incostanza esposizione

Discussioni su ingranditori e tecniche di stampa

Moderatori: chromemax, Silverprint

ferod

Re: incostanza esposizione

Messaggio da ferod »

Nell'articolo sono riportate le valutazioni a TA, ad F8 e a f5.6 (dove dice VIGNETT. sono riferiti a f5.6)
qui lo spiega bene

Come si legge il test
Lenti = il numero di lenti che compongono l'obiettivo; TA centro = risolvenza a tutta apertura al centro; TA bordi = risolvenza a tutta apertura ai bordi; F/8 centro e bordi = risolvenza ad F/8; Scala dei grigi = capacità dell'obiettivo di riprodurre le sfumature (i grigi del negativo/test); vignett. = vignettatura rilevata ad F/5.6. I prezzi sono del tutto indicativi e relativi alla data dell'articolo.

Ho specificato che io non vado oltre il 30x40 e su quelle stampe rendono bene, PER ME, fra f8 ed f11 gli obiettivi che ho citato/provato.
Se tu ribatti vuol dire che le tue affermazioni le reputi giuste, posso quindi anch'io ribattere reputando le mie giuste o mi sbaglio? Non vedo perchè dovrei ringraziare per le precisazioni.



Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 11489
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: incostanza esposizione

Messaggio da chromemax »

Anche qui, a pag.100 c'è un'altro test in cui le aperture ottimali sono più larghe di f8 o f11.
Il test di un'ottica è una cosa tutt'altro che banale e soprattutto molto relativa, se effettuato su un singolo obbiettivo, dato che non vengono prese in considerazione le tolleranze di produzione, che influiscono molto. Se poi non viene specificato il metodo di test ogni risultato per me ha la valenza di una chiacchierata da bar, soprattutto poi se non si specifica, banalmente, se è stato effettuato in luce bianca o filtrata, vista la preponderanza odierna delle carte VC. La cosa migliore è farsi delle prove per i propri obbiettivi, con la consapevolezza che i dati ottenuti sono personali e valgono solo sulla propria catena fotografica.

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 11489
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: incostanza esposizione

Messaggio da chromemax »

Ho specificato che io non vado oltre il 30x40 e su quelle stampe rendono bene, PER ME, fra f8 ed f11 gli obiettivi che ho citato/provato.
Diciamo ch ein questa frase: diciamo che molti obiettivi da ingrandimento rendono meglio fra f8 e f11, e per non sentirsi sempre ribattere aggiungo che questi rendono meglio a quei diaframmi, da me provati personalmente con stampe fino al 30x40, oltre non vado. il "PER ME" è stato sottointeso ;)

Avatar utente
RagazzoElfo
fotografo
Messaggi: 79
Iscritto il: 16/01/2012, 22:27
Reputation:
Località: Vinci (FI)

Re: incostanza esposizione

Messaggio da RagazzoElfo »

Cavoli, non volevo certo tirar su discussioni così accese...comunque grazie mille per i preziosi consigli! Buona stampa a tutti!
~Sandro~

ferod

Re: incostanza esposizione

Messaggio da ferod »

Chromemax, il quel PDF si parla di altri obiettivi, solo in un paio di casi si trovano gli stessi obiettivi da me citati e le aperture migliori sono considerate fra 8 e 7-.

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 11489
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: incostanza esposizione

Messaggio da chromemax »

Forse leggiamo colonne diverse, ma non voglio ribattere sempre :)

ferod

Re: incostanza esposizione

Messaggio da ferod »

giusto, avevo saltato la colonna, comunque ripeto che degli obiettivi da me citati lui ne ha testati 2.

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 12626
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: incostanza esposizione

Messaggio da Silverprint »

@ Ferod

Il punto (delle mie varie precisazioni) è che la generalizzazione di esperienze personali non può essere fatta senza cautele, né tanto meno senza dare spiegazioni.

Riferendomi specificatamente alle volte che ho ribattuto ai tuoi post: una opinione sulle tonalità di una pellicola a colori (con relativa fuorviante immagine allegata... :( ), un tempo di sviluppo X, o le personali preferenze per lavorare con un certo diaframma non hanno valore di fatti e, purtroppo, se non vengono specificate con attenzione le modalità operative, hanno anche poco valore come opinioni.

Insomma se tu avessi la pazienza di specificare come e perché ti sei fatto una data opinione, e mostrassi la necessaria prudenza nell'estendere la tua esperienza personale (che è gioco forza relativa alle condizioni in cui operi e NON generalizzabile senza i dovuti accorgimenti), problemi (io che ribatto) non ne sorgerebbero.
Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it
[email protected]

ferod

Re: incostanza esposizione

Messaggio da ferod »

Sulla questione che non si può generalizzare sono pienamente d'accordo con te, ognuno ha un suo metodo di lavoro frutto di esperienza che lo porta a fare determinate scelte di esposizione,sviluppi, ecc. ecc.
Siccome attualmente sono pieno fino ai capelli mi riprometto per le prossime volte di contribuire in maniera più esauriente.
Detto questo resta inteso che il mio metodo di lavoro non sarà mai l'unico e perfetto per tutti, è appunto il mio con il quale ottengo ciò che voglio.

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi