Harman direct positive

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
Mithrill
fotografo
Messaggi: 49
Iscritto il: 29/01/2012, 9:27
Reputation:
Località: Civitanova Marche

Harman direct positive

Messaggioda Mithrill » 25/03/2012, 11:48

Buongiorno, stavo approcciandomi alla fotografia stenopeica. Per il momento userò la carta grad 1 o 0 che ho trovato in giro scaduta, e che convertirò in positivo con la stampa a contatto. Ho visto però che si trova la carta in oggetto espressa in iso invece che in gradazione e chiamata 'direct positive'. Come va trattata questa carta? non va fatta lo stesso la stampa a contatto? è migliore della carta a gradazione o, per esempio, del rullino 100 iso?

Altra domanda..c'è qualche controindicazione ad utilizzare per la fotografia stenopeica carta multigrade mettendo un filtro graduato davanti al foro?


Primo rullino sviluppato il 30-01-12! t-max 100 b/n
Toppato al quinto rullino (12-02-12): non avete idea di quanti danni possano fare 5 ml di fissaggio messi nel posto sbagliato...o forse si! Immagine

Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11658
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Harman direct positive

Messaggioda Silverprint » 25/03/2012, 12:20

La Harman Direct è molto, molto contrastata, difficile da usare in condizioni di luce non controllate.
Bisognerebbe fare esperimenti di "ammorbidimento" in camera oscura, ma la necessità di avere una D-max elevata rende la cosa assai difficoltosa.
Produce come da nome una immagine positiva, non mi pare abbia senso riprodurla con sistemi fotografici anche perché una buona carta MG politenata può essere usata per produrre buoni negativi di carta (la sensibilità è di circa 1/ 1,5 asa).

Per ottenere buoni negativi vanno usati sviluppi MOLTO morbidi, cioè alte diluizioni a cui suggerisco di aggiungere un poco di potassio bromuro. Non essendoci su un negativo la necessità di una d-max elevata è possibile molta libertà di lavorazione, con negativi ben fatti la gamma tonale può essere sorprendentemente estesa.
L'uso di un fIltro in ripresa, con 1 asa circa, lo eviterei.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

luca_dega
superstar
Messaggi: 1506
Iscritto il: 17/11/2011, 13:34
Reputation:

Re: Harman direct positive

Messaggioda luca_dega » 26/03/2012, 16:42

io l'ho presa per cercare di stampare una dia Scala che ho li da anni... vedremo... certo la storia del contrasto altissimo la sapevo già... come dite di regolarsi con l'ingranditore ? c'è un modo per "abbassare" il contrasto magari usando i filtri dicroici ?!! ;;) No, eh..? Mi sa che dovrò "lavorare" parecchio sul rivelatore...



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11658
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Harman direct positive

Messaggioda Silverprint » 26/03/2012, 17:18

luca_dega ha scritto:Io l'ho presa per cercare di stampare una dia Scala che ho li da anni, vedremo... Certo la storia del contrasto altissimo la sapevo già. Come dite di regolarsi con l'ingranditore? C'è un modo per "abbassare" il contrasto magari usando i filtri dicroici?!! ;;) No, eh? Mi sa che dovrò "lavorare" parecchio sul rivelatore...


I filtri non serviranno, l'emulsione è a contrasto fisso.
Anche lavorare sul rivelatore non farà miracoli, un buon "nero" comunque lo devi ottenere e questo limita le possibilità di intervento (il mio suggerimento del post precedente è relativo alla produzione di negativi di carta, non positivi).
Io proverei con un rivelatore morbido tipo il Tetenal Centrabrom.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
luca_dega
superstar
Messaggi: 1506
Iscritto il: 17/11/2011, 13:34
Reputation:

Re: Harman direct positive

Messaggioda luca_dega » 26/03/2012, 17:26

Silverprint ha scritto: un buon "nero" comunque lo devi ottenere


Eh si, anche perchè il soggetto ritratto è vestito completamente di nero !.. :D



Avatar utente
Mithrill
fotografo
Messaggi: 49
Iscritto il: 29/01/2012, 9:27
Reputation:
Località: Civitanova Marche

Re: Harman direct positive

Messaggioda Mithrill » 27/03/2012, 15:35

Silverprint ha scritto:La Harman Direct è molto, molto contrastata, difficile da usare in condizioni di luce non controllate.
Bisognerebbe fare esperimenti di "ammorbidimento" in camera oscura, ma la necessità di avere una D-max elevata rende la cosa assai difficoltosa.

Per ottenere buoni negativi vanno usati sviluppi MOLTO morbidi, cioè alte diluizioni a cui suggerisco di aggiungere un poco di potassio bromuro. Non essendoci su un negativo la necessità di una d-max elevata è possibile molta libertà di lavorazione, con negativi ben fatti la gamma tonale può essere sorprendentemente estesa.
L'uso di un fIltro in ripresa, con 1 asa circa, lo eviterei.


D-che? :)
Quindi è proprio una carta che da subito il positivo come dice il nome!? Si trova proprio un sacco di roba strana.. per adesso vado di carta normale e pellicola. Thanks per le altre info, le sai proprio tutte!


Primo rullino sviluppato il 30-01-12! t-max 100 b/n
Toppato al quinto rullino (12-02-12): non avete idea di quanti danni possano fare 5 ml di fissaggio messi nel posto sbagliato...o forse si! Immagine

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11658
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Harman direct positive

Messaggioda Silverprint » 27/03/2012, 16:10

Mithrill ha scritto:D-che? :)
Quindi è proprio una carta che da subito il positivo come dice il nome!? Si trova proprio un sacco di roba strana.. Per adesso vado di carta normale e pellicola. Thanks per le altre info...


D-max, ovvero densità massima, in una stampa sarebbe il "nero".

La Harman Direct Positive è positiva, insomma come una diapositiva in BN messa sulla carta ;) .

In una stampa ci si aspetta di avere almeno qualche punto vicino, se non proprio D-max. Per avere però la densità massima (o quasi) un rivelatore molto "ammorbidito" non va bene (non è in grado di produrre D-max), la cosa, in sostanza, rende molto difficile lavorare la carta positiva in fase di sviluppo perché limita le possibilità di intervento sul rivelatore.

Facendo invece un negativo di carta si può (anzi, si DEVE) fare in modo che risulti molto morbido e non essendoci affatto bisogno (anzi, essendo proprio sbagliato) di raggiungere densità elevate si può "elaborare" il rivelatore a piacimento.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
upupup
esperto
Messaggi: 194
Iscritto il: 15/03/2010, 13:28
Reputation:

Re: Harman direct positive

Messaggioda upupup » 29/03/2013, 9:32

Ed usare questa carta per stampare Dia in BN ? da quanto ho letto mi sembra improponibile



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11658
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Harman direct positive

Messaggioda Silverprint » 29/03/2013, 9:38

No, no si potrebbe usare per stampare le dia BN... mettendo però in conto che probabilmente sarà necessaria una bella dose di mascherature e bruciature. magari viene anche bene...

È però stano, no? Se uno fa le dia BN (che già sono rognose) non le fa mica per stamparle (cercando altre rogne).


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
upupup
esperto
Messaggi: 194
Iscritto il: 15/03/2010, 13:28
Reputation:

Re: Harman direct positive

Messaggioda upupup » 29/03/2013, 9:53

Silverprint ha scritto:No, no si potrebbe usare per stampare le dia BN... mettendo però in conto che probabilmente sarà necessaria una bella dose di mascherature e bruciature. magari viene anche bene...

È però stano, no? Se uno fa le dia BN (che già sono rognose) non le fa mica per stamparle (cercando altre rogne).

Proiettare è bello è gratificante.....le più belle mi piace anche stamparle.





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti