Il valore aggiunto della fotografia analogica

Discussioni sull'etica e sulla filosofia applicata alla fotografia

Moderatore: etrusco

Avatar utente
stefnerv
guru
Messaggi: 510
Iscritto il: 07/09/2013, 14:01
Reputation:
Località: milano

Re: R: Il valore aggiunto della fotografia analogica

Messaggioda stefnerv » 13/04/2016, 16:35

Io posso capire quello che il sig nell esempio di sandro voleva dire e purtroppo in una certa ottica e' vero . Mi spiego meglio considerando le foto a colori che si facevano negli anni 85 / 2000 anche a me mi viene di stramaledire la pellicola , mi ricordo che facevo le foto le portavo a sviluppare e il lab mi ridava delle porcherie reali e non c era verso foto piatte completamente insulse , ma il soggetto era ben inquadrato . Poi ho mandato a quel paese il lab di stampa e con una macchinetta e un ingranditore da 20000lire in tutto mi sono messo a stampare da me come il giorno e la notte . Probabile che l ignaro contestatore non avessr mai visto una stampa decente a tal punto da considerare il digitale come bello !!!!! .



Advertisement
Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 1956
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: R: Il valore aggiunto della fotografia analogica

Messaggioda ammazzafotoni » 13/04/2016, 16:40

stefnerv ha scritto:Probabile che l ignaro contestatore non avessr mai visto una stampa decente a tal punto da considerare il digitale come bello !!!!! .

Il punto dolente è che considerava il *suo* digitale come bello.
Ché il digitale, trattato bene dall'esposizione alla stampa, conservandone appropriatamente l'informazione, bello esce (senza però farsi troppe domande sul come...).
Ma ci vuole cultura specifica, cultura informatica, che molti fotografi ex-analogici purtroppo non avevano e, forse, non hanno nemmeno sviluppato nel tempo, tanto che spesso delegano la post-produzione ad assistenti, in genere giovani e più informaticamente preparati.



Avatar utente
bafman
superstar
Messaggi: 1909
Iscritto il: 04/06/2012, 22:25
Reputation:
Località: MO
Contatta:

Re: Il valore aggiunto della fotografia analogica

Messaggioda bafman » 13/04/2016, 21:17

A mio vedere la questione è più semplice e tocca solo marginalmente il visivo, il fotografico, il linguaggio o quanto altro.



Avatar utente
colonial
esperto
Messaggi: 161
Iscritto il: 06/01/2015, 16:29
Reputation:
Località: Hermosillo Mex

Re: Il valore aggiunto della fotografia analogica

Messaggioda colonial » 14/04/2016, 20:06

Per me l'unico valore aggiunto e' il fotografo, per il resto si tratta solo di differenti maniere di esprimere le proprie emozioni;
Per esempio, oltre a fotografare, dipingo, acquerello e pastrelli, tra l'uno e l'altro non vedo nessun valore aggiunto, cosi' come non lo vedo tra digitale (ben fatto) ed analogico (altrettento ben fatto), solo modi differenti...



Avatar utente
Phormula
esperto
Messaggi: 148
Iscritto il: 13/05/2016, 16:31
Reputation:

Re: Il valore aggiunto della fotografia analogica

Messaggioda Phormula » 17/05/2016, 20:12

Io, ogni volta che leggo confronti qualitativi, ripenso al mio maestro di fotografia. Il secondo, mio padre mi ha dato la sua macchina fotografica usata e mi ha insegnato le basi dell'esposizione. Il fotografo del paese, un signore titolare di una edicola-studio fotografico, le basi della composizione. Era diventato fotografo per caso. Nella primavera del 1945 da ragazzo scambiò un po' di farina con un soldato della Wermacht in ritirata che in cambio gli diede la sua Leica con un 35mm. Macchina già vecchia allora e con un obiettivo che per gli standard moderni è un vetraccio. L'ha usata tutta la vita, fino alla scomparsa nel 2000. Le sue foto sono mezzo secolo di memoria del paese, e sono state spesso pubblicate. Nonostante nel frattempo siano arrivati esposimetri (l'ho sempre visto esporre a occhio), lenti antiriflesso, autofocus e digitale. Semplicemente era in sintonia con la sua Leica e lo è stato tutta la vita.

Ricordo quando, al liceo con grandi sacrifici, mi sono comprato una Nikon FM2 nuova con l'obiettivo standard. Le sue parole sono state: "adesso vedi di non disimparare come si fa a fare belle foto".



Avatar utente
popecide
guru
Messaggi: 340
Iscritto il: 16/09/2014, 11:54
Reputation:
Località: Padova

Re: Il valore aggiunto della fotografia analogica

Messaggioda popecide » 17/05/2016, 20:33

Phormula ha scritto: Nella primavera del 1945 da ragazzo scambiò un po' di farina con un soldato della Wermacht in ritirata che in cambio gli diede la sua Leica con un 35mm. Macchina già vecchia allora e con un obiettivo che per gli standard moderni è un vetraccio".

Che storia, perfetta per un monologo di Marco Paolini. E magari non è poi questo vetraccio!


Wendy, I'm home! (Jack Torrance)

Avatar utente
TUBOCATODICO
appassionato
Messaggi: 26
Iscritto il: 26/01/2017, 2:12
Reputation:

Re: Il valore aggiunto della fotografia analogica

Messaggioda TUBOCATODICO » 16/02/2017, 18:30

La difficoltà è riuscire a trasmettere e a vendere al cliente il valore aggiunto che ha l'analogico per te...Chi ci riesce ha centrato l'obiettivo....Altrimenti la vedo dura! Leggi di mercato...Dipende poi dal contesto... l'analogico non è sempre la scelta vincente per determinati lavori!

Inviato dal mio FRD-L09 utilizzando Tapatalk



Avatar utente
rickeyunholy
appassionato
Messaggi: 10
Iscritto il: 28/04/2018, 20:06
Reputation:
Contatta:

Re: Il valore aggiunto della fotografia analogica

Messaggioda rickeyunholy » 30/04/2018, 0:45

trovo che più che 'valore aggiunto' dell'analogica sia molto più corretto parlare di 'valore rimosso' del digitale.
l'impressione fisica della luce su un formato fisico, la potenza della peggiore foto in analogico, vale più del miglior scatto in digitale.
viviamo in un periodo storico dove la tecnologia è passata dall'essere al servizio dell'espressione artistica, al rendere disponibile a tutti il proprio potenziale, fino a divorare l'espressione stessa, diventando fine a se stessa.
potrei passare per un purista, ma sapete meglio di me che è più che un punto di vista. è solo lo specchio dell'avvilente periodo storico che viviamo.
per proporti a gruppi musicali, credo riusciresti a spiegarlo molto bene ad un musicista portandogli il confronto tra una produzione o un'effettistica/strumentazione analogica e digitale.





  • Advertisement

Torna a “Etica e filosofia”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti