Filtratura Durst M805

Discussioni su ingranditori e tecniche di stampa

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
Gabryel76
esperto
Messaggi: 143
Iscritto il: 17/02/2018, 23:14
Reputation:

Filtratura Durst M805

Messaggioda Gabryel76 » 25/03/2019, 12:27

Hola ragazzis!
Sto finendo di montare il mio "nuovo" ingranditore Durst M805, ho visto che la scala dei filtri colore arriva a 130, ho altri 4 ingranditori e arrivano a 170 e 200 (il Dunco se ricordo bene)
La mia domanda è, 130 non è un po poco? Cosa si fa se si arriva al massimo e ci vuole ancora un po di più filtratura?
Grazie mille
Gab



Advertisement
Avatar utente
Ri.Co.
guru
Messaggi: 924
Iscritto il: 06/09/2015, 23:36
Reputation:

Re: Filtratura Durst M805

Messaggioda Ri.Co. » 25/03/2019, 13:50

Ciao per quanto riguarda Durst esistono due tipi di scale, una che arriva appunto a 130 e una che arriva invece a 170. Il risultato però è lo stesso. La scala 170 sarà più frazionata, ma mi risulta che per l'equivalente del grado 5 sia 0Y/130M = 0Y/170M.
Ci sono delle tabelle che le varie proporzioni, le trovi facilmente in rete direi.



Avatar utente
Gabryel76
esperto
Messaggi: 143
Iscritto il: 17/02/2018, 23:14
Reputation:

Re: Filtratura Durst M805

Messaggioda Gabryel76 » 25/03/2019, 14:21

Grazie mille, cercherò :)
Drovrei stamparli, già vedo un casino per usare i cartoncini della kodak e sono tarate per l'altra scala



Avatar utente
biberon
fotografo
Messaggi: 50
Iscritto il: 06/12/2018, 17:14
Reputation:

Re: Filtratura Durst M805

Messaggioda biberon » 25/03/2019, 14:44

IMG_20190325_150433.jpg
Scala filtratura carte ilford mg rciv
Sul bugiardino della carta multigrade ci sono i veri gradi se non li trovi ti mando una foto io...non so invece la differenza nell'usare la combo goallo magenta o solo il magenta x il solo contrasto...bhooo
Ultima modifica di biberon il 25/03/2019, 15:11, modificato 1 volta in totale.



Advertisement
Avatar utente
28zero
guru
Messaggi: 318
Iscritto il: 05/02/2018, 23:29
Reputation:
Località: Bari

Re: Filtratura Durst M805

Messaggioda 28zero » 25/03/2019, 15:06

In teoria l'uso dei filtri Y/M combinati dovrebbe mantenere costante il tempo di esposizione al variare del contrasto. A me non è propriamente riuscito, nel senso che mi sembra che un po' cambi lo stesso (magari ho sbagliato qualcosa) per cui uso un solo filtro ripetendo il provino scalare per ogni gradazione.

Inviato dal mio Redmi 4 utilizzando Tapatalk



Avatar utente
biberon
fotografo
Messaggi: 50
Iscritto il: 06/12/2018, 17:14
Reputation:

Re: Filtratura Durst M805

Messaggioda biberon » 25/03/2019, 15:13

28zero ha scritto:In teoria l'uso dei filtri Y/M combinati dovrebbe mantenere costante il tempo di esposizione al variare del contrasto. A me non è propriamente riuscito, nel senso che mi sembra che un po' cambi lo stesso (magari ho sbagliato qualcosa) per cui uso un solo filtro ripetendo il provino scalare per ogni gradazione.

Inviato dal mio Redmi 4 utilizzando Tapatalk


Allora pensavo giusto non era tanto chiaro dal bugiardino...cmq l'ho allegata sopra la rimetto anche qui
Allegati
IMG_20190325_150433.jpg



Avatar utente
28zero
guru
Messaggi: 318
Iscritto il: 05/02/2018, 23:29
Reputation:
Località: Bari

Re: Filtratura Durst M805

Messaggioda 28zero » 25/03/2019, 16:19

Con la testa colore si può variare il contrasto in modo continuo, usando tutti i valori. Alla fine i dati del bugiardino sono solo un punto di partenza, non la si deve usare pensando di avere dei valori di filtratura fissi se la si vuole sfruttare a pieno.

Inviato dal mio Redmi 4 utilizzando Tapatalk



Avatar utente
Ri.Co.
guru
Messaggi: 924
Iscritto il: 06/09/2015, 23:36
Reputation:

Re: Filtratura Durst M805

Messaggioda Ri.Co. » 25/03/2019, 16:30

Si la combinazione di Y/M "dovrebbe" dare un'esposizione costante al variare del contrasto, ma sta di fatto che poi una ritoccata al tempo di esposizione bisogna darla. Io preferisco rifare il provino con la nuova filtratura e valutare da capo. Mi pare più efficace.



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9267
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Filtratura Durst M805

Messaggioda chromemax » 25/03/2019, 20:05

Per rispondere alla domanda perché gli ingranditori colore hanno valori filtro non sempre uguali, c'è da dire che filtri colore hanno scale diverse, che io sappia ne esistono almeno 3, ma Kodak CC, la Agfa e al Durst. Se non ricordo male la scala CC dovrebbe essere tarata sullo spostamento cromatico che il filtro comporta, mentre la scala Durst, e di conseguenza la Agfa che è il doppio esatta della Durst, indica il valore di densità del filtro. E' possibile passare da una scala ad un altra con una semplice tabella di conversione, con la quale ci si può anche calcolare un fattore di conversione.
filtrature_colore_cc_durst.jpg


Invece sul fatto che l'esposizione della stampa rimane invariata al cambiare del filtro, la risposta è "ni" e un pizzico di sensitometria ci aiuta a capire il perché.
Quando si fa un provino di esposizione in genere si prende come buono un tono i riferimento, se si sta stampando un ritratto ad esempio sarà il tono della pelle; se il soggetto è un paesaggio con un bel cielo atlantico sarà il tono chiaro delle nuvole, se invece stiamo stampando uno scatto al nostro bel labrador sarà il tono del pelo scuro che ci dirà quale sarà l'esposizione più corretta della stampa.
Se diamo un'occhiata alla famiglia di curve caratteristiche di una qualsiasi carta da stampa si vede subito il motivo del "ni" della risposta.
esposzione_carta_stampa.png
Curve caratteristiche riprese dal datasheet della carta Ilford Classic relativamente alle gradazioni 1, 2 e 3

Supponiamo di fare il provino su carta di gradazione 1 e prendiamo come riferimento un tono di densità 0,5, quindi un grigio chiaro, ma ci accorgiamo che la stampa è "moscia" per cui aumentiamo il contrasto alla gradazione 3, le curve caratteristiche ci dicono che la variazione di esposzione,, sempre per lo stesso grigio chiaro di densità 0,5, è di circa 1/10 di stop, una variazione visibile ma molto piccola.
Adesso supponiamo invece di prendere come riferiemento un grigio bello scuro, una densità di 1,5 (potrebbe essere il pelo del labrador :) ), la stampa su grado 3 è troppo dura per cui cambiamo filtro e stampiamo su una gradazione più morbida, la 1; se si mantiene lo stesso tempo di esposizione tutta la stampa risulterà sottoesposta di 1 stop intero, una bella differenza.
Le carte a gradazione variabile, non tutte e non sempre, hanno delle curve caratteristiche che tendono ad incrociarsi in un punto; solo se il grigio di riferimento che prendiamo è vicino alla densità del punto incui le curve si incrociano si avrà l'esposizione costante al variare del filtro di contrasto, altrimenti l'esposizione varierà, con buona pace di quanto dicono i fabbricanti. Inoltre al variare del contrasto variano tutti i toni dell'immagine, per cui non è affatto detto che anche se il grigio di riferimento è rimasto immutato, gli altri toni siano come li vogliamo e non si renda quindi necessario un aggiustamento dell'esposizione per far uscire la stampa come la desideriamo.
Questo è il motivo per cui è sempre conveniente rifare il provino di esposizione quando si cambia il filtro di contrasto, inoltre la qualità del lavoro di stampa in ogni caso se ne giova.

Se interessa un'esposizione più ampia dell'argomento è stata trattata sul blog e può essere letta qui



Avatar utente
biberon
fotografo
Messaggi: 50
Iscritto il: 06/12/2018, 17:14
Reputation:

Re: Filtratura Durst M805

Messaggioda biberon » 25/03/2019, 20:21

Grazie chromemax come sempre sei illuminante...la mia foto sopra l'ho presa dal bugiardino delle ilford mgiv deluxe...e infatti a seconda di kodak o durst o altri ingranditori li accomuna ...dopo metto anche le altre ma tu le conoscerai...cmq tornando al discorso contrasto era successo anche a me infatti ora riprovino sempre invece che raddoppiare i tempi dal 4 in poi...





  • Advertisement

Torna a “Ingranditori”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti