Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Discussioni sugli accessori per il medio formato

Moderatore: isos1977

vngncl61 II°
superstar
Messaggi: 2044
Iscritto il: 26/12/2015, 14:32
Reputation:

Re: Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Messaggioda vngncl61 II° » 04/01/2018, 21:46

Considerazioni assolutamente OT.
Non mi sono mai piaciuti i grandangoli spinti, a prescindere dalla qualità ottica. Tranne che in pochissime immagini, il protagonista diventa l'effetto prospettico che creano, un po come le palle dei punti luminosi fuori fuoco del Trioplan. Mi riferisco all'uso, spesso smodato, che se ne fa nel reportage, per il paesaggio è tutt'altra cosa, ma a me, il paesaggio, non ha mai detto nulla.


Nicola


Meglio farlo, e poi pentirsi, che rimpiangere di non averlo fatto.

Advertisement
Avatar utente
Carlo80
appassionato
Messaggi: 12
Iscritto il: 02/01/2018, 20:54
Reputation:

Re: Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Messaggioda Carlo80 » 05/01/2018, 20:17

Il 40 in 6x6 non lo trovo così spinto...però la penso abbastanza come te



Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 4849
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Messaggioda -Sandro- » 05/01/2018, 21:44

Questo è quello che scrissi sul mio blog a proposito del distagon 40.

http://canonfdworld.blogspot.it/2015/08 ... ofeti.html



vngncl61 II°
superstar
Messaggi: 2044
Iscritto il: 26/12/2015, 14:32
Reputation:

Re: Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Messaggioda vngncl61 II° » 05/01/2018, 22:33

Sicuro che siamo coetanei, come [email protected]'è che tu ci hai persino un blog, mentre io ancora peno per appicciare sto cesso di computer? :(
A quando un bel corredo a pixels? :ymsmug:

:-*


Nicola


Meglio farlo, e poi pentirsi, che rimpiangere di non averlo fatto.

Avatar utente
Carlo80
appassionato
Messaggi: 12
Iscritto il: 02/01/2018, 20:54
Reputation:

Re: Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Messaggioda Carlo80 » 06/01/2018, 1:42

Cavolo Sandro....quindi il vecchio 40 hasselblsd va così?
Mi hai quasi convinto!!
Grazie mille
Cercherò 40mm c



Avatar utente
Tomash
guru
Messaggi: 425
Iscritto il: 21/04/2010, 22:02
Reputation:
Località: Bologna

Re: Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Messaggioda Tomash » 06/01/2018, 6:53

vngncl61 II° ha scritto:
Tomash ha scritto: il confronto lo posso fare solo con gli Zeiss/Rollei HFT che corredavano la Rolleiflex serie 6000


Rumenta, come direbbe il mio coetaneo del mesozoico. :D


Dicono tutti così, tranne quelli che lo hanno usato.
Ed anche i riparatori, tranne quelli che si sono accorti che l'irreparabile guasto all'elettronica degli obiettivi altro non è che una vite lenta (non sto scherzando).



Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 4849
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Messaggioda -Sandro- » 06/01/2018, 8:16

vngncl61 II° ha scritto:Sicuro che siamo coetanei, come [email protected]'è che tu ci hai persino un blog, mentre io ancora peno per appicciare sto cesso di computer? :(


Boh, forse perché tu sei mentalmente più vecchio di me, e comunque per fare un blog occorrono solo le idee e la voglia di farlo, il come farlo è del tutto banale, come usare word. :)

A quando un bel corredo a pixels? :ymsmug:

:-*


L'ho già avuto. Quando mi ero illuso che il digitale fosse la soluzione definitiva, ci ho speso un bel po' di soldi. Poi dopo essermi reso conto che mi consumavo il cervello dietro alle cazzate ho (s)venduto tutto e non ho nessun rimpianto, per mettere qualche stronzata online è più che bastante l'iphone.



vngncl61 II°
superstar
Messaggi: 2044
Iscritto il: 26/12/2015, 14:32
Reputation:

Re: Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Messaggioda vngncl61 II° » 06/01/2018, 8:36

Tomash ha scritto:Dicono tutti così, tranne quelli che lo hanno usato.


La mia era una battuta, sono tra quelli che le hanno usate.

Tomash ha scritto:Ed anche i riparatori, tranne quelli che si sono accorti che l'irreparabile guasto all'elettronica degli obiettivi altro non è che una vite lenta (non sto scherzando).


Mai avuto problemi con le ottiche, con i corpi si, e non era una vite lenta.

-Sandro- ha scritto:Boh, forse perché tu sei mentalmente più vecchio di me, e comunque per fare un blog occorrono solo le idee e la voglia di farlo, il come farlo è del tutto banale, come usare word.



Appunto, come si usa word? :ymblushing:

-Sandro- ha scritto: Poi dopo essermi reso conto che mi consumavo il cervello dietro alle cazzate ho (s)venduto tutto e non ho nessun rimpianto, per mettere qualche stronzata online è più che bastante l'iphone.


Qua il mentalmente più vecchio sei tu, non so quale digitale tu abbia usato, le ultime, e non parlo di ammiraglie da 4-5mila €, non hanno più nulla da invidiare alla pellicola, semmai è il contrario, se poi, come faccio io, il rapporto qualitativo non lo fai con le megapizze, ma con i formati di ripresa, veramente non c'è storia, poi, parlo di stampe, per avere risultati degni di nota, devi farti il culo, ne più ne meno che con la pellicola. L'unica cosa del digitale che mi piace poco è l'assenza, totale, di grana, ed una perfezione che pare asettica, quasi plasticosa, specialmente per quelli della nostra età che si sono appassionati alla fotografia quando portavano i pantaloncini ma senza avere una foresta di peli sulle gambe.


Nicola


Meglio farlo, e poi pentirsi, che rimpiangere di non averlo fatto.

Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 4849
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Messaggioda -Sandro- » 06/01/2018, 8:52

vngncl61 II° ha scritto:
Qua il mentalmente più vecchio sei tu, non so quale digitale tu abbia usato, le ultime, e non parlo di ammiraglie da 4-5mila €, non hanno più nulla da invidiare alla pellicola, semmai è il contrario, se poi, come faccio io, il rapporto qualitativo non lo fai con le megapizze, ma con i formati di ripresa, veramente non c'è storia, poi, parlo di stampe, per avere risultati degni di nota, devi farti il culo, ne più ne meno che con la pellicola. L'unica cosa del digitale che mi piace poco è l'assenza, totale, di grana, ed una perfezione che pare asettica, quasi plasticosa, specialmente per quelli della nostra età che si sono appassionati alla fotografia quando portavano i pantaloncini ma senza avere una foresta di peli sulle gambe.


Nicola non ci siamo capiti, della qualità del digitale non m'importa una sega come dicono gli amici toscani.
Ho avuto la Canon 1Ds markIII (pagata ottomilacinquecento euro) con un corredo di quattordici ottiche L che molti invidierebbero anche ora. Quindi SO.
Ciò che detesto del digitale non è la mancanza di qualità, è semplicemente che di consumarmi il cervello al monitor per produrre le immagini non ho più nessuna voglia. Se poi le vuoi stampare, parliamo pure di costi. Le cartucce delle stampanti moderne sono un furto mentre la stampa chimica del colore (macchinari a parte, che comunque, se li trovi, costano meno di una stampante "professionale") il costo dei materiali è ridicolo: 93 metri di carta colore in banda 30 costano 70 euro, la chimica (professionale) per fare 100 metri quadri di stampe costa una quarantina di euro. E l'immensa soddisfazione di lavorare la stampa sotto l'ingranditore, al buio totale, dove ti confronti solo con te stesso e non con i matematici che hanno programmato photoshop, dove quando sbagli capisci perché hai sbagliato e rimedi, non devi cercare "il settaggio ottimale" mendicandolo nei vari forum, o andando per tentativi, o comprandolo da venditori di fumo in bit.



vngncl61 II°
superstar
Messaggi: 2044
Iscritto il: 26/12/2015, 14:32
Reputation:

Re: Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Messaggioda vngncl61 II° » 06/01/2018, 9:14

Io sono avvantaggiato, nella mia conclamata scarsezza per i bit, delego ad altri, dotati di capacità nell'elaborazione delle immagini digitali pari a quelle che hai tu nell'analogico, tutto il lavoro post scatto, naturalmente questi altri conoscono ampiamente le mie preferenze ed esigenze, ed il costo per una stampa non differisce molto da quello di una analogica, se fai più copie è pure inferiore. Poi con il digitale c'è il fatto che il raw, resta sempre latente,, a differenza del negativo, e che una volta settati i parametri di stampa hai la certezza che tutte le copie saranno identiche e di velocissima esecuzione.
Certo, non c'è il piacere di fare le cose in proprio e manualmente, ma per quello c'è sempre la pellicola ed il vecchio, immortale, corredo analogico.


Nicola


Meglio farlo, e poi pentirsi, che rimpiangere di non averlo fatto.



  • Advertisement

Torna a “Medio formato”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti