Info su obbiettivo CJ Sonnar 180mm f2.8 P6

Discussioni sugli accessori per il medio formato

Moderatore: isos1977

Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 1699
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Info su obbiettivo CJ Sonnar 180mm f2.8 P6

Messaggioda ammazzafotoni » 23/11/2016, 14:52

Ciao

Ho visto in un negozio l'obbiettivo in oggetto, con attacco Pentacon, cercando qualcosa per la mia Kiev 60 (mattone per mattone...).
L'obbiettivo sembra essere questo. Lamelle fluide, revisionato, a detta del venditore, notavo che però l'indicatore della MaF va oltre l'infinito, non provato (non avevo la fotocamera); prezzo 200 euro.

Che ne dite?

In "alternativa" avrebbe anche un Tessar 80 2.8 e un Biometar 120 2.8, a un prezzo leggermente inferiore...



Advertisement
vngncl61 II°
superstar
Messaggi: 2037
Iscritto il: 26/12/2015, 14:32
Reputation:

Re: Info su obbiettivo CJ Sonnar 180mm f2.8 P6

Messaggioda vngncl61 II° » 23/11/2016, 15:31

Si tratta del, mitico, Olympia Sonnar, sicuramente un buon vetro, anche se non come lo si descrive.
Se è in ordine meccanicamente, meccanismo del diaframma specialmente, è senza dubbio il miglior medio tele per Pentacon six & Co, esclusi quelli Schneider per l'exakta 66.
Il fatto che la maf vada oltre l'infinito è normale, serve a compensare la dilatazione termica.
Non lo si può paragonare agli altri 2, in comune hanno l'innesto e l'apertura max, se t'occorre un normale per il mf non prendi un 180, e viceversa. ;)
L'80 è il classico 4 lenti in 3 gruppi, ha un buon microcontrasto, che lo fa apparire più nitido di quel che è, il 120 va molto bene otticamente, meglio del biometar 80, ma personalmente lo trovo ne carne ne pesce, manco verdura.


Nicola


Meglio farlo, e poi pentirsi, che rimpiangere di non averlo fatto.

Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 1699
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: Info su obbiettivo CJ Sonnar 180mm f2.8 P6

Messaggioda ammazzafotoni » 23/11/2016, 16:19

vngncl61 II° ha scritto:Si tratta del, mitico, Olympia Sonnar, sicuramente un buon vetro, anche se non come lo si descrive.
Se è in ordine meccanicamente, meccanismo del diaframma specialmente, è senza dubbio il miglior medio tele per Pentacon six & Co, esclusi quelli Schneider per l'exakta 66.

Sì, leggevo che ha un'origine "olimpionica" e che ce ne sono varie versioni, comprese quelle "zebra"; quella di questo qual è? :-?
Ha poi una "linguetta" sul lato, ulteriore a quella per visualizzare la PdC, che mi sembrò non avere alcuna funzione...
vngncl61 II° ha scritto:Il fatto che la maf vada oltre l'infinito è normale, serve a compensare la dilatazione termica.

Ma quindi per mettere a fuoco all'infinito bisogna sempre "guardare nel mirino" e non fidarsi della ghiera?
vngncl61 II° ha scritto:Non lo si può paragonare agli altri 2, in comune hanno l'innesto e l'apertura max, se t'occorre un normale per il mf non prendi un 180, e viceversa. ;)
L'80 è il classico 4 lenti in 3 gruppi, ha un buon microcontrasto, che lo fa apparire più nitido di quel che è, il 120 va molto bene otticamente, meglio del biometar 80, ma personalmente lo trovo ne carne ne pesce, manco verdura.

Ah ok, info preziose, grazie!



vngncl61 II°
superstar
Messaggi: 2037
Iscritto il: 26/12/2015, 14:32
Reputation:

Re: Info su obbiettivo CJ Sonnar 180mm f2.8 P6

Messaggioda vngncl61 II° » 23/11/2016, 16:52

Quella di MFL è la 2° versione dell'ottica, prodotta tra gli anni '50 ed i primi '60, è precedente le "zebra", ha l'antiriflesso a strato singolo, la levetta è lo sblocco del cono dell'innesto, permette di utilizzare l'ottica su corpi 35mm, tramite coni dotati della baionetta adatta, se ne trovano, non facilmente per M 42 ed Exakta, ma anche per Praktina e Contarex.
La maf a "stima" si può fare, basta largheggiare nella chiusura del diaframma, specifico che normalmente la ghiera di maf va di pochissimo oltre l'infinito, se si spinge parecchio oltre c'è un problema all'elicoide.
Parere personale, 200€ sono troppi per la versione dell'obbiettivo, con tale cifra ci trovi le ultimissime MC, che è vero che hanno meno lamelle del diaframma, ma il bokeh è lo stesso, cambia solo la forma dei punti di luce fuori fuoco,ed in più reggono molto meglio il controluce.


Nicola


Meglio farlo, e poi pentirsi, che rimpiangere di non averlo fatto.

Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 1699
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: Info su obbiettivo CJ Sonnar 180mm f2.8 P6

Messaggioda ammazzafotoni » 23/11/2016, 17:12

vngncl61 II° ha scritto:Quella di MFL è la 2° versione dell'ottica, prodotta tra gli anni '50 ed i primi '60, è precedente le "zebra", ha l'antiriflesso a strato singolo, la levetta è lo sblocco del cono dell'innesto, permette di utilizzare l'ottica su corpi 35mm, tramite coni dotati della baionetta adatta, se ne trovano, non facilmente per M 42 ed Exakta, ma anche per Praktina e Contarex.

Ok, capito.
vngncl61 II° ha scritto:La maf a "stima" si può fare, basta largheggiare nella chiusura del diaframma, specifico che normalmente la ghiera di maf va di pochissimo oltre l'infinito, se si spinge parecchio oltre c'è un problema all'elicoide.

Qui mi sorge il dubbio, mi sembrava andasse un pochino troppo oltre...
vngncl61 II° ha scritto:Parere personale, 200€ sono troppi per la versione dell'obbiettivo, con tale cifra ci trovi le ultimissime MC, che è vero che hanno meno lamelle del diaframma, ma il bokeh è lo stesso, cambia solo la forma dei punti di luce fuori fuoco,ed in più reggono molto meglio il controluce.

Ecco, questo è interessante...
Ora che l'ho "conosciuto", potrò magari cercarlo anche altrove a prezzo minore.



Avatar utente
graic
superstar
Messaggi: 3169
Iscritto il: 03/10/2012, 17:15
Reputation:

Re: Info su obbiettivo CJ Sonnar 180mm f2.8 P6

Messaggioda graic » 23/11/2016, 17:27

L'edizione postata, con l'anello con piccoli rilievi ogivali, viene denominata "Star Wars Edition" è del 1961-63 ed è immediatamente precedente alla versione "zebra", ad essere precisi sono entrambe successive alla versione denominata "olympia" cioè questa Immagine


Saluti
Gianni


La situazione è grave ma non seria.

Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 1699
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: Info su obbiettivo CJ Sonnar 180mm f2.8 P6

Messaggioda ammazzafotoni » 24/11/2016, 8:08

Grazie per le ulteriori info!



vngncl61 II°
superstar
Messaggi: 2037
Iscritto il: 26/12/2015, 14:32
Reputation:

Re: Info su obbiettivo CJ Sonnar 180mm f2.8 P6

Messaggioda vngncl61 II° » 24/11/2016, 9:40

Se proprio si vuol esser precisi, la versione originale dell'ottica in questione è quella delle immagini allegate, con barilotto in alluminio non verniciato ed attacco per contax telemetro, l'ottica era smontabile, e si poteva usare su un box specchio per le telemetro di Dresda, è la versione più rara, circa 800 pezzi prodotti.
Allegati
ze_le_01.jpg
Olympia Sonnar, versione 1936, per contax
ze_le_01.jpg (30.23 KiB) Visto 499 volte
144904x.jpg
Olimpya Sonnar 1936, con box specchio per contax .


Nicola


Meglio farlo, e poi pentirsi, che rimpiangere di non averlo fatto.

Avatar utente
adrian
guru
Messaggi: 544
Iscritto il: 12/06/2015, 15:16
Reputation:

Re: Info su obbiettivo CJ Sonnar 180mm f2.8 P6

Messaggioda adrian » 24/11/2016, 10:20

Pensa che proprio ieri mi e' arrivato il suddetto cannone.... l'ultima versione MC, anche a me ha lasciato perplesso la ghiera che passa l'infinito, nel mio di 3mm piu o meno.... non vedo l'ora di vedere che negativi sputa fuori, allerta meteo permettendo un rullo me lo vado a fare :D



vngncl61 II°
superstar
Messaggi: 2037
Iscritto il: 26/12/2015, 14:32
Reputation:

Re: Info su obbiettivo CJ Sonnar 180mm f2.8 P6

Messaggioda vngncl61 II° » 24/11/2016, 10:45

3 mm oltre l'infinito è normale, c'è da preoccuparsi se si superano i 7-8 mm, ma anche in tali casi l'ottica è pienamente funzionale, solo aumenta la minima distanza di maf.
Riguardo la qualità ottica, pur non arrivando ai Sonnar della Zeiss di Stoccarda, l'obbiettivo è molto buono, morbido a ta, ma è un 2,8, recupera diaframmando di un paio di stop, la resa è leggermente meno fredda, o leggermente più calda, dipende dai gusti :D , degli omologhi dell'ovest, il che, unito alla morbidezza a ta, lo trovo un vantaggio nei ritratti
L'unico problema, chiamiamolo così, è nella meccanica del diaframma, i lubrificanti usati contenevano grassi di origine animale, che provocano ossidazioni e grippaggi dei leveraggi e delle lamine dell'iride.


Nicola


Meglio farlo, e poi pentirsi, che rimpiangere di non averlo fatto.



  • Advertisement

Torna a “Medio formato”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite