grigio 18% chiedo lumi

Spazio Aperto a qualunque tipo di discussione, idea o proposta non necessariamente legata alla fotografia

Moderatore: DanieleLucarelli

Avatar utente
persirex
esperto
Messaggi: 191
Iscritto il: 21/10/2011, 13:08
Reputation:
Località: Perugia

Re: grigio 18% chiedo lumi

Messaggioda persirex » 04/06/2013, 21:42

Sempre felice di vedere che qualcuno, nonostante le difficoltà del caso, riesce ad imparare!! :)



Advertisement
Avatar utente
gergio
guru
Messaggi: 779
Iscritto il: 14/03/2013, 16:57
Reputation:

Re: grigio 18% chiedo lumi

Messaggioda gergio » 04/06/2013, 22:38

Evidentemente sono stato poco chiaro, provo a spiegarmi meglio, solo che parleremo di digitalizzazione al fine di capirne le differenze con l'analogico... secondo me! :) poi trai le tue conclusioni (ti evito le mie pippe mentali sulla natura integrale dell'analogico e quella differenziale del digitale)

persirex ha scritto:Scusami ma mi sembra che stai mettendo numeri un po' a caso....

non e' mia abitudine mettere numeri a caso, ma non escludo un errore

persirex ha scritto:N da cosa è dato? in che è misurato? non so se è possibile generalizzare fino a questo punto

N (Noise) e' nelle stesse unita' di misura di S (Signal) (ovvero e' il numero che assume il singolo pixel una volta effettuata l'acquisizione). Nota che parlo di acquisizione perche' in digitale posso pensare di acquisire anche un solo (uno solo) pixel a cui dare un valore tra 0 e 255. In analogico non ci sono i pixel, c'e' un'area, con dimensione a piacere, composta da puntini neri (piu' o meno netti e definiti) "sparsi spazialmente" in quest'area: se ci sono zero puntini il negativo e' trasparente (situazione che Silverprint ci sottolinea che non e' da volere uando dice "esporre per le ombre"); se invece e' tutto pieno, ci sono puntini dappertutto: da cio' che evinco dalle parole di Silverprint capisco che in realta' non e' mai completamente piena, perche' nelle luci trovo sempre qualche dettaglio, motivo per cui nel dubbio conviene sovraesporre un negativo.

persirex ha scritto:Forse posso essere anche io che non capisco, ma un'immagine non è fatta da un solo tono

Anche qui non sono stato chiaro a sufficienza: intendevo una foto fatta ad un cartoncino grigio 18% (uniformita' ideale, perfetto, come diceva il prof. "preso dalla cassettina di Lourdes"). Come ho anticipato all'inizio di questo post, in digitale puoi considerare anche un solo pixel, ed quello che ho fatto nell'esempio. Quindi se hai un'immagine con piu' toni, avrai altri pixel con altri valori di luminosita', e devi fare in modo che il pixel piu' luminoso sia al limite della saturazione del sensore

persirex ha scritto:Anzi in molti casi si supera la dinamica di un sensore digitale...

infatti devi decidere se tagliare le luci o le ombre, senza possibilita' di intervento

persirex ha scritto:e quindi credo abbia poco senso misurare il rumore su un solo tono della scala...

il rumore non lo misuri in corrispondenza di un tono, ma e' un grandezza indipendente dalla luce che colpisce il sensore: dipende solo (in prima approssimazione) dalla temperatura, ed e' una caratteristica fisica del sensore

persirex ha scritto:posso capire il non bucare le luci, ma l'aumentare l'esposizione volontariamente si può fare solo se c'è una discreta latitudine di posa.

qui siamo d'accordo, infatti nel mio esempio di basta la latitudine di posa di 1 bit (nel cartoncino grigio ideale c'e' un solo tono)

persirex ha scritto:Non voglio la "formula magica" (citata in altri 3d) che mi dica come esporre o trattare un file, e una serie di numeri messi li senza dati ed unità di misura certe non mi convincono. Come avevo già scritto, quando ne avrò voglia e tempo, farò anche dei test (non so se li hai già fatti o no) per verificare in una fotografia, ed in situazioni di contrasto controllate e misurate, quanto guadagno c'è. :D

non c'e' bisogno di fare test, sono discorsi teorici che sono alla base dell'acquisizione digitale. Se vuoi fare una prova, falla in condizioni di scarsa luce (cosi' hai un SNR basso) e tieni il tempo fisso variando il diaframma e gli ISO.

persirex ha scritto:Infine mi è veramente oscura la frase:
gergio ha scritto:
il sistema analogico usa le densita' di "puntini" neri distribuiti spazialmente, pertanto a scapito della risoluzione puoi ottenere una dinamica grande a piacere, che puoi centrare in qualche modo (questo e' cio' che studiero' questa estate) con le misure con gli esposimetri tarati al 18% )

Chiedo lumi qui perché non l'ho proprio capita... :D :-h :-h


Questo e' punto nero digitale:
00000
00000
0025500
00000
00000


Questo e' punto grigio digitale:
00000
00000
0012800
00000
00000


Questo e' punto nero analogico:
00000
01110
01110
01110
00000


Questo e' punto grigio analogico:
00000
01010
00100
01010
00000

Nel caso del digitale ogni punto della griglia puo' assumere solo 256 valori, quindi un numero finito di valori.
Nota bene che nel caso analogico ho scelto una griglia pari a quella del digitale, ovvero una griglia discreta (per motivi dovuti all'editor che sto usando per scrivere): nell'analogico la posizione varia con continuita' pertanto ho infinite possibilita' di generare lo stesso grigio, e infiniti grigi possibili per una certa area, finche' ho almeno un punto nell'area (esporre per le ombre, cioe' fare in modo di avere qualche punto nero nell'area trasparente del negativo)



Avatar utente
persirex
esperto
Messaggi: 191
Iscritto il: 21/10/2011, 13:08
Reputation:
Località: Perugia

Re: grigio 18% chiedo lumi

Messaggioda persirex » 05/06/2013, 12:34

:D :D Perfetto! Hai chiarito tutto! in pratica sostenevamo la stessa cosa ma non ci siamo capiti... :D
Nel mio intervento volevo solo dire (e probabilmente mi ero spiegato malissimo) che è vero che alzando l'esposizione si ha un guadagno in rumore, ma bisogna poi considerare anche la risposta del sensore che potrebbe non essere lineare agli estremi (per questo dicevo delle prove)... :-h :-h





  • Advertisement

Torna a “Open Space”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: emag e 1 ospite