Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Discussioni sugli accessori per il medio formato

Moderatore: isos1977

Avatar utente
SamueleB
fotografo
Messaggi: 87
Iscritto il: 15/07/2016, 11:42
Reputation:

Re: Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Messaggioda SamueleB » 06/01/2018, 10:43

-Sandro- ha scritto:Questo è quello che scrissi sul mio blog a proposito del distagon 40.

http://canonfdworld.blogspot.it/2015/08 ... ofeti.html


Ciao Sandro

Ho letto con interesse l'articolo: mi puoi spiegare per cortesia questa frase:
Altrove ho letto che le versioni più vecchie di questo obiettivo (modelli C) sono nettamente migliori delle successive (e ciò non mi stupisce).

Grazie



Advertisement
Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 4849
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Messaggioda -Sandro- » 06/01/2018, 12:32

Che ho trovato migliori i vecchi C (con trattamento T*) che non i più moderni, costosissimi CF. Certo peso e ingombro sono da primato ma vale la pena. Alla larga invece dai più vecchi modelli C senza trattamento T*, su uno schema ottico del genere è imprescindibile un buon antiriflesso.



vngncl61 II°
superstar
Messaggi: 2044
Iscritto il: 26/12/2015, 14:32
Reputation:

Re: Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Messaggioda vngncl61 II° » 06/01/2018, 13:11

Ma il distagon 4/40 c'è pure in versione non T*?


Nicola


Meglio farlo, e poi pentirsi, che rimpiangere di non averlo fatto.

Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 4849
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Messaggioda -Sandro- » 06/01/2018, 13:12

Si, l'ho avuto, e le diffusioni interne erano abbastanza fastidiose.

Il trattamento T* è stato introdotto nel 74 se non ricordo male, con l'avvento della livrea nera sugli obiettivi C, tuttavia il distagon 40 non T* non ha mai avuto la livrea cromata, era già nero, quindi presumo sia stato partorito a cavallo dell'introduzione del T*, come i rari ed ambiti obiettivi cromati T* per cui oggi si scannano.



vngncl61 II°
superstar
Messaggi: 2044
Iscritto il: 26/12/2015, 14:32
Reputation:

Re: Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Messaggioda vngncl61 II° » 06/01/2018, 13:35

Adesso capisco perché ho sempre pensato che non ci fosse una versione senza trattamento MC del 40mm, era nero anche prima del T*, pensavo che solo le ottiche in finitura nera fossero del tipo con trattamento T*.
Comunque, non ho mai usato il 40, già mi stava largo il 50, ho avuto un 60, mi piaceva moltissimo, era un eccellente tuttofare, poi arrivò la Pentax 6x7 e abbandonai la svedese.


Nicola


Meglio farlo, e poi pentirsi, che rimpiangere di non averlo fatto.

Avatar utente
edoardo
fotografo
Messaggi: 59
Iscritto il: 16/05/2017, 9:08
Reputation:
Località: albano laziale
Contatta:

Re: Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Messaggioda edoardo » 06/01/2018, 14:58

ed una perfezione che pare asettica,
vnc..
è propio quella che a mè dà fastidio..la risoluzione spinta artificiale..i toni esagerati..cose che io nel mondo che mi circonda non vedo e non ho mai visto...quello che vedo intorno a mè è molto più pacato e non "strillato" come nei sensori fullframe..



vngncl61 II°
superstar
Messaggi: 2044
Iscritto il: 26/12/2015, 14:32
Reputation:

Re: Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Messaggioda vngncl61 II° » 06/01/2018, 16:08

Dio bon, Edo, c'ho messo 1/4 d'ora per capire che avevi fatto una citazione di un mio scritto, figliuolo sono anziano :D
Si le stampe digitali sono troppo perfette, a volte ben oltre l'asetticità. Però da quando uso la piccola Fuji è cambiato un bel po, probabilmente le Fuji sono le più analogiche tra le digitali, hanno una resa molto più naturale delle altre, anche il rumore è assimilabile, realmente, alla grana delle pellicole.
Peccato che, a quanto mi dice quello che tratta i files, i software d'elaborazione ancora mostrino un po di problemi nel gestire i raw della Fuji, l'X-trans è un po più complicato dei sensori a matrice di bayer.
Siamo nell'OT più selvaggio, meglio smetterla primo che uno dei verdi, o il rosso, ci bacchettino :-s


Nicola


Meglio farlo, e poi pentirsi, che rimpiangere di non averlo fatto.

Avatar utente
edoardo
fotografo
Messaggi: 59
Iscritto il: 16/05/2017, 9:08
Reputation:
Località: albano laziale
Contatta:

Re: Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Messaggioda edoardo » 06/01/2018, 19:27

vngncl61 II° ha scritto:Dio bon, Edo, c'ho messo 1/4 d'ora per capire che avevi fatto una citazione di un mio scritto, figliuolo sono anziano :D
Si le stampe digitali sono troppo perfette, a volte ben oltre l'asetticità. Però da quando uso la piccola Fuji è cambiato un bel po, probabilmente le Fuji sono le più analogiche tra le digitali, hanno una resa molto più naturale delle altre, anche il rumore è assimilabile, realmente, alla grana delle pellicole.
Peccato che, a quanto mi dice quello che tratta i files, i software d'elaborazione ancora mostrino un po di problemi nel gestire i raw della Fuji, l'X-trans è un po più complicato dei sensori a matrice di bayer.
Siamo nell'OT più selvaggio, meglio smetterla primo che uno dei verdi, o il rosso, ci bacchettino :-s


:D :D :)) devo pagarti i diritti d autore allora Nicola..

ps
sei anziano? io ne ho 54... ;)



vngncl61 II°
superstar
Messaggi: 2044
Iscritto il: 26/12/2015, 14:32
Reputation:

Re: Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Messaggioda vngncl61 II° » 06/01/2018, 22:44

54 ? quando sei nato già era qualche anno che rompevo i coglioni al prossimo B-)


Nicola


Meglio farlo, e poi pentirsi, che rimpiangere di non averlo fatto.

Avatar utente
-Sandro-
superstar
Messaggi: 4849
Iscritto il: 13/08/2010, 16:25
Reputation:
Località: Genova
Contatta:

Re: Hasselblad e Sqa Zenza Bronica differenze

Messaggioda -Sandro- » 06/01/2018, 23:00

vngncl61 II° ha scritto:54 ? quando sei nato già era qualche anno che rompevo i coglioni al prossimo B-)


Solo 3. Non tirartela troppo. :)





  • Advertisement

Torna a “Medio formato”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite