Indebolitore di farmer e foma 100 R

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
pinomar
fotografo
Messaggi: 40
Iscritto il: 11/10/2010, 20:58
Reputation:

Indebolitore di farmer e foma 100 R

Messaggioda pinomar » 05/06/2012, 21:59

Ho recentemente sviluppato in Pextral a due bagni un rullo di foma 100 R che, altre volte, ho usato con buoni risultati per ottenere diapositive (usando però rivelatori senza pirocatechina, come il D-163).
Volevo provare la resa della pellicola in versione "semplificata" come negativo.
Procedimeneto e tempi usati: 6 minuti nel bagno A di pirocatechina (1 gr ogni 100 cc), 6 minuti in bagno B (2 gr. di idrossido di sodio ogni 100 cc), risciacquo, 3 minuti in un fissaggio già usato (TF2) e 5 minuti in un altro fissaggio nuovo (sempre TF2).
Con la stessa procedura ho recentemente ottenuto ottimi negativi, molto ben leggibili sia nelle luci che nelle ombre, con Foma 100, con Pan F, con Efke 50 e 100, con Kodak 320 e 125.
Con la Foma 100 R, però, il risultato è stato: negativi molto scuri su tutta la pellicola.
Qualcuno sa spiegarmi il perché?
Potrei tentare uno "schiarimento" con l'indebolitore di farmer?
Con quali dosaggi? (Iposolfito e ferricianuro di potassio)
C'è qualcuno che ha provato a schiarire i negativi? Con quale risultati?
E' opportuno provare a schiarire con singoli spezzoni da 6 fotogrammi?
E' opportuno usare un pennellino o immergere i negativi in soluzione?
Grazie agli amici del forum per le eventuali risposte.



Advertisement
Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11611
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Indebolitore di farmer e foma 100 R

Messaggioda Silverprint » 05/06/2012, 22:30

Ciao

Io non lo farei. L'alterazione dell'aspetto della grana e della resa tonale è, nella mia esperienza, molto visibile e sgradevole. Trovo decisamente meno "brutto" tentare di stamparli così come sono e l'indebolimento pratica non più sensata. Va anche considerato che l'azione sarà più marcata dove il negativo è più leggero e che quindi l'indebolimento produrrà un aumento di contrasto.

Se i negativi sono uniformemente densi (ombre e luci) son sovra-esposti ed eventualmente anche sovra-sviluppati. Come sia successo in maniera tanto evidente da suggerire addirittura l'indebolimento però non saprei dirlo.

Perché doppio fissaggio sul negativo?


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

ferod

Re: Indebolitore di farmer e foma 100 R

Messaggioda ferod » 06/06/2012, 0:48

perchè la Fomapan 100R è una diapositiva e devi sbiancarla durante il processo.

qui il foglio con le istruzioni

http://www.foma.cz/upload/foma/prilohy/F_pan_R_en.pdf



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11611
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Indebolitore di farmer e foma 100 R

Messaggioda Silverprint » 06/06/2012, 1:06

Va..beh.. :(

Nulla vieta di svilupparla come negativo, se così si è scelto, come ha detto Pinomar nel post (leggere prima, no?)... ;)
La Scala era un ottimo negativo, per es.
Per altro farla come negativo non spiega certo come sia avvenuta la sovra-esposizione, in genere sensibilità se ne perde.
Una invertibile BN è una pellicola normalissima, i parametri da ottimizzare perché renda bene come diapositiva sono solo supporto e curva caratteristica; curva che deve rimanere accettabile anche con sviluppi completi o quasi come quelli che il processo di inversione necessita.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

Advertisement
ferod

Re: Indebolitore di farmer e foma 100 R

Messaggioda ferod » 06/06/2012, 1:20

Si vede che la Foma R100 essendo diapositiva non si sposa bene con l'effetto tannante della pirocatechina.
Riguardo la densità io dico che è un sovra sviluppo come ha detto Silverprint, perchè la formula originale del Pextral non è quella, la quantità di soda caustica del bagno B è eccessiva.



Avatar utente
Silverprint
moderatore
Messaggi: 11611
Iscritto il: 30/08/2011, 2:12
Reputation:
Località: Bologna
Contatta:

Re: Indebolitore di farmer e foma 100 R

Messaggioda Silverprint » 06/06/2012, 1:31

Non è per pignoleria, ma io ho scritto "sovra-esposizione ed eventuale sovra-sviluppo".
È ho scritto sovra-esposizione perché è difficile dire con certezza che si è sovra-sviluppato in caso di sovra-esposizione decisa.
La sovra esposizione ha altre cause, difficile che uno sviluppo possa guadagnare tanto in sensibilità, tanto più su una pellicola pensata per l'inversione.

Ah... si possono "invertire" tutte le pellicole BN, per chi volesse cimentarsi.


Andrea Calabresi, a.k.a. Silverprint
http://www.corsifotoanalogica.it/wp

ferod

Re: Indebolitore di farmer e foma 100 R

Messaggioda ferod » 06/06/2012, 1:34

ve bene come dici tu, però ribadisco che è sovra sviluppo, la formula del Pextral è sbagliata così come i tempi.

La soluzione B necessita 4.5g di soda caustica in 500ml di acqua e con pellicole da 50 a 100 iso l'immersione nel bagno B dev'essere fra 2 e 3 minuti.



ferod

Re: Indebolitore di farmer e foma 100 R

Messaggioda ferod » 06/06/2012, 1:36

dimenticavo, nella soluzione B ci va anche 1g di sodio solfito in 500ml di acqua.



ferod

Re: Indebolitore di farmer e foma 100 R

Messaggioda ferod » 06/06/2012, 2:02

addirittura per l'utilizzo di 1.5g di soda caustica per 100ml si consiglia l'immersione nel bagno B per 1 solo minuto

Se vi volete divertire con la lingua Ceca qui ci sono le scansioni del libro di Koblik
http://www.temnakomora.cz/index.php?/to ... 8-pextral/

Pignon (il ragazzo che le ha postate) mi mandò tutto il libro di Koblik scansionato originale in lingua Ceca dove si parla dell'utilizzo del Pextral anche da utilizzare come sviluppo mono bagno e non separato perchè alcune pellicole rivelavano striature con la tecnica dei bagni divisi.



Avatar utente
pinomar
fotografo
Messaggi: 40
Iscritto il: 11/10/2010, 20:58
Reputation:

Re: Indebolitore di farmer e foma 100 R

Messaggioda pinomar » 08/06/2012, 20:51

A Ferod
La formula "corretta" del Pextral in due bagni è disponibile al seguente link: http://www.apug.org/forums/forum224/332 ... -bath.html che, per tutte le altre pellicole sviluppate (Kodak, Efke, Foma, Ilford) fino ad ora ha dato ottimi negativi con 2 gr. di idrossido di sodio, come da me riportato.
Credo che l'errore sia stato di trattare la Foma 100 R in pirocatechina, dato l'effetto tannante, mentre in altre occasioni con sviluppi "normali", le dia avevano delle belle trasparenze.
A Silverprint: ho usato il doppio bagno di fissaggio, come nella pratica della stampa, per ottenere il massimo della pulizia post sviluppo, utilizzando prima un fissaggio già usato e quindi un secondo fissaggio (Kodak).
Quanto ai tempi di sviluppo in due bagni ho usato gli stessi già usati per altri negativi di varie sensibilità.
Escludo una sovra esposizione, avendo curato con attenzione le riprese, fidandomi dell'esposimetro della mia vecchia "fujica stx 1 con il 24 mm (che non mi ha mai deluso).
Resto in attesa di altri interessanti commenti.





  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti