ilford ID-11 (kodak D76)

Discussioni sui chimici puri e formule di preparazione delle soluzioni di sviluppo/arresto/fissaggio ed altro.

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
rgart1983
esperto
Messaggi: 290
Iscritto il: 03/10/2011, 13:28
Reputation:
Località: Bologna

Re: ilford ID-11 (agfa D76)

Messaggioda rgart1983 » 28/07/2013, 9:37

Maxis ha scritto:la formula è sempre quella dell'ID-11, solo in versione "artigianale" (vendono anche arresto e fissaggio versioni "artigianali") una sera l'abbiamo provato, e siamo rimasti stupefatti dalla qualità generale di quel rivelatore: contrasto alto e forte (come scritto nell'etichetta), nitidezza incredibile, in poche parole, semplicemente ottimo! :)


Se la formula è uguale all'ID11 il risultato dovrà essere il medesimo :D

hai confrontato le specifiche?


Comunque ho appena acquistato una bilancia di precisione 0,1g così finalmente me li faccio in casa!



Advertisement
Avatar utente
Maxis
esperto
Messaggi: 178
Iscritto il: 08/06/2013, 16:06
Reputation:
Località: Genova

Re: ilford ID-11 (agfa D76)

Messaggioda Maxis » 05/08/2013, 14:00

rgart1983 ha scritto:
Maxis ha scritto:la formula è sempre quella dell'ID-11, solo in versione "artigianale" (vendono anche arresto e fissaggio versioni "artigianali") una sera l'abbiamo provato, e siamo rimasti stupefatti dalla qualità generale di quel rivelatore: contrasto alto e forte (come scritto nell'etichetta), nitidezza incredibile, in poche parole, semplicemente ottimo! :)


Se la formula è uguale all'ID11 il risultato dovrà essere il medesimo :D

hai confrontato le specifiche?


Comunque ho appena acquistato una bilancia di precisione 0,1g così finalmente me li faccio in casa!



Beh, ho guardato il foglio delle istruzioni, non ci sono scritti i nomi dei materiali usati, ma il procedimento di preparazione è lo stesso dell'ID-11, con le classiche buste "A" e "B", lo stesso per i trattamenti

Dal mio punto di vista, questa formula artigianale sembra essere migliore dell'originale, già l'ID-11 era ottimo, ma questa mi sembra un pò meglio...



Avatar utente
teogamba
fotografo
Messaggi: 33
Iscritto il: 26/09/2012, 7:06
Reputation:

Re: ilford ID-11 (agfa D76)

Messaggioda teogamba » 18/10/2013, 6:34

Scusate,
una curiosità: la ricetta nel primo post dice "acqua tiepida". Io ho preparato L'ID'11/D76 seguendo l'indicazione datami in camera oscura (dove sto facendo un "corso"), ovverro acqua tra i 40 ed i 50 °C. Va bene?

Ricordo che il termometro segnava 40 °C. Ho fatto giusto?

Grazie,
un saluto a tutti.



Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 8408
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: ilford ID-11 (agfa D76)

Messaggioda chromemax » 18/10/2013, 12:12

Ho fatto giusto?

Si, va bene. L'indicazione di usare acqua a ca 50° deriva dal permettere ai chimici di sciogliersi con facilità e inpoco tempo; va bene anche preparare la soluzione con acqua a temperatura ambiente (20° ca) ma ci vuole molto più tempo e più agitazione per mandare in soluzione le polveri. Non bisogna invece esagerare con la temperatura dato che alcuni composti chimici potrebbero alterarsi con temperature troppo alte. I classici 50-52° sono il compromesso tra velocità e preservazione dei chimici sciolti per la maggior parte delle formule fotografiche, ma non per tutte, quindi è sempre bene attenersi alle istruzioni fornite nella formula.



Advertisement
Avatar utente
teogamba
fotografo
Messaggi: 33
Iscritto il: 26/09/2012, 7:06
Reputation:

Re: ilford ID-11 (agfa D76)

Messaggioda teogamba » 20/10/2013, 11:00

Ok grazie del chiarimento.
Ho letto da qualche parte qui nel forum che la quantità minima di D76/ID11 è 237ml a rullo.
La tank che uso in camera oscura contiene 300ml di soluzione.
Sono quelle in acciaio dove l'avvolgimento avviene dal centro verso l'esterno... Contengono appena appena solo la spirale...

Come fare quindi?
Cambiare con una tank più grande?



Avatar utente
impressionando
superstar
Messaggi: 4379
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: ilford ID-11 (agfa D76)

Messaggioda impressionando » 20/10/2013, 20:35

Il problema si pone se lo vuoi usare 1+1....
....l'unica soluzione è comprare una tank appropriata o usare i metodi a spanne consigliati da Kodak.



Avatar utente
teogamba
fotografo
Messaggi: 33
Iscritto il: 26/09/2012, 7:06
Reputation:

Re: ilford ID-11 (agfa D76)

Messaggioda teogamba » 21/10/2013, 6:25

Ok perfetto grazie dei chiarimenti.
Si il mio intento è usarlo 1+1. Quindi vedo di procurarmi una tank che contenga almeno 500ml di soluzione (250+250)

Vorrei chiedere un'altra cosa: ho preparato il D76/ID11 dagli ingredienti base (seguendo la ricetta del primo post) giovedì 17/10/2013. Ne ho preparati due litri e messi in una fiaschetta di vetro da circa 3.5 lt. Ora leggo che ci possono essere problemi di ossidazione.

Sono ancora in tempo a trasferire il composto in bottigliette di plastica per schiacciarle e eliminare l'aria o è già troppo tardi?

Grazie di cuore per l'aiuto.



Avatar utente
impressionando
superstar
Messaggi: 4379
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: ilford ID-11 (agfa D76)

Messaggioda impressionando » 21/10/2013, 8:28

Si, sei ancora in tempo.....
...ma puoi anche evitare l'operazione se fai come insegna Sandro....
....metti nella bottiglia una spruzzata di gas da accendino. E' più pesante dell'aria e fa in modo che l'ossigeno stia sopra.



Avatar utente
NikMik
superstar
Messaggi: 1731
Iscritto il: 08/11/2012, 21:10
Reputation:
Località: Firenze

Re: ilford ID-11 (agfa D76)

Messaggioda NikMik » 21/10/2013, 9:12

teogamba ha scritto:Ok grazie del chiarimento.
Ho letto da qualche parte qui nel forum che la quantità minima di D76/ID11 è 237ml a rullo.
La tank che uso in camera oscura contiene 300ml di soluzione.
Sono quelle in acciaio dove l'avvolgimento avviene dal centro verso l'esterno... Contengono appena appena solo la spirale...

Come fare quindi?
Cambiare con una tank più grande?


impressionando ha scritto:Il problema si pone se lo vuoi usare 1+1....
....l'unica soluzione è comprare una tank appropriata o usare i metodi a spanne consigliati da Kodak.


...Scusate, forse son io che son duro, ma io dal foglio Kodak, che ho davanti al naso, capisco quanto segue.
Loro dicono che:
1) SE usi il D76 diluito 1:1, puoi sviluppare un rullino in 473ml di soluzione o due rullini in 946ml. MA:
2) SE invece hai tank piccole, allora PUOI lo stesso sviluppare (con D76 1:1) un rullino in 237ml oppure due rullini in 473ml, però AUMENTANDO il tempo di sviluppo del 10%.

Considerando però che le nostre tank piccole con due spirali sono più grandi di 473ml (sono di 600ml), e in realtà, in molti modelli, puoi metterci anche più soluzione (arrivando ad almeno 650), allora in teoria (siamo nella spannometria, come giustamente ricorda Paolo), l'aumento dovrebbe essere un po' meno del 10%, e io di fatto l'ho ignorato (anche perché stampo con luce condensata). Sviluppando due rullini di Tri-x alla volta in tank piccole non ho mai avuto problemi di sottosviluppo (finora almeno, in circa un centinaio di sviluppi), anzi: rispetto al tempo Kodak di 9 minuti e 3/4, ho ridotto lo sviluppo della Tri-x fino a circa 9 minuti - e continuo a calare poco a poco -, agitando alla Ilford (una volta al minuto per una decina di secondi). Bisogna comunque agitare adeguatamente, e aver cura di non mettere due rullini scattati sulla neve insieme nella stessa tank.
Poi, come ricordavo, mi è stato insegnato che va anche considerato il proprio ingranditore. Io stampo a luce condensata, mentre i tempi Kodak sono pensati per dare al negativo un contrasto di 0,65 (mediamente più adatto a luce diffusa); i tempi Ilford invece mi pare che siano pensati per dare un contrasto minore, di 0,55, più adeguato per luce condensata.
Insomma, per quel che vedo, non mi pare ci siano problemi nello sviluppare due rullini in una tank da 600 con il D76 1:1, anzi, con i tempi e l'agitazione Kodak vengono secondo me anche troppo sviluppati...
Naturalmente se uno mette sempre il doppio di soluzione in una tank doppia da 946ml sta certo più tranquillo, (e se ne mette il triplo sta ancora più tranquillo, ecc.), ma spende il doppio (e se sviluppa più di cento rullini all'anno la spesa ne risente).
Mi sbaglio? (temo di sì...)



Avatar utente
teogamba
fotografo
Messaggi: 33
Iscritto il: 26/09/2012, 7:06
Reputation:

Re: ilford ID-11 (agfa D76)

Messaggioda teogamba » 21/10/2013, 9:38

OK vedo se riesco a trovare una bomboletta di gas per accendini, altrimenti farò 4 bottigliette e le spremo per far uscire l'aria.

Tenendo in considerazione che D76 e ID11 sono la stessa cosa, idem con quello fatto in casa, ho notato che a parità di pellicola, Kodak e Ilford riportano tempi diversi.
E' perchè le agitazioni delle due case sono diverse?

Dico una scemenza se,
- tempi Kodak con agitazione Kodak,
- tempi Ilford con agitazione Ilford.

Ho detto giusto?





  • Advertisement

Torna a “Chimici Puri”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti