cinematografica" ora, se l'emulsione è la stessa o simile a quella di allora, perché non si cerca di recuperare le modalità di esposizione cinematografica e di sviluppo che si usavano all'epoca? Forse che era una pellicola invertibile? Ovviamente la mia é una domanda da inesperto, principiante ecc.......
Grazie per l'attenzione.
Paolo

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9700
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Ferrania P-30 (new) -Test-

Messaggio da chromemax »

panfilo ha scritto:Buonasera a Tutti e a Chromemax grazie per il test.
Premesso che ho ben conservati nel frigo 2 rullini P30 alpha, 2 rullini P30 (nuova) e 2 rullini Imago320, tutti in attesa di capire come devo regolare l'esposimetro nella giornata giusta e lo sviluppo di conseguenza, mi viene una domanda che fino ad ora non mi sembra essere stata posta ovvero:
La FERRANIA P30 è stata pellicola cinematografica "autarchica" per eccellenza e poi comunque "cinematografica" ora, se l'emulsione è la stessa o simile a quella di allora, perché non si cerca di recuperare le modalità di esposizione cinematografica e di sviluppo che si usavano all'epoca? Forse che era una pellicola invertibile? Ovviamente la mia é una domanda da inesperto, principiante ecc.......
Grazie per l'attenzione.
Paolo
Alla presentazione della "alfa" presso Punto Foto Group di Milano, Nicola Baldini della Ferrania disse che negli archivi avevano trovato 4 ricette diverse, ecco quindi che già l'orizzonte è meno chiaro da quale pellicola sia stata ispirata la P30 della nuova Ferrania.
Ma il punto non è tanto quello quanto che fare una pellicola è come fare il vino, o un piatto gourmet, non basta avere la "ricetta" e automaticamente si sforna un piatto "stellato", saremo tutti sulla guida michelin altrimenti.
Giusto per inquadrare meglio di cosa si sta parlando, negli anni '70 Ilford ha avuto discrepanze importanti e inspiegabili su alcuni lotti di pellicola dovuti al cambiamento del fornitore di mangime da parte di un allevatore di bestiame da cui si ricavava la gelatina di una parte della produzione Ilford; cambiata la dieta delle mucche, cambiate le caratteristiche della pellicola, questo è il livello delle variabili in gioco nella produzione di materiale sensibilie. Il responsabile della produzione di un prodottosensibile è una singola persona, se la persona cambia cambia anche il prodotto, esattamente come il vino; gli affiancamenti del personale duravano anni.
Fatta questa premessa, anche ad avere la ricetta dell'emulsione, che non è che il primo passo e forse neanche il più importante, soltanto il grado di purezza delle materie prime che si trovano adesso rispetto a quello della seconda metà degli anni '60 (e il grado di purezza richiesto per la chimica fotografica è superiore a quello farmaceutico) potrebbe essere una varibiabile di non poco conto, tanto per dire.
La pellicola P30 cinematografica era una pellicola negativa ma era studiata per essere poi trasferita (stampata) su pellicola positiva cine per la proiezione; ora le caratteristiche dei film cine sono diverse da quelle dei film fotografici anche perché le curve di risposta dell'occhio umano sono ben diverse tra una visione al buio di una proiezione e una visione di una stampa in un ambiente illuminato, per cui le curve di riproduzione tonale delle pellicole si adeguano a seconda del campo di impiego (chi ha usato una cinestill o una XX si è subito accorto della diversità di risposta rispetto alle pellicole di uso specificatamente fotografico).
La modalità di esposizione cinematografica non ha niente di diverso da quella fotografica; l'otturatore gira a 24 fps e quasi sempre il tempo di otturazione è 1/48" che viene arrotondato ad 1/50 (i tempi cine sono presenti in ogni esposimetro esterno); in genere si usa una lettura a luce incidente dato che si compensano i contrasti con le luci artificiali, insomma niente di particolare che potrebbe far sospettare un differente comportamento dei materiali sensibili utilizzati.
E' vero, non ho usato il d96 nel mio test, ma date le caratteristiche della nuova P30 non credo che il d96 costituisca la soluzione che trasforma questa nuova pellicola in quella che ha fatto la storia del cinemama italiano; comunque la formula del d96 è pubblica e mi capita di farlo (lo uso con la double-X), qualche rullo di p30 è ancora in frigo per cui.... :D

Luis
guru
Messaggi: 431
Iscritto il: 22/09/2018, 10:13
Reputation:
Località: Tra Latina e Frosinone

Re: Ferrania P-30 (new) -Test-

Messaggio da Luis »

La storia del problema Ilford è bellissima. :)

Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 5859
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Ferrania P-30 (new) -Test-

Messaggio da -Sandro- »

Sul testo francese del Glafkidès di chimica fotografica del 76 (un tomo di mille pagine oggi molto raro), è scritto espressamente che alcune parti del pellame del bovino non possono essere usate perché danneggiano l'emulsione, ad esempio le orecchie.

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi