ID-11

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
klaus
esperto
Messaggi: 261
Iscritto il: 01/12/2012, 10:02
Reputation:
Località: Udin

ID-11

Messaggioda klaus » 01/12/2012, 11:17

Ho provato qualche settimana fa lo sviluppo di una Efke KB 100 con l'ID-11 (diluizione 1+1) da stock preparato ad agosto 2011 e conservato in bottiglia di acqua minerale schiacciata e messa in cantina. L'ID-11 si è comportato bene... chimico di grande affidabilità o gran botta di c..o?

Ciao!

Giulio



Advertisement
Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9407
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: ID-11

Messaggioda chromemax » 01/12/2012, 15:22

Non esiste una regola, magari fosse così :)
Il procedimento fotografico è importante che sia preciso più che accurato, cioè ripetibile, ed è in quest'ottica che vanno interpretate le raccomandazioni dei fabbricanti: ottenere sempre risultati costanti eliminando il più possibile le variabili in gioco, invecchiamento dei chimici compreso.
Il D-76/ID-11 in formula originale, ad esempio, tende ad aumentare di energia col passare del tempo, per poi diminuire di attività abbastanza in fretta man mano che l'ossidazione procede; questo comportamento è stato "bufferizzato" nelle formule commerciali, inoltre il PET delle bottiglie di plastica dell'acqua minerale è piuttosto impermeabile all'aria, è stata tolta l'aria in eccesso, la conservazione è stata presumibilmente al fresco e al buio, la qualità dell'acqua usata per la soluzione era anch'essa probabilmente buona e potrebbero esserci tutti gli estremi affinché la conservazione sia stata sufficientemente buona per farti avere dei risultati accettabili anche ben oltre i limiti raccomandati. Ma i negativi ottenuti sono identici a negativi simili sviluppati con uno sviluppo fresco? E quanto è ripetibile questa situazione? Magari nelle stesse condizioni di conservazione un altro tipo di sviluppo sarebbe completamente andato, oppure un'estate un po' più calda avrebbe potuto compromettere tutto... o magari no. Insomma troppe variabili. La tua esperienza imho è più un'eccezione che conferma la regola e penso che sia sempre preferibile seguire le raccomandazioni fornite dai fabbricanti, soprattutto se gli scatti sono importanti :)



Avatar utente
klaus
esperto
Messaggi: 261
Iscritto il: 01/12/2012, 10:02
Reputation:
Località: Udin

Re: ID-11

Messaggioda klaus » 01/12/2012, 15:35

:) grazie chromemax!
spiegazione più che esaustiva... lo sviluppo è stato fatto con tempi uguali a quelli usati per lo stesso tipo di pellicola con sviluppo appena fatto. i risultati mi sembrano simili. appena ritorno in C.O. verifico i negativi :)





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti