Indebolimento Stampa

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
impressionando
superstar
Messaggi: 4694
Iscritto il: 28/08/2011, 11:08
Reputation:
Località: Reggio Emilia

Re: Indebolimento Stampa

Messaggioda impressionando » 02/12/2012, 23:55

Solitamente sulle politenate la reazione è più nervosa e meno controllabile.



Advertisement
Avatar utente
maramau
esperto
Messaggi: 139
Iscritto il: 12/07/2012, 14:07
Reputation:
Località: Valle Maira Prov. Cuneo

Re: Indebolimento Stampa

Messaggioda maramau » 03/12/2012, 0:07

impressionando ha scritto:Solitamente sulle politenate la reazione è più nervosa e meno controllabile.

Allora uso la Baritata. I nervosi non mi sono mai piaciuti e arrivando dalla montagna.......i tempi sono LUNGHI!!!!!! ;)


Il Maramau della Valle Maira

Ho sempre pensato che la fotografia sia come una barzelletta: se la devi spiegare non è venuta bene.
Ansel Adams

Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11610
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Indebolimento Stampa

Messaggioda Silverprint » 03/12/2012, 1:11

@
Avatar utente
paolo
, non parlavo certo di sbianca totale.

Parlavo di portare una zona VIII-VIII 1/2 o giù di li in IX, cioè proprio una debole sbianca locale.

Non so se è "barare", ma se lo è allora barare è anche cambiare lo sviluppo, la pre-velatura e le mascherature, le bruciature, etc! :))
Si tratta in realtà di passare il piede della carta con esposizione sufficiente a farla modulare bene, e poi eventualmente dare la ritoccatina.
Poi, sarà pure deformazione professionale, ma per me conta il risultato, non la purezza (che non saprei proprio cos'è tra l'altro) dei mezzi con cui è stato ottenuto. O vogliamo tenere in piedi le prese in giro alla Bresson a cui lo stampatore doveva giurare di non aver fatto mascherature e bruciature (anche se le aveva fatte), ma a cui invece lo sviluppo a zone (col rivelatore caldo) andava bene... =))
E visto che detto tra le righe non è chiaro, sta sul 90% (e passa) delle stampe "fine art" sopratutto su quelle famose a tutti... :ymdevil:

Per lavorare bene ci vuole la luce giusta, 50w sono troppi per valutare una stampa bagnata.
Provate a fare due stampe uguali, una la bagnate ed una no, e regolate la lampada (direttività ed intensità-distanza) finché non appaiono uguali: è possibile.
Io rimango dell'idea che se la stampa è giusta rimane giusta (non uguale) con qualunque luce tranne forse quelle al neon... :D


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 9266
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Indebolimento Stampa

Messaggioda chromemax » 03/12/2012, 12:28

Per lavorare bene ci vuole la luce giusta, 50w sono troppi per valutare una stampa bagnata.
Provate a fare due stampe uguali, una la bagnate ed una no, e regolate la lampada (direttività ed intensità-distanza) finché non appaiono uguali: è possibile.
Io rimango dell'idea che se la stampa è giusta rimane giusta (non uguale) con qualunque luce tranne forse quelle al neon... :D

Io di solito uso formati piccoli/medi, raramente mi allargo al 30x40, quindi ho la vita facile :) il provino, anche se fatto su un foglio intero, riesco ad asciugarlo agevolmente e in tempi umani e poi faccio le mie scelte di esposizione e contrasto su un foglio asciutto senza bisogno di compensare il drydown con l'illuminazione. Certo che con formati grandi questo modus operandi sarebbe molto più dispersivo e scomodo.
Ma proprio lavorando in questo modo mi sono reso conto che la luce usata per valutare il provino/stampa_di_prova/stampa_definitiva è molto importante; a soffrirne di più sono i toni scuri --dove l'occhio è meno sensibile--. Ti danni per riuscire a far galleggiare il Valore II sopra il nero e riuscire a mantenere quel senso di volume e matericità che dà corpo all'immagine e poi, quando mi sposto in un'altra stanza, meno illuminata, diventa tutto un blocco scuro che "appiomba" la stampa.



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11610
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Indebolimento Stampa

Messaggioda Silverprint » 03/12/2012, 23:59

La luce di visione ed il suo controllo sono assolutamente determinanti... chiaramente in un ottica professionale dove non si può aspettare che le prove si asciughino, certo che una volta abituati... ;)

Giusto un aneddoto, il mio socio cambiava luce a seconda dello stile del cliente... :-o


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp



  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: MSN [Bot] e 3 ospiti