Fix alcalino, arresto acido, stain non stain...

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
|DDS|
guru
Messaggi: 745
Iscritto il: 05/01/2013, 10:19
Reputation:

Re: Fix alcalino, arresto acido, stain non stain...

Messaggioda |DDS| » 14/12/2013, 8:02

Beh, caspita, 10 minuti per foglio risparmiati sono molti. Per le stampe mi sono convinto ad usarlo, o quantomeno a provarlo; vorrei tornare anche a farmi un giro con il PMK, e leggere Hutchings sarebbe un buon corollario.
Vi chiedo gentilmente quali differenze ci sono tra il tf-3 ed il tf-4?
Tf-4 sembrerebbe meno alcalino e, di conseguenza, meno puzzolente; inoltre tutti parlano gran bene della sua rapidità e capacità.
Tf-3 dalla sua ha proprio la maggiore alcalinità e minore presenza di s.solfito che ne fanno un ottimo fissaggio per preservare colorazione e tannaggio.
Però mi fido più della vostra esperienza che dei libri...

Scusate se insisto con le domande ma il mio più grande "difetto" è saggiare accuratamente l'acqua prima di tuffarmi :ymblushing: :)


Enrico

Advertisement
Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9269
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Fix alcalino, arresto acido, stain non stain...

Messaggioda chromemax » 14/12/2013, 16:42

Il TF-3 non l'ho mai usato, del TF-4 sono contentissimo, anche se è costoso, oltretutto dura una vita. Ma non ho trovato differenze sostanziali nel mantenimento della colorazione usando il fix neutro della Rollei (che è sconsigliato per le pellicole ma io l'ho usato lo stesso con ottimi risultati, per adesso tra cent'anni chissà).
Il tanning (scusate ma in questo caso preferisco i termini inglesi) non è influenzato dal fissaggio, lo stain invece si, ma non è detto che uno stain pronunciato debba essere per forza una cosa buona.



Avatar utente
|DDS|
guru
Messaggi: 745
Iscritto il: 05/01/2013, 10:19
Reputation:

Re: Fix alcalino, arresto acido, stain non stain...

Messaggioda |DDS| » 14/12/2013, 17:42

Innanzitutto grazie per la tua disponibilità Chromemax

Il tanning (scusate ma in questo caso preferisco i termini inglesi) non è influenzato dal fissaggio, lo stain invece si, ma non è detto che uno stain pronunciato debba essere per forza una cosa buona.


Questo è un assist bello e buono per un'altra domanda. Si va un pizzico fuori tema ma era inevitabile :) (colpa mia avrei dovuto aprire un thread apposito ma poi perdevo il filo di questo).

-il tanning è influenzato dalle dosi di sodio solfito del solo rivelatore.
-lo stain è influenzato dalle dosi di sodio solfito nel rivelatore e dall'uso di eventuali soluzioni acide.

Lo stain è anche influenzato dalle dosi di sodio solfito nel fissaggio (fissaggio basico intendo) ?
Io so di sì ed infatti la scelta tra tf-4 e tf-3 l'avrei basata proprio su questo, poi mi spiego meglio.
(Se invece il tanning non è influenzato dal fissaggio evito del tutto la domanda sulle concentrazioni di sodio-solfito nel fix)

Sono d'accordo sulla questione dello stain pronunciato e, ti dirò di più, a me lo "Stain tutto", se così si può dire, non è che interessi più di tanto: mi sono tarato la mia catena e da lì (per ora) non mi schiodo. Però vado anche un po' dove mi porta la curiosità, la fotografia per me è anche, per non dire soprattutto, divertimento.
Oggi mi sono fatto due conti, non solo economici.
Il tf-4 è interessante ma in Italia è abbastanza difficile da reperire (ho trovato qualcosa ma niente di serio).
Per il tf-3 ho trovato invece gli ingredienti su canali nostrani e affidbili, e tutto sommato il prezzo mi sembra molto accessibile.
Torno alla domanda precedente: avrei optato per il tf-3 proprio perché con i singoli reagenti posso gestirmelo meglio togliendo sodio solfito alla bisogna, trascinandolo al neutro.
Mi rimetto alle tue considerazioni.

Per le stampe il discorso è diverso: a questo punto, fino a prova contraria, non vedo proprio perchè continuare con il fissaggio acido.

Grazie ancora Chrome.


Enrico

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9269
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Fix alcalino, arresto acido, stain non stain...

Messaggioda chromemax » 14/12/2013, 19:51

Ti ho risposto qui



Advertisement
Avatar utente
isos1977
superstar
Messaggi: 1784
Iscritto il: 13/09/2011, 22:23
Reputation:
Località: Milano

Re: Fix alcalino, arresto acido, stain non stain...

Messaggioda isos1977 » 16/12/2013, 10:03

chromemax ha scritto:Io lo stop tenderei a farlo sempre, semmai aggiungerei uno sciacquo per evitare di inquinare il fix, oppure farei uno stop un po' più lungo in una soluzione più diluita.
Sono stati fatti dei test che riportano un tempo sostanzialmente simile tra il lavaggio con fix basico e con fix acido+hca per gli stessi residui, quindi si può fare a meno dell'hca per avere la stessa permanenza della stampa; fare anche l'hca non fa male, si avranno solo delle stampe più pulite, forse anche troppo :))

P.S. ti saluta Giorgio :)


Ok, grazie! allora continuo con l'HCA, anche perchè non ho la lavatrice e magari l'efficacia del mio lavaggio non è al top...
Magari inizio a dare una sciacquatina sotto il rubinetto alla stampa dopo l'arresto

in generale, a questo punto direi che anch'io non ho più dubbi sull'uso del fix alcalino in stampa... l'unico effetto collaterale che ho trovato è nell'aggressivita della soluzione alcalina sulla pelle delle mani... devo stare attento a non mettere le mani nella bacinella, sennò mi si screpolano le mani... che poi è una buona regola in generale... ma, a volte, mi capita di non usare le pinze per tirare fuori la stampa...


"Se il fotografo non vede, la macchina fotografica non lo farà per lui" - Kenro Izu



  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: AldoAngelo e 6 ospiti