Iniziare a sviluppare...

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: chromemax, Silverprint

Avatar utente
Willy985
guru
Messaggi: 520
Iscritto il: 24/11/2011, 23:25
Reputation:
Località: Napoli

Iniziare a sviluppare...

Messaggio da Willy985 »

Salve a tutti! Mi sono appena presentato nell'apposita sezione e sto per intraprentendere questa bellissima avventura dello sviluppo fatto in casa! :)
Volevo ordinare a breve il materiale ma prima di farlo vi chiedo qualche consiglio... questa è la "lista della spesa" che mi sono fatto per iniziare a sviluppare:
Tank con 2 spirali
Termometro
Imbuto ø 120 mm
Caraffa Graduata da 1000 ml
Cilndro graduato da 150ml
Rodinal 125 ml
Ilfostop 500 ml
Rapid fixer 1 litro
Ilfotol 1 litro
...c'è tutto? Mi consigliatre altro? In accoppiata col Rodinal secondo voi quali pellicole danno il meglio di sè?
Ho preferito il Rodinal ai chimici in polvere (anche chiedendo consigli su un altro forum) per il suo utilizzo più "immediato", e poi ho trovato svariati tutorial che utilizzano proprio questo rivelatore.
Una volta che avrò preso la mano con lo sviluppo poi sicuramente mi verrà anche lo sfizio di iniziare a stampare... ma al momento vorrei iniziare a capire bene come funziona lo sviluppo prima di combinare pasticci sulla carta! :p


I Immagine my Nikon
flickr

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Avatar utente
edoardo72
esperto
Messaggi: 119
Iscritto il: 28/10/2011, 11:21
Reputation:

Re: Iniziare a sviluppare...

Messaggio da edoardo72 »

allora, veniamo al dunque:

Tank, meglio due con più spirali preferibilmente in inox che non si lasciano aggredire dai residui degli acidi.
Caraffe e cilindri 2/3/4 melius abundare...

Imbibente neutro per evitare macchie sui fotogrammi.

Guanti indispensabili per non andare a contatto con i chimici e per non lasciare tracce sul fotogramma.

Cronometro per un rigoroso rispetto del tempo.

Piastra elettrica, utilissima in inverno per poter tenere sempre in temperatura i chimici; spesso si parte da 21°C ed inavvertitamente si scende anche a 17°C con effetto dannoso per un corretto sviluppo.

Pentola in Al con capacità di 5 lt dove immettere acqua e nella quale introdurre tank carica per il mantenimento della temperatura.

Mollette e magneti sinterizzati da accoppiare sulla coda della striscia per tenerla in tensione.

CD per ascoltare Mozart che aiuta a distendersi ed impedisce di udire rumori molesti o chiamate inopportune che potrebbero togliere concentrazione.

Non mi viente in mente altro.

edo

Avatar utente
Willy985
guru
Messaggi: 520
Iscritto il: 24/11/2011, 23:25
Reputation:
Località: Napoli

Re: Iniziare a sviluppare...

Messaggio da Willy985 »

edoardo72 ha scritto:allora, veniamo al dunque:

Tank, meglio due con più spirali preferibilmente in inox che non si lasciano aggredire dai residui degli acidi.
Caraffe e cilindri 2/3/4 melius abundare...
Eh volevo iniziare in verità con una spesa non eccessiva. Poi le tank Paterson, se ben tenute, ho letto che sono più o meno immortali! :P Quelle in acciaio inox in verità neanche le ho trovate nei negozi online, volevo ordinare da ars-imago
edoardo72 ha scritto: Imbibente neutro per evitare macchie sui fotogrammi.
Ilfotol va bene quindi no?
edoardo72 ha scritto: Guanti indispensabili per non andare a contatto con i chimici e per non lasciare tracce sul fotogramma.
Vanno bene anche quelli in lattice usa e getta?
edoardo72 ha scritto: Cronometro per un rigoroso rispetto del tempo.
Per il momento lascerò fare al cellulare che ha sia funzione di timer che di cronometro :D
edoardo72 ha scritto:Piastra elettrica, utilissima in inverno per poter tenere sempre in temperatura i chimici; spesso si parte da 21°C ed inavvertitamente si scende anche a 17°C con effetto dannoso per un corretto sviluppo.
Per fortuna a casa mia si sta belli caldi anche d'inverno, la temperatura ambiente in casa è sempre intorno ai 20°... più che altro non vorrei avere il problema inverso d'estate dove davvero si muore dal caldo qui a Napoli
edoardo72 ha scritto: Pentola in Al con capacità di 5 lt dove immettere acqua e nella quale introdurre tank carica per il mantenimento della temperatura.
Sfrutterò sicuramente qualche pentolone della cucina! :)
edoardo72 ha scritto: Mollette e magneti sinterizzati da accoppiare sulla coda della striscia per tenerla in tensione.
Ho letto che vanno bene anche le mollette quelle che si vendono in cartoleria, pensavo di iniziare ad utilizzare quelle anche perchè le mollette dedicate ho visto che hanno un bel costo!
edoardo72 ha scritto: CD per ascoltare Mozart che aiuta a distendersi ed impedisce di udire rumori molesti o chiamate inopportune che potrebbero togliere concentrazione.

Non mi viente in mente altro.

edo
Di Mozart ho un bel po' di musicassette... sai com'è, in tema vintage i cd non ci stanno bene! :p

Grazie mille per i consigli!!! ;)
I Immagine my Nikon
flickr

Avatar utente
alexdz
fotografo
Messaggi: 51
Iscritto il: 19/07/2010, 9:03
Reputation:
Località: Vicenza
Contatta:

Re: Iniziare a sviluppare...

Messaggio da alexdz »

Alla lista aggiungerei anche qualche bottiglia in cui conservare i chimici che puoi riutilizzare, come l'arresto ed il fissaggio (non so pero' se quelli che hai tu sono riutilizzabili...)
Consiglio anche una siringa senza ago per prelevare i chimici dalle rispettive bottigliette (io la trovo piu' comoda del misurino graduato).
Alex

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 10823
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Iniziare a sviluppare...

Messaggio da chromemax »

Lascia perdere le tank in acciaio, soprattutto all'inizio, è roba per masochisti alla quale ti avvicinerai in seguito se ne sentirai l'esigenza.
Come dice alexdz le bottiglie servono, vanno molto bene quelle in PET ma da 1 litro, quelle dell'acqua minerale sono da 1,5 o 2 litri e dentro ci rimane troppa aria che ossida le soluzioni, se le schiacci per togliere l'aria non stanno troppo bene in piedi. Puoi usare quelle del latte ma lavale bene con un po' di sapone per eliminare il grasso e stai molto attento alle contaminazioni, quindi segnala bene con una etichettona che non sono da bere.
L'ilfotol va bene.
Le pinze del cartolaio vanno benissimo, al limite si arruginiscono un po'.
Il Rodinal si diluisce di solito 1+25 o 1+50, quindi per 300ml di soluzione per 1 rullo 135 ne devi prelevare 12ml o 6 ml, troppo pochi per essere misurati con un misurino da 150ml; vai in farmacia o nei negozi che vendono ricariche per stampanti ink-jet e compra delle siringhe da 10 e 20ml.
I guanti di lattice lasciano impronte e tracce di talco sulla pellicola, a meno di non prendere tipi particolari e piuttosto costosi, meglio le mani pulite; se hai la pelle delle mani grassa o sudata lavale col sapone per i piatti ma meglio ancora abituati a maneggiare la pellicola tenendola per i bordi. I guanti in lattice usa e getta indossali poco prima di iniziare il trattamento per evitare contatti con eventuali perdite durante lo sviluppo, ma buttali via dopo che la pellicola è stata lavata, possono essere sporchi e "inquinare" la pellicola.
Io non mischierei cose della cucina con cose della camera oscura, se hai la temperatura ambiente intorno ai 20° non ti serve un bagnomaria.
Sulla musica va bene qualsiasi cosa, ma ho letto un divertente articolo di un insegnante americano di un corso universitario di fotografia che aveva notato come la qualità dei negativi dei suoi studenti non fosse sempre costante e alla fine si accorse che il ritmo e il vigore dell'agitazione variava in funzione del tipo di musica che gli studenti sentivano durante il lavoro in camera oscura... quindi occhio al ritmo... :))

Avatar utente
edoardo72
esperto
Messaggi: 119
Iscritto il: 28/10/2011, 11:21
Reputation:

Re: Iniziare a sviluppare...

Messaggio da edoardo72 »

Le tank in inox sono roba per masochisti? ma per favore! :)

Le tank e le spirali inox si lavano con estrema facilità, dato che l'acido non riesce ad aggrapparsi alla superficie liscia. Rimangono sempre perfettamente lucide.

Le spirali in plastica, invece, data la propria rugosità, permettono agli acidi di aggrapparsi molto tenacemente, ed allora devi sempre lavorare di gomito, o con soda solvay, oppure con sapone di Marsiglia. A lungo andare, possono diventare nere.

edo

Avatar utente
Willy985
guru
Messaggi: 520
Iscritto il: 24/11/2011, 23:25
Reputation:
Località: Napoli

Re: Iniziare a sviluppare...

Messaggio da Willy985 »

A parte il fatto che ho visto che le spirali in acciaio si caricano in maniera diversa ribadisco che sui siti online non le ho proprio trovate! Per il momento mi "accontento" della plastica, poi se ne sentirò l'esigenza cambierò (tanto 20 euro penso di ammortizzarli in qualche annetto) :p
Poi volevo sapere dei chimici che ho scritto quali fossero quelli riutilizzabili. Il Rodinal sono sicuro che è "usa e getta", gli altri non so ma non trovando informazioni non avevo proprio pensato ai contenitori per chimici, credevo fossero appannaggio dei chimici in polvere. Comunque per il momento vada per le bottiglie del latte! :D Rischio di berle non ce ne sta per fortuna.
Qualche siringa in casa ce l'ho già (il padre medico ogni tanto torna utile :p ) anche se un cilindro penso di prenderlo comunque anche per gli altri chimici (magari più piccolo e con tacchette più piccole)
Per la musica... beh... ho una vasta scelta, magari consigliatemi qualcosa che faccia uscire degli splendidi sviluppi! :D
Grazie ancora!!! Siete tutti competenti e gentilissimi! :)
I Immagine my Nikon
flickr

Avatar utente
franny71
superstar
Messaggi: 2635
Iscritto il: 21/11/2011, 12:53
Reputation:
Località: Anzio (RM)

Re: Iniziare a sviluppare...

Messaggio da franny71 »

edoardo72 ha scritto:Le tank in inox sono roba per masochisti? ma per favore! :)

Le tank e le spirali inox si lavano con estrema facilità, dato che l'acido non riesce ad aggrapparsi alla superficie liscia. Rimangono sempre perfettamente lucide.

Le spirali in plastica, invece, data la propria rugosità, permettono agli acidi di aggrapparsi molto tenacemente, ed allora devi sempre lavorare di gomito, o con soda solvay, oppure con sapone di Marsiglia. A lungo andare, possono diventare nere.

edo
la mia è già nera di suo :D
Franco
il mio Flickr

Я родилась даже не узнал

Avatar utente
zioAlex
superstar
Messaggi: 2037
Iscritto il: 14/07/2011, 15:26
Reputation:
Località: Albano Laziale (rm)

Re: Iniziare a sviluppare...

Messaggio da zioAlex »

Le paterson vanno + che bene! Sono ben costruite....
Quelle in acciaio, come ti ha già consigliato Diego, valuta l'eventuale acquisto in un secondo momento... Le Paterson sono + "universali"
comunque, si trovano da ars-imago quelle in acciaio.. Tempo fa me le hanno proposte in sostituzione delle Paterson che ho ordinato ma imperterrido ho preferito aspettare che arrivassero.. :D
per la musica... Boh! New age per un'agitazione + moderata? :)) :))
per ora io ascolto il sound of the timer...
:-h
Nikon F4 Nikon F80
Nikkor-Q Auto f.135/2.8 Sigma 28/70 2.8
I.F.F. Eurogon con testa colori sottrattiva
**************
nokia C7

Avatar utente
chromemax
moderatore
Messaggi: 10823
Iscritto il: 02/08/2010, 16:35
Reputation:
Località: Albiate (MB)

Re: Iniziare a sviluppare...

Messaggio da chromemax »

Le tank in inox sono roba per masochisti? ma per favore! :)
Hai ragione... è da sadici consigliarle a chi vuole affrontare il primo sviluppo :)
Battute a parte personalmente le tank in acciaio le trovo migliori di quelle in plastica ma sono anche più difficili da gestire: il caricamento della pellicola è forse la fase che più spaventa chi si avvicina la prima volta allo sviluppo e le tank in plastica si caricano molto ma molto più facilmente.
Le spirali in plastica, invece, data la propria rugosità, permettono agli acidi di aggrapparsi molto tenacemente, ed allora devi sempre lavorare di gomito, o con soda solvay, oppure con sapone di Marsiglia. A lungo andare, possono diventare nere.
Uso la stessa tank e la stessa spirale Paterson in plastica da 30 anni; oltre a sviluppi "normali" ci ho sviluppato anche E6, pyro, technidol, ecc., e l'ho sempre lavata solo con acqua calda, e non ho mai avuto problemi, macchie o striature riconducibili ad un inquinamento causato da residui di chimici.

Telegram Vieni a scoprire il canale telegram di analogica.it - tantissime offerte su materiale fotografico analogico nuovo ed usato Offerte materiale analogico


Rispondi