Inversioni tank sviluppo

Discussioni su pellicole, carta e chimica per la fotografia in bianco e nero

Moderatori: Silverprint, chromemax

Avatar utente
fulmicotone
appassionato
Messaggi: 15
Iscritto il: 22/01/2018, 17:44
Reputation:
Contatta:

Inversioni tank sviluppo

Messaggioda fulmicotone » 22/01/2018, 18:01

Ciao a tutti, avrei una domanda da farvi (spero abbia senso) per capire un po' meglio il processo. Vorrei sapere cosa influenza lo schema di inversione/rotazione del tank? ad esempio, fare 30 secondi di inversione continua ogni minuto per tutto il tempo di sviluppo su cosa influisce rispetto a fare 3 inversioni ogni minuto? sparo, nel primo caso si aumenta il contrasto? oppure boh aumenta la grana? sono ipotesi fatte a caso ma mi piacerebbe capire se c'è una correlazione.
Ad esempio io per sviluppare il foma 400 con rodinal a 1+50 oppure 1+25 uso questo schema che deriva da alcuni consigli di un mio amico ma non ha alcuna base direi motivazionale: primo minuto inversione continua del tank, un minuto fermo e poi inversione continua per 30 secondi ogni minuto fino alla fine del tempo di sviluppo.
A me i risultati tutto sommato piacciono però vorrei capire "cosa sto facendo"...

grazie mille a tutti

Mario



Advertisement
Avatar utente
Lollipop
guru
Messaggi: 765
Iscritto il: 31/10/2017, 22:33
Reputation:

Re: Inversioni tank sviluppo

Messaggioda Lollipop » 22/01/2018, 18:17

fulmicotone ha scritto:Ciao a tutti, avrei una domanda da farvi (spero abbia senso) per capire un po' meglio il processo. Vorrei sapere cosa influenza lo schema di inversione/rotazione del tank? ad esempio, fare 30 secondi di inversione continua ogni minuto per tutto il tempo di sviluppo su cosa influisce rispetto a fare 3 inversioni ogni minuto? sparo, nel primo caso si aumenta il contrasto? oppure boh aumenta la grana? sono ipotesi fatte a caso ma mi piacerebbe capire se c'è una correlazione.
Ad esempio io per sviluppare il foma 400 con rodinal a 1+50 oppure 1+25 uso questo schema che deriva da alcuni consigli di un mio amico ma non ha alcuna base direi motivazionale: primo minuto inversione continua del tank, un minuto fermo e poi inversione continua per 30 secondi ogni minuto fino alla fine del tempo di sviluppo.
A me i risultati tutto sommato piacciono però vorrei capire "cosa sto facendo"...

grazie mille a tutti

Mario

Da pivello a pivello.
Rotazione e inversione hanno il medesimo scopo: quello di rinnovare la soluzione di sviluppo sulla superficie della pellicola. Alcuni dicono che la rotazione lo faccia con maggior vigore ma io non ho elementi di giudizio in merito.
Rotazione, diliuzione di sviluppo (o meglio il suo inverso) e tempo intervengono proporzionalmente sull'energia dello sviluppo. MAggiore è l'energia, maggiore è il contrasto.
Riguardo la ricetta del tuo amico, sia applicata a 1+50 che 1+25, a mio avviso produrrà un contrasto medio-alto.


Lorenzo.

Avatar utente
lamanorbu
fotografo
Messaggi: 56
Iscritto il: 31/10/2017, 15:41
Reputation:
Località: Brescia

Re: Inversioni tank sviluppo

Messaggioda lamanorbu » 22/01/2018, 22:37

Sinceramente 30 secondi di agitazione al minuto mi sembrano tanti: io all'inizio col Rodinal avevo grana molto brutta e ho risolto riducendo molto l'agitazione; di solito faccio 30 secondi di rotazione continua, poi due inversioni al minuto. Con questo schema ottengo grana molto più secca e definita. Diciamo che la Foma 400 (parlo per sentito dire perché non l'ho mai usata) ha una grana abbastanza sgradevole già di suo, non conviene peggiorare la situazione. Per quanto riguarda il contrasto, l'agitazione ha molto meno impatto di tanti altri fattori, a patto di non esagerare; 30 secondi al minuto sicuramente hanno un certo impatto. La soluzione migliore sarebbe che tu facessi una foto ai negativi su uno sfondo bianco (per esempio lo schermo del computer con una pagina vuota di Word) e la postassi qui sul forum in modo da valutare la situazione.



Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 2079
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: Inversioni tank sviluppo

Messaggioda ammazzafotoni » 22/01/2018, 22:48

Beh, parliamo di energia, quindi, fossero anche 30 agitazioni al minuto... ma per quanti minuti e a quale diluizione? Ci sarebbe da indagare sull'aspetto della grana (su cui incide anche il tempo di bagnato), ma riguardo al contrasto probabilmente una fitta agitazione per tot minuti ne rende uno uguale di quello prodotto da una più rada agitazione per più minuti.
Idem per la diluizione (restando nell'intervallo "quantitativo minimo di rivelatore" - diluizione non "omeopatica da stand").
Quel che può certamente cambiare è il grado di compensazione dato dall'esaurimento locale dei chimici.



Advertisement
Avatar utente
Lollipop
guru
Messaggi: 765
Iscritto il: 31/10/2017, 22:33
Reputation:

Re: Inversioni tank sviluppo

Messaggioda Lollipop » 22/01/2018, 23:06

È pivello come me, gliela volete proprio fare difficile. :)
@
Avatar utente
lamanorbu
, la foma 400 io l’ho usata a lungo e non ha una grana sgradevole, tutt’altro, ha pochissima grana, a patto di non strapazzarla con sviluppo troppo energici.
La mia ricetta col Rodinal è atipica e @
Avatar utente
Scordisk
disapprova. :D


Lorenzo.


Avatar utente
fulmicotone
appassionato
Messaggi: 15
Iscritto il: 22/01/2018, 17:44
Reputation:
Contatta:

Re: Inversioni tank sviluppo

Messaggioda fulmicotone » 24/01/2018, 13:53

Grazie a tutti per le info!
allora, beh sì lo schema del mio amico, e che ho sempre usato fino ad adesso, sospettavo fosse un po' troppo aggressivo diciamo... la prossima volta proverò con lo schema di lamanorbu

appena ho un attimo fotografo i negativi e li posto...
Devo dire che con lo schema che uso e confrontando le foto di lollipop mi pare che le mie siano, considerando le condizioni differenti di scatto, la post e il risultato che voglio ottenere, più boh mi viene da dire "grezze"... non so sono sensazioni così...

https://flic.kr/p/23HJweP
https://flic.kr/p/RLtyZw
https://flic.kr/p/YpMG65

non mi resta che provare, grazie mille!
Mario



Avatar utente
lamanorbu
fotografo
Messaggi: 56
Iscritto il: 31/10/2017, 15:41
Reputation:
Località: Brescia

Re: Inversioni tank sviluppo

Messaggioda lamanorbu » 24/01/2018, 18:58

Beh, @
Avatar utente
Lollipop
usa il medio formato dunque a parità di pellicola la grana è molto meno evidente. Comunque devo dire che questa grana ben presente sinceramente dona ai tuoi scatti, mi piacciono.



Avatar utente
ammazzafotoni
superstar
Messaggi: 2079
Iscritto il: 03/08/2015, 20:08
Reputation:

Re: Inversioni tank sviluppo

Messaggioda ammazzafotoni » 24/01/2018, 19:58

Mario, ma che belle foto nel tuo photostream!



Avatar utente
Lollipop
guru
Messaggi: 765
Iscritto il: 31/10/2017, 22:33
Reputation:

Re: Inversioni tank sviluppo

Messaggioda Lollipop » 24/01/2018, 21:17

fulmicotone ha scritto:Grazie a tutti per le info!
allora, beh sì lo schema del mio amico, e che ho sempre usato fino ad adesso, sospettavo fosse un po' troppo aggressivo diciamo... la prossima volta proverò con lo schema di lamanorbu

appena ho un attimo fotografo i negativi e li posto...
Devo dire che con lo schema che uso e confrontando le foto di lollipop mi pare che le mie siano, considerando le condizioni differenti di scatto, la post e il risultato che voglio ottenere, più boh mi viene da dire "grezze"... non so sono sensazioni così...

https://flic.kr/p/23HJweP
https://flic.kr/p/RLtyZw
https://flic.kr/p/YpMG65

non mi resta che provare, grazie mille!
Mario

Concordo sul fatto che siano foto molto belle, però una resa così granulosa della Foma 400 non l’avevo mai riscontrata, neanche sul piccolo formato (uso anche quello), neanche con la diluizione 1+25.
Fermo restando che se è quella che ti piace fai benissimo a mantenerla, però sono curioso di sapere se quelle immagini sono scansioni da stampa o da negativo. Infatti sappiamo tutti che una delle controindicazioni della digitalizzazione è proprio l’artificiale esaltazione della grana.


Lorenzo.



  • Advertisement

Torna a “Bianco e nero - pellicole, carta e chimica”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti