Ilford HP5 @ 800 asa - Meglio ID11 stock o Microphen stock?

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
Salvatore Sedda
esperto
Messaggi: 227
Iscritto il: 11/12/2014, 10:52
Reputation:
Contatta:

Re: Ilford HP5 @ 800 asa - Meglio ID11 stock o Microphen sto

Messaggioda Salvatore Sedda » 20/01/2015, 19:56

Grazie, appena riesco stampo le foto e vedo se ci sono dettagli :-)



Advertisement
Avatar utente
Salvatore Sedda
esperto
Messaggi: 227
Iscritto il: 11/12/2014, 10:52
Reputation:
Contatta:

Re: Ilford HP5 @ 800 asa - Meglio ID11 stock o Microphen sto

Messaggioda Salvatore Sedda » 29/01/2015, 19:45

Mi chiedevo quanto dura il microphen una volta usato ad oggi ho sviluppato 5 rullini e lo ho subito dopo riposto in una bottiglia a tenuta d'aria. Vale anche in questo caso la regola dei 6 mesi?



Avatar utente
bafman
superstar
Messaggi: 1909
Iscritto il: 04/06/2012, 22:25
Reputation:
Località: MO
Contatta:

Re: Ilford HP5 @ 800 asa - Meglio ID11 stock o Microphen sto

Messaggioda bafman » 02/02/2015, 23:57

Salvatore Sedda ha scritto:Mi chiedevo quanto dura il microphen una volta usato ad oggi ho sviluppato 5 rullini e lo ho subito dopo riposto in una bottiglia a tenuta d'aria. Vale anche in questo caso la regola dei 6 mesi?

il fatto che una bottiglia sia a tenuta d`aria (quanto poi...) non significa che di aria dentro non ve ne sia a sufficienza per ossidare.
un diluito semiesausto non lo terrei neppure un mese a sperare che poi non mi rovini altri rulli.
se lo butti ora anzichè fra altri... tre? quattro? rullini cosa hai buttato? il costo di qualche sigaretta. ma non avrai rovinato rullini fra tre mesi (una stampa in sviluppo esausto la rifai ma la pellicola te la giochi).

se vuoi usarlo scatta a breve e usalo ancora a breve.
altrimenti la prox volta aspetta di avere un tot di pellicole per diluire.
altrimenti usa i diluiti one shot.
altrimenti datti ai concentrati, che sono one shot per definizione.



Avatar utente
Salvatore Sedda
esperto
Messaggi: 227
Iscritto il: 11/12/2014, 10:52
Reputation:
Contatta:

Re: Ilford HP5 @ 800 asa - Meglio ID11 stock o Microphen sto

Messaggioda Salvatore Sedda » 03/02/2015, 14:06

Quello che chiedevo è quanto dura la soluzione stock usata, non diluita. Diluita, c'è scritto anche sul bugiardino che dura massimo 24 ore. Per la tenuta ad aria, le bottiglie sono colme al pelo e tapppate ermeticamente, certo aria ne sarà pur rimasta ma nn è come se la bottiglia fosse piena a metà insomma. Preparato e chiuso sottovuoto dice il buggiardino sia l'ID11 che il Microphen dura 6 mesi, nn dice però quanto invece una volta che si usa.



Advertisement
Avatar utente
maiemy
appassionato
Messaggi: 21
Iscritto il: 23/01/2015, 17:14
Reputation:
Località: Novara
Contatta:

Re: Ilford HP5 @ 800 asa - Meglio ID11 stock o Microphen sto

Messaggioda maiemy » 10/03/2015, 17:38

Non ho esperienza diretta sul microphen ma ho paragone tra ID11 e Adonal.
Come hanno detto le persone che mi hanno preceduto l'id11 mi ha sempre lavorato bene con pellicole esposte correttamente.
ho provato a recuperare uno stop (anche io 800 asa equivalente) sia con id11 che con adonal e i dettagli nelle ombre e la sensibilita' di sviluppo del secondo sono nettamente superiori.
Deduco quindi che anche tra microphen e id11 sia la stessa cosa. :D

ciao



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11277
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Ilford HP5 @ 800 asa - Meglio ID11 stock o Microphen sto

Messaggioda Silverprint » 10/03/2015, 19:14

maiemy ha scritto:... sia con id11 che con adonal e i dettagli nelle ombre e la sensibilita' di sviluppo del secondo sono nettamente superiori. Deduco quindi che anche tra microphen e id11 sia la stessa cosa.


Io non ho capito nulla di quel che vuoi dire. :(
Cosa è la "sensibilità di sviluppo"?
Perché pensi che le differenze tra Microphen e ID-11 siano simili alle differenze che trovi tra Adonal e ID-11
Sicuro che l'Adonal dia più dettagli nelle ombre dell'ID11? Hai misurato la sensibilità effettiva?


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
maiemy
appassionato
Messaggi: 21
Iscritto il: 23/01/2015, 17:14
Reputation:
Località: Novara
Contatta:

Re: Ilford HP5 @ 800 asa - Meglio ID11 stock o Microphen sto

Messaggioda maiemy » 10/03/2015, 19:31

Silverprint ha scritto:
maiemy ha scritto:... sia con id11 che con adonal e i dettagli nelle ombre e la sensibilita' di sviluppo del secondo sono nettamente superiori. Deduco quindi che anche tra microphen e id11 sia la stessa cosa.


Io non ho capito nulla di quel che vuoi dire. :(
Cosa è la "sensibilità di sviluppo"?
Perché pensi che le differenze tra Microphen e ID-11 siano simili alle differenze che trovi tra Adonal e ID-11
Sicuro che l'Adonal dia più dettagli nelle ombre dell'ID11? Hai misurato la sensibilità effettiva?


:( mi sono spiegato con i piedi... =))

Ho esposto due rulli con la HP5+ 400 ASA uno stop sottoesposti. Ho sviluppato poi con adonal e id-11, riproporzionando i tempi per gli 800asa.
La stanza era la stessa, il soggetto pure. Con Adonal, ho più dettagli nelle ombre. Dicendo al contrario, con ID-11 ho foto più scure/contrastate.
Con "sensibilità di sviluppo", termine buttato li, intendevo dire che è come se con Adonal la pellicola fosse più sensibile.
Non ho misurato, ma lo vedo dell'istogramma della scansione che è più spostato verso i neri.
Mi sto spiegano da cani... :D
Per questo motivo, insieme al costo, ho deciso qualche settimana fa di abbandonare l'ID-11 che prima usavo.

Con ID-11 mi sono sempre trovato bene con esposizioni corrette, o leggermente sovraesposte.


" Mi piace leggere solo quello che non capisco. Non capendo posso immaginare molteplici interpretazioni "
S. Dalì
" Si può superare qualunque convenzione, solo se prima si può concepire di poterlo fare "
Robert Frobisher

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11277
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Ilford HP5 @ 800 asa - Meglio ID11 stock o Microphen sto

Messaggioda Silverprint » 10/03/2015, 22:00

maiemy ha scritto:Ho esposto due rulli con la HP5+ 400 ASA uno stop sottoesposti. Ho sviluppato poi con adonal e id-11, riproporzionando i tempi per gli 800asa.
La stanza era la stessa, il soggetto pure. Con Adonal, ho più dettagli nelle ombre. Dicendo al contrario, con ID-11 ho foto più scure/contrastate.

Hai lasciato sempre la stessa esposizione?
maiemy ha scritto:Con "sensibilità di sviluppo", termine buttato li, intendevo dire che è come se con Adonal la pellicola fosse più sensibile. Non ho misurato, ma lo vedo dell'istogramma della scansione che è più spostato verso i neri.

L'esposizione in scansione era bloccata?

Il punto è che il Rodinal/Adonal (dovrebbero essere uguali) non sfrutta a fondo la sensibilità, e proprio con la HP5 la perdita di sensibilità (al piede) è notevole. Per cui vorrei capire come mai hai risultati opposti a quel che succede di solito. Personalmente suppongo ci sia una qualche variabile che ci è sfuggita.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
maiemy
appassionato
Messaggi: 21
Iscritto il: 23/01/2015, 17:14
Reputation:
Località: Novara
Contatta:

Re: Ilford HP5 @ 800 asa - Meglio ID11 stock o Microphen sto

Messaggioda maiemy » 10/03/2015, 22:16

Si ho lasciato la stessa esposizione a gruppi di 6 foto (prime sei in un modo e altre 6 in un altro).
La luce era la stessa con la stessa sorgente luminosa.

Mi incuriosisce anche a me capire a questo punto. hai qualche esempio. Io, in genere, sto ottenendo risultati migliori con Adonal che con ID-11
Quando ho inziato a giocare con lo sviluppo in casa, un caro amico mi aveva detto che è palese che i dev della stessa marca della pellicola siano migliori perchè studiati per le pellicole di riferimento. Però mi ha anche detto che non sempre gli altri dev sono peggio. e da li ho iniziato a giocare con gli sviluppi.
Sinceramente, ma magari è una sensazione, mi trovo che l'adonal, sviluppi "meglio" e mi tiri fuori di più.

L'esposizione in scansione è bloccata. uso vuescan e faccio scansionare senza alcun intervento del software. tutti i lavori li faccio dopo con LR.


" Mi piace leggere solo quello che non capisco. Non capendo posso immaginare molteplici interpretazioni "
S. Dalì
" Si può superare qualunque convenzione, solo se prima si può concepire di poterlo fare "
Robert Frobisher

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11277
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Ilford HP5 @ 800 asa - Meglio ID11 stock o Microphen sto

Messaggioda Silverprint » 10/03/2015, 22:26

Vengono meglio, non vuol dire tanto.

Facci vedere i negativi, fotografandoli e NON scansionandoli.
Credo che solo vedendo i negativi si potrà comprendere l'arcano.

Tutti i rivelatori sviluppano tutte le pellicole. Ogni rivelatore è un po' diverso, però nella maggior parte dei casi le differenze più vistose non sono dovute alla formula del rivelatore, ma al modo in cui è stato utilizzato. Solo alcune rare formule sono "specifiche" per una certa pellicola. I rivelatori generici, come quelli di cui stiamo parlando NON sono affatto ottimizzati per una certa marca di pellicole. Quella detta dal tuo amico è proprio una cavolata. Spero non me ne vorrà.

Il paragone tra un rivelatore e l'altro andrebbe fatto a parità di contrasto ottenuto e di esposizione; esposizione riferita alla sensibilità effettiva, cioè non necessariamente le stesse coppie tempo diaframma.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp



  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite